Aceto di mele contro il diabete

Nei blog dedicati al benessere si legge spesso che l’aceto di mele è un vero toccasana. Viene elogiato come una cura miracolosa economica e naturale, che si presta ad essere assunta per contrastare tutti i tipi di disturbi di salute.

C’è chi lo considera un antidoto per eliminare i chili di troppo.

Si dice che aiuterebbe addirittura a controllare i livelli di zucchero nel sangue. Ecco perché molti si chiedono se l’aceto di mele contro il diabete può essere effettivamente efficace.

Aceto di mele contro il diabete

È il nuovo alimento del momento, con tante promesse: dimagrimento, lotta alle infezioni, prevenzione delle malattie cardiache e del diabete di tipo 2

Ma, in fondo, quanto di tutto questo è vero?

Diversi studi hanno evidenziato che l’acido acetico contenuto nell’aceto di mele, sembra avere un effetto benefico sui livelli di zucchero nel sangue e sulla risposta all’insulina.

Qui di seguito ti presentiamo aceto di mele contro il diabete:

Cosa dice la ricerca

Cosa-dice-la-ricerca-aceto-di-mele-contro-il-diabete

È vero, alcuni benefici aceto di mele sono confermati dalla scienza, come aiutare a controllare la glicemia (ovvero il livello di zucchero nel sangue).

Tuttavia si tratta di studi effettuati su un campione molto ridotto di pazienti e, ad oggi, non sono ancora state condotte ricerche più ampie che avvalorino questa tesi.

In uno studio pubblicato sul Diabetes Research and Clinical Practice Journal, i ricercatori hanno riesaminato i vari studi sull’effetto dell’aceto di mele sui livelli di zucchero nel sangue e di insulina.

Dopo un’analisi approfondita della letteratura, hanno selezionato 11 studi in cui è stato utilizzato l’aceto di sidro di mele o l’aceto di vino bianco.

Erano eleggibili solo gli studi clinici con un protocollo e un gruppo di controllo chiaramente definiti. Il numero di partecipanti a questi studi variava da 8 a 12.

  • L’analisi statistica ha mostrato che l’aceto fa sì che il livello di zuccheri nel sangue aumenti molto meno rapidamente dopo un pasto ricco di carboidrati.
  • Anche la concentrazione di insulina dopo il pasto è stata positivamente influenzata. Gli effetti positivi sembravano essere maggiori con i diabetici e con l’uso di aceto di mele.

Quali proprietà per il diabete?

Come dobbiamo interpretare questi risultati? Le chiavi di lettura sono molteplici.

In linea di massima i ricercatori concordano sul fatto che gli effetti positivi dell’aceto di mele per diabetici siano dovuti al suo contenuto di acido acetico che tra l’altro dà un senso di sazietà.

Questa sostanza potrebbe avere delle influenze su diverse funzioni del corpo.

  • Svuotamento gastrico

L’acido acetico potrebbe ritardare lo svuotamento gastrico, in modo che gli zuccheri vengano assorbiti meno rapidamente.

  • Insulino-resistenza

L’aceto di mele aiuta a prevenire il diabete riducendo i livelli di glucosio e di conseguenza i picchi di insulina dopo pasti ricchi di carboidrati.

Quando l’insulina viene prodotta e rilasciata nel corpo in grandi quantità che portano a picchi, alcuni tessuti e organi iniziano a ridurre la loro risposta ad essa, richiedendo più insulina per immagazzinare la stessa quantità di glucosio.

Questo processo porta a una condizione chiamata insulino-resistenza, che, se non invertita, può progredire fino al diabete di tipo 2.

  • Enzimi digestivi

Un’altra ipotesi è che l’acido acetico riduca l’azione degli enzimi digestivi, che rallenterebbe anche l’assorbimento nell’intestino.

Il fatto che gli effetti positivi si manifestino principalmente dopo un pasto con carboidrati complessi avvalora questa ipotesi.

  • Muscoli

Altri sostengono che l’effetto positivo sia dovuto ad un migliore assorbimento del glucosio da parte dei muscoli.

Tuttavia, tutte queste ipotesi sono state testate principalmente nella ricerca sugli animali. Sono necessarie ulteriori analisi sugli esseri umani per fornire una risposta definitiva.

Quasi tutti gli studi hanno esaminato solo l’effetto nel breve termine. Non è noto se l’aceto di mele abbia anche un effetto positivo sul controllo a lungo termine del diabete.

Non per tutti

A questo punto ti starai chiedendo se ci sono aceto di mele controindicazioni.

L’aceto di mele non può essere assunto indistintamente a tutti. In particolare, dovrebbero evitarlo chi è afferro da

  • patologie renali
  • ulcere

Tieni anche presente che un elevato consumo di questo alimento può drasticamente abbassare i livelli di potassio nel sangue e, a causa della sua acidità, impedisce la digestione e può danneggiare lo smalto dei denti.

Come introdurre l’aceto di mele nella dieta per il diabete

Come-introdurre-laceto-di-mele-nella-dieta-per-il-diabete

Allo stato attuale della ricerca non è sufficientemente chiaro quale sia la dose ottimale di aceto di mele da assumerla e quando è meglio prenderla.

In linea di massima, si consiglia di assumerlo prima o durante i pasti, o un’ora prima di andare a dormire

In ogni caso, il suo consumo più volte al giorno dev’essere sempre fatto in modo sicuro, in virtù del ph aceto di mele particolarmente acido:

  • non berlo mai puro. Prepara una bevanda di acqua aceto oppure diluiscilo nel tè o in una tisana
  • puoi utilizzarlo in cucina come condimento di insalate, verdure cotte o crude, carne e pesce

Quale aceto di mele scegliere

Anche la composizione dell’aceto, che varia a seconda del metodo di produzione, sembra avere un’influenza sull’efficacia della sua assunzione in caso di diabete.

Come in tutte le cose, il fattore qualità ha un impatto non trascurabile sull’efficacia del prodotto.

In linea di massima, la scelta migliore è rappresentata dall’aceto di mele non pastorizzato e non filtrato. In questa varietà, la porzione madre dell’aceto, vale a dire uno strato denso e opaco che viene prodotto dai batteri “buoni” sulla superficie dell’aceto, non viene rimossa.

Ed è proprio questa parte che aumenta le proprietà aceto di mele con notevoli antiossidanti.

Parlane con il tuo medico

Chi è affetto da diabete e ha intenzione di introdurre l’aceto di mele nel suo regime alimentare, è molto importante parlarne prima con il proprio medico curante.

Inoltre, non bisogna dimenticare di controllare i livelli di glucosio nel sangue dopo avere effettuato una qualsiasi modifica con aceto di mele dieta.

Conclusioni

L’aceto di mele è considerato un prezioso alleato nei rimedi fai da te per la salute e il benessere: è un super antiossidante, viene utilizzato nelle diete dimagranti e sembra anche che possa aiutare a prevenire alcune malattie come il diabete.

Ecco perché oggi questo alimento è oggetto di studi scientifici volti ad avvalorare o meno queste proprietà.

I risultati sono promettenti, ma non sono ancora condotti su un paziente sufficientemente ampio di pazienti. È quindi presto dire se effettivamente l’aceto di mele possa portare a una migliore regolazione dei livelli di zucchero nel sangue nel diabete a lungo termine.


Fonti:

Lascia un commento