Le 4 Migliori Cesoie da Potatura: Taglio Netto con Un Solo Gesto

Ottenere una buona potatura significa anchemiglior-cesoie-da-potatura poter disporre degli attrezzi più adatti. La scelta degli strumenti dipende molto dalle dimensioni dei rami che si ha la necessità di potare. Per rami di diametro fino ai 5 cm è importante disporre delle migliori cesoie-troncarami da potatura.

In linea generale, si consiglia di potare accuratamente i rami piccoli, in quanto un albero cicatrizza meglio le ferite piccole rispetto a quelle più grandi. Ne consegue che potare è più semplice quando la pianta è giovane, ma non si può fare a meno di tagliare rami più grossi quando sono secchi o si ha la necessità di rinvigorire la pianta se cresce troppo e in modo sproporzionato.

Le 4 migliori cesoie da potatura

Come per tutti gli strumenti di taglio, le migliori cesoie troncarami sono quelle che permettono di svolgere un lavoro adeguato con un buon rapporto qualità e prezzo.

Tuttavia scegliere degli strumenti da potatura di buona qualità rispetto a cesoie economiche può fare la differenza nel tempo e nella vendita online puoi entrambe le cose.

Qui di seguito ti presentiamo le migliori cesoie da potatura:

1. Troncarami Professionale Grüntek T-Rex

Le migliori per : potenza di taglio

Progettato per i tagli semplici e puliti, è un modello da 780 millimetri e lama da 67 millimetri con sistema doppio-gear-drive.

Consente di tagliare il verde fresco fino a 51 millimetri di diametro e legna secca fino a 47 millimetri. La lama affilata è realizzata in acciaio di qualità, con rivestimento antiaderente.

I bracci di leva in alluminio sono forniti di comode maniglie antiscivolo e angoli arrotondati, per ridurre al minimo lo sforzo.

  • Precise
  • Confortevoli
  • Anti-scivolo

2. Cesoia Troncarami Spear & Jackson 8090RS/09

Le migliori per: manici telescopici

Molto pratici i manici telescopici in alluminio leggero, con meccanismo di bloccaggio ad avvitamento. La progettazione a cricchetto con moltiplicatore di forza consente un taglio progressivo più potente.

L’azione di taglio by-pass sfrutta un meccanismo simile a quello delle forbici tradizionali. Ha delle lame in acciaio al carbonio C50 bonificato, a garanzia della massima durata nel tempo.

Quella superiore è rivestita in teflon, per una migliore resistenza alla ruggine e un taglio netto e uniforme. La garanzia è di dieci anni.

  • Maneggevoli
  • Anti-ruggine
  • Durata

3. Troncarami Bypass Fiskars PowerGear L72

Le migliori per: impugnatura soft

I manici sono in FiberComp (Nylon rinforzato alla fibra di vetro) per rendere le cesoie estremamente leggere e resistenti. L’impugnatura è ricoperta SoftGrip per il massimo comfort di utilizzo.

Il meccanismo brevettato PowerGear rende il taglio tre volte più facile rispetto ai sistemi standard. Le lame sono costituite da un acciaio indurito e resistente alla corrosione (CrMoV) per garantire che rimangano affilate più a lungo.

Il rivestimento antiaderente PTFE sulla lama superiore riduce l’attrito e facilita il taglio e la pulizia.

  • Precise
  • Resistenti
  • Confortevoli

4. Troncarami per potatura professionale Planted Perfect

Le migliori per: si possono affilare

Le lame ad alta resistenza si possono affilare senza bisogno di doverle sostituire. Facile da usare, questo modello da 40 centimetri consente di potare rami fino a 2,5 centimetri di diametro.

Ha un’impugnatura morbida ed ergonomica, che consente di lavorare senza affaticarsi.

Il suo design è essenziale e presenta poche parti mobili, per una manutenzione e una pulizia semplificata al massimo.

  • Leggere
  • Robuste
  • Facile manutenzione

Quali cesoie per potare?

Innanzitutto facciamo un po’ di chiarezza sulle denominazioni dei vari strumenti. Tutti gli utensili di taglio nel giardinaggio sono dette cesoie. Si tratta sostanzialmente di grosse e robuste forbici che hanno svariate sagome e strutture a seconda dell’utilizzo per il quale sono costruite.

Le lame sono corte, cioè con un fulcro corto in relazione alla lunghezza dei manici che fungono da leve, in modo da poter con questi esercitare una buona forza sulle lame stesse e ottenere così dei tagli netti.

In genere si distingue fra:

  • forbici a cesoia
  • troncarami

Forbici a cesoia o troncarami?

Le forbici a cesoia sono quelle che si utilizzano con una mano sola. Si tratta degli attrezzi manuali più leggeri e maneggevoli, indicati per potare rami fino a 2 cm circa di diametro.

Quando servono per tagliare rami più grossi fino ai 5 cm le cesoie si chiamano anche troncarami e sono sovradimensionate con organi di taglio robusti e lunghi manici.

Le lame a cesoia eseguono un taglio più pulito e netto senza rompere i tessuti della pianta. I troncarami presenti sul mercato hanno lunghezze differenti e spesso sono dotati di manici a lunghezza variabile, che possono raggiungere altezze pianta fino a circa 2,5 metri.




Cesoie da potatura per grandi altezze?

Quando servono per tagliare rami ad altezze comprese tra 2 e 6 metri, con asta telescopica, i troncarami prendono anche il nome di svettatoi.

In questo tipo di attrezzo il taglio è reso possibile da due sistemi distinti: il sistema a cordino, dove l’organo di taglio è comandato da una corda che, tramite una serie di carrucole, aziona la lama; il sistema a cursore, dove la lama è azionata da un nastro che corre all’interno dell’asta.

Nei modelli a cricchetto l’azione viene moltiplicata, per un taglio progressivo più potente.

Le differenze nei diversi tipi di attrezzi stanno sostanzialmente nelle diverse modalità di impugnatura e di azionamento della leva.

Struttura delle cesoie troncarami?

Le cesoie troncarami sono quegli utensili che si impugnano a due mani e che servono per tagliare rami grossi fino a 5 cm. Si presentano sostanzialmente come delle cesoie sovradimensionate con organi di taglio molto robusti e lunghi manici, con lunghezza variabile fra i cinquanta centimetri e il metro.

Sono azionate manualmente tramite il classico principio della leva.

Le lame di taglio hanno le stesse tipologie di quelle delle cesoie, generalmente corte per sfruttare al massimo la forza della leva sul fulcro.

La loro efficacia sia come forza che come portata è determinata dalla lunghezza delle braccia di chi le utilizza. Con i troncarami basta estendere le braccia sia per raggiungere i rami alti che quelli più bassi, senza sforzi per la schiena. Sono gli attrezzi ideali per tagliare rami in altezza e intricati.




Tipi di cesoie da potatura?

Esistono anche versioni di troncarami più specifiche per il taglio delle siepi, ma si differenziano da questi con lama a cesoia per avere lame più lunghe, più a modello di forbice per tagli più veloci non tanto sul singolo ramo ma su una porzione di rami.

Di fatto, pur avendo modalità simili d’uso, si può dire che sono un altro attrezzo.

Lame delle cesoie da potatura?

È la qualità dei materiali a fare la differenza. Le lame, naturalmente, sono una parte fondamentale delle cesoie e solo quelle che, se correttamente affilate, assicurano un taglio veloce, netto e preciso.

Le migliori sono in acciaio di alta qualità o acciaio trattato al carbonio, che non si arrugginiscono.

Avere uno strumento che resiste all’umidità e non presenta ruggine è un grosso vantaggio: l’ossidazione dell’acciaio infatti ne indebolisce la struttura sul lungo periodo e ne compromette la stabilità, con il rischio di spezzarsi e con tutti gli inconvenienti che derivano dalla presenza di ruggine sul corpo, anche a danno della pianta.

Le lame sono ricurve per avere un taglio più preciso e netto. Possono essere anche intercambiabili: i vantaggi dell’utilizzo di cesoie di questo tipo sono unicamente rivolti alla fase di affilamento, dal momento che possono essere smontate e facilmente affilate rispetto a quelle di tipo fisso.

Impugnatura delle cesoie da potatura?

L’altra componente fondamentale delle forbici da potatura è il manico. Si consiglia di scegliere quelli in alluminio che garantiscono leggerezza e quelli con un’impugnatura dotata di rivestimento antiscivolo che assicuri una presa migliore e più sicura.

Di solito il manico che sostiene la lama affilata è più grosso e rivestito poiché su di esso si dovrà imprimere maggiore forza. Il rivestimento dei manici è in genere in plastica nelle cesoie economiche e in quelle di fascia media.

In quelle professionali il rivestimento è in gomma molto piacevole al tatto e che assicura molte ore di utilizzo senza provocare vesciche o stancare. Vengono a loro volta rivestite da uno strato di alcuni millimetri di plastica che ne aumenta la resistenza.

Nel web è anche possibile trovare cesoie specifiche per mancini.




Manutenzione delle cesoie di potatura?

Da ultimo un cenno a come mantenere in efficienza le lame delle cesoie-troncarami da potatura. Come tutti gli arnesi sono soggette a usura, ma una corretta manutenzione e pulizia permette di mantenerle efficienti a lungo.

La prima operazione dopo aver svolto il lavoro è quella di pulire le lame e i manici. A questo scopo si possono usare spugne umide per rimuovere tracce di terra e frammenti vegetali.

Poi è bene usare dell’olio per proteggere le lame e mettere qualche goccia anche sul fulcro e sulla molla perché restino lubrificati.

Di solito l’affilatura dura a lungo ma qualora sia necessario rifare un poco il filo delle lame, lo si può passare delicatamente con un foglio di carta vetrata a grana fine.

Alcuni modelli permettono di smontare le parti, per una migliore manutenzione delle stesse e anche per eventualmente sostituire con nuovi ricambi parti troppo deteriorate.




Lascia un commento