16 Oggetti Essenziali Per Lo Sci

Pronti per la neve? Avete già comprato gli scarponi da sci, il caschetto da sci per la nostra protezione, la giacca da sci in pendant con i pantaloni da sci e gli occhiali da sole per sciare? E non dimentichiamo di lasciare nel cofano lo zaino da sci, la borsa per gli scarponi, i guanti da sci e gli occhialini protettivi per la prima sciata!



1. Caschetto da sci

miglior-casco-da-sci

Che tu sia un neofita o un professionista dello sci, quindi ti si può considerare un esperto del campo, il casco da sci è fondamentale per il tuo abbigliamento e per sciare, appunto, in tutta sicurezza. Non dobbiamo mai dimenticare che lo sci è uno sport bellissimo ma anche molto pericoloso.

Negli ultimi anni c’è stata una bella ondata di popolarità e in molte piste non è solo obbligatorio per i bambini ma anche per gli adulti che vanno per piste, facili o meno. Oltretutto vi prego di non acquistare un casco che sia troppo largo, perché questa cosa non è assolutamente giusta.

Il caschetto è un acquisto che si fa per la nostra sicurezza, quindi deve aderire perfettamente alla forma della nostra testa e non va acquistato una taglia in più pensando che poi la testa del bambino crescerà e gli andrà bene perché non servirà a proteggerlo.

Mi raccomando, sempre e comunque, di non prendere il primo casco economico che si trova sul mercato ma è molto più giusto spendere qualche soldo in più per un elemento che serve alla nostra incolumità e che è in grado di salvarci la vita in caso di incidente.

 

2. Mascherine protettive

migliore-maschera-snowboard

Le piste, quelle bianche accecanti, possono essere messe a fuoco solo attraverso una lente protettiva che attutirà il colpo alla retina dato dalla neve, dal ghiaccio e dal sole che influenzano, molto in negativo, la visione dell’insieme che ci troviamo davanti.

Puoi cercare di cambiare il tuo modo di vedere le piste, appunto, solo grazie a occhiali da sci, con mascherina protettiva e con delle lenti speciali che cambiano anche in base a quelle che sono le condizioni climatiche.

Questa mi sembra già un’idea davvero molto intelligente e in grado di proteggere i nostri occhi, con qualsiasi clima.

Infatti non tutte le mattine sono uguali e una giornata con il cielo terso non è una giornata con la nebbia. Comprare degli occhiali che hanno le lenti intercambiabili non fanno altro che aiutarci in tutte le condizioni e le visuali possibili con cui potremmo avere a che fare.

 

3. Giacca da sci

Giacca-da-sci

È facile scegliere una giacca da sci solo perché ci piace il modello, ma visto che è la  barriera più potente che abbiamo per il freddo deve essere innanzitutto resistente al vento e all’acqua.

Per mantenere una temperatura confortevole a prescindere dalle condizioni esterne, scegli una giacca con aperture che portino una buona ventilazione ma anche una buona traspirazione in modo da non surriscaldare troppo l’interno ma, al tempo stesso, non lasciare entrare il freddo.

Le tasche con la zip, poi, sono degli ottimi portaoggetti e siate certi che si trovino un po’ ovunque sul giaccone. Le tasche, infatti, con la cerniera sono essenziali per tenere al sicuro i tuoi oggetti di valore.

Mentre alcune giacche sono fabbricate con materiale sintetico o isolante per una maggiore tenuta del calore ma sono un po’ ingombranti, non è raro che le giacche da sci siano quasi delle giacche a vento perché, anche se molto leggere, riescono a essere degli scudi per il freddo molto funzionali.

 

4. Maglie termiche

Per stare a proprio agio anche con le temperature fredde e in calo, uno strato di base termico, come una maglia termica di quelle tecniche, può diventare il tuo migliore amico. Il tuo strato base dovrebbe avere proprietà traspiranti per mantenere l’umidità lontano dalla pelle.

La lana merino è un tessuto altamente traspirante che è perfetto per questo scopo in quanto mantiene l’isolamento anche quando si bagna, cosa che può capitare spesso in montagna. Ma a nostro avviso la cosa più interessante è la lana merino non assorbe odori sgradevoli.

Questa è una differenza molto importante perché chiunque di noi abbia indossato delle maglie di tessuto sintetico sa perfettamente che dopo poche ore è molto probabile che si puzzi un bel po’ e non vogliamo di certo che questo ci accada nella nostra vacanza sulla neve.

 

5. Occhiali da sole

Occhiali-da-sole

Quando abbiamo finito di stare sulle piste può capitare che nel, nel momento in cui ci togliamo la mascherina protettiva, i nostri occhi possano bruciare un po’ a causa del bagliore troppo forte della neve.

Questa è una vera e propria cecità temporanea che nasce dalla sovraesposizione ai raggi UV della neve. Cerca di bloccare al 100% i raggi UVA, UVB, UVC e la dannosa luce blu, che viene provocata dal bianco della neve, con un buon paio di occhiali da sole, con le lenti polarizzate.

Se si preferisce utilizzare ancora la mascherina protettiva, anche dopo, abbiate attenzione nell’abbronzarvi per non lasciare grossi spazi bianchi, un po’ imbarazzanti, sul vostro viso che ha preso il sole e quindi è più scuro. Usate anche una crema solare, per non scottarvi troppo.



6. Calzini da sci

Calzini-da-sci

Una bella giornata sugli sci può diventare molto corta se abbiamo i piedi freddi e puoi evitare questo disastro investendo in calze da sci di buona qualità realizzate in materiale sintetico o lana così che il piede resti al caldo e si possa continuare a sciare con grande felicità.

Abitudine comune, e so che anche tu l’hai fatto, è che un doppio paio di calzini possano mantenerti più caldo, ma questo generalmente porta parecchio disagio con gli scarponi e una riduzione della circolazione periferica.

Una buona coppia di caldi calzini fornirà calore, comfort e protezione dall’umidità per garantire che nulla ti fermi sulle piste.

Non pensiamo mai a quanto possa essere difficile avere i piedi caldi senza avere il giusto calzino e, soprattutto, in una situazione come una vacanza in montagna è molto più probabile che i nostri piedi restino gelati e umidi e che si debba tornare in albergo prima del previsto.

 

7. Biancheria intima da indossare

Potrebbe essere difficile staccarsi dal comfort del cotone, ma promettiamo che la biancheria intima invernale è la chiave per stare bene tutto il giorno, anche se di solito si tratta di maglie più pesanti, di solito pensate proprio per la neve e, infatti, fabbricate con materiale termico o perlomeno sintetico ma atto a portare più calore.

Non si asciuga più velocemente degli indumenti intimi di cotone ma allontana anche il sudore dalla pelle, lasciandoti fresco e pronto a partire per le piste senza il problema di prendere umidità e freddo all’interno, al di sotto dell’abbigliamento da sci.

Quando eravamo piccini le nostre mamme erano, spesso, prudenti e ci vestivano sempre con una maglia intima di pura lana che servisse ad asciugare il sudore. Saremo anche diventati grandi ma non è cambiata l’idea di fondo: la lana asciuga il sudore senza lasciarci bagnati.

 

8. Felpe per lo strato intermedio

strato-intermedio

Lo strato intermedio è l’elemento principale di un abbigliamento da neve ed è proprio in questo strato che si intrappola quel calore vitale del corpo che è così prezioso sulle montagne per non farci prendere troppo freddo, per non restare fermi, in ipotermia.

Gli strati intermedi spaziano da quelle che sono le felpe sintetiche aderenti a quelle felpe con cappuccio più larghe o quei giubbetti, sempre di felpa, che sono più imbottiti degli altri due modelli che abbiamo messo a confronto.

Oltre al tuo strato base, che è sempre composta da una maglia termica, o di lana o di tessuto termico sintetico, questo strato deve essere traspirante per garantire che l’efficienza termica di questo capo non causi accumuli di umidità indesiderati proprio sotto alla giacca da sci.

Gli strati intermedi sono di solito anche usati nei rifugi, quindi tienilo a mente se speri di conquistare qualcuno durante il pranzo su nella baita o durante un aperitivo sulle piste e non avere timore di esagerare con qualche colore shock, anzi attirerai ancora di più l’attenzione.

 

9. Salopettes

Proprio come la tua giacca, i pantaloni da sci (o le salopette) devono resistere agli elementi esterni come ghiaccio, freddo o acqua, quindi se ti piacciono i pantaloni larghi o anche se ti piacciono quelli stretti dovrebbero avere un isolamento di qualità, una ventilazione con cerniera sempre a disposizione e una impermeabilità decente.

Le tasche con la zip manterranno gli skipass in un unico posto e anche il tuo portafoglio, che di certo male non fa. Sia che tu stia sciando o che tu stia facendo snowboard, è fondamentale che tu scelga un paio di pantaloni che ti stanno bene e ti permettono di muoversi liberamente.

Prova più modelli in negozio per trovare le salopette giuste per il tuo corpo anche perchè sarà questa salopette che tu porterai indosso mentre scii, quindi se tu non ti trovi a tuo agio non avrai neppure piacere di continuare a sciare durante tutta la vacanza.

 

10. Zaino da sci

Zaino-da-sci

Un buon zaino può fare la differenza tra lo sciare tutto il giorno e fare frequenti soste per comprare qualcosa da mangiare, qualche snack, una bottiglia d’acqua da portarsi dietro e soprattutto non deve essere ingombrante perché deve perfettamente aderire al nostro corpo durante le giornate di sci.

Preparati per una giornata intera in montagna scegliendo uno zaino con una capacità sufficiente e una buona quantità di tasche e scomparti ma che non sia troppo pesante.

Una combinazione di buone imbottiture, spalle larghe ma ergonomiche e tasche e taschini faranno al caso nostro. Mi raccomando anche di acquistare un modello che sia impermeabile così che le cose che abbiamo deciso di portarci dietro non si bagnino.

11. Berretti

I berretti possono essere fondamentali per mantenere il corpo caldo a basse temperature, soprattutto in montagna. Non appena la testa si raffredda, il resto del corpo si raffredderà di conseguenza, quindi vale la pena assicurarti di indossare un buon cappello.

Quello che è un copricapo di buona qualità può fare la differenza davvero in questo tipo di vacanza. Non appena scendiamo dalle piste e ci togliamo il casco il tuo berretto dovrebbe continuare a mantenere la testa al caldo anche se siete a spasso per il resort o seduto fuori all’ora di pranzo.

Bisogna anche dire che, visto che parliamo di testa e calore, si può assolutamente affermare che un buon cappello è in grado di migliorare il calore corporeo di più del 10 per cento. E poi è sempre un buon motivo per non avere emicranie o problemi di sinusite.

Ci sono berretti, poi, molto simpatici per i cuccioli di casa, divertenti o coloratissimi che faranno sì che i nostri bambini siano molto più invogliati a portare i cappelli di lana che, soprattutto i più piccoli, non hanno mai voglia di tenere in testa anche se fa molto freddo.

12. Guanti di lana o guanti impermeabili

migliori-guanti-da-sci

Hai mai provato a tenere un bastone da sci con le mani congelate? Possiamo assicurarti che non è facile o piacevole, anzi non lo è per niente! Assicurati che l’abbigliamento da sci sia all’altezza, ovviamente, e che sia impermeabile e questo è molto importante.

Ma altrettanto importante è sicuramente pensare a come proteggere quelle che sono le nostre dita. Anche perchè come ben sapete sono proprio le dita le prime che possono congelarsi e possono creare grossi problemi di circolazione e andare in cancrena.

Quindi è un bene pensare a come gestire al meglio le nostre estremità, quindi siate ben attenti con le dita delle mani ma anche con i nostri piedi, fate in modo che questo tipo di situazione non arrivi mai al limite e che siano sempre al caldo e asciutte.

Non dobbiamo mai essere troppo scontati o superficial sulla scelta dei guanti perché avere i geloni non fa piacere a nessuno! Potrebbe anche succedere che, con il freddo, si creino dei taglietti sulle dita molto dolorosi, quindi portatevi anche una crema protettiva per ogni evenienza.

13. Scaldacollo

Scaldacollo

Un scaldacollo (o uno sciarpone) è un’aggiunta divertente e versatile al tuo abbigliamento da sci ed è anche molto carino da tenere indosso, a prescindere al fatto che ci aiuti, in maniera più che evidente a tenere una parte così delicata al caldo.

Oltre all’evidente funzione di mantenere il collo caldo, di cui vi ho appena parlato, le caratteristiche del prodotto che più ci dovrebbero interessare sono i tessuti ad asciugatura rapida e la traspirabilità che ci permetterà di tenere il collo asciutto e quindi non peggiorare le nostre condizioni di salute.

La bellezza degli scaldacollo è proprio nella loro adattabilità: puoi indossarli come cappuccio, sciarpa, bandana, passamontagna, fascia per capelli e non solo, le opzioni sono infinite.

E, ovviamente, sarà molto interessante anche dal punto di vista della nostra salute visto che il collo è una parte che prende spesso molto freddo e che è sempre soggetto a cervicale, torcicollo e dolori muscolari.

Chiunque soffra di cervicale, come me, saprà bene quali sono tutti gli effetti collaterali di un colpo al collo, cioè vertigini, tachicardia, formicolii, mal di testa e tanto altro.

14. Ricetrasmittente

E’ certamente molto interessante per la nostra sicurezza avere con sé una ricetrasmittente o uno di quegli orologi tracker che funzionano anche in caso di assenza di segnale telefonico.

Infatti queste ricetrasmittenti di cui parlo trasmettono un segnale elettronico quando sciamo e se qualcuno che lo indossa viene intrappolato in una valanga gli altri del gruppo possano ricevere un segnale per aiutarli a localizzarli.

Anche l’orologio digitale è molto interessante, sempre in questa idea di sicurezza che dovremmo sempre portarci dietro, anche quando andiamo a sciare solo per una giornata, casomai per una domenica insolita lontano dallo stress della città.

Ma che tu sia uno sciatore esperto o meno questa cosa non interessa a nessuno e di certo non interessa alla valanga se decide di cadere. E noi dobbiamo essere pronti ad ogni evenienza, soprattutto di questi tempi in cui la tecnologia aiuta e anche parecchio.

15. Pigiami invernali

Ovviamente abbiamo sempre idea che, di notte, in montagna faccia molto freddo. Ma dobbiamo anche renderci conto che non sempre è così, cioè ci sono anche alberghi in cui il riscaldamento è molto alto.

Ci sono delle strutture, infatti, che hanno una temperatura interna, casomai con pavimento riscaldato, e quindi non dobbiamo per forza portare dei pigiami in pile che potrebbero essere molto pesanti e molto poco confortevoli.

Fai in modo che nella tua valigia ci siano sempre due tipi di pigiami, uno invernale e uno più leggero, in modo tale che sia tu a scegliere come sia più comodo dormire. So che la cosa può sembrare stupida ma dormire bene è importante, specie se si fa attività fisica.

Il sonno è il nostro ristoro, dormire male fa sì che il nostro corpo non sia pronto ad un allenamento importante come quello di una giornata sugli sci. Oltretutto il sonno controlla anche il nostro metabolismo, quindi è sempre meglio riuscire a riposare bene per stare bene anche sulle piste.

16. Dvd per tutta la famiglia

So che anche questo tipo di consiglio potrà sembrare banale ma cosa c’è di meglio che passare una bella serata in famiglia dopo una giornata impegnativa sulla pista da sci? Non tutti gli alberghi hanno animazione e potremmo anche decidere di affittare una casa per le vacanze.

Proprio per questo portare una scorta di dvd da vedere sullo schermo della tv non è affatto un’idea stupida, anzi è un modo per essere pronti a qualsiasi evenienza. Sciare è un’attività faticosa e non sempre avremo voglia di fare tardi la sera al ristorante o in una discoteca.

Soprattutto se abbiamo dei figli piccoli che abbiamo deciso di portare con noi è sempre un’idea carina pensare di guardare insieme un film in tv e portare i cartoni preferiti dei nostri figli può essere un modo per passare una serata in allegria, tutti insieme.

Tutti questi consigli, per quanto vi possano sembrare scontati, sono molto interessanti per quelle persone che non hanno grande dimestichezza con la neve e che hanno voglia di iniziare a praticare questo sport che è bellissimo ma anche parecchio impegnativo.

Sapere come vestirsi, sapere quali tipo di occhiali portare con sé, non è una cosa da non tenere in considerazione, specie per tutte quelle persone che non sono abituate alle neve e che non hanno nessuna idea di come ci si possa preparare a un freddo intenso.

Questo tipo di consigli, quindi, sono davvero essenziali per tutti coloro che sono neofiti della vacanza sulla neve e questi articoli informativi non fanno altro che migliorare quella che è la qualità della nostra vita, anche in vacanza.

E sappiamo benissimo cosa significhi essere stressati da un’intensa stagione lavorativa e avere, quindi, voglia di staccare la spina e di portare tutta la famiglia sulla neve.



Lascia un commento