Le 5 Migliori Chitarre Elettriche: E Vai di Assolo !

migliore-chitarra-elettricaLe chitarre elettriche sono un’invenzione recente rispetto alla lunga storia della chitarra come strumento musicale. A differenza di una chitarra classica, dalla quale si è evoluta, la migliore chitarra elettrica ha un corpo solido senza cassa di risonanza.

Inoltre è amplificata elettricamente attraverso i pickup, che convertono le vibrazioni delle corde in un segnale. Quest’ultimo, passa poi in un amplificatore e viene emesso da un altoparlante.

È anche possibile modificare il suono attraverso speciali dispositivi, i pedali della chitarra elettrica. Effetti come distorsione, overdrive e riverbero sono da tempo molto comuni nella maggior parte dei generi musicali, in particolare rock, metal, blues e persino jazz.

Molti ritengono che questo strumento sia solo per chitarristi esperti, ma non è così. Tuttavia, è importante non lanciarsi nell’acquisto se prima non si è sviluppata abbastanza abilità su una chitarra acustica. E dopo aver fatto un po’ di pratica, sarà più facile individuare il tipo di chitarra elettrica più adatto a te.




Le migliori chitarre elettriche

Qual è la migliore chitarra elettrica?

Non c’è dubbio che la marca della chitarra sia importante. C’è da dire però che ci sono anche modelli meno noti, alcuni artigianali, che vale la pene prendere in considerazione. Sul mercato si trovano tante opzioni e per risparmiare un poco ci si può affidare alla vendita online, dove è possibile trovare offerte più economiche.

I prezzi possono essere molto variabili in funzione dei modelli, soprattutto per quanto riguarda i brand più famosi. Si consiglia ai meno esperti di confrontare le opinioni che si leggono nelle recensioni di prodotto. Valuta bene se una chitarra a basso prezzo ti garantisca una qualità del suono adeguata.

 

#1 Gibson Usa Les Paul Standard 2016 T Fireball Chitarra Elettrica – La migliore per l’inimitabile

È una delle chitarre elettriche più famose nella storia del rock. Progettata nel 1952, si presenta oggi con forma, materiali ed elettronica sostanzialmente invariati rispetto al modello originale.

La versione Standard è caratterizzata dalla tastiera in palissandro e dai tipici capotasti in madreperla trapezoidali. I pick up sono humbuckers. Il suo tono dolce e profondo ha conquistato nel corso dei decenni milioni di fan in tutto il mondo. Viene fornita completa di custodia rigida.

  • Timbro inconfondibile
  • Tastiera scorrevole
  • Con custodia rigida

 

#2 Epiphone Les Paul Black Beauty 3 Chitarra Elettrica – La migliore per classe inconfondibile

Questo modello di chitarra elettrica è stata spesso definita “lo smoking definitive” Les Paul.

E con i suoi dettagli in oro, il corpo e il top in mogano, la tastiera in palissandro con intarsi in madreperla, è veramente un modello unico nel suo genere.

  • Design
  • Esclusiva
  • Timbrica

 

#3 Cort B-001-0723-0 Matt Bellamy Signature – La migliore per prezzo interessante

È una chitarra elettrica solid body, con corpo in tiglio, manico in acero e tastiera in palissandro. Ha 22 tasti (capotasto da 43 mm), meccaniche Cort Locking, hardware Chrome.

Completano le sue caratteristiche costruttive il ponte Tom, i pick-up Manson Designed Single Coil / Humbucker. Viene fornita equipaggiata con un set di corde d’Addario.

  • Solid body
  • Timbrica
  • Comfort

 

#4 Fender Standard Telecaster Lake Placid Blue MN – La migliore per il suono della leggenda

Sin dalla sua introduzione, è stata la chitarra prediletta dai professionisti per il timbro ricco e il suono potente. Questo modello incorpora il meglio di tradizione e innovazione, con single-coil più potenti, tasti medium jumbo e meccaniche cast/sealed.

Il manico dal design moderno dona comfort e prestazioni, con un profilo a C contemporaneo (la forma del manico in sezione trasversale) e una finitura posteriore liscia. Ideale per chi suona con il pollice appoggiato sul lato posteriore del manico.

  • Agile
  • Suono ricco
  • Comfort

 

#5 Yamaha EG112GPII Chitarra Elettrica – La migliore per completa di tutto

È uno dei modelli di base più apprezzati dai chitarristi di tutto il mondo. Il manico comodo, la tastiera in palissandro, la grande qualità e varietà timbrica, con le diverse regolazioni dei pickup, ne fanno un prodotto interessante dal punti di vista del rapporto qualità e prezzo.

I controlli includono selettore pickup a 5 posizioni, volume e tono. Viene fornita completa di custodia originale, set corde Yamaha, tre plettri, tracolla, accordatore, cavo jack, amplificatore.

  • Comfort
  • Varietà timbrica
  • Maneggevole




Come funziona la chitarra elettrica?

Mentre gli stili e i modelli possono cambiare nel corso del tempo, il funzionamento della chitarra elettrica si è mantenuto praticamente invariato.

Il pickup montato sul corpo funziona come un campo magnetico. Quando una corda metallica viene pizzicata e inizia a vibrare, genera una corrente. Quella corrente viene trasmessa dal pickup attraverso un circuito di pre-amplificazione con controlli di tono all’amplificatore. Quest’ultimo amplifica il segnale e lo invia a un altoparlante, che lo converte in onde sonore.

Il tipo di pickup, i controlli del tono, le tecniche di esecuzione e altri fattori integrati nel design della chitarra influenzano il ​​segnale che viene inviato all’amplificatore. In breve, ogni componente della chitarra influisce sul suono.

Corpo della chitarra elettrica?

Ce ne sono tre tipi di base, ognuno con le sue caratteristiche. Vediamoli brevemente insieme.

Corpo solido

La chitarra elettrica solid body è il tipo più comune ed è composta da una solida lastra di legno. Le chitarre a corpo solido possono spaziare da un semplice modello a pickup singolo a uno strumento multi-pickup e con un gran numero di opzioni elettroniche. Sebbene le chitarre a corpo solido non producano la stessa risonanza dei modelli a corpo cavo, i legni usati hanno un impatto sul suono dello strumento.

Corpo cavo

Come suggerisce il nome, queste chitarre elettriche hanno corpi cavi – molto simili a quelli di una chitarra acustica – e producono più risonanza grazie al loro design. Presentano di solito un arco superiore e sono più inclini al feedback. Molti chitarristi jazz preferiscono il corpo cavo per i suoi toni pieni, ricchi e per la risposta dei bassi profonda.

Corpo semi-cavo

Simile al corpo cavo, il corpo semi-cavo ha più risonanza di un corpo solido. Tuttavia, le chitarre semi-hollow sono progettate con un blocco di legno centrale solido che aggiunge stabilità e sustain (capacità nel mantenere il suono) e aiuta a ridurre il feedback. Molti chitarristi di blues amano il calore del semi-hollow, insieme all’attacco e al sustain aumentati grazie al blocco centrale. Le chitarre semi-hollow possono essere ideali per molteplici generi di musica, dal blues al jazz, fino al punk rock.

Legni della chitarra elettrica?

La scelta dei legni influisce naturalmente sul tono e sul peso di una chitarra, ma anche su altri fattori.

Legni più costosi non significano necessariamente una chitarra dal suono migliore. La domanda importante che ti devi porre al momento dell’acquisto è se effettivamente ti piace il suono di quel determinato strumento.

Manico della chitarra elettrica?

La scelta del tipo di manico è strettamente legato alle dimensioni della tua mano. I colli sono disponibili in una serie di forme come a forma di C, sottili, larghi, ecc.

La giunzione tra manico e corpo è uno dei nodi cruciali su cui si basa la costruzione di una chitarra, che essa sia bolt-on o set in o neck-thru. Queste tre diverse tipologie costruttive influiscono non poco sul suono finale, caratterizzando lo strumento nel suo voicing naturale che può essere più brillante o più rotondo, con più o meno sustain.

Nel bolt-on (tipico di Fender) i manici vengono imbullonati al corpo con quattro viti: timbricamente la costruzione bolt-on conferisce allo strumento un sapore più grezzo, selvatico se vogliamo. Fornisce una maggiore riserva di volume e un propagarsi delle frequenze medio alte che rende il suono più frizzante.

Il set-in è la classica giunzione che si trova negli strumenti Gibson, vale a dire manico e body incollati insieme. Questo tipo di costruzione fa sì che il legno del manico e quello del corpo siano legati da uno strato di collante molto potente, col risultato di rendere il tutto come se fosse un pezzo unico. Il sustain e il propagarsi delle vibrazioni saranno sicuramente superiori dal momento che non incontrano l’impedimento delle viti e il suono sarà piacevolmente caldo.

Nei modelli neck-thru il manico e la sezione centrale del body sono un unico pezzo di legno in grado di fornire il massimo sustain possibile. Questo si traduce in una maggiore precisione globale del suono, insieme a una più elevata definizione e chiarezza nell’attacco. La produzione di strumenti neck thru è però la più dispendiosa su larga scala e quindi rimane maggiormente usata in ambito liuteristico-artigianale limitandone l’adozione da parte di case prestigiose

Offerte chitarre elettriche

Lunghezza della corda vibrante

La lunghezza della corda vibrante influisce sia sulla qualità tonale delle note prodotte sia sulla tensione della corda in corrispondenza di una particolare altezza. La lunghezza della scala si riferisce alla lunghezza vibrante della corda, che è determinata dalla distanza tra il primo capotasto e il ponticello. La larghezza del tasto è basata sulla lunghezza della corda vibrante, quindi quelle più lunghe hanno una maggiore distanza tra i tasti.

La maggior parte delle moderne chitarre elettriche impiegano una delle due lunghezze comunemente usate: la “Gibson” a 24.75 pollici che dà alla Les Paul il suo attacco rotondo, e la “Fender” a 25.5 pollici, che rende la Strat chiara e tagliente. Quella da 25 pollici, utilizzata da altri produttori, produce un tono distintivo e non è un compromesso tra Gibson e Fender.

Intonazione della chitarra elettrica?

L’intonazione determina se le note vengono prodotte alla giusta altezza mentre ci si muove lungo i tasti del manico. Se la distanza tra i tasti (di solito oltre il 12° tasto) non è corretta, non si può suonare con la giusta intonazione, rendendo impossibile l’esecuzione insieme ad altri strumenti.

La maggior parte delle chitarre elettriche ha 22 tasti, tuttavia, se ti piace suonare nel registro alto, un collo a 24 tasti ti darà l’ottava completa sopra il dodicesimo tasto.



Ponticello della chitarra elettrica?

Esistono due tipi principali di ponte per le chitarre: ponte tremolo e il stop tail o Tune-o-matic. Il ponte tremolo è un particolare tipo di ponte che consente, attraverso una leva, di allentare e in alcuni casi anche di aumentare la tensione delle corde variandone l’intonazione. Il ponte stop tail è il tipico sistema adottato da Gibson.

Consiste nella combinazione di due parti: la prima prende il nome di stop tail oppure stop bar ed è una barra metallica ancorata al corpo su due punti sulla quale vengono bloccate le corde che vanno poi al ponte vero e proprio.

Pickup della chitarra elettrica?

La maggior parte delle chitarre ha due pickup, uno vicino al collo, che fornisce un suono più denso, e uno vicino al ponte, che produce un suono vibrato più alto. Un interruttore a 3 posizioni consente di scegliere tra pickup o miscelarli. Alcune chitarre hanno un interruttore a cinque posizioni, che miscela i pickup e cambia la loro relazione di fase per produrre toni “vitrei”. Un terzo pickup centrale è disponibile anche su alcune chitarre per ulteriori opzioni di mix audio.

Il tipo di meccanica è molto importante. È ciò che ti permette di sintonizzare e mantenere l’intonazione. I sistemi chiusi resistono alla ruggine e agli agenti corrosivi dell’aria, e quindi non richiedono la stessa manutenzione o sostituzione dei sistemi aperti.

Costo della chitarra elettrica?

Le migliori chitarre elettriche professionali possono costare molto. Tutto dipende dal tuo budget e se vuoi fare un investimento serio o molto più contenuto. Tuttavia, c’è da dire che una chitarra elettrica di buon livello, anche se richiede qualche sacrificio economico, non ti deluderà mai.

Tieni anche presente che a differenza di una chitarra acustica, le chitarre elettriche richiedono molti altri accessori come un amplificatore, cavi, plettri, sintonizzatori e effetti pedali. E anche cuffie per suonare senza disturbare famigliari e vicini e una custodia rigida o una borsa da viaggio e da trasporto.

Inoltre, le corde della chitarra elettrica tendono a costare più di quelle della chitarra acustica. Quando definisci il tuo budget dovresti includere anche tutti questi fattori.

Effetti della chitarra elettrica?

Le chitarre elettriche ti offrono molte più opzioni audio perché gli amplificatori e gli effetti pedali possono darti un’infinità di suoni differenti.

Inoltre, con vari tipi di software e persino app digitali, puoi ottenere suoni totalmente diversi, specialmente se il tuo obiettivo è registrare canzoni.

Chitarra elettrica a sette corde?

Un’altra cosa a cui pensare è se vuoi aumentare il numero di corde. Tradizionalmente, le chitarre elettriche hanno sei corde. Tuttavia, i musicisti heavy metal e persino alcuni di altri generi emergenti hanno optato per le chitarre a sette e otto corde. Non è consigliabile per principianti andare subito su un elettrico a sette o otto corde. Ma se ti piace suonare e sei dedito allo studio (e se hai i soldi da spendere), allora non c’è motivo per cui non dovresti prendere in considerazione una buona chitarra a sette corde.