Piano cottura a induzione come funziona

La cottura a induzione si sta diffondendo sempre di più nelle case italiane. E questo è comprensibile, dato che rispetto ai tradizionali piani con funzionamento a gas l’induzione cuoce più velocemente, è più efficiente dal punto di vista energetico ed è più sicura.

Senza contare che, con l’installazione dei pannelli fotovoltaici (favorita dal Superbonus 110% per le fonti rinnovabili), puoi cucinare a costo zero.

Il grande vantaggio di utilizzare un piano a induzione è che c’è pochissima dispersione energetica durante la cottura. Tutta l’energia si concentra sul fondo della padella e non anche sui lati, come avviene invece con il gas.

Hai dubbi, perplessità, domande su questa tecnologia così innovativa? Hai effettuato più volte la ricerca nel web piano cottura a induzione come funziona e non sei venuto a capo di nulla? Allora non perderti il nostro articolo!

Principi di funzionamento del piano a induzione

Un piano cottura con piastre a induzione funziona con l’elettricità. L’elettricità viene fatta passare attraverso una bobina che viene eccitata a una frequenza specifica, generando un campo magnetico variabile.

Questo induce una corrente elettrica nel secondo conduttore, vale a dire la pentola utilizzata per la cottura, facendola scaldare.

In altre parole, in questo sistema è la padella che cuoce per induzione del campo elettromagnetico che genera calore.

Proprietà dei piani di cottura a induzione

Come per tutte le nuove tecnologie, è importante conoscere da vicino le proprietà del piano di cottura a induzione, allo scopo di ottenere i migliori vantaggi nella preparazione dei cibi.

1. Efficienza

Proprieta-dei-piani-di-cottura-a-induzione

Nella cottura a induzione l’efficienza energetica è di gran lunga superiore rispetto ad altre tecnologie. Poiché sul piano cottura elettrico a induzione viene riscaldato solo il fondo della pentola, durante la cottura non viene dispersa energia.

Inoltre, le cucine a induzione più evolute rilevano quando non c’è la padella su una determinata zona di cottura. Il piano disattiva quella zona di cottura fino a quando la pentola non viene nuovamente posizionata in quel punto.

2. Rapidità

Dal momento che le pentole in metallo assorbono tutta l’energia elettrica, si riscaldano anche più velocemente, con una distribuzione omogenea del calore. L’acqua bollirà più velocemente e la tua padella sarà a 200 gradi in 30 secondi, con consumi minimi.

Questo è importante da sapere perché molte persone pensano di dover preriscaldare le pentole con l’induzione. E invece no!

Quando metti la padella sul piano, puoi versare subito dell’olio o del burro e iniziare a preparare i tuoi cibi. I tempi di cottura sono così rapidi che ti stupiranno.

3. Flessibilità

L’induzione reagisce rapidamente alle variazioni di temperatura. Brucia qualcosa? Abbassa la potenza e la tua padella diventerà immediatamente meno calda.

4. Sicurezza

La cottura a induzione è nota per essere sicura. La padella si scalda, e anche il piano cottura, ma non appena la padella viene rimossa, il piano cottura si raffredda rapidamente.

Sul display compare un simbolo fino a quando il piano non si è completamente raffreddato. Il piano a induzione rileva se sulla zona di cottura è effettivamente presente una pentola misurando se viene assorbita energia sufficiente.

Se non è più così, non si riscalda nulla e la zona di cottura si spegne.

5. Pulizia

I piani cottura elettrici ad induzione sono rivestiti da un piano in vetroceramica resistente al calore. La superficie non ha spigoli, angoli e fessure. Ciò consente di pulire l’intera piastra in una sola passata.

6. Rumorosità

Il piano include una ventola che si accende automaticamente in base alla temperatura interna. È normale sentire rumori di circolazione dell’aria. La sua accensione o spegnimento dipende dalla temperatura della piastra elettrica.

A ciò si può aggiungere una sorta di ronzio nel caso in cui la pentola presenti dei componenti non perfettamente fissati. Questo si avverte soprattutto alle alte potenze.

7. Altre considerazioni

In linea di massima i piani di cottura a induzione magnetica possono essere utilizzati in tranquillità da tutte le fasce di utenza. Sono prodotti tecnologici e per la casa moderna.

Tuttavia i portatori di pacemaker o di altri dispositivi sanitari elettronici prima dell’installazione dovrebbero prima confrontarsi con il proprio medico.

La minor profondità del piano a induzione rispetto alle altre tecnologie di cottura facilita la fruizione a chi si muove sulla sedia a rotelle.

Differenza tra l’esperienza della cottura a gas o induzione

Differenza-tra-lesperienza-della-cottura-a-gas-o-induzione

Induzione o gas? Se passi dalla cottura a gas alla cottura a induzione, dovrai abituarti un po’ al metodo di cottura.

Intensità del calore

Quando cucini sui fornelli a gas puoi vedere esattamente qual è l’intensità della fiamma e calcoli così facilmente quanto tempo impiega il cibo a scaldarsi. Nella cottura a induzione, invece, no.

Su un piano cottura a induzione spesso si vede solo l’impostazione, defina da una scala che solitamente va da 1 a 9. Dovrai capire, con l’esperienza, quale intensità di calore ottieni in base al livello selezionato.

Regolazione della temperatura

Se si abbassa la fiamma su un fornello a gas, questo ha un’influenza diretta sulla temperatura nella padella. E questo avviene anche nel fornello a induzione.

L’esperienza durante la cottura è quindi la stessa. Puoi regolare rapidamente la temperatura.

Questo non è il caso, ad esempio, dei piani cottura in vetroceramica. Questi elettrodomestici trattengono infatti il calore per un periodo di tempo più lungo.

A proposito di pentole

Come abbiamo già avuto modo di illustrare, il calore è generato da campi magnetici tra la padella e il fornello a induzione.

Non tutte le pentole sono quindi adatte alla piastra a induzione. La padella deve essere in grado di condurre bene l’elettricità.

Vuoi sapere se le tue pentole sono adatte alla cucina a induzione? Puoi verificarlo appoggiando un magnete sul fondo. Se il magnete si attacca, la padella è adatta alla cottura a induzione.

Ci sono grandi differenze di qualità tra le pentole. In generale vale questo principio: più spesso è il fondo della padella, meglio è, perché favorisce un riscaldamento più rapido e uniforme.

Attenzione all’installazione

Per attivare le bobine elettriche posizionate sotto il piano di cottura viene prodotto un po’ di calore. Questo non è pericoloso, ma è importante tenerne conto quando si progetta una nuova cucina.

Se il raffreddamento è insufficiente, le bobine diventano troppo calde e possono bruciarsi. È quindi importante ventilare adeguatamente la parte inferiore del piano.

A seconda delle specifiche tecniche della piastra e del mobile, il tuo installatore ti fornirà la soluzione migliore. Solitamente viene posizionata una griglia nello zoccolo sotto il piano cottura a induzione elettrica che garantisce una ventilazione adeguata.

Conclusioni

La cottura con fuochi a induzione presenta numerosi vantaggi. È veloce, efficiente e rispettosa dell’ambiente: (non dimentichiamo che l’elettricità è una fonte energetica sostenibile). È anche completamente sicura e la pulizia… è un gioco da ragazzi!

Se passi da un piano a gas a uno induzione, dovrai abituarti a una metodologia di cottura differente. Ma in poco tempo acquisirai una dimestichezza tale che il tuo nuovo piano a induzione non avrà più segreti per te.

Fonti:

Lascia un commento