L’olio di Pesce può Aiutarti a Perdere Peso?

L’olio di pesce è uno degli integratori più comuni sul mercato. È ricco di acidi grassi omega-3, che offrono vari benefici per la salute: migliorano la salute del cuore, del cervello, della pelle e riducono il rischio di depressione.

Secondo alcuni ricercatori, può anche aiutare a perdere peso più facilmente.

 

Cosa sono gli acidi grassi essenziali?

Gli acidi grassi omega-3 sono una famiglia di grassi essenziale per la nostra salute.

Ce ne sono di diversi tipi, ma i più importanti possono essere classificati in due gruppi principali:

  1. Acidi grassi essenziali omega-3: l’acido alfa-linolenico (ALA, 18:3) è l’unico acido grasso omega-3 essenziale. Si trova in una vasta gamma di alimenti vegetali come noci, semi di canapa, semi di chia, semi di lino e i loro oli sono le fonti più ricche.
  2. Acidi grassi omega-3 a catena lunga: i due più conosciuti sono l’acido eicosapentaenoico (EPA, 20:5)) e acido docosaesaenoico (DHA, 22:6). Si trovano principalmente nell’olio di pesce, nei pesci grassi e nelle alghe.

In nutrizione, l’aggettivo “essenziale” definisce la totale incapacità dell’organismo di sintetizzare un elemento, o di farlo in quantità adeguate al proprio fabbisogno; ciò implica la relativa necessità di introdurlo con la dieta.

Tra gli omega 3 essenziali, l’ALA è considerato quello metabolicamente meno attivo. Ciò nonostante, l’acido alfa-linolenico è l’unico veramente indispensabile, perché da esso l’organismo è capace di ricavare anche EPA e DHA.

Le reazioni enzimatiche che pilotano questa conversione non sono sempre del tutto funzionanti e possono rimanere compromesse: il corpo umano infatti trasforma solo il 2-10% di ALA che si assume, necessitando quindi di aumentare il fabbisogno alimentare di EPA e DHA.

Per questo motivo, molti professionisti della salute consigliano di assumere dai 300 ai 3000 mg di EPA e DHA al giorno. Puoi farlo mangiando circa due porzioni di pesce grasso a settimana, oppure puoi prendere un supplemento sotto forma di integratore alimentare.

EPA e DHA sono coinvolti in molte funzioni corporee essenziali e svolgono un ruolo particolarmente importante nello sviluppo e nella funzione del cervello e degli occhi.

Gli studi dimostrano che il mantenimento di livelli adeguati di EPA e DHA può anche aiutare a prevenire l’infiammazione, la depressione, il cancro al seno e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Ci sono molti integratori di olio di pesce omega-3 sul mercato, solitamente disponibili come gocce di olio o capsule già bilanciate.




L’olio di pesce può ridurre l’appetito?

Gli omega-3 dell’olio di pesce possono aiutare le persone perdere peso in diversi modi. Il primo comporta la riduzione della fame e dell’appetito.

Dato che gli omega 3 risultano essere in grado di inibire il deposito di grasso e migliorare il suo consumo nei muscoli, alcuni studi hanno dimostrato che gli integratori possono accelerare la perdita di peso sia negli uomini che nelle donne.

Ma non solo. In uno studio del 2008 sono stati dimostrati gli effetti degli omega 3 sull’appetito di alcuni soggetti sottoposti a diete di dimagrimento con basso apporto calorico.

In questa ricerca, ai partecipanti era stata assegnata una dieta scelta tra le seguenti quattro: dieta senza pesce, pesce magro 3 volte a settimana, pesce grasso 3 volte a settimana, e capsule di omega 3 (6 al giorno). Gli scienziati hanno trovato che i soggetti che avevano consumato pasti ricchi in omega 3 si sentivano più sazi anche dopo 2 ore.

Ciò ha sottolineato che gli acidi grassi omega-3 fungevano da segnalatori della fame e come ormoni di controllo di fame e sazietà nel corpo, cosa utile nell’evitare spuntini e nella perdita di peso.

Tuttavia, questi effetti non sono universali. Ad esempio, in un altro studio di piccole dimensioni, a soggetti di peso normale che non seguivano una dieta dimagrante sono stati somministrati 5 grammi di olio di pesce o un placebo al giorno. Il gruppo che consumava olio di pesce ha riferito di sentirsi circa il 20% meno pieno dopo una colazione standard e ha espresso un desiderio di mangiare di più.

È interessante notare che uno studio ha osservato che gli omega-3 di olio di pesce hanno aumentato i livelli di un ormone della pienezza nelle persone obese, ma hanno ridotto i livelli dello stesso ormone nelle persone non-obese.

Pertanto, è possibile che gli effetti cambino a seconda del proprio stato di salute e della dieta. Sembra che l’olio di pesce possa essere più efficace nel ridurre la fame e l’appetito nelle persone sane dopo una dieta dimagrante.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi prima che si possano trarre conclusioni importanti.

 

L’olio di pesce può aumentare il metabolismo?

Un altro modo con cui l’olio di pesce omega-3 può aiutare aolio-di-pesce-può-aumentare-il-metabolismo perdere peso è quando aumenta il metabolismo.

Il metabolismo può essere misurato dal proprio tasso metabolico, che determina il numero di calorie bruciate ogni giorno. Più alto è il metabolismo, più calorie brucia e più facile è perdere peso.

Uno studio ha riportato che quando i giovani adulti sani prendevano 6 grammi di olio di pesce al giorno per 12 settimane, i loro tassi metabolici aumentavano di circa il 3,8%. In un altro studio, quando le donne anziane sane assumevano 3 grammi di olio di pesce al giorno per 12 settimane, i loro tassi metabolici aumentavano di circa il 14%, che equivale a bruciare 187 calorie in più al giorno.

 

L’olio di pesce nell’allenamento?

La maggior parte degli studi che segnalano aumenti dei tassi metabolici hanno anche osservato un aumento della massa muscolare. Sembra assodato che gli omega-3 offrono non solo benefici a lungo termine per la salute, ma possono anche migliorare le performance di un allenamento.

Questo è possibile perché gli omega-3 possono coadiuvare l’apporto sanguigno ai vostri muscoli durante un esercizio, permettendo di rilasciare più ossigeno e facendo sì che si consumi più grasso come fonte energetica al posto dei carboidrati.

Inoltre, gli omega-3 possono migliorare la fase di recupero post-allenamento. Hanno alte proprietà anti-infiammatorie che riducono l’affaticamento e il logoramento dei tessuti. Dunque, per chiunque sia attivo fisicamente, è necessario un consumo elevato di omega-3 e l’utilizzo di integratori può risultare fondamentale.

Questa scoperta potrebbe spiegare perché alcuni studi hanno rilevato che l’assunzione di supplementi di olio di pesce in combinazione con l’esercizio fisico risulta essere più efficace nel ridurre il grasso corporeo rispetto all’esercizio da solo.

Per questo l’olio di pesce può aiutare ad aumentare il numero di calorie e la quantità di grasso bruciato durante l’esercizio, e quindi indirettamente aiutare a perdere peso.

 

L’olio di pesce aiuta a perdere centimetri del girovita?

Anche se gli omega-3 di olio di pesce non aiutano tutte persone a perdere peso, possono comunque aiutarle a costruire muscoli e sostituire questi alle masse di grasso corporeo.

A volte se si sale su una bilancia la lettura del peso può essere fuorviante. Potrebbe rimanere lo stesso, anche se si sta guadagnando muscoli e perdendo grasso.

Ecco perché le persone che vogliono perdere peso sono spesso incoraggiate a usare un metro a nastro o monitorare le percentuali di grasso corporeo per valutare i loro progressi, piuttosto che fare affidamento solo sulla bilancia.

Questo potrebbe spiegare perché diversi studi non sono riusciti a correlare alcun effetto degli omega -3 degli oli di pesce con la perdita di peso. Tuttavia, le ricerche che hanno utilizzato misurazioni più precise e complementari tra loro della perdita di grasso spesso raccontano un’altra storia.

Ad esempio, uno studio effettuato su 44 persone ha riferito che quelli a cui venivano somministrati 4 grammi di olio di pesce al giorno non riuscivano a perdere più peso rispetto a quelli trattati con un placebo.

Però il gruppo che assumeva olio di pesce ha perso più 0,5 kg di grasso corporeo e ha aumentato la massa magra muscolare di 1 kg rispetto a quelli non alimentati con olio di pesce

Di conseguenza, una revisione di 21 studi ha concluso che l’olio di pesce non riduce il peso corporeo in modo più efficace di un placebo. Tuttavia, la revisione dei lavori ha dimostrato che l’olio di pesce riduce la circonferenza della vita e il rapporto vita-fianchi in modo più efficace.




Dosaggio dell’olio di pesce?

Gli studi più recenti condotti sul beneficio rilevante dell’assunzione dell’olio di pesce come supplemento della dieta in rapporto alla perdita di grasso corporeo, hanno utilizzato dosaggi giornalieri compresi tra 300 e 3.000 mg.

Secondo la Food and Drug Administration (FDA), l’assunzione di olio di pesce omega-3 è considerata sicura se la dose giornaliera non supera i 3.000 mg.

Tuttavia, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) considera sicure le assunzioni giornaliere di integratori di EPA e DHA fino a 5.000 mg.

È bene però tenere a mente che gli omega-3 hanno effetti di diradamento del sangue che possono causare un’emorragia eccessiva in alcune persone predisposte. Chi assume farmaci per fluidificare il sangue, è meglio che parli con un operatore sanitario prima di aggiungere integratori di olio di pesce alla propria dieta.

Inoltre, bisogna fare attenzione al tipo di supplementi di olio di pesce che si assume, specie se sono associati ad altri elementi. Alcuni possono contenere vitamina A, che può essere tossica se assunta in quantità elevate, soprattutto nelle donne in gravidanza e nei bambini piccoli.

Infine, è bene assicurarsi di prestare attenzione al contenuto dei supplementi di olio di pesce e alla loro origine, perché sono in commercio prodotti che non contengono molto EPA e DHA. È bene acquistare un prodotto certificato, che sia cioè stato testato da una terza parte indipendente.

Sul mercato esistono diversi integratori a vario dosaggio di omega-3. Per ottenere il massimo beneficio da un integratore di omega 3, è bene sceglierne uno composto da almeno il 50% di EPA e DHA. Ad esempio, dovrebbe contenere almeno 500 mg di EPA e DHA combinati per 1.000 mg di olio di pesce.

 

Altri benefici degli oli di pesce?

I benefici degli omega 3 sono infiniti. È richiesto nel corpo primariamente per la segnalazione cellulare e la formazione di membrane, dove i suoi livelli risultano cruciali per la vista, il funzionamento del cervello e la riproduzione.

Oltre a ciò agiscono in funzione antinfiammatoria, riducono il rischio di diabete mellito, diminuiscono i livelli di colesterolo dannoso (LDL) e i depositi di grasso, aumentando i livelli di colesterolo buono (HDL).

 

“Le notizie e i dati contenuti in questo articolo hanno solo ed esclusivamente uno scopo informativo. Non sono destinati a fornire un consiglio medico e non sostituiscono il consiglio del vostro medico. Né l’editore di saluteopinioni.it né l’autore si assumono la responsabilità di ogni possibile conseguenza legata a qualsiasi tipo di trattamento o dieta effettuati sulla base delle informazioni contenute in questo articolo. Prima di intraprendere un trattamento, si consiglia di chiedere il parere del proprio medico o di altro professionista della salute”

  • Voto:
4.9