I 6 Migliori Mattarelli: Uno strumento Antico per Una Cucina Moderna

Il miglior mattarello è un utensile da cucina così semplice che ci si può chiedere che cosa veramente ci sia di differente tra un modello e un altro. Eppure, parlando con fornai e cuochi, sia professionisti che casalinghi, ci si rende conto che anche le piccole variazioni contano.

Il mattarello in legno è quello più antico e ci fa ricordare le nostri bisnonne affaccendate sul tavolo della cucina a stendere con maestria la sfoglia fatta a mano. Oggi sul mercato, accanto agli strumenti più classici ci son anche quelli in metallo o in silicone.

E anche se nel nostro immaginario il mattarello per antonomasia è quello con i manici alle rispettive estremità, gli esperti trovano molto pratico quello senza maniglie, perché consente di avere un miglior contatto con l’impasto ed è l’ideale se lo devi usare per diverse ore.

Qual è il migliore mattarello?

È difficile rispondere a questa domanda. Potremmo dire che è quello con cui tu ti senti veramente a tuo agio nel stendere la pasta all’uovo, la sfoglia per le lasagne e la base della tua torta preferita. I suoi impieghi, come sicuramente sai, possono essere molto numerosi. Ad esempio, un mattarello ti può aiutare a trasferire la pasta negli stampi o a frantumare i biscotti per preparare la base di un gustoso budino.

In commercio trovi anche dei modelli che hanno la superficie sagomata con disegni. In questo modo hai a possibilità di ricavare le forme che desideri in modo decorativo.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori mattarelli:

1. Lembeauty Matterello con anelli regolabili

Oltre a supportati in modo efficace nella preparazione delle tue specialità, questo mattarello in legno di faggio farà la gioia dei tuo bambini. È infatti disponibile in due differenti lunghezze, small e large, entrambe di 4,5 cm di diametro.

Viene fornito completo di 4 tondini intercambiabili che ti consentono di ottenere lo spessore di pasta desiderato, scegliendo fra 2 mm, 3 mm, 6 mm e 10 mm in base alla specialità che vuoi realizzare.

Caratteristiche chiave:

  • È realizzato in legno di faggio, un materiale ecologico
  • I quattro tondini consentono di stendere la pasta a uno spessore differente
  • Maneggevole, puoi lavorare a lungo senza stancarti

Specifiche:

  • Marchio: Lembeauty
  • Lunghezza: 28 cm e 43 cm

2. WisFox Mattarello – Il migliore per superficie liscia e antimacchia

Con questo mattarello in acciaio inox puoi lavorare senza far attaccare l’impasto: basta immergerlo in acqua calda per qualche istante. Privo di manici, è il classico design francese che ti fa entrare in contatto direttamente con l’impasto. Una soluzione, questa, che velocizza il lavoro, dal momento che permette di stendere più pasta con ogni movimento.

Non è perfettamente cilindrico, ma la struttura parte da un diametro centrale di 3,8 cm e si assottiglia via via che si avvicina alle due estremità, dove misura 3,1 cm: con questa soluzione progettuale puoi ruotare agilmente il mattarello senza rovinare la pasta; hai anche il massimo controllo sulla pressione che eserciti. La sua superficie è perfettamente liscia e antimacchia. Si lava anche in lavastoviglie.

Caratteristiche chiave:

  • Grazie alla particolare struttura senza manici favorisce un maggior contatto con l’impasto
  • Ad ogni movimento si stende una maggior superficie di pasta
  • Si maneggia agilmente con il massimo controllo

Specifiche:

  • Marchio: WisFox
  • Lunghezza: 40 cm

3. SweBake Mattarello

Fin dal primo sguardo questo mattarello si fa apprezzare per la sua esclusività. Ha una forma perfettamente dritta, una soluzione progettuale che favorisce un elevato controllo mentre si stende l’impasto: è come se lo sentissimo direttamente sotto le dita.

Prodotto in in legno di faggio naturale, non rilascia odori, aromi o colori. Ha un diametro di 4 cm e si può lavare sia a mano che in lavastoviglie.

Caratteristiche chiave:

  • La sua forma è completamente dritta, per far sentire l’impasto mentre lo stendi
  • È realizzato in legno di faggio naturale
  • Si può lavare comodamente anche in lavastoviglie

Specifiche:

  • Marchio: SweBake
  • Lunghezza: 40 cm

4. Hofmeister Mattarello – il migliore per design classico

Robusto e maneggevole, ha la forma tradizionale del mattarello a due manici, ideale per tutte le preparazioni dolci e salate. Si fa apprezzare per la sua solida struttura in legno di faggio, che facilita le operazioni senza richiedere particolare sforzo. Un altro vantaggio è la facilità di pulizia, dal momento che la superficie è perfettamente liscia. Il diametro è pari a 35 mm.

Caratteristiche chiave:

  • Si pulisce in poche mosse grazie alla superficie liscia
  • La struttura robusta rende facile il lavoro senza richiedere particolare sforzo
  • I due manici si rivelano comodi da impugnare

Specifiche:

  • Marchio: Hofmeister
  • Lunghezza: 40 cm

5. Dr. Oetker Mattarello – Il migliore per rapporto qualità prezzo

Lavorare con questo mattarello è un vero piacere. Sull’asse metallico sono infatti presenti dei cuscinetti a sfere che fanno scorrere armoniosamente i manici, riducendo al minimo l’attrito. Realizzato in legno di faggio, ha un diametro generoso pari a 60 mm ed è anche molto robusto, a garanzia di una lunga durata nel tempo.

Caratteristiche chiave:

  • Ha una diametro di dimensioni generose, per stendere più pasta con minori movimenti
  • I manici scorrono agevolmente riducendo al minimo lo sforzo
  • La struttura robusta un legno di faggio è fatta per durare

Specifiche:

  • Marchio: Dr. Oetker
  • Lunghezza: 44 cm

6. Demiawaking Mattarello – Il migliore per preparare dolcetti già sagomati

Impossibile resistere al fascino di questo mattarello. Antiaderente, ha sulla sua superficie un’infinità di rilievi a tema natalizio, per preparare in un batter d’occhio specialità dolce e salate che rallegrano le feste.

Scorre rapidamente sull’impasto ed è molto semplice da usare, pulire e asciugare. Rappresenta anche un’originale idea regale che verrà apprezzata dagli chef di tutte le età.

Caratteristiche chiave:

  • Puoi creare tantissime specialità sia dolci che salate
  • Scorre agevolmente sull’impasto semplificando il lavoro
  • È anche un’idea regalo di sicuro successo

Specifiche:

  • Marchio: Demiawaking
  • Lunghezza: 45 cm



Come scegliere il mattarello che fa per te?

mattarello

Un mattarello non è un semplice cilindro in legno o in metallo. È un utensile ergonomico che ti deve supportare nei lavori di cucina che sarebbero altrimenti molto faticosi. Ma quale scegliere, tra la miriade di strumenti che trovi in vendita?

Acquistare un mattarello è un compito delicato e richiede l’analisi di una serie di caratteristiche importanti.

Tipologia

La prima domanda che devi porti riguarda il tipo di mattarello che vuoi utilizzare per aiutarti in cucina. Le tipologie sono fondamentalmente due: classica e francese. Il primo è dotato di manici, il secondo no.

Dimensioni

La regola generale è che più un mattarello è grande, più è pesante. C’è chi trova scomodo un modello di dimensioni generose chi invece lo apprezza perché con una sola ossa può stendere una superficie più ampia di pasta, ottimizzando il tempo necessario alle varie preparazioni.

In linea di massima, la pasticceria richiede un mattarello di media lunghezza e di elevato diametro. La pasta fresca si stende invece meglio con il modello a manico di scopa, lungo fino a 1 metro e di diametro di appena 5 o 6 cm.

Funzioni aggiuntive

La maggior parte degli chef predilige un mattarello di base. Tuttavia ci sono alcune caratteristiche utili quando si tratta di stendere la asta per specifiche applicazioni culinarie.

Ci sono mattarelli che hanno una lunghezza regolabile o che presentano dei marcatori di lunghezza e di profondità. Con questo tipo di utensili puoi realizzare la tipica sagomatura per biscotti oppure ottenere una pasta di spessori differenti, ad utilizzare per decorare le tue inedite creazioni.

Costo

Non devi spendere un capitale per dotare la tua cucina di questo utilissimo strumento. Anche i modelli a basso prezzo svolgono egregiamente la loro funzione.

Tieni presente che i mattarelli in legno sono di solito le opzioni più convenienti e il tipo più economico ha un prezzo di circa 5 euro, ma se punti a qualcosa di solido e duraturo metti a budget almeno una decina di euro.

Mattarello classico o francese?

Abbiamo già accennato al fatto che il mattarello può essere di tipi classico, con le due maniglie laterali, o di tipo francese, privo di manici. Vediamo insieme quali sono i vantaggi di ciascuno

  • Mattarello francese

Essendo privi di maniglie, i mattarelli francesi consentono di stendere agevolmente grandi superfici di pasta. Il cilindro rotola con disinvoltura sull’impasto ed essendo a diretto contatto con il palmo delle mani consente di “sentire” la pasta.

Con una struttura di questo tipi è facile regolare la pressione che viene esercitata. All’inizio non tutti li trovano semplici da utilizzare, ma una volta che si padroneggia il movimento, si va tranquilli e senza intoppi.

  • Mattarello classico

I mattarelli con maniglie di tipo classico sono ideali per stendere gli impasti elastici, perché sono più pesanti e hanno un maggior diametro. In molti li prediligono perché li trovano più semplici da usare.

Di che materiale è fatto il mattarello?

Legno, metallo, silicone… il mattarello può essere fatto in un grande quntità di materile, ognuno con i suoi pro e i suoi contro.

  • Legno

È il materiale della grande tradizione culinaria italiana. Si tratta di un legno duro, come faggio o acero, che si fa apprezzare per la sua robustezza. I mattarelli in questo materiale sono anche leggeri e facilmente gestibili con entrambe le mani.

Di contro, è un materiale naturale piuttosto poroso, su cui lai sfoglia può attaccarsi facilmente. Per ovviare all’inconveniente, basta cospargere il mattarello e il piano di lavoro con una spolverata di farina.

  • Acciaio inox

Pesante e massiccio, è il materiale preferito da moli cuochi professionisti: con un matterello di questo tipo riesci infatti a stendere con facilità qualsiasi tipo di impasto. La superficie perfettamente liscia non fa attaccare la pasta e si pulisce con grande facilità. Il suo più grande vantaggio è, per alcuni, il suo limite: essendo pesante, infatti, non tutti lo trovano facilmente gestibile.

  • Plastica e silicone

Ebbene sì: materiali così moderni vengono utilizzati per realizzare uno strumento così antico! Scherzi a parte, la plastica è facile da modellare e si presta quindi a creare delle forme altamente ergonomiche.

È anche leggera, maneggevole e antiaderente: non c’è percolo che l’impasto si attacchi e si pulisce agevolmente. Si rivela però meno robusta degli altri materiali e quindi è più soggetta a rotture.

  • Marmo

Liscio, fresco e non poroso, il marmo è naturalmente antiaderente. La sua naturale pesantezza ti consente di esercitare un’elevata pressione sull’impasto, in particolare quelli elastici come il pane e la pasticceria fredda. rendendolo ideale per impasti di pane elastico e pasticceria fredda.

Non è semplice reperire sul mercato un mattarello in marmo, anche perché è un’opzione piuttosto costosa, e se cade accidentalmente sul pavimento… addio piastrelle!

Domande frequenti sul mattarello

Prima di concludere, vediamo brevemente alcune delle domande più frequenti relativi a quello utilissimo strumento.

💡 A cosa serve esattamente il mattarello?

In ogni cucina che si rispetti non può certo mancare il mattarello. Semplice nella sua struttura, geniale nella sua capacità di stendere ogni tipo di impasto, questo utensile ti permette di creare con poche mosse invitanti specialità. Grazie a un utensile di questo tipo, non necessariamente di marca, puoi stendere la pasta per le tagliatelle, le lasagne o la pizza.

Con l’aiuto di uno stampo per ravioli prepari della gustosa pasta ripiena. Per non parlare della pasticceria: puoi ad esempio utilizzare il mattarello per creare un coperchio di pasta da posizionare su una torta o da stendere su uno stampo.

Un mattarello ha anche usi alternativi: sbriciolare i biscotti, macinare noci o frutta secca ed eseguire una goffratura su carta o cartoncino. Il limite è solo la tua fantasia e, con un modello di qualità, ogni compito diventerà molto più semplice. Se vuoi scoprire quanto è utile, prova a leggere l’opinione che tanti chef entusiasti pubblicano nella vendita online.

💡 Come pulisco il mio mattarello?

La prima cosa da fare è leggere le istruzioni che trovi sulla confezione: ogni mattarello può richiedere diversi accorgimenti di pulizia in base al materiale con cui è realizzato. La maggior parte dei mattarelli in acciaio, plastica e silicone sono lavabili lavastoviglie.

I mattarelli in legno sono un po’ più difficili da pulire. Dopo aver rimosso i residui di impasto dalla superficie, strofina con un canovaccio umido e asciuga con un panno pulito. Nel caso dei modelli in marmo, invece, la cosa più semplice e sicura è quella di lavarli con acqua calda e sapone.

💡 Come posso far durare a lungo il mio mattarello di legno?

La corretta manutenzione del mattarello di legno è la condizione essenziale per farlo durare a lungo, nel pieno della sua efficienza. Puliscilo innanzitutto con un canovaccio umido e asciugalo con cura con un panno pulito.

A questo punto, applica alcune gocce di olio minerale per uso alimentare sul panno e distribuiscilo sull’utensile (incluse le maniglie se sono dello stesso materiale). Così facendo proteggi il tuo mattarello dall’umidità e riduci il rischio che si possa scheggiare a causa di una superficie eccessivamente secca.

Conclusioni

Se c’è un attrezzo che non può mancare in nessuna cucina è il mattarello. La pasta tirata a mano è meno perfetta ed è più rustica, e per questo ha gusto irresistibile. La puoi utilizzare per creare infiniti formati con la tua macchina elettrica o a manovella: basta solo un pizzico di buona volontà e tanta fantasia.
Siamo amanti delle cose classiche e per questo abbiamo dato pieni voti al mattarello Hofmeister. È un utensile robusto e nello stesso tempo i rivela molto maneggevole e si presta a dare il meglio di sé nelle preparazioni sia dolci che salate.

Lascia un commento