I 5 Migliori Filtri Anti-pop Contro i Suoni “Esplosivi” al Microfono

miglior-filtro-anti-popIl miglior filtro anti-pop è una speciale protezione per i microfoni. Serve ad eliminare il cosiddetto “popping” ovvero il suono causato dall’impatto meccanico dell’aria emessa dalla voce e che si genera in modo esplosivo quando colpisce il diaframma del microfono da studio professionale. Ciò avviene mentre si registra la voce provocando quello sgradevole effetto di “pop” sulle consonanti “B” e “P”.

Serve inoltre a schermare e proteggere dalla saliva la capsula del microfono di registrazione, preservando in questo modo il dispositivo. Non tutti sanno che i sali presenti nella saliva infatti sono corrosivi e a lungo andare possono ridurre la vita del nostro apparecchio.




I migliori filtri anti-pop

Qual è il miglior filtro anti-pop?

Scegliere un filtro pop per le voci è diverso che sceglierne uno per i podcast, perciò è bene farsi un’opinione accurata sui modelli di marca disponibili sul mercato.

Il canale di vendita online è perfetto per conoscere le opinioni di chi ha già effettuato l’acquisto. Tra l’altro, nel web si possono trovare articoli a prezzo interessante, più economico che altrove e si può anche approfittare di offerte a basso prezzo.

 

#1 TiGree Microfono Anti-vento Filtro Pop - Il migliore per curato nei dettagli 

Questo robusto filtro antipop mantiene pulito il microfono, garantendogli una lunga vita. Lo protegge da polvere, umidità e dalla saliva mentre si canta, attenuando i rumori dovuti a respiro e vento.

Inoltre, è una valida opzione per migliorare la qualità del suono di podcast, esibizioni live, video di Youtube/ASMR, giochi online, voci fuori campo, chiamate in conferenza, interviste e profermance sul palco. È realizzato per i microfoni da 45 a 60 mm in diametro. I suoi elastici in gomma favoriscono un montaggio e uno smontaggio pratico e veloce.

  • Robusto
  • Pratico
  • Protettivo

 

#2 PemoTech Filtro pop anti-vento - Il migliore per rapporto qualità e prezzo 

La sua particolare progettazione a strati (etamine, rete metallica, schiuma) si rivela efficace nel proteggere il microfono contro il vento, il respiro, la saliva, la polvere e l’umidità.

È pratico e veloce da montare e smontare dal microfono, grazie alla combinazione di fasce elastiche anello interno in gomma. Garantisce inoltre un’ottimale stabilità. Può essere fissato su microfoni di diametro compreso tra 45 e 68 millimetri.

  • Facile montaggio
  • Stabilità
  • Versatile

 

#3 ArturoLudwig Filtro Anti-Pop Per Microfono - Il migliore per design 

Leggero e resistente, è progettato in particolare per attenuare la distorsione mentre si pronunciano le consonanti esplosive (p / b), ottimizzando la dizione.

Ha un particolare supporto a collo di cigno flessibile lungo 35 centimetri che consente una rotazione completa a 360°. È ideale per microfoni a condensatore. Il diametro dello schermo è di 16 centimetri.

  • Completamente ruotabile
  • Migliora la dizione
  • Leggero

 

#4 Eastshining Filtro anti pop - Il migliore per stabilità 

La presenza di un doppio strato di nylon proteggere il microfono dall’accumulo di saliva. Inoltre, corregge le imperfezioni di dizione mentre si pronunciano alcune lettere, come s / b / p. La voce risulta così chiara e senza imperfezioni.

Grazie al suo morsetto a C regolabile, questo filtro può essere fissato saldamente a qualsiasi supporto per microfono o microfono da tavolo, mantenendolo ben stabile. Il supporto regolabile a collo d’oca (lungo 37cm) permette di posizionare la struttura con l’angolazione desiderata. Ideale per registrazioni amatoriali e professionali.

  • Robusto
  • Orientabile
  • Versatile

 

#5 Neewer Anti-vento Filtro Pop ad Arco - Il migliore per prezzo interessante 

Di elegante color argento, è compatibile con i microfoni da 45 a 65 mm di diametro. I suoi elastici in gomma consentono di posizionarlo e di rimuoverlo con facilità. La griglia in acciaio inox e l’interno in schiuma consentono di effettuare delle registrazioni senza distorsioni e senza alterare la qualità dei suoni.

Aiuta a ridurre i rumori, gli scricchiolii, le interferenze di vento ed i rumori di respiro, offrendo il suono chiaro e pulito.

  • Elegante
  • Semplice fissaggio
  • Resistente




Uso del filtro anti-pop?

Se si parla davanti a un microfono può succedere che percepiamo degli strani rumori (come una sorta di scoppiettii, “popping” in inglese): se questi rumori sono scomodi durante gli annunci dal vivo, possono essere disastrosi nelle registrazioni in studio, perché più il microfono è sensibile più amplifica il rumore.

Si scopre che questi suoni “pop” e “thump” si verificano principalmente su quelli che sono conosciuti come suoni “esplosivi”, gli esempi sono parole che iniziano con la lettera “B” o “P”. Se provi a tenere una candela accesa davanti alle tue labbra mentre parli o canti, vedi che la fiamma si muove ogni volta che espelliamo una bolla d’aria generata pronunciando queste lettere.

Al contrario, se canti un suono “Ahh” prolungato, la candela tremolerà a malapena, perché produci solo vibrazioni sonore con le tue corde vocali ed espellere pochissima aria nel processo. Il problema peggiora notevolmente quando abbiamo la bocca molto vicina al microfono.

I microfoni a condensatore del tipo che usiamo in studio tendono ad essere particolarmente suscettibili allo scoppiettio, perché i loro diaframmi sono molto leggeri, quindi è essenziale una qualche forma di scudo pop efficace. I microfoni dinamici sono un po’ più tolleranti a causa del loro diaframma più massiccio, ma non sono affatto immuni. I microfoni lavalier essendo molto piccoli non sembrano risentirne.

Che cos’è un filtro anti-pop?

Anche i migliori cantanti controllati (che naturalmente si rivolgono a un lato o si allontanano dal microfono quando cantano a squarciagola o in modo plastico) tendono a far scoppiettare il microfono in alcune occasioni, quindi nella maggior parte degli studi di registrazione vedrai filtri circolari a rete di nylon che si agganciano davanti al microfono, in modo da separare di un paio di centimetri la bocca di chi canta o parla attraverso il dispositivo.

Puoi vedere quanto sono efficaci questi filtri del rumore provando di nuovo il trucco della candela. Un buon rumore forte con uno schermo pop tra la bocca e la candela dovrebbe a malapena disturbare la fiamma.

Offerte filtri anti-pop

Come funziona un filtro anti-pop?

Un tipico filtro pop è composto da un disco circolare che si pone davanti al microfono a cui è fissato un sottile schermo di materiale semi-trasparente come ad esempio nylon (ma esistono anche in maglie di metallo sottile), di solito montata su un braccio flessibile per essere spostato e regolato velocemente.

Il modo in cui funziona il filtro anti-pop è semplice: il suono passa attraverso la trama (mesh) sottile con una piccola riduzione ad alta frequenza, ma le consonanti esplosive vengono fermate.

Quando il soffio d’aria della bocca colpisce la maglia, si rompe, diventa turbolento e perde la sua coerenza, quindi ciò che inizia come una massa d’aria canalizzata finisce per essere randomizzato in modo che le molecole d’aria non spingono più nella stessa direzione. È semplice, ma funziona!

Per rendere i filtri ancora più efficaci, molte strutture si compongono di una doppia maglia posta a breve distanza l’una dall’altra, in modo che ogni flusso d’aria che passa dal primo strato venga assorbita dal secondo. Tuttavia, è fondamentale che il filtro sia distanziato di un paio di centimetri davanti alla capsula del microfono: deve esserci un volume di aria ferma tra lo schermo pop e la capsula del microfono.

Il filtro anti-pop modifica il suono?

Anche se la quantità di perdita di timbrica alta è generalmente molto piccola, alcuni ingegneri ritengono che i filtri pop a maglie di nylon abbiano troppo effetto sul suono.

Esiste un’alternativa, che consiste nell’utilizzare una maglia leggermente più distanziata realizzata in metallo tessuto o perforato. I fori più grandi hanno un impatto minore sulle alte frequenze, ma la spaziatura dei fori è ancora abbastanza piccola da convertire i flussi d’aria in turbolenze innocue.

La linea di fondo è che si dovrebbe sempre usare un filtro anti-pop efficace quando si registrano voci ravvicinate. Non ne hai bisogno per la maggior parte degli strumenti (come per chitarra, anche se messa davanti a un microfono), e non ti serve per registrare le voci a distanza, come i cori. Ma per le classiche operazioni di registrazione in studio in cui il cantante è a pochi centimetri dal microfono, sono assolutamente essenziali.

Materiale del filtro anti-pop?

La maggior parte dei produttori sceglie di costruire i propri filtri pop usando nylon o altri materiali in tessuto, solitamente perché sono più economici e, soprattutto, svolgono il loro lavoro.

Altri utilizzano metallo tessuto o perforato, alcuni dei quali affermano di fornire chiarezza e trasparenza migliorate, in particolare nelle frequenze superiori. Non c’è una risposta definitiva su quale sia il migliore, molti utenti esperti preferiscono ancora il materiale a maglie di nylon, mentre altri costruttori premium preferiscono il metallo.



Diametro del filtro anti-pop?

Il diametro medio di un filtro anti-pop è 15 cm, ma ce ne sono di più piccoli, da 10 cm che sono molto comuni. Più grande è il diametro del filtro pop, maggiore è lo spazio per il movimento del cantante.

Ciò consente movimenti naturali del corpo durante la registrazione, invece di essere rigorosamente in una posizione più statica che a volte può uccidere ispirazione e vibrazione.

I filtri pop più piccoli sono ideali per microfoni piccoli e piccoli spazi di registrazione, sono anche più leggeri, riducendo lo stress sul collo d’oca, con conseguente aumento della stabilità.

 

Braccio del filtro anti-pop?

Il filtro si monta su un supporto a collo d’oca la cui la lunghezza, la flessibilità e la stabilità svolgono un ruolo molto importante nel posizionamento del filtro.

Considera bene questo aspetto. Non vuoi certo che il filtro si abbassi durante la tua esibizione o che richieda aggiustamenti costanti. E non vuoi neanche fare sforzi con il tuo collo per piegarti sulla posizione.



Montare il filtro anti-pop?

La maggior parte dei filtri pop è dotata di meccanismi di bloccaggio e montaggio che consentono un fissaggio sicuro ai supporti e alle aste microfoniche.

Tuttavia, se stai usando un microfono montato sul desktop, specialmente per la registrazione domestica, si consiglia un filtro pop che può essere agganciato alla scrivania o sul microfono stesso.

Strati del filtro anti-pop?

Se in apparenza i filtri anti-pop posso sembrare svolgere la medesima funzione a qualunque livello, in realtà è opportuno considerare l’acquisto in funzione del tipo di necessità e dello scopo.

Mentre i cantanti ne trarranno sicuramente un beneficio ma possono probabilmente acquistare un modello meno costoso, gli annunciatori che usano il microfono per parlare hanno maggiori probabilità di vedere risultati migliori da un filtro di fascia più alta . Questo perché i suoni plurali sono molto più comuni nelle conversazioni di tutti i giorni per cui è bene tenere in considerazione filtri con almeno due strati.

Più strati ha il filtro, maggiore è l’effetto di smorzamento del filtro. Ciò potrebbe significare che devi parlare o cantare un po’ più forte e in modo unidirezionale, ma la differenza tra un filtro pop a uno o più livelli è facilmente rilevabile.

Il tipo di filtro che puoi utilizzare è dettato da un paio di funzioni. Vale a dire, la forma del tuo microfono e il tipo di configurazione che hai. Anche i microfoni più grandi possono avere un filtro che si attacca al supporto, anche se alcuni dipendono da un particolare diametro o forma del microfono. Assicurati di prendere un po’ di tempo per misurare il microfono, soprattutto se hai intenzione di acquistare uno dei filtri con copertura in schiuma.