La Pappa è Più Sicura Con I 7 Migliori Sterilizzatori Per Biberon

L’utilizzo del miglior sterilizzatore per biberon garantisce una protezione totale al vostro bambino.

I neonati hanno un sistema immunitario molto debole e sono particolarmente soggetti alle malattie. È quindi importante eliminare germi e batteri da tutto ciò che usano e che mettono in bocca, inclusi i giochi.

Se il vostro bambino è alimentato con latte artificiale o è già in svezzamento, la via più comune di infezione è di solito quello che mangiano. Ecco perché è importante pulire e sterilizzare con cura il biberon e tutti gli accessori che vengono impiegati per la pappa.

Sommario

I migliori sterilizzatori per biberon

Qual è il miglior sterilizzatore per biberon?

Molte sono le apparecchiature disponibili attualmente sul mercato, con prestazioni e caratteristiche differenti.

Se volete identificare qual è il modello più adatto alle vostre esigenze, continuate a leggere qui. Ve ne proponiamo sette, tutti acquistabili online.

 

Chicco SterilNatural 2in1

Il migliore per: struttura modulare

È possibile scegliere tra due diverse configurazioni (full size e compact) per regolare le dimensioni dell’apparecchio in base al tipo e al numero di oggetti che si desidera inserire. Sterilizza in soli cinque minuti e si spegne automaticamente dopo un’ora.

E se il coperchio non viene aperto, gli oggetti si mantengono disinfettati per 24 ore. Elimina il 99,9% dei germi domestici nocivi.

 

Sterilizzatore per microonde Chicco

Il migliore per: forno a microonde

Molto compatto, questo apparecchio si inserisce con facilità in ogni tipologia di forno a microonde. Sterilizza in soli tre minuti a 1200 Watt e, se non si apre il coperchio, gli oggetti rimangono disinfettati per 24 ore.

È anche molto facile e comodo da usare: è sufficiente versare 200 millilitri d’acqua nella sua base e inserire gli oggetti che si desidera sterilizzare.

 

Philips Avent SCF284/02

Il migliore per: 3 in 1

Offre tre differenti funzioni: dimensioni piccole per succhietti; dimensioni medie per tiralatte, piatti, coltelli e forchette; dimensioni grandi per sei biberon.

Realizzato con materiali senza Bpa, è progettato per i biberon sia a collo stretto che ampio, oltre che per diversi tipi di tiralatte e accessori.

Al termine della sterilizzazione il dispositivo si spegne automaticamente garantendo la massima sicurezza e il minimo consumo energetico. La confezione contiene anche una pinza igienica.

 

Mamajoo MMJ2025

Il migliore per: multifunzione

Con questo apparecchio, il momento della pappa diviene un piacevolissimo rituale. È infatti un modello che offre 5 funzioni dedicate all’alimentazione sana e sicura del bebè: sterilizzatore a vapore, asciugatore, scaldapappa, scaldabiberon, apparecchio per cottura a vapore.

È dotato di controller digitale intelligente e display. Si spegne in automatico dopo un segnale acustico ripetuto per sei volte. Tutte le parti in plastica sono realizzate in polipropilene privo di Bpa.

 

Nuvita Nu-Alst0002 Stericompact

Il migliore per: doppio cestello

Grazie ai suoi due cestelli, consente di gestire con praticità lo spazio disponibile. La parte superiore è adatta a contenere gli accessori (come tettarelle, ghiere e succhietti) mentre quella inferiore si presta ad accogliere i biberon o le parti sterilizzabili del tiralatte.

In base alla quantità di acqua e al numero di oggetti inseriti, il ciclo ha una durata di 4-8 minuti con vapore a 100°. Si spegne automaticamente a ciclo ultimato.

 

Hartig + Helling 98923 BS 29

Il migliore per: rapporto qualità/prezzo

Proposto a un prezzo interessante, accoglie nella sua confezione lo sterilizzatore con cestello, pinza per biberon e coperchio.

Può contenere fino a sei biberon e relativi accessori. Consente anche di ottimizzare l’impiego di energia, abbattendo i consumi: ha una potenza assorbita di soli 500 Watt e sterilizza in circa undici minuti. È progettato con interruttore on/off, termostato e scomparto porta-cavo.

 

Tommee Tippee Closer To Nature

Il migliore per: dotazione completa

Insieme all’apparecchiatura vengono forniti anche un biberon da 150 millilitri, una pinza per le tettarelle e un succhietto 0-3 mesi.

È possibile sterilizzare fino a sei biberon, tettarelle e coperchi. Di semplice utilizzo, è dotato di un unico pulsante che diventa arancione quando il dispositivo è acceso e si spegne alla fine del ciclo, che ha una durata di cinque minuti.

Se il coperchio non viene aperto, il contenuto si mantiene sterile per 24 ore.

Che cosa significa sterilizzare?

La sterilizzazione è un processo che igienizza qualsiasi tipologia di oggetto attraverso il vapore.

Analogamente a quanto accade con una scopa a vapore per la pulizia domestica, questa tecnica sfrutta la capacità del vapore e dell’alta temperatura per eliminare i microrganismi: vengono infatti denaturate le proteine e gli acidi nucleici, procedendo verso un degrado della membrana e della parete cellulare.

Quando è importante sterilizzare?

Potremmo dire che questo processo importante-sterilizzare-biberonandrebbe utilizzato ogni volta possibile, per ciascun tipo di oggetto che viene toccato e messo in bocca dal bebè.

Un bambino nei primi mesi di vita ha bisogno di particolari attenzioni perché il suo sistema immunitario non è ancora completamente attivo. L’allattamento al seno è il miglior modo per trasferirgli le difese immunitarie, perché il latte materno contiene tantissimi anticorpi.

In caso di allattamento artificiale, occorre provvedere alle difese necessarie al nostro bimbo, evitando che entri a contatto con oggetti potenzialmente contaminati. È a questo punto che entra in gioco la sterilizzazione.

Perciò accessori e contenitori che vengono usati nella sua alimentazione, come biberon, tettarelle e tiralatte, devono essere correttamente sterilizzati prima di ogni utilizzo.

Questo importante accorgimento andrebbe applicato a tutti gli oggetti che vengono portati alla bocca, primi fra tutti i giochi e le posate per la pappa.

Perché utilizzare uno sterilizzatore?

miglior-sterilizzatore-per-biberon

La sterilizzazione degli oggetti si può realizzare con diverse metodologie a caldo. È vero che è possibile disinfettare gli oggetti a freddo con l’impiego di appositi prodotti sciolti in acqua, ma resta poi il problema di eliminare i loro residui e di effettuare una corretta asciugatura.

Il vecchio metodo della nonna prevede di far bollire l’acqua e di lasciare a contatto bottiglie di vetro, biberon e tettarelle per almeno 15 minuti. Ma utilizzando uno sterilizzatore elettrico a vapore il risultato è più sicuro e meno empirico.

Lo sterilizzatore rientra quindi a tutti gli effetti nel normale corredo del bebè, proprio come il cuscino per gravidanza può rivelarsi indispensabile alla mamma nelle fasi pre e post parto. Senza contare che un apparecchio di questo tipo si presta ad altre applicazioni, ad esempio come scalda biberon o come strumento per sterilizzare gli aerosol.

Come funziona?

L’apparecchio è progettato per sanitizzare biberon, ciucci e tettarelle senza bisogno di aggiungere alcuna sostanza chimica, solo con il vapore che viene generato ad alta temperatura.

Il sistema funziona a circuito chiuso, lo si imposta, lo si attiva e poi fa tutto da solo, spegnendosi in automatico. Una volta ultimata questa operazione, si possono estrarre gli oggetti sterilizzati con apposite pinze o lasciarli nell’apparecchio fino all’utilizzo.

Alcuni modelli sfruttano un metodo indiretto, utilizzando il forno a microonde come fonte di energia per produrre vapore.

Quali accorgimenti sono importanti?

Poiché lo scopo dello sterilizzatore è di raggiungere la sterilità è importante assicurarsi che l’aria presente venga rimossa (un po’ come accade con la pentola a pressione).

L’aria calda infatti non raggiunge la sterilità se non ad altissime temperature e per tempi molto lunghi. Ci vogliono 160°C e 2 ore per sterilizzare l’aria, quando con il vapore si raggiunge la stessa sterilità in 3 minuti alla temperatura di 134°C e 2 bar o di 15 minuti a 121°C e 1 bar.

Perciò se rimangono sacche o bolle d’aria, di fatto impediscono l’effettivo contatto del vapore ad alta temperatura con gli oggetti da trattare. Per questo gli apparecchi sono dotati di appositi dispositivi per eliminare l’aria nella camera di sterilizzazione.

Che cos’è esattamente uno sterilizzatore per biberon?

Tutto ciò che viene entrare a contatto con la bocca del tuo bambino deve essere preventivamente sterilizzato per garantire un’igiene assoluta. Uno sterilizzatore per biberon elettrico è fatto proprio per questo. Ci puoi inserire non solo i biberon ma anche altri oggetti come i giocattoli per la dentizione e i ciucci.

Quando metti in funzione lo sterilizzatore hai la certezza che i germi presenti sui biberon e sugli altri piccoli oggetti sarà eliminato. Non basta pensare infatti di limitarsi a lavare le bottiglie per avere un’azione efficace. Si deve rimuovere ogni residuo di microrganismi, e questo lo puoi ottenere solo con la sterilizzazione.

Quali tipi di sterilizzatore per biberon ci sono sul mercato?

In commercio puoi trovare diversi tipi di sterilizzatori per bottiglie. SI va dal tipo elettrico a vapore a quello a microonde, fino a quello a luce ultravioletta. Vediamo quali sono le caratteristiche dei vari modelli, insieme ai loro punti di forza e ai loro limiti.

Che cos’è lo sterilizzatore per biberon elettrico a vapore?

Questo tipo di dispositivo utilizza il vapore per eliminare i batteri e i germi che possono essere presenti nelle bottiglie del bambino. Alcuni sterilizzatori inoltre deodorano le bottiglie e sono in grado di accogliere più di una bottiglia alla volta. Il processo di sterilizzazione è veloce e dura in genere meno di 10 minuti. Tuttavia, sono più costosi e potrebbero richiedere più spazio sul piano di lavoro.

 

Com’è fatto lo sterilizzatore per biberon a microonde?

Come gli sterilizzatori elettrici, anche quelli a microonde usano il vapore caldo per eliminare batteri e germi nocivi. Per utilizzare questo tipo, è necessario posizionare le bottiglie nel contenitore, aggiungere acqua a sufficienza e mettere poi il tutto nel microonde.

Il processo di sterilizzazione è molto veloce e richiede all’incirca meno di 5 minuti. Sono anche molto convenienti e possono essere riposti nell’armadio quando non sono in uso. Tuttavia, non ci sono funzioni di deodorizzazione e asciugatura.

 

Caratteristiche dello sterilizzatore per biberon UV?

Lo sterilizzatore uv per biberon è fra i tipi più recenti ad essere stati introdotti sul mercato. Utilizza la luce ultravioletta per eliminare germi e batteri.

Questi articoli sono i più portatili in quanto sono leggeri e piccoli, il che li rende ideali per i viaggi. Tuttavia, a causa delle loto dimensioni particolarmente ridotte, non consentono di sterilizzare più pezzi nello stesso tempo.

 

Cosa cercare in uno sterilizzatore per biberon?

Scegliere il miglior sterilizzatore per biberon può essere un’impresa non facile, dal momento che in commercio ne puoi trovare un’infinità di modelli, come quelli della Prenatal. Per aiutarti a trovare il tipo giusto per la pulizia degli articoli del tuo bambino, ecco alcuni fattori che potresti voler prendere in considerazione al momento dell’acquisto.

 

Capacità dello sterilizzatore per biberon

Com’è ovvio, la capacità del dispositivo è un fattore di primaria importanza: vuoi che lo sterilizzatore sia abbastanza grande da contenere le bottiglie del tuo bambino e altri pezzi.

Un modello capiente ti consente di igienizzare molte bottiglie nello stesso tempo, riducendo così il carico di lavoro. Un aspetto da considerare, in particolare, nel caso di gemelli!

 

Lo sterilizzatore per biberon è facile da usare?

Anche questo aspetto va preso nella dovuta considerazione. Un apparecchio di questo tipo deve essere semplice da utilizzare in quanto ad un genitore spesso è richiesto di svolgere più attività in simultanea. Gli sterilizzatori elettrici sono in genere facili da usare, ma se il modello che stai prendendo in considerazione presenta così tanti pulsanti da renderlo cervellotico o se le istruzioni sono un po’ confuse… allora è meglio cercare qualcos’altro.

 

Funzione di asciugatura dello sterilizzatore per biberon?

Se, da una parte, è vero che gli sterilizzatori a microonde funzionano velocemente, è anche vero che le bottiglie possono rimanere bagnate. Si è costretti quindi ad asciugarle e questo comporta un ulteriore passo al tuo lavoro.

Alcuni sterilizzatori sono preimpostati con una funzione di asciugatura. Può essere interessante avere a disposizione questa funzione tra gli optional quando selezioni il miglior sterilizzatore per biberon.

 

Lo sterilizzatore per biberon si può portare in giro?

Se viaggi spesso, oppure molto semplicemente lasci con una certa frequenza il tuo piccolo dai nonni, ti piacerebbe avere uno sterilizzatore che sia al tempo stesso economico, di dimensioni ridotte e leggero per una facile trasportabilità.

Sul mercato puoi facilmente trovare dispositivi che soddisfano tutte queste tue esigenze.

 

Lo sterilizzatore per biberon occupa molto spazio?

Alcuni genitori potrebbero volere degli sterilizzatori che non occupano troppo spazio sui piani della cucina. Se invece hai un ambiente ampio, questo potrebbe non essere un problema per te.

 

Lo sterilizzatore per biberon è sicuro?

Oltre ad accertarsi che il dispositivo sia dotato di tutti i dispositivi di sicurezza che ne consentano un utilizzo senza pensieri, è importante controllare preventivamente il materiale di cui è fatta la struttura. Di solito gli sterilizzatori sono fatti di plastica e sappiamo tutti che non è il miglior materiale per impieghi alimentari.

Verifica con attenzione che il modello che stai pendendo in considerazione non contiene sostanze chimiche nocive come BPA, nitrosamina, lattice o PVC. Scegli sempre quelli che sono BPA-free o, meglio, acquista bottiglie di vetro.

 

Che cos’è il bisfenolo BPA?

Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica che è stata ampiamente utilizzata per la produzione di bottiglie per il latte. Il BPA rendeva questi contenitori molto resistenti ed esteticamente gradevoli. Veniva anche spesso usato come una miscela di materie plastiche per creare tazze da latte, scatole di cibo e imballaggi per bevande.

Secondo alcuni ricercatori, il BPA può gradualmente staccarsi dalla plastica e dal corpo. È potenzialmente pericoloso per la salute, quindi è consigliabile non utilizzare prodotti contenenti questa sostanza.

 

Quanto costa lo sterilizzatore per biberon?

Il prezzo va preso nella giusta considerazione ora che le necessità della famiglia sono aumentate. Ti sarà utile sapere, quindi, che gli sterilizzatori a microonde oltre ad essere molto veloci sono generalmente i tipi più economici del mercato.

 

Come si usa lo sterilizzatore per biberon?

A differenza della pulizia manuale, dove è necessario utilizzare un detergente e occorre circa un’ora per pulire tutti gli angoli delle bottiglie e delle tettarelle, lo sterilizzatore a vapore pulisce ed elimina i germi residui in otto-dieci minuti.

Innanzitutto è necessario pulire tutte le apparecchiature di alimentazione con acqua calda e sapone per eliminare i residui del pasto precedente. Poi, una volta asciutti, possono essere inseriti nello sterilizzatore.

Prima di procedere, però, è però importante osservare alcuni aspetti che ti garantiscono una completa sterilizzazione del biberon e degli accessori del tuo bambino.

 

Usare acqua filtrata con sterilizzatore per biberon?

L’acqua normale del rubinetto può avere contaminanti. È fondamentalmente acqua dura, il che significa che può lasciare uno strato residuo di sali all’interno della bottiglia e altre attrezzature. Pertanto, per la sterilizzazione è meglio utilizzare acqua filtrata o addolcita.

Anche se si utilizza uno sterilizzatore a vapore, è necessario utilizzare acqua filtrata per garantire una protezione completa ed evitare a lungo andare il deposito di residui di calcare. In presenza di un’acqua dura è consigliato di decalcificare il dispositivo almeno ogni 4 settimane. L’accumulo di calcare a lungo termine può causare il blocco. La mancata decalcificazione può influire sulla garanzia.

 

Pulire i biberon prima di metterli nello sterilizzatore?

Prima di procedere alla sterilizzazione, occorre pulire con acqua calda e sapone le bottiglie, le tettarelle, gli anelli di ritenzione e il misurino del barattolo del latte artificiale. Puoi utilizzare un apposito pennello per bottiglie, ruotandolo con cura per rimuovere il latte in polvere.

Puoi utilizzare anche la lavastoviglie: collocali sul cestello superiore ed esegui un ciclo caldo. Lavali subito dopo aver allattato il bambino per evitare che i residui si secchino troppo. Capovolgi le tettarelle e lavale. Dopo aver terminato il processo di pulizia, sciacqua accuratamente e lava le mani prima di procedere al processo di igienizzazione.

 

Perché è importante lavare prima di sterilizzare?

Ricordati di lavare ogni volta prima di sterilizzare. Pulisci le tue bottiglie con acqua calda e sapone e togli le tracce di residui di latte in ogni angolo.

Non aspettare che i residui secchino: dovrai fare più fatica in seguito per rimuoverli. Il latte in eccesso tende a solidificarsi e ad aggrapparsi alle pareti dei biberon. Se non lo rimuovi subito, i batteri possono anche accumularsi e moltiplicarsi ogni secondo che rimangono all’interno della bottiglia. Ci vorrà meno fatica e userai meno detergente se lavi i biberon non appena il bambino avrà finito di mangiare.

 

Acqua residua dopo la sterilizzazione?

Se ti rimane dell’acqua residua nello sterilizzatore, dopo un ciclo completo, è una cosa del tutto normale. Basta togliere il residuo una volta che hai finito di utilizzare l’apparecchio.

 

Perché bisogna lavare le mani con i biberon sterilizzati?

È buona norma lavarsi accuratamente le mani prima di prendere in mano le bottiglie del biberon e i suoi accessori dallo sterilizzatore per rimettere insieme le parti e riempirlo. Questo per evitare di contaminare nuovamente gli oggetti puliti.

Si possono anche utilizzare pinze sterili per estrarre gli accessori come le tettarelle e per riporli su una superficie pulita.

 

FAQ sugli sterilizzatori per biberon

Ecco alcune delle domande più frequenti che le mamme (e i papà!) si pongono al momento dell’acquisto di uno sterilizzatore per biberon.

 

Devo sterilizzare anche i biberon nuovi?

Non dimenticare di sterilizzare prima dell’uso le nuove bottiglie che acquisti. Il materiale nuovo non è esente da impurità, quindi è bene lavarlo e sterilizzarlo prima dell’uso. A meno che non ci siano istruzioni specifiche, le bottiglie di vetro possono essere sterilizzate allo stesso modo di quelle in plastica.

Controlla regolarmente le bottiglie dei biberon e le tettarelle che non abbiano spaccature, graffi o crepe e sostituisci l’attrezzatura che trovi danneggiata. I batteri tendono ad accumularsi nelle pieghe o nelle fessure e sopravvivono lì anche dopo la pulizia e la sterilizzazione.

 

I biberon vanno asciugati dopo la sterilizzazione?

Per asciugare le bottiglie sterilizzate, utilizza un panno pulito e destinato solo a questo impiego.

Una volta ultimata questa operazione, riponi il panno su un ripiano separato e, se possibile, in un contenitore ermetico per evitare la contaminazione dovuta alla polvere.

 

Quando devo togliere i biberon dallo sterilizzatore?

Rimuovi le bottiglie dallo sterilizzatore solo poco prima di riempirle. Una volta concluso il ciclo di sterilizzazione, tienilo chiuso con il coperchio fino a quando non si ha bisogno di una bottiglia, per evitare che l’attrezzatura si contamini nuovamente con germi e batteri.

 

Ogni quanto devo sterilizzare i biberon?

Le bottiglie del biberon vanno sterilizzate ogni giorno durante i primi quattro mesi del bambino. In quel periodo, infatti, il tuo piccolo sta ancora rafforzando il suo sistema immunitario.

Ricordati di sterilizzare sempre qualunque oggetto che cade sul pavimento, anche i biberon (infrangibili) che il tuo piccolo “lancia” come se fosse un gioco: puoi anche semplicemente lavare e asciugare il biberon del tuo bambino, ma se ha accumulato molto sporco dal pavimento, è meglio sterilizzarlo.

Man mano che cresce, impara a gattonare e inizia a portarsi ogni oggetto alla bocca. A questo punto ha già rafforzato la sua immunità, quindi avrà meno probabilità di infettarsi da agenti esterni: puoi quindi sterilizzare le bottiglie ogni tre giorni.

 

Perché devo sterilizzare i biberon del mio bambino?

Durante il primo anno di vita il bambino è più vulnerabile alle malattie. Se le bottiglie non vengono sterilizzate, virus, batteri e parassiti possono accumularsi e far ammalare il piccolo. Il tuo bambino potrebbe sviluppare qualsiasi cosa, da lieve mughetto a un più serio vomito e diarrea.

Sterilizzando l’attrezzatura per l’alimentazione del tuo bambino puoi prevenire contaminazioni batteriche potenziali che richiedono poi l’adozione, in alcuni casi, di idonee terapie con antibiotici.

 

Con che frequenza devo lavare lo sterilizzatore?

Anche lo sterilizzatore ha bisogno di tanto in tanto di essere pulito.

La pulizia delle parti interne dello sterilizzatore serve per rimuovere l’accumulo eventuale sedimento che si forma a causa dell’acqua dura, che si sviluppa naturalmente nel tempo e di solito si manifesta intorno alla piastra di riscaldamento. È importante tenere presente che l’accumulo a lungo termine incrostazioni può influire sul funzionamento dell’unità, causando danni alla macchina stessa. Se non ci si prende cura dello sterilizzatore, la vita del prodotto potrebbe essere compromessa.

I cesti, la camera, le pinze, la tazza possono essere puliti in lavastoviglie in base al loro utilizzo. Questi oggetti però in genere non si sporcano mai davvero, quindi la pulizia può essere del tutto superficiale, limitandosi talvolta ad asciugare le parti interne dai residui di condensa.

 

Posso riporre in orizzontale le bottiglie nel mio sterilizzatore?

Si consiglia di non mettere le bottiglie in posizione orizzontale mentre si utilizza lo sterilizzatore, poiché il vapore deve penetrare all’interno e intorno alle bottiglie. Il processo non sarebbe altrettanto efficace se le bottiglie fossero sdraiate. Basta mettere i biberon nel portabottiglie a disposizione in modo che possa sterilizzare più accessori tutti insieme (generalmente fino a un massimo 8 bottiglie). Il processo sarà pienamente efficace se lo farai in modo corretto.