Differenza tra filo interdentale cerato e non cerato

Per una corretta igiene orale i dentisti raccomandano l’uso del filo interdentale. È l’unico modo per combattere la placca, perché entra negli spazi dove spazzolini e collutorio non possono agire.

Ma al di là di questo, ti sei mai chiesto qual è la differenza tra filo interdentale cerato e non cerato?

Una questione importante di salute orale

Nella consueta routine di igiene del cavo orale, il filo interdentale rappresenta una componente insostituibile. Il solo spazzolino infatti non è in grado di penetrare nelle fessure interdentali per togliere i residui di cibo.

Grazie all’uso del filo interdentale o scovolino è possibile non solo raggiungere ogni punto della bocca, ma anche rimuove la placca batterica.

In caso contrario, sappiamo bene cosa può accadere: la placca si indurisce, diventa tartaro e tu non puoi più intervenire: devi andare dal dentista per fartelo togliere. Una prassi un po’ fastidiosa e abbastanza onerosa.

Ecco perché è importante non dimenticarsi di passare il filo interdentale quando ti lavi i denti alla sera.

Ma come lo preferisci, cerato o non cerato?

Che differenza c’è tra filo interdentale cerato e non cerato?

Che-differenza-ce-tra-filo-interdentale-cerato-e-non-cerato

Probabilmente sai già come si presentano visivamente questi due tipi di fili interdentali. Quello cerato è un lungo filo rivestito di un materiale ceroso. Quello non cerato, inutile dirlo, ne è privo.

Al di là dei puri fattori di tipo estetico, al momento della scelta si è inevitabilmente assaliti da un dubbio: è più efficace quello cerato o quello non cerato?

Se fino ad oggi hai utilizzato solo un tipo piuttosto che l’altro, puoi stare tranquillo: al momento nessuna prova scientifica ha dimostrato che un tipo è migliore dell’altro nella routine quotidiana di pulizia dei denti.

Se invece ti stai accostando per la prima volta a questo tipo di prodotto, possiamo solo suggerirti di provare entrambe le tipologie per vedere con quale ti trovi meglio.

Intanto, ti diamo alcune informazioni extra per valutarli meglio quando fai il tuo test.

  • Sensazione

Fai bene attenzione a come senti in bocca il filo interdentale cerato e non cerato mentre lo fai passare tra un dente e l’altro.

  • Maneggevolezza

Diverse persone ritengono che il tipo cerato sia più comodo da far scorrere lungo la superficie del dente. Inoltre, dà l’impressione di rimuovere i residui di cibo più rapidamente.

  • Spessore

Se hai uno spazio interdentale piuttosto ristretto potresti preferire il tipo non cerato, che è meno spesso ed è più facile da far passare tra un dente e l’altro.

  • Apparecchio

Chi porta l’apparecchio fisso per la cura dei denti (come quello a parentesi graffe, per intenderci), trova di solito più facile utilizzare il filo interdentale cerato per farlo passare tra le varie parti del dispositivo e i denti.

Può capitare infatti che il tipo non cerato si sfilacci più facilmente quando tocca le parti in metallo.

  • Controindicazioni

Sono stati registrati alcuni, rari casi, di reazioni avverse nei confronti dei materiali costruttivi del filo interdentale. Se ritieni di essere una persona particolarmente sensibile o soffri di qualche tipo di allergia, parlane con il tuo dentista di fiducia prima di farne uso.

Vantaggi del filo interdentale cerato

Vantaggi-del-filo-interdentale

Con il suo rivestimento di cera, questo tipo di filo interdentale è più semplice da far passare tra i denti, perché è più scorrevole. Puoi trovarlo anche nelle versioni aromatizzate, che rendono ancora più piacevole l’esperienza di utilizzo. Ecco quali sono i punti di forza di questa tipologia di filo interdentale:

  • Sensazione liscia

La presenza del rivestimento ceroso rende l’utilizzo più fluido, donando una sensazione più liscia quando lo passi tra un dente e l’altro

  • Gusto

Anche se lo puoi trovare di gusto completamente neutro, in commercio puoi trovare un’ampia scelta di fili interdentali cerati aromatizzati. In genere si tratta di un piacevole gusto di menta, che dona una sensazione di freschezza che si protrae anche dopo aver concluso la sessione di pulizia

  • Azione soft

Una delle caratteristiche di questo filo interdentale è che durante l’utilizzo offre una sensazione soft, per nulla abrasiva. In questo modo puoi abituarti con più facilità all’utilizzo di questo dispositivo

  • Effetto lubrificante

Se hai un’interspazio piuttosto ampio tra i denti, puoi trovare più piacevole il filo cerato per via della sua azione lubrificante

  • Durata

Grazie al suo rivestimento, Il filo interdentale cerato è tendenzialmente più resistente e non si rompe durante l’utilizzo.

Vantaggi del filo interdentale non cerato

Con la sua struttura sottile, il filo dentale non cerato può essere facilmente spostato in ogni direzione e trova facilmente impiego in caso di spazio interdentale più stretto. Ma non è solo questo il suo unico punto di forza.

  • Assenza di sostanze chimiche

Il filo interdentale non trattato con aromi e non cerato è privo di sostanze chimiche: un sicuro vantaggio se ami le cose più naturali

  • Versatilità di impiego

L’assenza di gusto lascia una sensazione completamente neutra in bocca. Puoi quindi passarlo anche prima di mangiare o subito dopo mangiato.

È più efficace con o senza cera?

Da quanto abbiamo appena detto, pare evidente che non c’è un tipo migliore dell’altro: tutto si riconduce alle preferenze personali.

Anche se nel web trovi chi sostiene che quello cerato aiuti a rimuovere meglio la placca, non c’è nulla di dimostrato: sono efficaci entrambi allo stesso modo.

Piuttosto, se vuoi essere sicuro di rimuovere più placca, dovresti concentrarti sulla tecnica di utilizzo. Puoi trovare numerosi tutorial nel web che illustrano come usare il filo interdentale oppure chiedi al tuo dentista.

Come mantenere i tuoi denti in piena salute

Ci sono tre cose che dovresti fare se vuoi mantenere i tuoi denti sani per tutta la vita:

Lavati i denti almeno due volte al giorno. Utilizza un dentifricio certificato dall’Associazione dei medici dentisti e spazzolali almeno due volte al giorno. Assicurati di spazzolare sempre prima di andare a letto e quando ti svegli. Se sei una persona puntigliosa, fallo anche dopo pranzo.

Usa il filo interdentale anche tutti i giorni. Ma quando è meglio usare il filo interdentale? Soprattutto la sera, prima di andare a letto. Questo fa uscire particelle di cibo e batteri che altrimenti continueranno a crescere e svilupparsi mentre dormi.

Vai regolarmente dal tuo dentista. Pianifica un controllo professionale e una pulizia di igiene orale almeno due volte all’anno.

Come usare il filo interdentale

Conclusioni

Se ti stai chiedendo quale tipo di filo interdentale è meglio utilizzare, la risposta è semplice: quello con cui ti trovi meglio. Se non sei sicuro della tua preferenza, prova entrambi i tipi e vedi se ti senti più a tuo agio con il filo interdentale cerato o non cerato.

Gli studi hanno dimostrato che entrambe le tipologie sono ugualmente efficaci nella rimozione della placca. Quindi è proprio una questione di scelta personale.

Lascia un commento