Buona Grigliata! con i 7 Migliori Barbecue Portatili a Gas

4-Barbecue-Portatili-a-gas

Con l’arrivo della bella stagione il miglior barbecue portatile a gas consente di cucinare in piena libertà all’aria aperta. Chi ha la passione per il barbecue può organizzare una grigliata a base di pesce o di carne, con verdure e salamelle e anche formaggi.

Tutte le occasioni sono buone per socializzare, sia che si passi del tempo insieme alla famiglia in giardino, sia che si pranzi con gli amici durante una scampagnata o un picnic fuori porta.

 

Migliori barbecue portatili a gas

I modelli si differenziano in base a materiali, dimensioni, numero dei fuochi e accessori per barbecue e affumicatori. Tutto questo determina una differenza di prezzo che può anche essere di diverse centinaia di euro fra il tipo più economico e quelli più costosi.

Nella scelta, la notorietà del brand ha certamente un suo peso, dal momento che questo è il più delle volte sinonimo di qualità. Sul mercato è possibile però trovare anche apparecchi a basso prezzo altrettanto validi e affidabili.

Prima di effettuare la scelta, è sempre buona abitudine fare un paragone fra i vari apparecchi in base alle proprie esigenze. In alcuni forum si possono leggere le opinioni e i consigli di chi ha già acquistato un bbq portatile a gas e può dare il proprio punto di vista in base a un test diretto.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori barbecue portatili a gas:

1. BBQueen Grill 8.4

Il migliore per: facilità di pulizia

Si pulisce in 45 secondi e con molta facilità. Grazie alle piastre in puro inox 304, si possono eliminare completamente residui di cibo e batteri dalle piastre.

È progettato in modo da evitare il contatto tra grasso e bruciatori, assicurando sempre il perfetto funzionamento.

I bruciatori a banda larga favoriscono una distribuzione uniforme del calore su tutta la piastra, consentendo di raggiungere la temperatura idonea in soli 6/8 minuti.

2. Cadac Chef 2

Il migliore per: molto compatto

Offerta
Cadac barbecue portatile Carri Chef 2 BBQ/Chef Pan...
11 Voto

È un modello che funziona a gas butano, propano, gpl 30 mbar (è consigliata una bombola da 5 kg tipo Campingaz).

La zona cottura include piastra antiaderente, bistecchiera rigata, griglia cromata, fornello per pentole. L’accensione è a piezoelettrico. Garantisce una cottura rapida ed è subito pronto per entrare in funzione.

Particolarmente compatto, è portatile e viene fornito completo di custodia. Facile da trasportare in auto, è ideale per il campeggio.

3. Waeco Dometic 9103300172

Il migliore per: facile da trasportare

Si rivela facile da montare e smontare, comodo da riporre e trasportare grazie alla sua apposita valigetta in acciaio.

Le quattro gambe sono regolabili in altezza, con un margine di regolazione 200 mm. Dotato di tre fuochi e di spiedo, ha una resa di 5300 W.

Il suo consumo di gas è di 385 g/h e la pressione gas è pari a 30 mbar. I bruciatori e il piano di cottura sono in acciaio inox, le pareti laterali in alluminio.

4. RSonic Barbecue a gas portatile

Il migliore per: praticità

In pochissimo spazio, consente di cuocere alla piastra e al grill grazie alle sue dotazioni intercambiabili.

Il kit grill e la piastra hanno una dimensione di 33,5 x 25 centimetri. Il grasso viene raccolto in un apposito contenitore. L’accensione è piezoelettrica.

Grazie al suo ingombro contenuto può essere trasportato facilmente ovunque, nella massima praticità.

5. Red I Cuba Art. 11876

Il migliore per: prezzo competitivo

Sono sufficienti poche decine di euro per acquistare questo versatile barbecue a gas portatile.

Sta praticamente ovunque grazie alle sue ridotte dimensioni, pari a 34 x 28 x 11 centimetri; il suo peso è di appena 1,75 chilogrammi. Il consumo di gas gpl è di 150 g/h.

L’apparecchio si fa apprezzare per la sua flessibilità di utilizzo in viaggio ed è ideale in campeggio, camper, barca.

6. Alessi 13802 AF506 Barbicù

Il migliore per: bruciatori indipendenti

I due bruciatori sono indipendenti e possono così essere utilizzati in base alle specifiche esigenze di preparazione culinaria.

La struttura è molto resistente: il braciere e i piedini sono realizzati in acciaio verniciato e le griglie sono in acciaio inossidabile.

Il barbecue è indicato per le esigenze di preparazione di una famiglia di medie dimensioni e si fa apprezzare per la facilità di pulizia.

7. Kemper Smart Barbecue 104997

Il migliore per: griglia antiaderente

Offerta
Kemper Barbecue A Cartuccia Gas
11 Voto

La griglia di cottura è realizzata in materiale antiaderente, per semplificare al massimo le operazioni di pulizia. Funziona con una cartuccia a gas gpl (da ordinare a parte).

Le sue caratteristiche tecniche includono la regolazione manuale della potenza, il bruciatore in acciaio inox 1.9 kW, il sistema di sicurezza con blocco cartuccia e l’accensione piezoelettrica.

Viene fornito completo di una pratica sacca in plastica appositamente studiata per ottimizzarne il trasporto.

Che cos’è un barbecue portatile?

È un pratico sistema per la cottura dei cibi, molto compatto e facilmente trasportabile, che si può collocare in qualsiasi spazio aperto, anche su un balcone condominiale (facendo attenzione a rispettare i regolamenti interni).

È facile da montare, ha un tempo di riscaldamento rapido e, essendo portatile, permette una preparazione dei cibi versatile e flessibile, ovunque lo si desideri.

I vantaggi offerti da questo metodo di cottura sono soprattutto legati al fatto che le pietanze risultano più saporite. Ciò è soprattutto vero nel caso dei barbecue a gas, che consentono di regolare l’intensità del calore.

In questo modo è possibile cuocere a fiamma bassa determinati cibi come la carne, per un tempo prolungato, in modo che non diventi dura né stopposa e si riveli quindi più gustosa.

Il barbecue permette anche di mangiare più leggero perché la mancanza di un recipiente di raccolta dei grassi di cottura fa sì che questi vadano a finire direttamente nella fiamma.

Barbecue portatili a gas o a legna?

I barbecue portatili si distinguono in due categorie, in base al tipo di combustibile utilizzato, ossia il gas o il carbone e/o legna. Al momento dell’acquisto è utile conoscere le peculiarità di ciascuno di questi due sistemi.

Infatti, anche se il concetto di base è sempre lo stesso, dato che si utilizza il calore del fuoco per preparare cibi come carne, pesce e verdure, l’impiego del gas piuttosto che la carbonella comporta un modo diverso di cucinare.

I barbecue a carbonella costano meno perché sono più semplici e danno un gusto più tradizionale ai cibi con pregnanze di affumicato dovuto ai tipi diversi di legno. Richiedono però tempi più lunghi di preparazione.

Inoltre, una volta terminata la grigliata il dispositivo deve essere svuotato e pulito a fondo per smaltire le braci come appositi rifiuti. Non dimentichiamo che il carbone è più inquinante del gas.

I barbecue a gas sono più versatili, riducono i tempi di cottura, il calore si mantiene costante ed è facile controllare la preparazione, inquinando meno.

I barbecue a gas di piccole dimensioni possono essere trasportati in uno zaino (per andare dove si vuole anche percorrendo lunghe distanze) e sono immediatamente pronti per l’uso.

Si rivelano molto utili quando si vuole cuocere, cucinare, arrostire o grigliare all’aria aperta senza essere tormentati dal fastidio di dover riempire il contenitore di carbone e di doverlo accendere.

Con i barbecue a gas l’unica accortezza è quella di ricaricare la bombola quando si scarica (e ce ne vuole perché si consumi) oppure procedere alla sua sostituzione. Tale operazione non è necessaria nel caso di modelli alimentati a metano, che si allacciano direttamente alla rete domestica.

GPL e metano: che differenza c’è?

Al momento dell’acquisto di un barbecue a gas portatile, occorre valutare se il combustibile sarà il propano liquido o il gas naturale: il gas naturale è più facile da reperire, mentre il gpl viene venduto in bombole nei negozi specializzati.

Fra i vantaggi del barbecue a gpl vi è la sua facilità di trasporto. È inoltre molto pratico da utilizzare ovunque: basta allacciare la bombola e si è subito pronti a cucinare.

Il barbecue a metano è invece comodo perché, dopo aver fatto i necessari allacciamenti, si collega direttamente alla rete domestica, ottimizzando i costi. I modelli più evoluti sono dotati non solo di piastra e griglia, ma anche di fornello (identificato nella descrizione tecnica dell’apparecchio con la dicitura +1).

Di che materiale è fatto il barbecue portatile a gas?

I materiali costruttivi di un barbecue a gas devono essere valutati con attenzione, poiché alcuni di essi vanno a contatto con gli alimenti da cuocere, mentre altri sono determinanti per garantire l’adeguata robustezza.

Visto che è destinato a un utilizzo all’aperto, come ad esempio in campeggio, è bene accertarsi che la sua struttura sia molto resistente. Chi è appassionato di camping e outdoor sa bene a che utilizzo intenso può essere sottoposto un barbecue portatile durante la bella stagione!

In affiancamento alle cucine da camper, l’apparecchio rappresenta il complemento ideale per preparare deliziosi pranzetti tra uno spostamento e l’altro.

Occorre poi verificare che i materiali utilizzati per le griglie e le piastre siano sicuri e semplici da pulire. L’ideale è l’acciaio inox non solo per la griglia di cottura, ma anche per la struttura stessa visto che si tratta di un materiale praticamente indistruttibile.

Soffermiamoci un attimo sulle griglie, dal momento che la loro qualità è un elemento fortemente caratterizzante di un barbecue a gas davvero performante. Sono infatti un importante indicatore dei tempi di cottura.

Le griglie di migliore qualità possono essere costituite da due tipi di metallo. Il primo è la ghisa, un materiale eccellente per trattenere il calore, e quindi preferito da molti, anche se richiede una più accurata pulizia e manutenzione essendo più delicato e pesante.

Le griglie completamente in acciaio inox, anche se sono generalmente più costose e trattengono meno calore rispetto alla ghisa, sono molto apprezzate perché non richiedono alcun tipo di manutenzione e sono molto resistenti.

Alcuni modelli sono dotati di piani rivestiti in ceramica. Questa soluzione progettuale è particolarmente gradita dagli amanti del barbecue perché il cibo non si attacca, anche nel caso in cui vengano grigliati alimenti che si fondono come il formaggio.

I piani in pietra sono invece ideali per mantenere i cibi a contatto con il loro sugo, rendendoli più gustosi.

Dove posizionare il barbecue portatile a gas?

Dal momento che il barbecue utilizza la fiamma più o meno diretta, è necessario utilizzarlo all’aperto, meglio se lontano dall’abitazione: questo tipo di cottura produce infatti parecchio fumo.

Per motivi di sicurezza, è molto importante che l’apparecchio non sia vicino a una parete. Inoltre, è bene accertarsi che la fiamma non possa raggiungere il soffitto. I grassi di cottura potrebbero infatti produrre fiammate improvvise e molto alte, con grave pericolo di incendi.

Prima di comprare un barbecue portatile occorre pensare all’uso prevalente che se ne vuole fare e dove si pensa di metterlo durante i mesi più freddi, quando generalmente non viene utilizzato. In base a queste considerazioni andrà valutata la sua grandezza.

All’interno della categoria dei barbecue a gas possiamo distinguere fra quelli da giardino e quelli da campeggio vero e proprio.

 

Quali sono le caratteristiche dei barbecue da giardino?

La caratteristica più rilevante di questi modelli di barbecue è che la parte principale, ossia quella che serve a cuocere i cibi e che quindi contiene la griglia, è appoggiata su un supporto costituito da quattro gambe.

Questi barbecue da picnic sono anche spesso provvisti di ruote, in modo che sia possibile spostarli come si vuole, portandoli all’aperto quando serve e chiudendoli, ad esempio, in garage quando non sono utilizzati.

Alcuni modelli di barbecue da giardino hanno più di una griglia. La prima è più vicina alla fiamma, mentre l’altra si trova in una posizione maggiormente elevata, ideale per cibi che necessitano di una cottura più lenta.

Oltre alle griglie di cottura possono essere presenti ripiani dove appoggiare gli alimenti da cuocere, ganci porta utensili, eventuale coperchio con maniglia che si può chiudere creando un effetto simile a quello di un forno. In questo modo i cibi si mantengono più teneri.

A questi aspetti si aggiungono altre opzioni proprie dei barbecue a gas, come il regolatore di pressione, lo scompartimento della bombola e l’accensione piezoelettrica.

Prima dell’acquisto assicurarsi che sia presente il tubo per collegare la bombola ai fornelli (se non è previsto, ne va acquistato uno compatibile).

Quali sono le caratteristiche dei barbecue da campeggio?

Un altro ottimo modo per sfruttare i vantaggi della cottura con il barbecue è quello di portarselo in campeggio.

La caratteristica più interessante di un barbecue da campeggio è rappresentata dal fatto che si può trasportare con facilità. È quindi contraddistinto da dimensioni molto compatte, che consentono di riporlo facilmente nel bagagliaio della macchina, insieme alla tenda e a tutto l’occorrente per la vita all’aria aperta.

Proprio per questo, un barbecue da campeggio è progettato con gambe e componenti smontabili, oltre a una serie di ripiani pieghevoli.

Se il modello scelto è provvisto di gambe pieghevoli piuttosto corte, il modo migliore per utilizzarlo è quello di metterlo su un supporto, possibilmente un tavolo, poiché è bene che la superficie di appoggio sia stabile.

È preferibile evitare di porre l’apparecchio direttamente sul terreno quando ci si trova in prossimità di erba secca, specialmente se è piuttosto alta. Questo accorgimento è molto importante per evitare incendi.

Sarebbe utile prendere questo tipo di precauzione anche quando il barbecue è garantito come adatto a ogni tipo di superficie. Una volta appoggiato in un punto stabile e sicuro, basta accenderlo seguendo le istruzioni e poi cominciare a cuocere tutto ciò che si desidera.

 

Ci sono barbecue da balcone?

Certamente sì. Ci sono specifici barbecue da balcone dedicati a chi, pur vivendo in un condominio, non vuole rinunciare alle grigliate all’aperto.

La legge permette a chiunque di avere un barbecue, purché l’emissione di fumi e di odori sia mantenuta nei limiti della tollerabilità.

Alcuni edifici però prevedono dei regolamenti personalizzati per cui è bene accertarsi di cosa è possibile fare prima di procedere all’acquisto.

 

Lascia un commento