I 6 Migliori Balsami per Capelli: Così Forti non li hai Avuti Mai

Il miglior balsamo per capelli è quello studiato per proteggere la chioma dalle aggressioni ambientali e da un trattamento cosmetico di tipi intensivo.

Svolge un’azione ricondizionante (il termine inglese usa proprio la parola conditioner) appositamente sviluppata per renderli morbidi, più docili al pettine e per donare corpo e consistenza.




I migliori balsami per capelli

Qual è il miglior balsamo per capelli?

Davanti all’offerta praticamente sconfinata di prodotti di buona qualità si può rimanere disorientati. Capelli grassi, capelli fini, capelli trattati… Quale scegliere?

Se vuoi visionare un’accurata selezione dei migliori balsami di marca disponibili sul mercato, non devi far altro che dare un’occhiata a quello che propone la vendita online.

Ogni articolo viene descritto nel dettaglio e con il supporto delle opinioni pubblicate dagli utenti è facile confrontare le diverse caratteristiche per trovare la soluzione più adatta a te.

L’acquisto nel web si rivela anche vantaggioso anche dal punto di vista pratico ed economico. Puoi infatti ordinare il prodotto desiderato al prezzo più basso e riceverlo comodamente a casa tua in pochi giorni.

 

Label M Leave-in Conditioner

Il migliore per: rinforzante

Rafforza e proteggere dall’effetto crespo e le doppie punte. Ha una formula levigante che difende i capelli dai raggi UV e li lascia morbidi.

Li ripara inoltre dai danni causati dal calore in fase di styling strutturali. Consente di non utilizzare prodotti specifici per il fissaggio.

È adatto a tutti i tipi di capelli. La confezione da un litro offre una buona scorta di prodotto, senza il rischio di rimanerne senza.

  • Protezione
  • No effetto crespo
  • Confezione scorta

 

Tigi Catwalk Shampoo E Condizionatore

Il migliore per: capelli trattati

È un set che offre un’azione combinata di shampoo e balsamo, entrambi contenuti in un flacone da 750 millilitri.

Hanno una fragranza dolce e rilassante di avena e miele, che dona ai capelli una profumazione piacevolmente persistente.

Rendono i capelli sottoposti a styling morbidi, setosi e semplici da districare. Si sciacquano con facilità e mantengono la chioma pulita più a lungo.

  • Azione combinata
  • Districante
  • Semplice risciacquo

 

Kerastase Discipline

Il migliore per: capelli ricci

Formulato appositamente per detergere e trattare il ricciolo, ne definisce e intensifica la forma naturale.

L’abbinamento pro-kératina ed elastina favorisce la ristrutturazione, ha un’azione rinforzante e migliora l’elasticità della fibra.

Grazie alla tecnologia Low-poo, rimuovere delicatamente le impurità. I suoi agenti condizionanti includono attivi lipidici per nutrire e lisciare la fibra capillare

  • Ristruttura
  • Rinforza
  • Elasticizza

 

Davines Oi Condizionatore

Il migliore per: effetto anti-crespo

Adatto a tutti i tipi di capelli, è un prodotto fragrante, che lascia i capelli morbidi, lucidi e voluminosi.

Fra i suoi ingredienti vi è l’olio roucou, estratto dall’omonima pianta amazzonica, una preziosa fonte di beta-carotene e antiossidanti. È un efficace rinforzante della chioma e la protegge dagli effetti dell’invecchiamento e dai danni legati all’inquinamento.

Questo prodotto stato vincitore del premio Beauty Innovator 2015 di Refinery29.

  • Nutritivo
  • Protettivo
  • Rinforzante

 

Watermans Condition Me

Il migliore per: riduce la perdita di capelli

Con la sua formulazione nutriente, ammorbidisce, idrata, ripara e rivitalizza i capelli, proteggendoli con la massima cura.

Rinforza dalla radice alla punta, riduce la perdita di capelli. Ne stimola la crescita, migliorano la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto.

  • Riequilibrante
  • Rinforzante
  • Nutriente

 

L’Oréal Mythic Oil

Il migliore per: alta concentrazione di argan e mirra

Con un’elevata concentrazione di olio di argan proveniente dal commercio equosolidale, arricchito con estratto di mirra, questo balsamo avvolge il capello in una guaina protettiva.

Favorisce la districabilità estrema e aumenta la lucentezza, mentre doma i capelli ribelli. Ispirato alla tradizione indiana del bagno d’olio, rende i capelli disciplinati e lucenti.

È stato testato sotto controllo dermatologico ed è privo di parabeni.

  • Protegge
  • Districa
  • Senza parabeni




A cosa serve il balsamo?

Molti dei trattamenti cosmetici che applichiamo alla nostra chioma, migliore-balsamo-per-capellidanneggiano e traumatizzano il fusto del capello, compromettendone lucentezza ed idratazione.

Ad esempio, se si usa uno shampoo troppo aggressivo o lo si applica con particolare frequenza, il sebo naturale presente nella cute viene asportato in maniera eccessiva.

Il balsamo offre le funzioni del sebo naturale: riduce l’elettricità statica e aumentare la brillantezza del capello. Tutto questo, senza appesantirlo.

Il balsamo di per sé, non risolve i problemi legati ai danni causati al fusto, ma spesso è un vero e proprio toccasana. Aumenta la trattabilità del capello, ne diminuisce l’elettricità statica e contribuisce ad aumentare l’adesione della cuticola al fusto mantenendone intatta la struttura a strati.

Questo prodotto viene utilizzato anche per trattare alcune anomalie cosmetiche del capello che frequentemente causano rotture e doppie punte.

 

Perché utilizzare il balsamo?

Normalmente i capelli scambiano con l’ambiente esterno umidità. Questo continuo passaggio d’acqua comporta una deformazione e un indebolimento della struttura.

Del resto sono molte le azioni che anche in maniera inconsapevole possono compromettere l’integrità dei capelli: molti tipi di acconciatura (permanente, stiratura, colorazione, applicazione di extension), utilizzare il phon a una temperatura dell’aria troppo elevata, frizionare energicamente i capelli bagnati con l’asciugamano…

 

Azione del balsamo?

Il balsamo per capelli, come il sebo, riduce la permeabilità all’acqua e al vapore acqueo. In pratica, rende parzialmente impermeabile il capello.

Inoltre le sue componenti emollienti lubrificano ed aumentano notevolmente la scorrevolezza, riducendo la probabilità che il passaggio del pettine arrechi danni alla cuticola.

 

Quali tipi il balsamo?

Anche se l’azione rigenerante può essere svolta da diverse forme cosmetiche, come oli o gel, per balsamo si intende normalmente una lozione sotto forma di crema da utilizzare prima o dopo lo shampoo, sul capello asciutto o bagnato.

Questo tipo di procedura permette di identificare differenti metodologie di applicazioni:

  • balsamo istantaneo, che viene normalmente applicato dopo lo shampoo e poi risciacquato
  • balsamo profondo, che viene tenuto 20-30 minuti sul capello asciutto, come una maschera di bellezza. L’applicazione si fa seguire dal consueto shampoo
  • balsamo leave on da applicare prima del processo di asciugatura per evitare i danni preventivi. Questo prodotto contiene in genere oli minerali, oli vegetali, silicone. Non viene risciacquato
  • balsamo no-rinse (o rinse-off) da utilizzare con i capelli molto secchi. Ha un’azione idratante e va applicato sulla chioma pulita anche tra un lavaggio e l’altro per apportare maggiore morbidezza e districabilità




Sostanze attive del balsamo?

I condizionanti istantanei raramente danno reazioni allergiche, più frequenti con i condizionanti leave-on a base polimerica, che possono contenere delle impurità.

Tra i componenti principali del balsamo troviamo i polimeri e detergenti cationici presenti sia negli shampoo che nei balsami. Queste componenti sono cariche positivamente e neutralizzano pertanto la carica anionica del capello.

Aumentano notevolmente l’aderenza della cuticola al fusto e quindi la lucentezza e il volume della chioma.

Accanto a questi sono presenti gli agenti filmogeni come ad esempio il polivinilpirrolidone e gli agenti proteici, derivati da collageno o da placenta. Questi ultimi sono utilizzati sia nei condizionanti istantanei sia in quelli destinati a rimanere in contatto del capello una trentina di minuti prima di essere rimossi. Tali agenti proteici hanno la capacità di penetrare nel fusto del pelo e quindi di ridurre la probabilità di rottura.

È anche possibile che siano aggiunte sostanze fotoprotettrici per prevenire il danno cui va incontro il capello in seguito all’irradiazione con la foto ossidazione della melanina (nelle chiome brune) e il foto yellowing (in quelle bionde). Questo fenomeno appare dovuto alla degradazione di alcuni amminoacidi (cistina, tirosina e triptofano) del bulbo del pelo.

 

Ingredienti del balsamo?

I balsami possono essere formulati con vari tipi di ingredienti, che si differenziano per composizione e funzionalità. Troviamo perciò:

  • Ingredienti umettanti, il cui compito è quello di trattenere l’acqua sulla superficie ed all’interno del capello. Di solito polialcol, glicerina o saccaridi (come glucosio e fruttosio).
  • Ingredienti ricostituenti. Di solito contengono amminoacidi che devono essere assorbiti nei capelli e rafforzare la struttura.
  • Ingredienti acidificanti utili per portare il pH ai valori fisiologici del capello
  • Ingredienti emollienti e tensioattivi. Si tratta di prodotti chimici, tra cui il silicone, che lubrificano e rendono liscia la superficie del capello.

 

Shampoo e balsamo insieme?

Da ormai molti anni il mercato offre cosmetici cosiddetti 2 in 1. Si tratta di shampoo + balsamo dove alla azione detergente dello shampoo si associa il deposito di un film composto da qualche emolliente o polimero cationico.

Le quantità di agenti condizionanti che si possono depositare sulla superficie del capello con questo tipo di formulazione sono ovviamente molto inferiori rispetto a quelle di un balsamo applicato separatamente.

 

Balsamo green?

Un’altra tendenza di questi ultimi anni è quella di formulare prodotti green, che utilizzano ingredienti naturali in sostituzione di quelli prettamente chimici derivati dal petrolio (come sono i siliconi) e i tensioattivi.

Ricordiamo che i siliconi e i tensioattivi sono sostanze utilizzate da sempre e dalle proprietà riconosciute: i primi sono utilizzati per riempire e riparare le fibre capillari, mentre i secondi garantiscono un efficace sistema pulente.

Ma hanno anche delle controindicazioni, per questo si tende oggi a proporre un prodotto senza siliconi e tensioattivi. Oli vegetali, fiori e frutta possono essere dei degni sostituti di queste sostanze per pulire i capelli senza aggredirli e stressarli. Tra gli ingredienti bio troviamo spesso il miele, l’olio di cocco, l’aloe vera e l’olio di Argan.

Derivati da fiori, frutta e oli prendono il posto dei siliconi e dei tensioattivi per pulire i capelli in modo delicato e non aggressivo.

Bisogna essere consapevoli che la scelta del miglior balsamo per capelli si può orientare tra prodotti biologici, semi-biologici e non biologici, guardando la lista ingredienti riportata nell’Inci. Questo dipende anche da quanto si vuole spendere per la cura dei capelli, perché sappiamo tutti che il prezzo dei cosmetici è direttamente proporzionale al fattore eco-bio.

 

Balsamo alla cheratina?

Molto apprezzato è anche il balsamo alla cheratina, una proteina che si ritrova nella struttura fisiologica non solo nel capello, ma anche nelle unghie e nella pelle.

Tale sostanza ha il compito di irrobustire la chioma e di renderla morbida e facilmente districabile.

Con il trascorre, però, il nostro corpo ne diminuisce la produzione naturale. Ecco perché l’utilizzo di cosmetici per i capelli con cheratina li rende più pettinabili, oltre a proteggerli dall’inquinamento ambientale.