I 6 Migliori Ukulele: Intona anche Tu “Alhoa”

A scuola hanno proposto ai ragazzi di fare un corso di musica con ukelelel’ukulele così abbiamo acquistato questo strumento per nostro figlio, approfittando di un’offerta in negozio.

Subito, però, si sono presentati dei problemi con l’accordatura. Non appena trovata la giusta intonazione, un millisecondo dopo si scorda di già. Non posso mica far fare diecimila giri alle chiavi!

Leggo i commenti sui forum e tutti dicono di diffidare di strumenti pagati poco, che sono per lo più dei giocattoli. In effetti mi sembra che le meccaniche del mio siano un po’ scarse e le chiavi troppo plasticose (non vorrei che sia questo il motivo per cui non tengono tanto).

Sono tornato al negozio dove l’ho comprato per chiedere spiegazioni e mi hanno fatto intendere che per quello che l’avevo pagato non potevo pretendere… Certo, avrei dovuto prima fare le mie ricerche, approfondire l’argomento ma se anche avessi chiesto un modello economico un venditore onesto avrebbe dovuto spiegarmi le differenze tra uno strumento giocattolo e uno vero!

Qualcuno mi dice di cambiare le meccaniche ma a quel punto penso che mi convenga cambiare ukulele.




Gli ukulele sono strumenti a quattro corde disponibili in una vasta gamma di formati, ma i più comuni sono il soprano, il concerto e il tenore.

I modelli concerto e tenore tendono ad avere un suono più caldo e più ricco rispetto al soprano. I formati più grandi producono anche suono più bassi e di maggior volume.

Poiché gli ukulele concerto e tenore sono più grandi, hanno un manico più lungo e tasti più distanti. Pertanto chi deve cominciare può scegliere questi modelli piuttosto che un soprano (anche se il soprano ha un aspetto e un suono più tradizionale).

Qual è il miglior ukulele?

Sul mercato si trovano marche conosciute che già producono prodotti per chitarristi e marche più artigianali specializzate in ukulele.

Il miglior ukulele di medio livello si colloca nella fascia 150 – 500 euro. Questi tipi sono realizzati in legni più pregiati che conferiscono più calore nel suono. Oltre i 500 euro si trovano strumenti di eccellenza.

In ogni caso è possibile acquistare questi strumenti anche nelle vendite online, dove si risparmia non poco con prezzi sicuramente più vantaggiosi e più economici rispetto a quelli dei negozi di musica.

Sugli stessi canali e su internet si possono trovare commenti e recensioni su questo simpatico strumento.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori ukulele:

1. Ibanez UEW5-OPN Ukulele

Il migliore per: mantiene bene l’accordatura

Si fa subito apprezzare per il suo suono ricco e la struttura maneggevole, che consente di suonare per un tempo prolungato senza affaticarsi.

Le sue caratteristiche principali includono: corpo concert style; la tavola, il fondo e fasce in mogano; tastiera e ponte in palissandro; meccaniche cromate, aperte; finitura naturale resonant; 19 tasti, scala 382 mm e capotasto 35 mm; rosetta Abalone; finitura Open Pore Natural.

L’azienda ha in catalogo una gamma completa di modelli per ogni tipo di esigenza, compresi quelli dotati di elettronica.

  • Ergonomico
  • Ben rifinito
  • Suono ricco

2. Classic Cantabile UC-500CE

Il migliore per: completo di pick-up

Il manico di questo ukulele da concerto è realizzato con legni Okoume selezionati, mentre la cassa e le fasce sono in mogano.

Viene fornito completo di corde in nylon. Grazie alle dimensioni compatte, può essere facilmente trasportato in uno zaino o in borsa imbottita.

Lo strumento include pick-up, equalizzatore a 3 bande (alta/media/bassa) e sintonizzatore. Può anche essere collegato ad altoparlanti PA.

  • Da concerto
  • Compatto
  • Trasportabile

3. Luna Ukulele concert con incisioni al laser decorative

Il migliore per: incisioni laser decorative

Combinare l’accurata scelta dei migliori legni tradizionali con un look curato nei più piccoli dettagli, in perfetto stile hawaiano.

La sua cassa armonica è impreziosita da incisioni al laser decorative. Questi disegni monocromatici si ispirano alle forme e ai simboli presi a prestito dalla cultura dell’isola: sole, onde, pesci, squali, tartarughe, uccelli…

Il motivo dei denti di squalo, in particolare, viene ripreso sui tasti. L’ukulele viene fornito completo di custodia imbottita.

  • Design
  • Finitura satinata
  • Con custodia

4. Moselele Bambookulele

Il migliore per: in bamboo

Si tratta di un ukulele soprano in bamboo, che offre un suono piacevolmente ricco di sfumature e di soddisfacente volume.

Il manico è in mogano e la tastiera è realizzata in palissandro. Viene fornita già completa di corde Aquila e di custodia imbottita e impermeabilizzata, che garantisce un’efficace protezione allo strumento durante il trasporto.

  • Suono ricco
  • Buon volume
  • Con custodia

5. Ortega RFU11S

Il migliore per: suono pulito e brillante

Fin dalle prime note, si intuisce che questo ukulele da concerto è studiato per offrire un’esperienza musicale fuori dal comune.

Ha un suono pulito e particolarmente brillante, da veri intenditori. La cassa è in sapele e il manico in mogano, mentre il ponticello e la tastiera sono in palissandro (Dalbergia latifolia).

Ha 16 tasti ed è realizzato con rifinitura opaca. La custodia è inclusa.

  • Design
  • Rifinitura opaca
  • Con custodia

 

6. Yamaha GL1PB Ukulele Chitarra

Il migliore per: a 6 corde

Ecco la soluzione ideale per chi suona la chitarra e ricerca uno strumento che sappia offrire qualcosa di veramente diverso.

Si tratta di un modello a 6 corde in nylon con scala 433 mm (17”) stile ukulele. Ha una struttura compatta e può essere facilmente trasportata nella sua custodia fornita in dotazione.

È realizzato con i seguenti materiali: top è abete, fasce e fondo in meranti, manico in nato, tastiera e ponte in palissandro sonokeling.

  • Compatto
  • Trasportabile
  • Con custodia




Cos’è l’Ukulele?

Cosè-Ukulele

L’Ukulele è uno strumento a corda di origine Hawaiana, divenuto popolare in tutto il mondo.

Nel 1987 numerosi portoghesi emigrarono verso le Hawaii in cerca di lavoro nei campi di canna da zucchero; tra queste persone vi erano dei liutai, che crearono l’Ukulele ispirandosi alla braguinha di Madeira.

Questo strumento divenne molto noto tra la popolazione hawaiana e quando le isole diventarono meta turistica, la sua popolarità si diffuse in breve tempo.

Anche nomi famosi del panorama musicale, quali Elvis Presley o la giovane Taylor Swift, hanno utilizzato l’Ukulele durante i loro concerti!

Ci sono anche molte canzoni di diverse epoche suonate con l’Ukulele, come l’intramontabile “Somewhere Over The Rainbow”, o le più recenti “Heu Soul Sister” dei Train e “The Lazy Song” di Bruno Mars.

L’Ukulele non si presta quindi solo all’ambiente folk, ma viene inserito anche in contesti più pop e rock.

Il nome “Ukulele” significa “pulce saltellante”, nome che ben descrive le piccole dimensioni e il suono esuberante, fresco e vivace di questo strumento.

Esteticamente l’Ukulele ricorda una chitarra in miniatura e il suo aspetto risulta immediatamente simpatico, sopratutto ai più piccoli.

La popolarità dell’Ukulele è dovuta principalmente alla sua praticità: è di dimensioni ridotte, è leggero, è facile da imparare ed è uno strumento musicale piuttosto economico.

Sei sei un amante della musica e ti piacerebbe imparare a suonare uno strumento, l’Ukulele può darti grandi soddisfazioni a breve termine, permettendoti di imparare a strimpellare già dopo le prime lezioni.

Anche i musicisti più navigati sanno apprezzare questo strumento e la sua sonorità tropicale, ovviamente in questo caso cambiano anche le esigenze e le aspettative, portando gli utenti di questo livello a prediligere un Ukulele professionale.

L’Ukulele è un’ottima base da cui partire per avvicinarsi agli strumenti a corda e molti utilizzatori passano in seguito a suonare, per esempio, la chitarra.

Anche i bambini amano l’Ukulele! Essendo uno strumento molto piccolo, risulta perfetto per le loro piccole manine: gli sembrerà di usare un giocattolo, ma staranno utilizzando un vero strumento musicale.

Se vuoi regalare un Ukulele ai tuoi figli, o se ne vuoi acquistare uno per te, o se vuoi semplicemente saperne di più, ti spiegheremo tutto quello che c’è da sapere su questo meraviglioso strumento musicale.

 

Tipi di Ukulele

Oggi esistono numerosi tipi di Ukulele, con più o meno corde (di norma sono quattro), con manici più o meno lunghi o larghi, Ukulele elettrici, …

Anche i diversi brand producono Ukulele con caratteristiche differenti, per questo nell’articolo vedremo i modelli più comuni.

I principali tipi di Ukulele si suddividono in soprano, concerto, tenore e baritono, dove ogni tipologia presenta dimensioni e suoni diversi.

Soprano

Il Soprano è l’ukulele classico, quello più diffuso. La lunghezza del diapason è di 33 cm, mentre la sua lunghezza totale è di 53 cm.

Essendo molto piccolo risulta perfetto per i bambini o per gli adulti con mani molto piccole.

Concerto

Il Concerto presenta delle dimensioni leggermente maggiori, con una lunghezza diapason pari a 38 cm e una lunghezza totale di 58 cm.

La differenza in termini di grandezza può sembrare minima, ma un manico più lungo può essere indispensabile per gli utilizzatori che hanno le mani grandi e che potrebbero trovare impossibile suonare un Soprano.

Le dimensioni maggiori gli permettono di emanare suoni con più volume e profondità.

Tenore

Il Tenore è ancora più grande, con 43 centimetri di diapason e 66 di lunghezza complessiva.

Questo tipo di Ukulele è particolarmente apprezzato dai musicisti più esperti, che gradiscono il maggiore range di tonalità disponibili.

Baritono

Aumentiamo ancora le dimensioni con il Baritono, che presenta un diapason di 48 cm e una lunghezza complessiva di 74 centimetri.

A differenza degli altri tipi di Ukulele visti in precedenza, il Baritono richiede un’accordatura differente, che corrisponde a quella delle ultime quattro corde della chitarra (o le prime secondo la metodologia italiana).

L’accordatura Ukulele varia quindi in base al tipo di strumento scelto: Soprano, Concerto e Tenore hanno l’accordatura GCEA (in italiano Sol – Do – Mi – La), mentre il Baritono ha l’accordatura DGBE (Re – Sol – Si – Mi).

Il Tenore è spesso preferito da chi desidera un Ukulele professionale, ciò non toglie che anche i musicisti più esperti possano invece optare per un Soprano o un Concerto.

Il Baritono, grazie alla sua accordatura, può invece risultare più adatto ai chitarristi.

 

Parti dell’Ukulele

Conoscere uno strumento significa anche avere qualche piccola nozione sulle parti che lo compongono: più cose sai sullo strumento, più potrai scegliere con cognizione il modello perfetto per te.

Paletta

La Paletta è la parte finale del manico, quella su cui è in genere riportato il marchio del brand.

Su di essa sono presenti le Meccaniche.

Meccaniche

Le Meccaniche possono essere di diverso tipo, ma la loro funzione rimane sempre quella di tirare e tenere le corde tese.

Delle Meccaniche di bassa qualità rendono complesso il processo di accordatura e, se tendono ad allentarsi, portano inevitabilmetne lo strumento a scordarsi dopo pochi minuti. 

Capotasto

Il Capotasto si trova esattamente al “confine” tra il Manico e la Paletta.

La sua funzione è quella di tenere sollevate le corde, in modo che non tocchino la tastiera.

Manico

Il Manico è la parte che unisce Corpo e Paletta.

Esso può essere più o meno lungo e più o meno largo in base alle dimensioni dello strumento, ma anche in base al brand.

Tastiera

La Tastiera è la parte del Manico su cui vanno premute le corde per determinare note e accordi.

Corpo

Il Corpo può avere diverse forme, ma quella più diffusa è quella “a otto”.

Ponte

Il Ponte è posto sul corpo.

Su di esso vengono fissate le corde, che verranno poi tese al lato opposto tramite le Meccaniche.

Metodi e Legni Utilizzati per la Costruzione dell’Ukulele

La qualità dei materiali è sempre fondamentale per definire la qualità di un qualsiasi prodotto, rendendolo più resistente e duraturo.

Nel caso degli strumenti musicali, la scelta dei materiali ha effetto anche sul suono, quindi è fondamentale capire i tipi di materiali utilizzati e quali sono preferibili.

Alcuni modelli sono costruiti con materiali sintetici e metalli, ma la maggior parte degli Ukulele si presenta in legno.

I legni utilizzati sono veramente molti! Prima di elencarne alcuni, scopriamo la differenza fondamentale tra legno massiccio e laminato.

Legno massiccio VS laminato

Se tutti sappiamo cos’è il legno massiccio, forse alcuni non conoscono il laminato.

Il laminato è un materiale multistrato realizzato con fibra di legno, materiali plastici o cartacei, film protettivo e infine da un foglio decorativo.

Probabilmente molti dei mobili di casa tua sono in laminato!

Questo materiale è economico e permette di imitare a livello estetico vari materiali solitamente più costosi.

La differenza potrebbe essere paragonata a un gioiello in oro confrontato a uno placcato in oro: esteticamente le differenze sono impercettibili.

Anche per il laminato esistono diversi livelli di qualità, ma per quanto riguarda uno strumento musicale l’utilizzo del legno massiccio non è solo una questione del materiale in sé, ma anche e soprattutto una questione di suono.

Se un Ukulele in legno massiccio regala un suono migliore e che migliora la sua qualità col tempo, può per contro essere più fragile se non conservato in condizioni ottimali: il legno massiccio è infatti molto sensibile alle variazioni climatiche.

Il laminato risulta invece più resistente, ma non cambierà in meglio il suo suono con il tempo.

Alcuni Ukulele vengono prodotti in laminato, ma con il top in legno massiccio, in quanto è proprio il top ciò che più influenza la qualità del suono.

In questo modo si ottiene una via di mezzo, utile ad accontentare chi vuole un prodotto robusto ed economico, ma con un sound di tutto rispetto.

Quale scegliere quindi?

Se sei alle prime armi ti conviene risparmiare e puntare a un modello in laminato, mentre se sei un musicista professionista (o semi professionista) e sei disposto a trattare lo strumento con cura, potresti apprezzare i vantaggi del legno massiccio.

Sia che si tratti di laminato che di legno massiccio, non bisogna dimenticarsi che esistono sia laminati che legni di qualità differenti: meglio un buon laminato che un legno massiccio scadente!

Tipi di legno

I legni più diffusi per la produzione degli Ukulele sono:

  • Koa

E’ il legno più tradizionale, originario delle Hawaii e quindi quello utilizzato fin dalla nascita dell’Ukulele. Le sue caratteristiche sono il suono equilibrato, l’ampia gamma di colori e i bellissimi motivi a grana. L’acacia ha proprietà simili.

  • Mogano

Il mogano viene cresciuto in molteplici varietà, quindi è impossibile darne una descrizione generale.

Questo legno conferisce dei suoni più scuri e caldi ed è spesso utilizzato per la costruzione del collo.

  • Abete

Questo materiale viene spesso utilizzato per le chitarre, per questo molti costruttori hanno deciso di impiegarlo anche nella costruzione degli Ukulele.

Il suono prodotto con l’utilizzo dell’abete risulta forte e brillante.

  • Cedro

Il cedro è più morbido dell’abete e conferisce suoni più dolci e rotondi.

La varietà più diffusa è il cedro rosso occidentale.

Il cedro si adatta particolarmente a Tenore e Baritono, accentuandone le note basse.

  • Sequoia

Vorresti chiarezza dell’abete e il calore del cedro? Allora la sequoia è il materiale ideale!

Questo legno scarseggia e il suo costo è quindi molto alto.

  • Palissandro

Il palissandro viene impiegato per la costruzione della Tastiera dell?Ukulele, ma a volte anche per i corpo.

Il palissandro è duro ed è particolarmente apprezzato per la sua estetica.

  • Acero

La durezza dell’acero lo rende ideale per la costruzione di Ponti e Tastiere.

Ovviamente esistono tanti altri legni utilizzati, come ad esempio il faggio.

  • Accessori dell’Ukulele

Ogni strumento musicale deve avere una propria custodia adatta a trasportarlo e a conservarlo nel miglior modo possibile, evitando che entri in contatto con acqua, umidità e polveri.

Una custodia rigida o morbida, in base all’utilizzo che si fa dello strumento, è quasi d’obbligo! Spesso una custodia morbida è inclusa al momento dell’acquisto.

Alcuni utilizzatori prediligono l’utilizzo del plettro a quello delle sole dita, quindi nulla vieta di provare a suonare l’Ukulele anche con un plettro!

Le corde dell’Ukulele sono generalmente di nylon, ma possono essere sostituite con corde in titanio, allumino o altri materiali.

Come per la chitarra, avere un accordatore elettronico può agevolare il processo di accordatura, ma potresti anche preferire farlo a orecchio con un semplice diapason per esercitare il tuo orecchio.

 

Come Scegliere l’Ukulele Perfetto

Quando si tratta di scegliere un prodotto, ci si trova spesso persi tra migliaia di offerte e prodotti.

Vediamo insieme quali fattori considerare per investire il proprio denaro nell’Ukulele più adatto ai propri gusti e alle proprie necessità.

Gamma di prezzi

Il prezzo è per molti uno dei fattori principali nella scelta di un prodotto.

Risparmiare piace a tutti, indubbiamente, ma spesso spendere poco porta ad acquistare qualcosa che è al di sotto delle proprie aspettative.

Allo stesso tempo acquistare un Ukulele da 500 euro per un principiante può essere uno “spreco”: continuerà a utilizzarlo o ci “giocherà” un paio di volte per poi dimenticarlo nell’armadio?

La gamma di prezzi è davvero varia, con Ukulele che costano poco meno di 20 euro, fino ad arrivare a modelli che superano i 2000 euro.

Cerchiamo quindi di capire come valutare il rapporto qualità/prezzo in base alle nostre esigenze.

  • Cosa aspettarsi spendendo di più

Un prodotto molto costoso ha sicuramente una qualità maggiore rispetto a uno economico: legni e materiali pregiati, intarsi o altre caratteristiche estetiche particolari, migliore maneggevolezza, suoni eccellenti e accordatura più duratura.

Non dimentichiamo anche la possibilità di acquistare un Ukulele elettrico, che in questo caso avrà ovviamente un prezzo maggiore.

  • Evitare gli Ukulele troppo economici

Se sei un principiante, potresti automaticamente puntare al modello più economico.

Questa scelta non è sempre la migliore: un Ukulele troppo economico potrebbe essere di qualità insufficiente anche per un beginner!

Uno strumento di bassa qualità può risultare più difficile da suonare, rendendo il processo di apprendimento complesso e ritardando i risultati.

Un prodotto di fascia molto economica potrebbe essere un’idea di acquisto per un regalo di Natale a un bambino, da prendere più come “un gioco” per vedere se apprezza lo strumento prima di investire in un modello migliore.

Per concludere, possiamo stimare che il prodotto ideale per un principiante si aggira intorno ai 50-100 euro.

Dimensione del corpo

Corpo tradizionale del Soprano o corpo più grande?

Se consideriamo i tre tipi di Ukulele più diffusi, ovvero Soprano, Concerto e Tenore, vanno accordati nello stesso modo, quindi passare dall’uno all’altro non porta variazioni alle posizioni degli accordi.

I fattori da prendere in considerazione per questa scelta sono il suono e la maneggevolezza.

Come la dimensione dell’Ukulele influisce sul suono

Più il corpo è grande, più il suono emesso risulta corposo, caldo, ricco di bassi e anche più alto in termini di volume.

Se ami il classico suono simile a un “tintinnio” dell’Ukulele devi puntare al modello Soprano, se invece preferisci un timbro più grave e di maggiore, presenza allora dovresti valutare un Concerto o un Tenore.

Come la dimensione dell’Ukulele influisce sulla facilità di utilizzo

Come abbiamo accennato in precedenza, la dimensione dell’Ukulele può influire notevolmente sulla facilità di utilizzo.

Questo fattore è molto personale e dipende dalla grandezza delle mani dell’utilizzatore.

Un Soprano, ovvero l’Ukulele “classico”, è perfetto per i bambini e per chi ha delle mani piccole, mentre chi ha delle mani grandi potrebbe trovarlo scomodo e preferire un modello di dimensioni maggiori.

Qual è la dimensione di Ukulele più indicata per i principianti?

Il Soprano risulta essere il migliore Ukulele per principianti, grazie alla sua “taglia mini” e al suo costo, per contro fatica di più a mantenere l’accordatura.

Se però esso risulta faticoso da gestire ai soggetti con le mani grandi, va presa in considerazione l’alternativa del Concerto.

Ricapitolando, l’Ukulele soprano o concerto sono i modelli da prendere in considerazione per i beginners: il soprano per chi ha mani piccole o normali, il concerto per chi ha le mani più grandi.

La scelta perfetta, per quanto riguarda le dimensioni del corpo, risulta quindi essere il compromesso tra il suono preferito e la facilità di utilizzo.

Altre Caratteristiche da Considerare Prima dell’Acquisto

Piroli a frizione

Sebbene possano offrire dei vantaggi, sono sconsigliati ai principianti, in quanto, se non sono di alta qualità e non li si sa usare bene, possono diventare un vero incubo e non tenere bene l’accordatura.

Ukulele V-Shaped

Sapevi che ci sono anche degli Ukulele a forma di V?

Possono risultare molto accattivanti dal lato estetico, ma perdono nel suono. Essi sono anche scomodi da suonare e quindi non adatti a un principiante.

Ukulele a sei o otto corde

Le versioni a sei e otto corde sono utilizzate sul Tenore e sul Baritono.

I chitarristi possono preferire queste versioni per avere uno strumento piccolo come un Ukulele, ma che somigli maggiormente alla chitarra in termini di ricchezza del suono.

Lascia un commento