I 5 Migliori Pulisci Catena per Biciclette: e non Usi Più l’Olio di Gomito

Partiamo da un concetto che può sembrare ovvio: più spesso si pulisce la bicimigliori-Pulisci-Catena-per-Biciclette, meno fatica si farà a pulirla in seguito, soprattutto nei punti in cui lo sporco tende ad annidarsi e a incrostarsi. Il miglior pulisci catena per bicicletta è un dispositivo di fondamentale importanza, perché si prende cura di uno degli elementi più importante, ossia la trasmissione.

Qualunque uso si faccia della bicicletta, sia per la città, sia per la corsa agonistica su strada o su sterrato come con la mtb, si deve tenere conto della diversa propensione a sporcarsi dei vari componenti della bici. Dopo un’appassionante uscita invernale con pioggia e fango non sarà certamente la sella l’elemento che si sporcherà di più…

Ogni ciclista amatoriale o professionista sa bene che una corretta manutenzione è estremamente importante per proteggere le parti di trasmissione e sulla catena si accumula il maggior numero di attriti rispetto all’intera bicicletta.

Da qui si deduce che il suo funzionamento deve essere sempre ottimale. La catena è anche il componente che tende a sporcarsi maggiormente per via dell’olio o del grasso che da un lato ne permettono la migliore scorrevolezza, dall’altro agglomerano molte parti sporche che aderiscono legandosi alla loro matrice grassa.

Quindi mantenere in efficienza la catena e lubrificarla permette di prolungare la durabilità dei componenti degli organi di trasmissione della bici, preservandola in perfetta efficienza.




I migliori pulisci catena per biciclette

Pulire la bici in genere è un’attività magari noiosa e faticosa, ma indispensabile per assicurare una vita più lunga al nostro mezzo e per verificare che sia funzionalmente in ordine.

L’importante è procedere con l’attenzione e la delicatezza che una moderna bicicletta richiede.

Vediamo insieme alcune proposte delle aziende, tutte di buona qualità e disponibili per l’acquisto online. E se siete particolarmente attenti al prezzo, non sarà difficile trovare anche un buon pulisci catena per bicicletta economico.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori pulisci catena per biciclette:

1. ParkTool Cyclone CM-5.2

Il migliore per: dotato di spugna assorbente

Si presta ad essere utilizzato con tutti i tipi di catena di bicicletta. Il magnete interno cattura tutte le particelle metalliche mentre la spugna di cui è dotato a ridurre i gocciolamenti del liquido detergente.

L’impugnatura ha una struttura comoda ed ergonomica, che rende particolarmente comodo l’utilizzo del dispositivo.

Grazie a questo versatile strumento è possibile ottenere dei risultati soddisfacenti in una manciata di secondi.

2. VeloChampion 1301

Il migliore per: sistema a 4 spazzole

Questo lava-catena utilizza un sistema a quattro spazzole rotanti superiore con setole dure interne, per pulire la catena su tutti i lati. In combinazione con la grande spugna, contribuisce a prolungarne la durata.

Si compone di due parti separabili e non richiede quindi lo smontaggio della catena. Il foro di apertura in alto consente di aggiungere il liquido detergente in modo pratico e veloce.

Spazzole rotanti e tampone sono facili da rimuovere per la pulizia dopo l’uso.

3. Lavacatena NeoDevice

Il migliore per: rapporto qualità/prezzo

Il suo sistema a spazzole rotanti consente di effettuare una pulizia accurate di tutte le parti della catena, senza doverla smontare.

Al termine della pulizia, è bene asciugare e lubrificar la catena, per mantenerla sempre alla massima efficienza.

Si rivela molto efficace e viene proposto online a un rapporto qualità/prezzo particolarmente interessante.

4. Barbieri BCH2

Il migliore per: kit completo

Grazie alle sue 1152 setole e 48 lamelle trattiene con efficace le impurità che si depositano sulla catena, senza dover smontare nulla.

E tutto questo a tempo di record: basta infatti un minuto per far ritornare tutto come nuovo.

La confezione include anche un flacone di sgrassante da inserire nel dispositivo per effettuare la pulizia e uno di lubrificante da utilizzare al termine dell’operazione.




Puliscicatena Toogoo Fittek

Il migliore per: prezzo competitivo

A un prezzo a dir poco imbattibile viene proposto questo efficiente dispositivo per pulire la catena di qualsiasi tipo di bicicletta.

Sono sufficienti poche, semplicissime mosse per rimuovere lo sporco e il grasso in ogni punto, sia internamente che esternamente

È uno strumento per la pulizia della catena realizzato in plastica dura, a garanzia di una lunga durata nel tempo.

 

Come pulire la catena della bici?

Ci sono metodi artigianali ed altri più sofisticati e pensati apposta per tenere pulita la catena.

Fino a qualche anno fa si poteva tranquillamente passare tutte le maglie con un pennello imbevuto di nafta. Ora, tuttavia, questa soluzione può rivelarsi poco adatta per le catene di ultima generazione che subiscono già diversi trattamenti di protezione (come ad esempio sprayzzando la superficie con Teflon) per aumentare le prestazioni.

Il petrolio bianco alla lunga potrebbe sciogliere le parti già lubrificate e quindi, all’opposto, determinare un invecchiamento precoce delle parti metalliche trattate e a una secchezza eccessiva.

Meglio allora affidarsi a uno specifico liquido per pulizia catena che tenga conto della qualità dei diversi componenti. Vediamo insieme le varie soluzioni e facciamo un confronto e facciamo tesoro e dei test già effettuati dagli utenti.

Prima di cominciare occorre preparare tutto ciò che serve alla pulizia. La scelta dei prodotti da utilizzare è personale, nel senso che ci sono pro e contro per diverse alternative.

Sul mercato sono disponibili ottimi prodotti specifici oppure si possono adottare soluzioni più “casalinghe” ma altrettanto efficaci, utilizzando ad esempio gli sgrassatori universali che si impiegano per pulire la cucina e in particolare il piano cottura.




Per la catena, il metodo probabilmente più comodo ed efficiente è l’utilizzo di uno specifico dispositivo puliscicatena e dei suoi accessori. I costi sono contenuti, come potrete facilmente verificare nel servizio di vendita online.

Qualora ci sia anche fango da rimuovere, specie usando la mountain bike, si può impiegare preliminarmente anche il getto dell’acqua per rimuovere lo sporco più grossolano. Se è possibile, evitare l’utilizzo dell’idropulitrice, ma se proprio non si vuole rinunciare a questa comodità, si suggerisce di usarla a bassa pressione.

Per pulire la catena si può utilizzare un panno pulito imbibito con uno sgrassatore o uno specifico pulisci catena, che strofiniamo su ogni ingranaggio, corone posteriori e anteriori comprese.

Si strofina il panno avanti e indietro, su ogni singola dentatura delle corone e sul deragliatore. Per questo scopo ci si può anche aiutare con un pennello pulito, con cui potrebbe essere più facile penetrare negli interstizi di ogni singola maglia.

Per distribuire meglio il detergente, se ne può versare un po’ in una bacinella, provvedendo poi a intingere il pennello per passarlo sulla catena.

La catena va poi oliata?

Certamente, la si deve oliare con cura al termine di tutte queste operazioni. Si può spruzzare direttamente il lubrificante facendolo scorrere maglia per maglia e si lubrifica la parte interna della catena, perché è quella che lavora a contatto con pignoni, corone e rotellina del cambio. La si fa girare con la pedivella per favorire una distribuzione completa e uniforme.

Generalmente si fa uso di una boccetta d’olio, facilmente reperibile in commercio, solitamente nelle versioni Dry e Wet a seconda anche della stagione (estiva la prima, invernale la seconda).

Si lascia penetrare e lavorare l’olio per qualche minuto e poi si pulisce delicatamente la catena con uno straccio per rimuovere l’olio in superficie. Questa è una fase che solitamente lascia sorpreso qualcuno: in realtà non si fa altro che togliere quella parte d’olio che diventerebbe solo una calamita per fango ed impurità.

 

È importante controllare spesso la catena?

Con la pulizia e lubrificazione si può anche verificare se la catena è ancora in buono stato o tende ad allungarsi, con le parti meccaniche che prendono gioco tra loro e non combaciano più perfettamente sugli ingranaggi, consumandoli più rapidamente.

È opportuno, allora, verificare periodicamente lo stato della catena che deve corrispondere agli standard. Per effettuare la verifica sono disponibili anche dei calibri appositamente realizzati che permettono di controllare rapidamente la misura corretta della catena evidenziando eventuali problemi di allungamento che ne consigliano la sostituzione.

Il materiale che compone la catena è l’acciaio. I suoi punti di forza sono quindi la resistenza all’usura e la robustezza. Il rovescio della medaglia è che per beneficiare sempre di questi punti di forza occorre una manutenzione costante.




Lascia un commento