I Cuochi Provetti Usano i 7 Migliori Coltelli da Cucina Professionali

Vado a vivere da solo e devo attrezzare la cucina. Vorrei prendere ogni tipo di coltello professionale per tagliare le verdure, disossare la carne, sfilettare il pesce …

Ma no, non mi servono niente di tutto questo: io spesso sogno ad occhi aperti vedendomi felice e intraprendente con il mio set Miracle Blade dello Chef Tony sul tavolo di cucina e il coltello per disossare in mano.

Con un’attrezzatura del genere, sei un posto per tutta la vita. Magari sei in casa, non sai cosa fare, prendi la tua Miracle Blade e ti metti a tagliare tutto quello che ti capita sotto mano. Ma c’è qualche felice e potente possessore di questi strumenti da vero chef?

Via torniamo un noi, dov’ero rimasto? Ah sì, al mio setdi coltelleria professionale per completare la dotazione della mia nuova cucina … perché vado a vivere da solo!




Qual è il miglior coltello da cucina professionale?

Il miglior coltello professionale da cucina dev’essere innanzitutto comodo, per tagliare,miglior-coltello-da-cucina-professionale tagliare e tagliare in modo preciso e senza sforzo.

Prima di acquistare con la vendita online, si consiglia di entrare in un negozio di casalinghi e provare a gestire i modelli delle migliori marche.

Non devi guardare subito il prezzo: considera con attenzione la dimensione, la forma, il peso. Il coltello deve essere una sorta di estensione naturale della tua mano. Se cerchi solo il prezzo basso, troverai solo la scarsa qualità.

Ricorda che un coltello sbilanciato ti fa lavorare di più. Anche l’equilibrio tra lama e manico è importante. Una lama da 20 cm è multiuso e versatile. Una più lunga (25 cm) può tagliare pezzi più grandi, ma richiede padronanza nei movimenti; una più corta (da 15 cm) può offrirti agilità ma è incomodo, per esempio, per tagliare una melanosa.

Il manico deve essere comodo e anti-scivolo.Ittimi coltelli sono fatti in acciaio, e se sono forgiati con il carbonio possono praticamente eterni. Quelli in ceramica hanno lame sottili, incredibilmente precisi.

Se hai fiducia nelle opinioni di qualcuno puoi chiedere consigli nei forum in linea o leggere le varie recensioni.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori coltelli da cucina professionali:

1. Yarenh Coltello Cucina Professionale 20 cm Giapponese

Il migliore per: elevata qualità della lama

Questo coltello per utilizzo professionale da cucina multiuso è ideato sia per gli chef che per la casa. Ha una lunghezza della lama di 20 cm e offre un ottimale bilanciamento con presa confortevole. La lama è realizzata in acciaio Damasco a 73 strati di alta qualità con una durezza di 58-60 gradi; la durezza elevata garantisce la nitidezza, la resistenza all’usura e la durata del prodotto.

La lama è affilata a 13-15 gradi e presenta un alto grado di nitidezza dopo diversi trattamenti. Il manico è realizzato in legno di dalbergia, un legno duro che non si deforma e garantisce un’impugnatura perfetta, fondamentale per poter ridurre la fatica durante il taglio e il dolore alle dita, garantendo nello tesso tempo agilità e sicurezza. Si rivela un regalo ideale per ogni amante del cibo, cuoco amatoriale o professionale e per chi segue corsi di cucina.

  • impugnatura ergonomica
  • bilanciato
  • semplifica il taglio

2. Coltello da Cucina giapponese professionale da 20 cm Sunnecko

Il migliore per: elevata resistenza

Si tratta di un coltello da chef professionale con lama lunga 20 cm, l’ideale per tagliare e affettare tutte le verdure, le carni, la frutta. La lama è in acciaio inossidabile giapponese Damasco VG10, ad alto tenore di carbonio con 73 strati.

Resistente e affilata, ha un angolo di taglio da 12 a 15° che garantisce la massima nitidezza e sicurezza con un taglio senza sforzo di tutti i tipi di alimenti. L’impugnatura giapponese è resistente alla corrosione e all’usura e favorisce un movimento sicuro e confortevole.

  • garanzia a vita
  • anti-corrosione
  • confezione regalo

3. Coltello da cucina professionale Sky Light

Il miglior per: multiuso

Una forte lama precisa in acciaio inossidabile X50 CrMoV15 tedesco in carbonio ad alta durezza a 58 Rockwell, È resistente all’usura, antiruggine e anti-macchie.

La sua lunghezza di 20 centimetri permette di gestire facilmente i lavori quotidiani di taglio, affettatura, sminuzzatura o frutta, verdura e carne.Non richiede di essere affilato con frequenza.Il manicotto anti-scivolo è progettato in modo ergonomico.

Il supporto protettivo dei tripli rivetti offrono una presa sicura e confortevole, rendendo il taglio più sicuro e facile. È coperto da una garanzia di vita.

  • Anti-Ruggine
  • AMTI-macchia
  • Garanzia a vita

4. Coltello da Chef professionale Aicok

Il migliore per: versatilità

E ‘un coltello da chef di 21 cm, multifunzione: è progettato per tagliare, macinare, affettare e tagliare un cubetto di frutta, verdura, carne e pesce.La lama in acciaio inox, alto carbonio, garantisce la massima precisione e durata di affilatura .

È lucidata una mano e ha una finitura satinata, resistente alla rustica.La sua struttura rende i movimenti più fluidi durante la preparazione del cibo.La manica è realizzata in ABS, durevole e resistente all’umidità.

La lama e il manico sono un unico pezzo, garanzia di durata massima.

  • multifunzione
  • Anti-Ruggine
  • robusto

5. Shan Zu Coltello da Chef professionale

Il migliore per: alto tenore di carbonio

Realizzato in acciaio inossidabile, ha un alto contenuto di carbonio e ha una buona resistenza e un’assoluta durezza (Rc 56). Esistono la ruga, la corrosione e le macchie, richiedendo così una bassa manutenzione.

La lunghezza della lama è di 20 cm, quella del manico è di 140 cm. La lama ha uno spessore di soli 2 mm e permette di tagliare il cibo a fettine molto sottili.Il manico in legno offre una comodità ottimale.Ha una garanzia di vita.

  • robusto
  • Anti-Ruggine
  • Bassa manutenzione

6. Coltello da Chef professionale Shan Zu

Il miglior per: design equilibrato

Particolarmente affilato e robusto, ha un disegno della lama uniforme e ben equilibrato, che permette una utilizzo molto versatile. Il coltello è realizzato in acciaio 9Cr18 inossidabile martensitico alto-cromo ad alto tenore di carbonio.

È robusta, resistente all’usura e alla corrosione.La sua lama, leggera ma molto forte, è lunga 21 cm, larga 4, 5 cm e spessa 2 mm, per tagliare più velocemente.

La superficie del coltello è sabbiata, una cura che esalta l’estetica e lo rende antibatterico e facile da pulire. La garanzia è una vita.

  • Anti-corrosione
  • Antibatterico
  • Semplice manutenzione

7. Coltello da cuoco Kealive

Il miglior per: manico anti-fatica

Si tratta di un modello multifunzione per professionisti applicativi.Il design ergonomico del manico consente di ridurre al minimo ogni fatica e intorpidimento delle dita, favorendo un utilizzo prolungato nel tempo.

La lama in acciaio inossidabile è ultra-tagliente e si conserva perfettamente anche dopo la ripetuta taglio della carne dura o la rimozione delle ossa. Oltre al cromo, la lama contiene anche carbonio per dare una lucida finitura che non sbiadisce o opacizza nel corso del tempo.

  • multifunzione
  • ergonomico
  • robusto




Che cos’è il coltello da cuoco?

Il coltello da cuoco è un utensile professionale molto affidabile, leggero da maneggiare e utile per la preparazione dei tuoi piatti di tutti i giorni. Consente di tagliare facilmente e in modo preciso grossi pezzi di carne o pesce, ma anche verdure e frutta. La sua lama ha una lunghezza di circa 20 cm.

I coltelli da chef hanno origine antiche diverse. I modelli più diffusi in ambito professionale e domestico sono oggi quelli europei soprattutto tedeschi e francesi e i coltelli da cucina professionali giapponesi, dove questo coltello prende il nome di gyuto (letteralmente “coltello da manzo”).

Il gyuto non si deve confondere con il coltello santoku, che anche se molto simile è però più piccolo. La differente filosofia di forgiatura sta nel filo: i coltelli europei hanno il filo rivolto verso il basso e realizzato con un unico angolo, quello del gyuto ha una doppia angolazione e la lama è più spessa anche se affilatissima.

Caratteristiche del modello professionale?

I coltelli per la cucina che vengono utilizzati in ambito professionale sono realizzati con lame forgiate o stampate. Una lama forgiata è realizzata per lo più a mano e richiede varie fasi di processo. Uno sbozzato di acciaio viene riscaldato ad alta temperatura e battuto per modellare l’acciaio. Dopo la forgiatura, la lama viene affilata e affilata.

I coltelli forgiati sono in genere anche a codolo pieno, il che significa che il metallo nel coltello va dalla punta del coltello all’estremità del manico. La lama stampata viene tagliata direttamente dall’acciaio laminato a freddo, sottoposto a trattamento termico per resistenza e tempra, quindi viene rettificata, affilata e lucidata.

In che materiale è fatta la lama?

La lama di un coltello multiuso professionale per la cucina è generalmente realizzata in acciaio inossidabile, in acciaio al carbonio, in laminati che sono fatti di entrambi i metalli o in ceramica.

Acciaio inox

L’acciaio inossidabile è di gran lunga il materiale più diffuso per le lame del coltello utilizzato in cucina anche a livello professionale. Ci sono molte tipologie di lame in acciaio inox, con caratteristiche e applicazioni diverse, che dipendono dal contenuto di altri metalli leganti come il cromo, il vanadio e il molibdeno.

L’acciaio inox, oltre ad essere discretamente duro – caratteristica molto importante per conservare l’affilatura del coltello – ha il grande vantaggio di essere resistente alla corrosione e ed economico. Il contatto coi cibi acidi o con i detersivi, quindi, non compromette le caratteristiche di questa lega, che non richiede una particolare manutenzione.

Acciaio al carbonio

L’acciaio al carbonio si distingue dal tipo inox per una percentuale maggiore di questo elemento, che conferisce una particolare durezza ma rende le lame ossidabili. Se non viene accuratamente pulito e sottoposto a una regolare manutenzione professionale, il coltello rischia di conferire ai cibi uno spiacevole sentore ferroso.

Questo materiale, tuttavia, ha il vantaggio di resistere di più ai colpi e allo sfregamento e di preservare maggiormente l’affilatura, non a caso si tratta di una lega molto simile a quella impiegata per le spade e le armi da taglio. Il coltello con lama in acciaio al carbonio è tipico della cucina giapponese.

Acciaio inox con elevato contenuto di carbonio

Gli acciai ad alto tenore di carbonio sono essenzialmente leghe di acciaio inossidabile di qualità superiore. Il più elevato contenuto di carbonio assicura una maggiore resistenza insieme a un’elevata capacità di taglio, senza sacrificare la resistenza alle macchie. Questi acciai di alta qualità offrono il meglio di entrambi i mondi.

Ceramica

I coltelli da cucina professionali in ceramica mantengono l’affilatura più a lungo di tutte le altre lame ma si scheggiano facilmente e possono rompersi in caso di caduta accidentale. Il coltello in ceramica prodotto con pressatura isostatica a freddo si fa apprezzare per la sua elevata qualità: questo procedimento rende la lama più resistente e dura, oltre che durevole nel tempo. Ha il vantaggio di non essere soggetto alla ruggine perché privo di ferro. Si rivela anche facile da pulire e non assorbe l’odore di cibi. Essendo più tagliente, richiede un minore sforzo per tagliare e se viene usato correttamente in cucina non richiede affilatura.

Titanio

Le lame in titanio, sono alternative meno comuni che si trovano solo su un piccolo numero di coltelli da cucina: si tratta infatti di un materiale più morbido rispetto agli altri. Il vantaggio di utilizzare lame in titanio consiste nel fatto che la loro è una composizione neutra, il che significa che non avrà alcuna reazione chimica con il cibo. È anche più flessibile dell’acciaio.

Talonite

Si tratta di un materiale meno comune, dal momento che non offre reali vantaggi in cucina.

Come può essere il filo della lama?

In un utensile professionale, bordo può essere molato in diversi modi e il diverso grado di affilatura è determinato dall’angolo con cui viene passata la lama sulla superficie affilatrice. I tipi di filo più diffusi sono quattro.

Nell’affilatura a V, tutta la lama ha una forma a V e termina con il taglio. Nell’affilatura a V doppia, la lama ha una forma a V, ma il taglio è ancora più acuto. Ci sono poi l’affilatura dritta, dove la lama è dritta e soltanto alla fine è presente il taglio, e l’affilatura a scalpello, in cui la lama è dritta da un lato ed affilata solo dall’altro.

Qual è la taglia migliore del coltello da chef?

La struttura di un accessorio professionale di questo tipo è massiccia e resistente. L’ampia lama, lunga non meno di 20-25 centimetri (per chi ragiona in pollici, 8 è il numero che corrisponde ai nostri 20 cm), curva gradualmente fino alla punta, per consentire un movimento oscillatorio. Detto anche coltello da cucina professionali trinciante, è largamente utilizzato in cucina e in ambito professionale.

È un coltello versatile, adatto per tagliare, affettare, sfilettare e tritare una vasta gamma di alimenti, sia per usi di fino che per colpi più potenti. Essendo il più importante e utilizzato, vale la pena acquistarlo di buona qualità.

Scegli il tuo stile

Al giorno d’oggi, anche in ambito professionale, molti cuochi puntano di più sui coltelli giapponesi. Questo strumento professionale tende ad essere leggero, con lame sottili fatte di acciaio estremamente duro e tagliente. C’è però da dire che le lame così dure sono fragili, il che significa che sono più inclini a scheggiarsi se accidentalmente si imbattono, ad esempio, nelle ossa. Il coltello in stile occidentale tende ad essere più massiccio, con una lama più spessa e pesante.

Trattalo con cura

I coltelli più utilizzati in cucina sono realizzati in acciaio: quelli al carbonio e quelli in acciaio inossidabile. L’acciaio al carbonio è più nitido dell’acciaio inossidabile e mantiene così più a lungo le sue caratteristiche. Però richiede anche tanta cura e manutenzione: deve essere asciugato accuratamente e oliato dopo l’uso, altrimenti scolorirà o arrugginirà, come una padella di ghisa.

È quindi uno strumento da cucina che richiede impegno e dedizione. Per la maggior parte delle persone, è più facile da curare il coltello in acciaio inossidabile di alta qualità.

7 decisioni da prendere in fase di acquisto

Ecco le 7 decisioni importanti che uno chef professionale o domestico deve prendere in fase di scelta di un accessorio di questo tipo per la sua cucina, sia che si tratti di un solo utensile, sia che un intero set di coltelli.

1. Tipo di coltello

Ci sono due tipi principali di coltello utilizzati in ambito professionale, quello tedesco e quello giapponese. Quest’ultimo tipo ha una lama più sottile e affilata. I coltelli tedeschi sono più pesanti, più spessi e più resistenti.

2. Qualità del manico

In legno, in resina o in plastica, il manico deve essere fissato saldamente e non oscillare affatto quando si prende il coltello in mano. Eventuali spazi vuoti tra il manico e la lama sono destinati a peggiorare le prestazioni del coltello nel tempo.

3. Qualità della lama

La maggior parte dei coltelli che si trovano sul mercato sono stampati (fatti a macchina con un modello di taglierina) oppure forgiati (che sono più laboriosi da produrre e di solito costano di più).

4. Equilibrio

Il coltello che utilizzi in cucina deve essere il prolungamento della tua mano. Come lo senti quando lo impugni? Hai la sensazione di controllarlo perfettamente? Un coltello sbilanciato ti farà lavorare di più. Anche l’equilibrio da lato a lato è importante.

5. Affilatura

Ovviamente, se vuoi che i piatti che escono dalla tua cucina abbiano un aspetto professionale, non puoi prescindere da un coltello ben affilato. E dovrebbe essere presentarsi perfettamente affilato già quando lo tiri fuori dalla scatola. Se il coltello che acquisti non lo è, non è un buon segno.

6. Peso

Dovrai provare diversi utensili da cucina per trovare quello che fa per te. Una scuola di pensiero crede che un coltello da cuoco pesante tagli i cibi più facilmente perché “cade” con più forza. Un altro ritiene che un coltello più leggero scorra più liberamente e ti consente di effettuare ogni operazione in cucina più abilmente. Lascia perdere: scegli lo stile che ti sembra adatto a te.

7. Dimensioni

Un coltello da 20 cm è il più popolare tra i cuochi di ogni tipo e si fa apprezzare in ambito professionale per la sua versatilità. Una lama molto più lunga può tagliare più volume, ma può sembrare intimidatoria. Un coltello per la cucina di lunghezza inferiore può favorire l’agilità dei movimenti, ma non è adatto per affettare elevati volumi di alimenti o cibi particolarmente grandi, come il cocomero.

Lascia un commento