Le 4 Migliori Sacche Idriche: Come un’Oasi Viaggiante

Idratarsi correttamente quando si pratica uno sport estremo o si fa un’escursione sapendo che non si può accedere a un punto di ristoro è di fondamentale importanza.

Grazie alla migliore sacca idrica si può portare sempre con sé la riserva d’acqua (o di qualsiasi liquido) che può servire durante l’intera giornata.




Qual è la migliore sacca idrica?

Se non sai ancora quale sacca prendere, se vuoi mettere a confronto le caratteristiche tecniche e le qualità di due o più modelli, se vuoi acquistare al prezzo più basso… continua a leggere qui!

Il servizio di vendita online di Amazon ti offre tutto questo e anche molto di più. Puoi infatti essere sempre aggiornato sui più recenti prodotti lanciati sul mercato e puoi leggere le opinioni e i test di chi ha già acquistato per capire meglio qual è il modello più adatto alle tue esigenze.

Qui di seguito ti presentiamo le migliori sacche idriche:

1. Evoc Sacca per l’acqua

La migliore per: peso minimo

È una sacca idrica da tre litri molto leggera: pesa 130 grammi e misura 19 x 34 centimetri. Prodotta senza BP e pvc, è molto semplice da infilare nello zaino.

Il suo boccaglio è a prova di perdita e il tubo isolato evita che il liquido si congeli alle basse temperature. L’ampia apertura facilita le operazioni di ricarica e di pulizia.

  • Compatta
  • Semplice ricarica
  • Facile pulizia

2. CamelBak Serbatoio di riserva

La migliore per: lavabile in lavastoviglie

Disponibile in tre formati (da 1,5 / 2 / 3 litri), questa sacca è fornita di tappo con apertura veloce che si stringe in un quarto di giro.

La valvola è auto-sigillata per evitare il rischio di micro perdite. Semplice da pulire, si può comodamente lavare in lavastoviglie.

  • Pratica
  • Auto-sigillata
  • Apertura rapida

3. Source Widepac sacca idrica

La migliore per: apertura a scorrimento

Questo modello da 3 litri ha un’apertura/chiusura a scorrimento che facilita le operazioni di riempimento, pulizia e scarico. Basta una pressione dolce sul boccaglio per aprire la valvola.

La chiusura di sicurezza si ottiene con una semplice torsione della valvola. Collegamento rapido del tubo di aspirazione. È realizzato in plastica senza Bpa.

  • Semplice pulizia
  • Chiusura sicurezza
  • Versatile

4. Blusmart Borsa Serbatoi dell’acqua per Zaini

La migliore per: garantita con certificato Fda Usa

Realizzata in silicone MicroBan, provo di Bpa, questa sacca da 3 litri è certificata Fda Usa. Ha un grande tappo di riempimento ed è facile da pulire grazie alla sua bocca larga.

Il serbatoio può anche modificare direttamente la temperatura dell’acqua in base ad un diverso status caldo o freddo.

  • Semplice pulizia
  • Riempimento facilitato
  • Regolazione temperatura

 




Che cos’è la sacca idrica?

La sacca d’acqua è un accessorio per zaino di apposita fattura

sacca-idrica

Sacca idrica

(detto appunto zaino idrico) che la isola dall’altro spazio a disposizione in cui si mettono cibi, ricambi e altri materiali dell’escursionista come macchina fotografica, binocolo, torcia e attrezzi vari.

È una soluzione professionale e molto pratica, che sostituisce la borraccia e le scomodissime bottiglie di plastica che non si riescono mai a posizionare nel modo giusto.

Così, ogni volta che ti viene sete, non ti devi fermare, prendere la borraccia o la bottiglietta dallo zaino e poi riporla. Perché se sei impegnato in un trekking, una pedalata estrema in mountain bike o una pagaiata in canoa, non hai le mani libere e, magari, non hai nemmeno il tempo di fermarti.

 

Come funziona la sacca idrica?

Ogni volta che ti viene sete, non devi far altro che aspirare dal beccuccio con tubo flessibile il liquido che ti serve per idratarti.

Tale tubicino, posizionato sopra la spalla, è facilmente raggiungibile senza doversi aiutare con le mani.

 

Sacca idrica e zaino idrico?

Generalmente, quando si acquista uno zaino idrico, il contenitore per acqua è già in dotazione. In effetti lo stesso zaino è configurato per contenere una sacca di un determinato volume, da 1,5 a 3 litri.

Tuttavia, una volta effettuato qualche test durante un’escursione a piedi, in bici, in mtb o in canoa, potresti non essere completamente soddisfatto del serbatoio di riserva di cui lo zaino è equipaggiato.

Cerchi magari un modello fatto con materiali più evoluti ed eco-friendly. O che sia più semplice da riempire e da pulire.

Oppure ancora, hai necessità di cambiare la sacca perché quella in dotazione si è rotta dopo un utilizzo intenso.

Puoi anche fare il percorso inverso: acquistare prima la sacca che ti soddisfa completamente e scegliere poi lo zaino idrico che più adatto ad accoglierla.

In tutte queste situazioni hai modo di valutare le recensioni di singole sacche, che rispondano ai requisiti da te ricercati o che possano essere utilizzate nello zaino che utilizzi abitualmente, senza necessariamente doverlo cambiare.

 

Caratteristiche sacca idrica?

Rispetto ai primi modelli che erano piuttosto rudimentali, le sacche di oggi hanno migliorato le loro performance. E gli zaini più evoluti sono studiati proprio per accogliere al meglio la sacca e per consentire di collegare il tubicino senza difficoltà.

Molte delle sacche attualmente in commercio offrono caratteristiche all’avanguardia:

  • sono dotate di meccanismi di riempimento più semplici, come la chiusura a zip
  • permettono di staccare e riagganciare il tubicino con più facilità. Il più delle volte si può estrarre la sola sacca, lasciando il tubo inserito nello zaino.
  • sono molto resistenti, leggere
  • sono facili da pulire, anche in lavastoviglie

 

Sacca idrica di ieri e di oggi?

Se tutto ciò può sembrare banale o di poca importanza, è bene sapere che in passato riempire una sacca non era tanto semplice. Spesso era complicato toglierla dallo zaino per poi inserirla nuovamente una volta riempita.

E quando si voleva riempirla durante il tragitto, si finiva con il bagnare anche lo zaino. Oppure si aveva difficoltà a chiuderla bene, con il rischio di inondare tutto e rovinare la macchina fotografica e tutti gli accessori.

Sulla base di quelle esperienze i produttori hanno effettuato dei miglioramenti di funzionamento in modo da rendere le sacche non solo più sicure, ma anche a prova di errore.




Capacità della sacca idrica?

Le sacche sono definite in base alla capacità. La puoi quindi scegliere in base alle tue necessità e in funzione del tipo di sport o dei tempi di escursione:

  • le sacche da 0,5 litri sono adatte per gli zaini piccoli, quasi dei marsupi. Solitamente si legano in vita e possono contenere l’equivalente di una o due bottigliette d’acqua. Sono perfette per la corsa breve o la camminata
  • le sacche da 1 litro e 1,5 litri sono una buona scelta di base sia per i bambini impegnati su pedalate di medie distanze, sia per gli escursionisti e i runner
  • le sacche da 2 litri e da 2,5 litri offrono un buon compromesso tra peso e massa e consentono di portare con sé un’adeguata quantità di acqua, da ripristinare solo in caso di imprese sportive particolarmente impegnative.
  • le sacche da 3 litri e più sono appositamente create per chi ha uno spiccato spirito di avventura e per coloro che affrontano trekking estremi a piedi, in bici o in canoa. Sono ideali per l’impiego in luoghi in cui l’acqua è scarsa o si prevede di stare qualche giorno lontano da casa.

 

Materiali della sacca idrica?

Le sacche idriche sono per lo più in plastica, generalmente in polietilene (PE) con rivestimenti atossici della superficie a contatto con l’acqua.

Per essere conformi a quanto previsto dall’attuale normativa devono essere BPA e PVC free e devono rispondere a livello europeo alla specifica legislazione che determina il comportamento dei materiali a contatto con gli alimenti.

 

Sacca idrica in inverno?

In caso di utilizzo durante i mesi più freddi, è bene scegliere delle sacche coibentate con materiali isolanti che evitano il congelamento dell’acqua.

In questi modelli anche il tubo di aspirazione è trattato con appositi materiali.

Si consiglia di optare per questo tipo di sacca anche durante i mesi più caldi dell’anno: la sua particolare coibentazione consente infatti di mantenere più fresca l’acqua.

Ricordiamo però che l’isolamento supplementare può incidere sul prezzo dell’articolo.

 

Pulizia della sacca idrica?

Prima dell’acquisto è bene assicurarsi che la sacca sia facile da pulire. Il lavaggio va fatto sempre tra un uso e l’altro.

Se si è utilizzata acqua è sufficiente sciacquare la sacca, il tubo e il beccuccio con acqua calda e fare asciugare bene. Nel caso in cui invece siano usate introdotte bevande elettrolitiche o zuccherine, le diverse operazioni vanno effettuate con appositi kit pulizia, con speciali pennellini o utilizzando un additivo in polvere antibatterico. È importante poi sciacquare più volte con la massima cura.

Alcuni modelli di sacche idriche lavorano sotto pressione, anche se questo non è strettamente necessario. Le sacche pressurizzate consentono di far uscire l’acqua senza succhiare dal tubo e sono più semplici da pulire.

 

Opinioni sulla sacca idrica?

Una sacca idrica è sicuramente una soluzione intelligente ed economica se ci si vuole idratare nel modo corretto senza dover interrompere continuamente l’escursione e l’allenamento a piedi o in bicicletta.

Inoltre, utilizzando la sacca è più probabile che si consumi la quantità di acqua necessaria al benessere del proprio fisico. Con una spesa tutto sommato contenuta, è possibile avere una sacca di idratazione che si rivela utile in mille occasioni: campeggio, trekking, ciclismo, jogging, corsa e altre attività sportive.




Lascia un commento