Piano cottura induzione pro e contro

Non c’è da stupirsi che il piano cottura a induzione sia attualmente uno dei più richiesti. Il sistema apporta infatti molti vantaggi.

A differenza di altre tecnologie elettriche, è subito pronto all’uso, riscalda velocemente il contenuto di una pentola e si raffredda appena sollevi la padella dalla superficie.

Ma prima di fare il grande passo, proviamo a rispondere a questa domanda: piano cottura induzione pro e contro?

Vantaggi e svantaggi del piano di cottura a induzione

Sappiamo bene che cucinare su un piano a induzione è più veloce, più sostenibile e più efficiente rispetto ai piani cottura a gas. Senza contare il piano della cucina a induzione è molto più facile da pulire.

Quali altri vantaggi ha? E ci sono anche degli svantaggi?

Qui di seguito ti presentiamo piano cottura induzione pro e contro:

1. Vantaggi della cottura a induzione

Vantaggi-della-cottura-a-induzione

Partiamo dalla parte più coinvolgente dell’argomento: vediamo subito quali benefici puoi ottenere se scegli di passare a questa tecnologia di cottura.

  • Rapidità di cottura

Se metti una pentola con un litro di acqua sul piano a induzione, inizierà a bollire dopo qualche minuto.

In effetti, a differenza di un fornello a gas un piano cottura a induzione non ha bisogno di aria per condurre il calore. Di conseguenza, la bollitura e la cottura in generale possono richiedere meno del 50% di tempo.

Molti modelli sono anche dotati della funzione boost, con la quale l’acqua bolle ancora più velocemente. Ma i consumi energetici sono leggermente superiori.

  • Controllo preciso della temperatura

A differenza delle altre tecnologie applicate ai piani di cottura elettrici, i piani a induzione offrono la possibilità di controllare la temperatura in modo preciso, per risultati culinari impeccabili.

Una volta che la disattivi, l’area di cottura si raffredda rapidamente: non corri quindi il rischio che il latte della colazione inondi il piano!

  • Efficienza energetica

Con un piano cottura a induzione provoca poca poca dispersione di calore. Il piano si spegne automaticamente quando togli la pentola e quindi consuma energia elettrica solo quando ne hai bisogno.

Anche perché tutta l’energia si concentra nel riscaldamento della pentola e non del piano, garantendo un’efficienza energetica fino al 90%. E tu risparmi fino al 30% di elettricità.

Senza contare che la distribuzione del calore è uniforme, garantendoti risultati ottimali.

  • Superficie fredda

Mentre nei piani in vetroceramica è la superficie che si riscalda, in quelli a induzione è la pentola che emana calore, mentre il piano rimane quasi freddo.

  • Sicurezza

La cottura dei cibi con le cucine elettriche a induzione è molto sicura perché non ci sono fiamme vive. E quando l’olio schizza da una padella calda, non corri il rischio che faccia una fiammata.

C’è anche molto meno rischio di scottature rispetto ai fornelli a gas perché il piano cottura si scalda solo sotto la padella. Inoltre, le pentole sono posizionate su una superficie piana in modo che siano molto stabili.

Inoltre non c’è il rischio di fughe di gas.

  • Manutenzione ordinaria

Un piano cottura ad induzione può essere pulito molto rapidamente perché la superficie è una piastra vetroceramica. Solitamente è sufficiente passare un panno umido per rimetterlo a nuovo.

Senza contare che, a differenza della cottura a gas, con i fornelli a induzione puoi rimuovere eventuali impurità subito dopo la cottura, poiché il piano cottura si raffredda immediatamente non appena togli la padella.

Ecco perché alla domanda meglio induzione o gas? la risposta è abbastanza ovvia.

2. Svantaggi della cottura a induzione

Svantaggi-della-cottura-a-induzione

Come si sul dire, non è tutto oro quello che luccica. E anche i fornelli induzione hanno i loro lati negativi.

  • Costo

Iniziamo con l’aspetto più critico: il budget! Sì, perché l’acquisto di un piano di cottura a induzione richiede un investimento medio di 250 euro, contro i 150 euro di un piano in vetroceramica e i 100 euro di un modello a gas.

Il prezzo, naturalmente, sale se scegli una cucina a induzione con forno.

Tuttavia, tieni presente che con un uso frequente l’investimento si ammortizza, grazie alla maggiore efficienza energetica del sistema a induzione.

  • Pentole

Per cucinare su un piano a induzione, il fondo della pentola deve essere magnetico, altrimenti non genere il necessario campo magnetico per surriscaldarsi. Questo spesso significa che devi comprare nuove pentole.

Nel dubbio, prova a mettere una normale calamita sul fondo delle tue attuali pentole: se si attacca, le puoi continuare a utilizzare anche sul piano a induzione.

Devi però fare anche un’altra prova. Fai scorrere delicatamente la mano sul fondo della tua padella: se la superficie non è perfettamente piana non è adatta all’induzione.

  • Curva di apprendimento

Passare da un piano a gas a uno a induzione può non essere così immediato.

È necessario carpire il segreto dell’induzione, anche perché

  • per attivare l’effetto riscaldante è necessario posizionare delle pentole di dimensione adeguata
  • la pentola deve avere un fondo il più possibile piatto.

Inoltre durante la cottura del cibi se sollevi una padella per scuoterla, il piano si può disattivare.

  • Tempi di cottura

All’inizio può essere un po’ complicato calcolare gli esatti tempi di cottura, proprio perché la preparazione dei cibi con l’induzione è molto più veloce. Considera anche che

  • non è richiesto il tempo per il pre-riscaldamento della pentola
  • i fuochi devono essere impostati su un livello di calore inferiore

Si ritorna quindi al discorso che, per impratichirsi, occorre un po’ di tempo.

  • Ronzio

Durante il funzionamento del piano cottura induzione puoi avvertire una sorta di ronzio. Questo rumore è provocato dalla notevole quantità di energia che viene trasferita alla pentola.

Per eliminarlo, si può provare ad abbassare la potenza dell’energia elettrica fornita (la cosa migliore è sempre gestire manualmente la potenza). In alternativa, aggiungi un po’ più di cibo nella pentola.

  • Durata

Non lo nascondiamo: i piani a induzione sono un po’ delicati. Devi quindi trattarli con la massima cura.

Il vetro estremamente liscio con cui sono realizzati li rende soggetti ai graffi. Questo è un altro motivo per cui dovresti utilizzare solo le pentole con il fondo liscio e pulito.

Evita anche di far scivolare le pentole sulla superficie: per spostarle, basta sollevarle!

Conclusioni

I piani cottura a induzione sono in forte espansione da diversi anni: consumano meno energia durante la cottura, hanno un minor impatto ambientale e sono più facili da pulire.

Prima di sostituire il tuo piano cottura ed effettuare il cambio da gas a un modello a induzione, dovresti però conoscere non solo i vantaggi, ma anche gli svantaggi. Un piano cottura a induzione, infatti, non è la soluzione migliore per tutti.


Fonti:

Lascia un commento