Gli 8 Migliori Rilevatori di Gas: Sicurezza Senza Compromessi

Un rilevatore di gas domestico o per il camper può salvare la vita. La legge, tuttavia, non lo rende obbligatorio.

Per di più ci si mettono quelli che si spacciano per tecnici per ispezionare il tubo del gas della tua cucina ma altro non sono che venditori di rivelatori di fughe… a caro prezzo.

È l’ennesima truffa ai danni dei consumatori, che non ha confini geografici. E che ha colpito anche me.

All’inizio sembrava un normale controllo. Con un avviso fatto rinvenire nella buca delle lettere, mi si informava che un tecnico abilitato sarebbe passato da lì a qualche giorno per sostituire il tubo. Tuttavia una volta che il “tecnico” è arrivato, anziché sostituire il tubo mi ha proposto di installare un dispositivo per rilevare le fughe, spacciandolo come obbligatorio per legge e chiedendomi 250 euro.

Io l’ho fatto montare, completamente all’oscuro della truffa, e ho firmato un contratto dove c’era scritto a caratteri infinitesimi che ero consapevole della non obbligatorietà dell’installazione del dispositivo.

Ho faticato non poco a farmi restituire i soldi nonostante il diritto di recesso ma è dovuta intervenire un’associazione di consumatori a fare un po’ di pressione.

Poi mio nipote me l’ha installato lo stesso, visto che c’era già la predisposizione, ma a 25 e non a 250 euro!




Qual è il miglior rilevatore di gas?

Il miglior rilevatore di gas è uno strumento utile ed efficace ai fini preventivi. miglior-rilevatore-di-gas-domesticoÈ utile anche da montare sul camper, dato che sono apparecchi che rilevano metano e GPL (gas propano liquido), i cui costi sono veramente contenuti.

Questi dispositivi sono dotati di un sensore di gas e sono in grado di riconoscere se la concentrazione del gas nell’ambiente supera i limiti stabiliti dalle norme di sicurezza. Ci sono anche apparecchi portatili a batteria.

Una volta rivelata una concentrazione di gas superiore ai limiti preimpostati, il rivelatore emette un segnale acustico, un segnale luminoso e in alcuni casi un impulso elettrico che consente la chiusura a distanza della valvola di afflusso gas.

Senza il rilevatore una eventuale fuga non sarebbe percepita e il flusso di gas non verrebbe tagliato, anzi quando l’ambiente si satura l’ossigeno può essere consumato dando origine a CO2 e monossido di carbonio, che sono letali.

È consigliabile posizionarlo in casa in spazi confinati dove si concentrerebbero maggiormente le nuvole in caso di fuga e più precisamente a circa 20 cm dal soffitto in caso di metano (che essendo leggero va verso l’alto) e a 20 cm dal pavimento in caso di GPL (che è più pesante dell’aria).

Gli ambienti dove è consigliato installarlo sono cucina, locale caldaia e in prossimità dei rubinetti.

Gli apparecchi si possono acquistare con la vendita online senza muoversi da e se volete approfondire le diverse proposte non vi resta che leggere i commenti che trovate nei forum. Sicuramente potrete trovare dei prezzi adeguati e più economici che altrove. Non serve spendere un capitale ma ci sono apparecchi a basso prezzo che hanno un’elevata qualità.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori rilevatori di gas:

1. Beghelli Senti Duo Rivelatore di Gas

Il migliore per: dispositivo di rilevazione completa

Si tratta di un apparecchio progettato per consentire di tenere sotto controllo sia le fughe di gas metano (CH4) sia quelle di monossido di carbonio (CO). È dotato di un sistema di autodiagnosi che assicura il corretto funzionamento.

In caso di emergenza, il dispositivo emette un potente allarme acustico (85dB alla distanza di un metro) insieme a una segnalazione visiva con led. Si installa con facilità, grazie all’innesto rapido brevettato Beghelli. Ha un grado di protezione IP42.

  • Autodiagnosi
  • Potente allarme
  • Semplice installazione

2. Ourjob Rilevatore di gas

Il migliore per: rilevazione in tempi rapidi

È progettato per monitorare in tempo reale la concentrazione di gas nell’aria. Quando una perdita di gas supera lo standard, il rilevatore emette un avviso acustico intenso, accompagnato d una luce stroboscopica, fino a quando il volume del gas ambientale scende al di sotto del punto di allarme. La batteria di riserva fa entrare il dispositivo in standby 1~2 ore dopo mancanza di corrente.

Il rilevatore di gas è utilizzato principalmente per rilevare il gas naturale (componenti principali: metano), gas liquefatto (componenti principali: butano, propano) e gas di carbone urbano (alcano, olefina, arene). È certificato Ce e Rohs.

  • Doppia segnalazione
  • Batteria di riserva
  • Certificato

3. Ave Riveatore Gas Metano da Parete

Il migliore per: flessibilità di installazione

Si tratta di un dispositivo ad alta tecnologia che fornisce allarmi tempestivi in presenza di gas. La funzione di autodiagnosi è attivabile dal pulsante frontale, che è anche utilizzabile per l’azzeramento della memoria allarme.

  • Ha una dimensione di 156 x 95 x 42 mm e l’installazione può essere effettuata a parete o su scatola 503. Il grado di protezione dell’involucro è IP42, quella del relè allarme è IP67.
  • Autodiagnosi
  • Dimensioni compatte
  • Design

4. BTicino Legrand LL Rivelatore di Gas Naturale 2M ANTR

Il migliore per: praticità

È un rivelatore di gas metano con segnalazione ottica ed acustica di allarme. Ha una funzione di autodiagnosi ed è predisposto per il comando di ripetitori di segnale.

L’alimentazione è a 12 Vac/dc 85 dB. Di colore antracite, richiede una manutenzione molto semplice: basta pulirlo con un panno soffice senza solventi, materiali abrasivi o corrosivi.

  • Semplice utilizzo
  • Doppia segnalazione
  • Autodiagnosi

5. Fantini Cosmi P22 Rivelatore Fughe di Gas

Il migliore per: sonda sensibile

Grazie a una sensibilissima sonda rivela la presenza di concentrazioni pericolose di gpl.

È completo di due allarmi interni: uno luminoso ed uno acustico. Interviene con un preallarme quando la concentrazione è molto al di sotto del limite inferiore di esplosività, accendendo immediatamente la spia rossa e attivando un eventuale dispositivo di segnalazione (ad esempio modem).

Se lo stato di preallarme persiste e conseguentemente la concentrazione aumenta, interviene l’allarme acustico e interviene un relè per il comando di una valvola di intercettazione. Si monta a parete o su scatole 503.

  • Doppio allarme
  • Sofisticato
  • Semplice utilizzo

6. Vemer Wave VN783700 Rivelatore di gas metano

Il migliore per: design

Questo rivelatore da parete per metano è progettato con relè per il comando di un’elettrovalvola o di un altro dispositivo da attuare in caso di allarme, in qualsiasi punto della stanza.

Ha un design semplice, caratterizzato da un profilo a onda che lo rende facilmente integrabile in qualsiasi ambiente domestico. La segnalazione di allarme avviene in modo acustico e visivo. Ha una dimensione do 1,5 x 0,9 m x 44 mm.

Il montaggio può essere effettuato direttamente a parete oppure su scatola tipo 503.

  • Doppio allarme
  • Facile installazione
  • Versatile

7. König SAS-GD100 Rilevatore di Gas

Il migliore per: prezzo interessante

Si tratta di un dispositivo che rileva la concentrazione di GPL, gas naturale o illuminante.

Se i livelli aumentano eccessivamente, scatta immediatamente un allarme visivo e sonoro. Il volume dell’allarme è superiore a 85 dB.

Il dispositivo è plug-in, basta inserirlo in una presa di corrente ed è subito pronto ad entrare in funzione. La sua temperatura di lavoro è compresa tra -10 e +40°C.

  • Plug-in
  • Doppio allarme
  • Funzionale

8. Rivelatore di gas combustibile Gochange

Il migliore per: intuitivo

L’elettronica è la protagonista di questo elegante dispositivo, che ha un allarme con voce umana fino a 85 dB con sirena incorporata. Il sensore è controllato da un microprocessore intelligente.

Le sue funzioni includono l’auto-test, segnalazione di batteria in esaurimento, sveglia. Il livello di umidità relativa di funzionamento è di 10 ~ 95%, per impedire falsi allarmi che possono derivare in seguito alla cottura a vapore o a una doccia.

La temperatura di esercizio è compresa tra 0 e 50°C. Il settaggio è semplice e intuitivo. Molto compatto, il dispositivo misura 10 x 10 x 3 cm.

  • Multifunzione
  • Pratico
  • Ergonomico




Che cos’è un rilevatore di gas?

Si tratta di un dispositivo che utilizza un sofisticato sensore per identificare la presenza di gas in un miglior-rilevatore-di-gas-domesticodeterminato ambiente. In caso venga captata una concentrazione del gas superiore alla norma, viene emesso un allarme sonoro, spesso accompagnato dal un segnale visivo come un led lampeggiante.

I rilevatori di gas possono essere utilizzati per rilevare gas combustibili, infiammabili e tossici e l’esaurimento di ossigeno. Ad esempio, puoi trovare un rilevatore gpl, butano propano.

Sono spesso dotati di avvisatori acustici e display visivi e, nel caso di un rilevatore fughe gas metano portatile consentono di identificare una perdita man mano che ci si avvicina con il dispositivo in mano.

Cosa cercare nei rilevatori di perdite di gas?

Diversi prodotti sono progettati per rilevare la presenza di gas specifici nell’aria in ambiente chiuso, come ad esempio in cucina. Per l’uso domestico, molte persone optano per un dispositivo che sia in grado di rilevare sia il gas naturale che il monossido di carbonio.

Tuttavia, se vuoi coprire tutte le tue esigenze, alcuni rivelatori offrono una protezione più completa, monitorando tutti i gas combustibili più comuni.

Sistema di rilevazione

Esistono diversi tipi di rivelatori di fughe di gas, che vanno dalle unità portatili agli allarmi plug-in e persino ai semplici spray liquidi. Se si desidera monitorare le fughe di gas 24 ore su 24, 7 giorni su 7, è preferibile utilizzare un’unità di allarme simile a un rilevatore di fumo.

Tuttavia, se si desidera controllare periodicamente la presenza di gas, un’unità o uno spray portatile potrebbero fare al caso tuo.

Sonda

La sensibilità della sonda inclusa nel dispositivo è un altro aspetto da prendere in esame al momento della scelta, anche se solitamente gli apparecchi in commercio rivelano di avere una sensibilità standard.

Luce

Insieme all’allarme acustico, tutti i dispositivi forniscono un allarme visivo, costituito da una luce led lampeggiante. Questo segnale è particolarmente importante se in casa sono presenti persone anziane o deboli d’udito. Alcuni apparecchi hanno un led bianco, altri ce l’hanno rosso. Non c’è una particolare differenze tra i due colori, è solamente una questione di scelta personale.

La luce integrata che viene fornita con molti rilevatori di fughe di gas è particolarmente utile quando ci si trova a carponi in un angolo buio del seminterrato cercando di individuare una perdita . La luce ti consente di vedere dove stavi andando, in un certo senso.

Calibrazione automatica

Secondo l’opinione di molti utenti, il manuale di istruzione incluso nella confezione è particolarmente importante per dispositivi come questo.

A volte l’apparecchio può richiedere un po’ di calibrazione e di settaggio e ci vuole un certo tempo per destreggiarsi con sicurezza tra le varie funzioni, in particolare se non ne hai mai usato uno prima.

Se il rivelatore è progettato con calibrazione automatica, hai la sicurezza di poterlo utilizzare subito, appena tolto dalla scatola. In questo caso, puoi fissarlo al muro e procedere con un test, per avere la certezza che funzioni adeguatamente.

Spegnimento automatico

Grazie a questa funzione, il rilevatore di fughe di gas si spegne automaticamente dopo essersi attivato per la segnalazione di un’anomalia. In linea di massima questo periodo di tempo è di circa 10 minuti, in modo che la batteria venga conservata mentre si è in un luogo di lavoro.

Garanzia

Prima di effettuare l’acquisto, verifica con attenzione la documentazione tecnica e i dati sulla confezione, per essere sicuri di essere coperti da una garanzia completa. Se non sei soddisfatto del tuo acquisto, di solito è una grande comodità avere una garanzia per aiutarti a ottenere un rimborso o una sostituzione.

Quanto dev’essere sensibile un rilevatore di gas?

La sensibilità del rilevatore di fughe di gas, misurata in ppm o parti per milione. Perché questo è importante? È bene sapere che l’esposizione prolungata al monossido di carbonio può essere dannosa per la salute a soli 10-24 ppm.

Se il rilevatore non rileva il gas fino a quando la concentrazione raggiunge i 50 ppm, la tua famiglia potrebbe respirare il gas tossico per un bel po’ di tempo prima che il sensore ti avvisi.

Il rilevatore gas può essere wifi?

Sul mercato sono disponibili alcuni modelli wifi che si possono connettere alla rete domotica di casa. È possibile impostare l’allarme gas attraverso lo smartphone, oppure configurarlo con il tablet e il pc. In questo modo, hai la situazione sotto controllo in tempo reale.

Vantaggi dell’utilizzo di un rilevatore di perdite di gas?

Sono numerosi i vantaggi che si possono avere installando un dispositivo di monitoraggio gas. Alcuni sono facilmente intuibili, come il fatto che è di facile installazione, altri forse un po’ meno. Vediamoli brevemente insieme.

Ti fa stare più tranquillo

Quando si parla di sistemi di sicurezza domestica, generalmente si pensa subito ai dispositivi di allarme anti- intrusione. Il gas è un nemico invisibile e un rilevatore ti aiuta a tenere tutto sotto controllo e rappresenta un ulteriore vantaggio per la sicurezza della tua casa.

Te ne accorgi subito

Non appena l’apparecchio rileva una fuga, te lo segnala in tempo reale con un allarme visivo e luminoso. Così puoi intervenire immediatamente per mettere te e la tua famigli al sicuro.

Ti evita di sentirti male

Se ti accorgi immediatamente che qualche cosa non va, eviti di avere i fastidiosi disturbi di salute legati all’inalazione di gas tossico: mal di testa, vomito, visione offuscata, dolore toracico, mancanza di respiro e nausea.

Alcuni tipi di gas hanno un effetto soporifero e narcotizzante, con le conseguenze che si possono facilmente immaginare.

Perché un rilevatore di gas ti fa risparmiare?

Alcuni utenti dicono che invece di chiamare un idraulico o un altro professionista del servizio per individuare le perdite di gas, hanno acquistato un rilevatore di perdite di gas e sono stati in grado di fare una valutazione, in modo autonomo.

In questo modo è possibile risparmiare un bel po’ di denaro nel lungo termine.

Domande frequenti sui rilevatori di gas

Hai ancora qualche dubbio su questo dispositivo che ti può salvare la vita? Prova a dare un’occhiata a quelle che sono le domande che generalmente si pongono gli utenti in presenza di una perdita di gas.

  • Cosa devo fare se trovo una perdita di gas nella mia casa?

Sia per il monossido di carbonio che per le perdite di gas combustibile, riunisci i tuoi familiari e gli animali domestici e spostati in un luogo sicuro ben areato, meglio se all’aria aperta. Una volta che sei sufficientemente lontano dalla fonte della fuga di gas, chiama i vigili del fuoco locale.

Verranno a casa tua in equipaggiamento protettivo e controlleranno la perdita. Ti faranno sapere quando è sicuro entrare di nuovo nella tua casa.

  • Non si possono controllare le perdite con le bolle di sapone?

Come trovare una perdita di gas? La tecnica della bolla di sapone consiste nel preparare una soluzione di acqua e sapone (la soluzione già pronta utilizzata dai bambini funziona benissimo) da spruzzare sui potenziali punti di perdita di gas, come giunti e valvole. L’eventuale fuoriuscita di aria farà gonfiare la soluzione, rendendo facile vedere dove il gas fuoriesce.

Se cerchi di utilizzare questo metodo da solo, potresti trovarti a spruzzare sapone dappertutto senza molta fortuna, quindi è una buona idea usare questa tecnica insieme a un rilevatore di perdite di gas. Una volta che il rilevatore ti ha aiutato a restringere l’area di ricerca, un rapido test delle bolle ti consentirà di individuare esattamente da dove viene il problema.

L’unica volta in cui le bolle di sapone non funzionano bene è se la perdita si trova in una posizione difficile da raggiungere. In questo caso, la soluzione migliore è un rilevatore di perdite di gas con una sonda lunga e flessibile. Sono anche inadatte per rilevare le fughe in prossimità di valvole termostatiche, dispositivi con elettrovalvola e con componenti elettronici sofisticati.

  • Come si usa un rilevatore di fughe di gas portatile?

I rilevatori di gas potrebbero sembrare dei dispositivi complessi, ma in realtà sono estremamente semplici da utilizzare. Basta accendere il dispositivo all’esterno o in un’altra posizione neutra, lontano da tutto ciò che potrebbe bloccarlo.

Dovrebbe iniziare a ticchettare, emettere un segnale acustico o lampeggiare ritmicamente. Man mano che ti avvicini a una perdita, il ticchettio, i bip o le luci lampeggianti diventeranno più veloci. Mentre ti allontani, rallentano di nuovo. Potrebbero avvisarti di pericoli letali.

  • Qual è la differenza tra monossido di carbonio e gas naturale?

Il gas naturale è un tipo di combustibile che viene bruciato per riscaldare forni, stufe e scaldabagni. È altamente combustibile e può essere pericoloso se si disperde nell’aria in elevata concentrazione. Ma fra i suoi componenti ce n’è uno che gli dà un odore distinto di uova marce, quindi è più facile rilevare una perdita.

Il monossido di carbonio, al contrario, è in genere inodore ed è un sottoprodotto della combustione di carburante, come la benzina nelle automobili o il gas naturale nei forni domestici. Senza una buona ventilazione, può accumularsi ed essere velenoso per gli esseri umani e gli animali.

  • Tutti i rilevatori di fughe di gas rilevano il monossido di carbonio?

No. La maggior parte dei rilevatori di fughe di gas portatili sono progettati principalmente per rilevare gas combustibili, come il gas naturale. Assicurati di controllare le specifiche del rilevatore di fughe di gas per assicurarti di essere avvisato delle perdite di gas che stai cercando.

  • Per quanto tempo funzionano i sensori di perdita di gas?

In genere, funzionano bene per almeno 3 – 5 anni. Ma ci sono sensori che possono essere affidabili per molto di più, anche fino a 10 anni.

  • La durata della batteria può diminuire a causa delle variazioni di temperatura?

Sì. Temperature più basse fanno esaurire la batteria troppo presto e temperature più elevate fanno sì che le batterie perdano la carica piuttosto rapidamente.

  • Ogni quanto deve essere calibrato il mio strumento?

La calibrazione dovrebbe essere effettuata una volta all’anno. Nel caso di apparecchi particolarmente sofisticati, può essere consigliato farlo ogni mese.

Lascia un commento