Dai la Forma che Vuoi con i 5 Migliori Trafori Oscillanti

l traforo è uno strumento per l’hobbistica che consente di ritagliare e forare tavole di legno o altro materiale di diverso spessore con lame di acciaio, seguendo un disegno prestabilito. Nella versione elettrica è una macchina molto versatile da laboratorio.

Con il miglior traforo oscillante elettrico è possibile eseguire tagli dritti e precisi, ma è nelle curvature a sagoma e nei tagli inclinati, anche stretti, che questo dispositivo dà il meglio di sé.

E ti consente così di far assumere a un semplice pezzo di legno la forma che vuoi tu.




Qual è il miglior traforo oscillante?

Anche se si tratta di uno strumento destinato a un impiego specifico del fai da te, sul mercato è possibile trovarne numerosi modelli, ciascuno dei quali si differenzia per caratteristiche e funzionalità.

Se si sceglie un modello economico, si deve tenere conto ci potranno essere dei limiti operativi nell’esecuzione dei lavori più impegnativi. Dunque, per un utilizzo intensivo e frequente, vale la pena affrontare una spesa più importante per un utensile completo.

Se vuoi avere dei suggerimenti pratici per l’acquisto, non devi far altro che leggere le opinioni e i test pubblicati nel web dagli hobbisti che utilizzano abitualmente questi strumenti.

Trovi tutto nel servizio di vendita online, un modo pratico e veloce per ricevere con pochi clic l’utensile desiderato, con il vantaggio del prezzo più basso.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori trafori oscillanti:

1. Proxxon DS 460 No. 27094 sega da traforo

Il migliore per: leggerezza

È una sega da traforo estremamente leggera, in magnesio: riduce il peso della massa da spostare del 40% rispetto all’alluminio pressofuso. Questo aspetto rende il dispositivo anche particolarmente silenzioso.

Solido e robusto, riduce le vibrazioni grazie alla base in acciaio fuso trattato in CNC e verniciato a polvere. Ha un ampio piano in alluminio pressofuso (400 x 250 mm) con angolo regolabile da 5° a 50°.

Il taglio su legno è di 60 mm, mentre su materiali non ferrosi è indicativamente di 10-15 mm, a seconda del tipo.

  • Silenzioso
  • Basse vibrazioni
  • Robusto

2. Proxxon 28 092 DSH

Il migliore per: facile utilizzo

Ideale anche per scuole, laboratori di formazione e applicazioni hobbistiche, ha le seguenti prestazioni di taglio in base al materiale: 50 mm per il legno, 30 mm per la plastica, 10 mm per i metalli non ferrosi.

È adatto anche al taglio di plexiglas, plastica rinforzata in fibra di vetro, schiuma, gomma, pelle o sughero.

Ha un ventilatore con ugello e il braccio trasparente consente di tenere sotto controllo le fasi di lavorazione. Include 5 lame.

  • Accessoriato
  • Pratico
  • Maneggevole

3. Dremel Moto-Saw MS20-1/5

Il migliore per: dotazione completa di accessori

Nella confezione è inclusa una gamma completa di accessori: due lame legno multiuso, due lame legno dettaglio multiuso, una lama in metallo, una guida parallela, due staffe di montaggio, una custodia per il trasporto, il manuale.

Semplice da utilizzare, consente un cambio rapido degli accessori, si regola senza sforzo e si ripone agevolmente grazie alle sue dimensioni compatte.

Offre un doppio funzionamento: modalità stazionaria per lavori di precisione e modalità portatile per pezzi da lavoro di grandi dimensioni. I binari di guida e le guide parallele agevolano il taglio fino a 18 mm.

  • Compatto
  • Doppio funzionamento
  • Semplicità

4. Einhell TC-SS 405 E traforo oscillante

Il migliore per: rapporto qualità e prezzo

Il braccio parallelo stabile rende semplice tutti i tagli diritti di precisione, nelle lavorazioni millimetriche e nel taglio di forme curve e tonde. Un dispositivo di soffiaggio allontana la polvere dall’oggetto che si sta lavorando.

La protezione trasparente della lama offre grande sicurezza, senza ostacolare i movimenti. Per facilitare i tagli obliqui, il piano (che misura 413,5 x 253 mm) è inclinabile di 45°. La lama è tenuta da una leva di bloccaggio. È progettato con regolazione elettronica per la lavorazione di materiali diversi.

  • Preciso
  • Sicuro
  • Versatile

5. Femi Fox F40-562

Il migliore per: lavori di rifinitura

In dotazione sono forniti un albero flessibile e un kit di utensili che permettono di effettuare lavori di rifinitura. La struttura in ghisa del basamento assicura una grande stabilità.

Il piano di grandi dimensioni può essere inclinato a 45° per agevolare i tagli obliqui. Il motore asincrono molto silenzioso consente un utilizzo intensivo e prolungato.

Completano le sue caratteristiche la velocità variabile, il braccio parallelo in fusione di alluminio, morsetto con funzione di protezione dell’utilizzatore e bloccaggio dei pezzi lavorati, soffiatore integrato, sistema di regolazione della tensione della lama pratico e veloce.

  • Silenzioso
  • Accessoriato
  • Stabile




Fai da te con il traforo oscillante?

La lama da traforo consente di ottenere una precisione estrema, afferente ai decimi di Traforo-Oscillantemillimetro. Niente a che vedere, quindi, con ciò che può offrire un normale seghetto.

È quindi possibile eseguire veri e propri tagli decorativi tipici del modellismo o della produzione di giocattoli da collezione, in modo professionale.

Oltre a legno, le alte prestazioni di questo strumento permettono di tagliare senza problemi anche materiali come il plexiglas, fibre di vetro, cuoio, gomma, plastica, resine espanse, sughero, metalli ferrosi e non ferrosi e così via.

Stabilità del traforo oscillante?

Questi strumenti si caratterizzano solitamente per la loro solida struttura. In questo modo possono garantire un taglio più preciso perché hanno stabilità maggiore e, nello stesso tempo, riducono l’emissione di rumore.

Il peso del traforo può influire sulla qualità del taglio poiché un utensile pesante ha una base massiccia, in pressofusione di alluminio o in ghisa, che è sinonimo di stabilità maggiore e, di conseguenza, ci permette anche un taglio più pulito.

I materiali impiegati sono spesso diretta conseguenza del peso finale.

Caratteristiche del traforo oscillante?

In commercio esistono diversi modelli di sega da traforo e spesso risulta difficile orientarsi fra le varie proposte.

In ogni caso le caratteristiche importanti di questo utensile elettrico sono:

  • la potenza del motore (Wattaggio)
  • la capacità di montare lame diverse
  • la capacità di taglio, ovvero la distanza tra la lama e il braccio oscillante della macchina

Quasi tutti i modelli consentono l’inclinazione del piano d’appoggio da 0° fino a 45° e talvolta anche oltre. Possono essere dotati di tubo di soffiaggio e/o aspirazione per la rimozione dei detriti e dei trucioli durante le operazioni di lavoro, con gabbietta di sicurezza intorno alla lama.

Alcuni dispositivi sono forniti di una luce che illumina il ripiano di lavoro (una vera e propria lampada integrata nel banchetto) al fine di offrire una visibilità maggiore per quelli che, lo ricordiamo, sono lavori di taglio di estrema precisione.

Lame del traforo oscillante?

Sicuramente è indispensabile dotarsi di lame diverse da utilizzare a seconda del tipo di supporto da tagliare, magari facendo qualche prova prima del taglio definitivo.

In linea di massima si può optare per uno sviluppo lame con minor numero di denti nel caso si usino legni teneri e lame con più denti (ma più piccoli) per legno duro e compatto e tutti i materiali plastici.

Una lama con pochi denti lascia un taglio meno pulito ma avanza più rapidamente; al contrario, una lama con più denti solitamente lascia un taglio più pulito, è più precisa ma anche più lenta ad avanzare e più difficile da controllare.

Un po’ di pratica sarà sufficiente a far capire le differenze fra le varie lame e utilizzando correttamente un traforo elettrico potrete avere molte soddisfazioni.

La lunghezza standard delle lame è di 130 millimetri e si inseriscono nel blocchetto portalame stringendole poi con una chiave a brugola.

Le lame senza perni laterali sono da preferire perché possono essere inserite nei fori guida per tagliare le parti interne.




Tensione lama traforo oscillante?

Bisogna verificare che la tensione della lama sia corretta, altrimenti va impostata. Più ancora che con il traforo a mano, se la lama fosse poco o troppo tesa avremo come probabile conseguenza la sua rottura, o peggio la tendenza a non seguire correttamente la linea di taglio (la cosiddetta deriva).

Anche se le lame sono relativamente economiche non ha alcun senso sprecare denaro per sostituirla sempre perché si rompe. Nei libretti d’uso sono sempre riportate le operazioni da svolgere per tensionare la lama.

Questa operazione dipende da modello a modello, non esiste un metodo certo e sicuro per tensionare correttamente la lama ma, a volte in modo empirico, si considera giustamente tesa quando pizzicandola come se fosse una corda di chitarra si ode un vibrazione simile al mi cantino di una corda.

Quando si lavora poi, a differenza di quello manuale, non si deve mai spingere o forzare il pezzo contro la lama, altrimenti si amplifica l’effetto di deriva. È più opportuno lasciare che la lama svolga il suo lavoro e che l’operatore si limiti ad accompagnare il pezzo di legno lungo il taglio.

Dotazione lame traforo oscillante?

Al momento dell’acquisto nella confezione dovrebbero essere presenti più lame, non solo per sostituire quelle usurate. Si ricorda che le lame si usurano con una certa frequenza se l’utensile viene utilizzato quotidianamente e spesso tendono anche a spezzarsi proprio perché sono fini e di ridotta larghezza.

Differenti tipi di lame consentono anche di eseguire tagli su tipologie di materiali diversi, ad esempio legno, materiali plastici, anche materiali ferrosi, e così via.

Velocità del traforo oscillante?

L’altra particolarità delle seghe da traforo è che possono sviluppare una notevole velocità per quanto riguarda la rotazione della lama, calcolata in numero di giri al minuto (quest’ultima può superare facilmente di 2000 giri/min). Anche l’altezza oscillazioni è un dato importante da considerare.

Proprio per eseguire lavori di precisione e per estendere al massimo la versatilità delle tipologie di taglio su materiali diversi, tale velocità deve essere regolabile.

Curve con il traforo oscillante?

Per eseguire un taglio curvo a lama normale bisogna accompagnare il legno in direzione del taglio mentre utilizzando una lama omnidirezionale il legno rimane sempre parallelo al piano di appoggio e viene semplicemente fatto scorrere lungo la linea di taglio.

Questo è particolarmente utile nel caso vi siano molte curve in spazi molto ridotti.




Lascia un commento