Lavora in Sicurezza con i 5 Migliori Caschi da Saldatura Auto-oscurante

miglior-casco-da-saldatura-auto-oscuranteLa maschera per saldatura è uno dei componenti più importanti dei dispositivi di protezione individuale (DPI) di un saldatore. Usare il miglior casco da saldatura auto-oscurante protegge gli occhi e la pelle non solo dagli spruzzi di saldatura ma anche dagli eventuali danni dei raggi ultravioletti e infrarossi emessi dall’arco.

Oggi le maschere per saldatura sono molto più funzionali rispetto a 10-15 anni fa. Sono progettate per ogni specifico impiego e rispondono a precise e rigorose disposizioni normative per quanto riguarda la qualità dei materiali e i requisiti di sicurezza e protezione.

Tra i tanti tipi di caschi presenti sul mercato, quelle ad oscuramento automatico, dovrebbero essere maggiormente utilizzate perché permettono un controllo variabile del livello di oscuramento, che viene regolato automaticamente dallo stato chiaro a quello scuro e viceversa. Funzionano grazie a due o più sensori che rilevano la luce dell’arco di saldatura e si scuriscono in pochi millisecondi, grazie al rapido cambiamento dello schermo a cristalli liquidi.




Qual è il miglior casco da saldatura auto-oscurante?

Nella vendita online puoi trovare gli stessi prodotti proposti dai negozi specializzati, con il vantaggio di poterli acquistare a basso prezzo.

Si consiglia di confrontare le caratteristiche dei diversi caschi leggendo le opinioni degli utenti pubblicate nel web. Il prezzo è commisurato alla qualità dei materiali e al numero di sensori disponibili.

È bene anche accertarsi che il modello scelto risponda ai criteri previsti dalla normativa vigente: oltre a verificare la presenza delle marcature, si può richiedere la scheda tecnica per controllare i parametri.

 

#1 Tacklife PAH03D Casco di Saldatura ad Arco – Il migliore per: chiara visibilità

Progettato in classe ottica di alta definizione 1/1/1/1 con 4 sensori premium, il casco può regolare rapidamente la luminosità. In questo modo protegge gli occhi e migliora sensibilmente la qualità della saldatura. La grande area di visualizzazione (pari a 100 x 73 mm) favorisce la riduzione dell’affaticamento agli occhi.

Si fa apprezzare anche per la sua leggerezza che, insieme a un’adeguata areazione, consente di indossarlo a lungo nel massimo comfort. Il tempo di risposta (luminoso o scuro è inferiore a 1/25000 secondi. Le impostazioni sensibili e ritardate consentono una regolazione graduale in base alle specifiche esigenze operative.

È realizzato in poliammide, resistente alla corrosione e ritardante di fiamma; la piastra frontale curvilinea aerodinamica offre una riduzione del calore e dei riflessi della luce. Viene fornito completo di custodia e di molteplici accessori.

  • Confortevole
  • Leggero
  • Accessoriato

 

#2 Fixkit Casco da Saldatura Auto Oscuramento – Il migliore per schermo ad alta definizione

Grazie al suo particolare schermo ad alta definizione, si ha una visione estremamente dettagliata dei punti saldati, a garanzia della massima precisione durante la lavorazione.

Inoltre, questa componente non richiede alcuna regolazione manuale, dal momento che cambiare automaticamente colore in base alla luce: una soluzione progettuale che consente di previene i danni legati alle radiazioni nocive di ultravioletti e infrarossi e i danni ai occhi causati dal glare della saldatura. Il tempo di ritardo (da scuro a chiaro) è di 0.15-0.8 secondi.

È un modello regolabile, per adattarsi alle diverse corporature ed è disponibile in quattro varianti estetiche: teschio, orso polare, aquila e cavaliere.

  • Robusto
  • Leggero
  • Tecnologico

 

#3 Yorbay Casco saldatura auto-oscurante – Il migliore per super leggero

Il suo materiale costruttivo è il PP, molto leggero e resistente, adatto anche a un utilizzo intenso. Si presta ad essere impiegato per effettuare qualsiasi tipo di saldatura: elettrica, TIG. MIG, a stagno.

La sua azione filtrante della luce agisce su molteplici livelli: evita la radiazione dannosa degli ultravioletti e degli infrarossi e proteggere gli occhi dalla luce violenta durante la saldatura.

Nello stesso tempo, garantisce una visibilità ottimale. È certificato CE: EN61000 ed è realizzato in conformità con lo standard FCC.

  • Robusto
  • Efficace filtrazione
  • Certificato

 

#4 KKmoon Casco da Saldatura – Il migliore per celle solari ad alte prestazioni

Questo casco è alimentato da celle solari ad alte prestazioni e ha due batterie al litio 3V incorporate con funzione di backup. Quando si inizia il lavoro di saldatura, lo schermo del filtro passa automaticamente da chiaro a scuro in meno di 0,25 secondi.

Il livello di protezione UV / IR è fino a shade 16 (DIN) in ogni momento, garantendo così un’efficace protezione. La sensibilità può essere regolata attraverso l’apposito selettore.

  • Batterie di backup
  • Regolabile
  • Comfort

 

#5 Spargo Maschera per taglio e saldatura – Il migliore per prezzo interessante

Proteggere gli occhi e il viso da scintille e radiazioni dannose durante i processi di saldatura (livello DIN15). È dotato di un filtro auto-oscurante che riduce automaticamente l’intensità della luce in ingresso non appena si inizia a saldare e ripristina lo stato iniziale una volta che il lavoro viene interrotto.

Il tempo di risposta è di 0,25 secondi. Il campo visivo è di 92 x 42 mm. Il casco si ricarica a energia solare e consente di impostare la sensibilità al livello desiderato. È conforme alla norma di sicurezza regolamentari e ANSIZ87 1-2003 standard.

La dotazione si serie include saldatura  una fascia regolabile e due lenti di ricambio.

  • Regolabile
  • Certificato
  • Accessoriato




Meglio lenti auto-oscuranti o standard?

Confrontando tra le lenti auto oscuranti con quelle di vetro standard si possono notare molteplici differenze.

Nei caschi con lenti fotosensibili, il filtro si scurisce in modo automatico quando i sensori rilevano l’arco di saldatura luminoso, mentre quando l’obiettivo non è attivo, la sua ombra di riposo è in genere a un livello #3 o #4 in modo da consentire di vedere facilmente.

Una volta che i sensori rilevano l’arco, l’obiettivo si scurisce a un livello che va da 8 a 13. I sensori sono alimentati da batteria o da una combinazione di batteria al litio e batteria solare, in questo modo si può tenere la maschera sempre indossata, rendendo più facile il puntamento e la posizione dell’elettrodo.

Al contrario, nei caschi con un vetro standard l’oscuramento è fisso. Si tratta di solito di una lastra con un livello di oscuramento 10 rivestita con protezione UV e IF.

Questi ultimi modelli sono più economici ma sono più impegnativi da utilizzare perché l’operatore deve alzare la maschera ogni volta che fissa la saldatura e il giunto. Tali movimenti ripetitivi su e giù dopo una giornata passata a saldare possono causare affaticamento e contrattura del collo. Inoltre saldatori meno esperti possono fare fatica a mirare correttamente il punto di saldatura una volta abbassata la maschera. Non dimentichiamo che una partenza scorretta può causare difetti di saldatura.

Gli schermi a tonalità variabile sono presenti su tutti i caschi con filtri auto oscuranti (ADF). Entrano in funzione quando i sensori rilevano la luce intensa attivando il filtro e oscurando l’obiettivo con la tonalità appropriata. Per proteggere gli occhi contro l’arco voltaico e ottenere una visione dell’intera saldatura, sono preferite le lenti a tonalità variabile.

Offerte caschi da saldatura auto-oscurante

Scegliere il casco da saldatura auto-oscurante?

Quali sono i fattori da prendere in considerazione nella scelta di un casco che sia sicuro, confortevole e funzionale? Ci sono una serie di elementi che possono aiutare i saldatori a scegliere la maschera maggiormente adatta alle proprie esigenze. Vediamone alcuni:

Tempo di reazione della lente

In parole povere, questo è il tempo che impiega l’obiettivo per scurire, o passare, dall’ombra normale (di solito # 3 o # 4), all’ombra protettiva e più scura. L’oscuramento si verifica nel momento in cui la saldatura scintilla e dovrebbe essere estremamente veloce per proteggere gli occhi da qualsiasi esposizione alle radiazioni.

Se c’è un leggero ritardo, l’esposizione risultante potrebbe causare disagio e una sensazione di secchezza negli occhi, nota anche come “arc eye”. Nel corso di mesi e anni di esposizione, è possibile che questo possa arrecare danni reali agli occhi. Come regola generale, i caschi più semplici avranno un tempo di reazione vicino a 1 / 3.600 di secondo, e le versioni più evolute possono arrivare a velocità di 1 / 20.000 di secondo. Dunque, più grande è il numero di frazione, più veloce è il tempo di reazione dell’obiettivo.

Sensori ad arco

I caschi ADF sfoggiano una serie di sensori che, rilevando la scintilla di saldatura, avviano il processo di oscuramento. Il numero, la posizione e la sensibilità di questi sensori sono importanti per essere sicuri che il casco sia in grado di captare in ogni momento e con precisione i livelli di luce circostanti, attivando la protezione oscurante.

Tutti i caschi ADF hanno bisogno di una sorta di fonte di energia. Questa si presenta principalmente sotto forma di pannelli solari, batterie (in genere litio) o una combinazione di entrambi.

Peso

La pesantezza del casco è un componente critico, per chiunque lavori a lungo: un modello pesante può aumentare in modo notevole la sensazione di affaticamento. Le protezioni leggere per la testa rendono la saldatura più sicura, meno impegnativa e più confortevole.

Comfort

Un casco comodo, flessibile e facilmente regolabile è l’ideale per chi lavora 8-10 ore al giorno. Se devi indossare questo casco tutto il giorno, è meglio che sia confortevole. Cerca un modello con una cinghia anteriore ammortizzata per un maggiore agio. Allo stesso modo, assicurati che il casco sia regolabile su, giù, avanti e indietro e che si fissi senza sforzo intorno al tuo viso. E, cosa non meno importante, verifica che abbia una buona dispersione termica.

Dimensione della lente

La dimensione standard della lente è 2″x 4″. Maggiore è la dimensione, maggiore sarà la capacità di vedere, tramite la lente esterna e interna. Questo sicuramente aumenterà il comfort durante il tuo lavoro.

Gamma di ombra

Assicurati che il casco che stai acquistando abbia la giusta gamma per il tipo di saldatura che farai. Può essere interessante procurarsi un casco protettivo con torcia o modalità luce. Ti risparmierà la fatica di toglierlo quando devi compiere diverse attività.



Sensibilità del casco di saldatura auto-oscurante?

I caschi protettivi consentono generalmente di regolare le impostazioni di ritardo e sensibilità. Tuttavia, i migliori caschi per saldatura auto-oscuranti avranno impostazioni di regolazione della sensibilità.

Il ritardo è la misura del tempo in cui l’obiettivo rimane offuscato o scuro dopo che l’arco luminoso della saldatura è terminato.

Il parametro della sensibilità è relativo alla luminosità dell’arco che dovrebbe essere emesso tutto insieme affinché la funzione di oscuramento automatico si attivi.

Quanti sensori nel casco da saldatura auto-oscurante?

La differenza tra i caschi di base e quelli più professionali si basa solitamente sul numero di sensori d’arco: i caschi di base sono in linea di massima equipaggiati con 2 sensori, mentre quelli più professionali ne hanno 3 o 4.

Come si può facilmente immaginare, più sensori d’arco sono presenti, meno possibilità ci sono che il casco si oscuri in un momento cruciale. Ciò è dovuto principalmente al fatto che maggiore è il numero di sensori, minore è la possibilità che tutti vengano ostruiti. Di solito due sensori dovrebbero essere sufficienti, ma se per esempio stai facendo più saldature fuori posizione, più sensori possono sicuramente aiutare.

Batterie del casco di saldatura auto-oscurante?

La durata della vita delle batterie ad energia solare viene solitamente calcolata in decenni, il che supera di gran lunga le loro controparti alimentate a batteria.

I modelli con questo tipo di alimentazione sono anche meno costosi nel lungo periodo, in quanto non è necessario spendere soldi per nuove batterie.

D’altra parte, i caschi ad energia solare devono essere posizionati per qualche ora al sole prima che possano funzionare correttamente. E una volta che l’energia si esaurisce, devono essere ricaricati di nuovo: un processo che può richiedere un paio d’ore. I modelli a batteria, invece, non richiedono alcun accorgimento e possono essere usati subito.

L’ideale è poter utilizzare un casco che combini entrambe le fonti, ossia batteria e ad energia solare. In questo modo, si ha un duplica vantaggio: il risparmio legato al fatto che la ricarica viene effettuata con l’energia solari e la praticità dovuta alla possibilità di utilizzare subito il casco, cambiando le batterie quando è necessario.