I 7 Migliori Pulitori ad Ultrasuoni Raggiungono Delicatamente Anche i Punti Più Nascosti

Gli ultrasuoni hanno diverse modalità di utilizzo, si usano infatti per la diagnostica prenatale, l’ecoscandaglio, il collaudo dei materiali, l’oscuramento, la saldatura e diversi altri processi di varia natura. Tra le applicazioni più evolute, il miglior pulitore ad ultrasuoni occupa un posto particolare.

L’impiego degli ultrasuoni nella tecnologia del lavaggio fa riferimento a metodi affidabili e comprovati, che permettono una pulizia accurata degli oggetti anche negli angoli dove lo sporco, le incrostazioni e i batteri, rimangono negli interstizi più difficili.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori pulitori ad ultrasuoni:

1. Floureon Pulitore ad Ultrasuoni Digitale – Il migliore per costruzione in acciaio resistente al calore

Offerta
Pulitore ad Ultrasuoni Digitale 3L, FLOUREON...
46 Voto

Ha un potente trasduttore, riscaldatore e grande capacità del serbatoio (fino a 3 litri). È adatto per pulire sporco, polvere e macchie da superfici di oggetti come gioielli, articoli per la casa, occhiali, monete, parti metalliche e altro. Utilizza solo normale acqua di rubinetto.

Lavora ad una frequenza ultrasonica di 40 KHz, con una potenza di riscaldamento di 100 W. Dispone di timer programmabile, con impostazione del tempo da 1 a 99 minuti e display LCD. Completa le sue caratteristiche la unzione di riscaldamento con temperatura regolabile 0-80°C.

  • Versatile
  • Utilizza acqua del rubinetto
  • Elevata capacità

2. Skymen pulitore ad ultrasuoni – Il migliore per basso consumo energetico

È adatto per pulire numerosi piccoli oggetti, anche di valore. Il serbatoio in acciaio inossidabile ha una capacità di 2 litri. Lavora ad una frequenza ultrasonica di 40 KHz, con una potenza di riscaldamento di 100 W e consumo ridotto di 60 W.

Dispone di timer programmabile con contatore digitale, con impostazione del tempo tra 0 e 30 minuti di cicli di pulizia e spegnimento automatico e con regolazione della temperatura di esercizio fino a 80°C. È anche possibile aggiungere una soluzione detergente.

  • Cestello rimovibile
  • Semplice impostazione di tempo e temperatura
  • Piedini antiscivolo

3. Pulitore industriale ad ultrasonico Brino – Il migliore per serbatoio di ampia capacità

Si tratta di un pulitore ad ultrasuoni controllato da microprocessore che genera onde sonore ad alta frequenza per la pulizia di oggetti di vario genere e delicati, anche con sporco complesso e incrostazioni vecchie. Il serbatoio ha una capacità di 6 litri.

Tempi e temperature sono controllati elettronicamente per mezzo di un timer con display digitale. Il cestello è in acciaio.

  • Controllo elettronico di tempo e temperatura
  • Robusto
  • Anche per oggetti molto delicati

4. BuoQua 6L Pulitore Ad Ultrasuoni Display Digitale – Il migliore per notevole potenza ultrasonica

Questo pulitore a ultrasuoni è particolarmente adatto per lo sporco ostinato e in punti irraggiungibili. Dispone di ampio display temperatura e timer digitale per il controllo di tempi e temperature di lavaggio. Il cestello in acciaio inox è ideale per la pulizia di oggetti di piccole dimensioni che richiedono un trattamento più delicato: garantisce un minore attrito tra gli oggetti e le pareti del serbatoio.

Ha incorporato un potente trasduttore in grado di generare una elevata potenza ultrasonica di 180 W e garantire eccellenti risultati di pulizia. Il serbatoio ha capacità di 6 litri. Funziona con acqua di rubinetto con picciole quantità di detergente

  • Basso consumo di detergente
  • Facile pulizia
  • Timer digitale

5. Floureon Pulitore ad Ultrasuoni – Il migliore per basso prezzo

Offerta
FLOUREON Pulitore ad Ultrasuoni bagno 2L Digital...
6 Voto

È un piccolo pulitore a ultrasuoni da banco adatto per la pulizia di oggetti con sporco ostinato e localizzato in punti irraggiungibili. La capacità del serbatoio in acciaio è di 2 litri. L’apparecchio è resistente al calore e viene fornito di cestello rimovibile, anch’esso in acciaio.

Il trasduttore genera una potenza di 40 KHz, funziona con semplice acqua di rubinetto a cui possono essere aggiunte piccole quantità di detergente per migliorare la capacità pulente. Ha un timer analogico con impostazione del tempo di lavoro da 1 a 15 minuti

  • Costruzione robusta
  • Consumo contenuto
  • Timer analogico

6. DK Sonic Pulitore ad Ultrasuoni – Il migliore per prestazioni professionali

Offerta
DK SONIC Professionale 6,5L Pulitore ad Ultrasuoni...
3 Voto

Dotato di serbatoio resistente in acciaio inox SUS304, ha le seguenti caratteristiche: custodia ultrasonica, cestello di pulizia, drenaggio, coperchio che rendono il pulitore ad ultrasuoni più anti-corrosivo. Basato sulla frequenza a 40KHz, funziona bene per pulire superfici complesse, a fori ciechi o a maglia.

Inoltre, la modalità Degas può essere utilizzata per migliorare l’effetto di pulizia e la funzione di riscaldamento, utile soprattutto per rimuovere l’olio e la cera. Ha un’impostazione con timer digitale di tempo modulabile da 1 a 99 minuti e di temperatura fino a 80°C.

  • Anti-corrosione
  • Trasduttori ad alta efficienza
  • In acciaio

7. Pulitore ad ultrasuoni Tacklife MUC02 – Il migliore per uso domestico

Piccolo ma efficiente pulitore ad ultrasuoni, di dimensioni compatte e serbatoio di capacità di 600 ml. Dispone di 5 tempi fissi di lavoro preimpostati (90/180/280/380/480 secondi) con spegnimento automatico.

Il cesto in acciaio inossidabile 304 è spazioso per contenere anche una montatura di occhiali, oltre a gioielli, orologi e altri piccoli oggetti, è rimovibile comodo da pulire con acqua. Lavora con una potenza ultrasonica di 42 KHz. Il guscio in plastica abs ha pulsanti impermeabili. L’apparecchio è progettato con un efficace sistema di riduzione del rumore.

  • Vaschetta in acciaio
  • Compatto
  • Pulsanti impermeabili

Che cos’è il pulitore ad ultrasuoni?

Un dispositivo di questo tipo utilizza le frequenze ad ultrasuoni e un apposito solvente per per pulire materiali pulitore-ad-ultrasuonicome attrezzature dentistiche e da laboratorio, gioielli e prodotti industriali. Negli anni ’50, è stato introdotto sul mercato il primo ultrasuoni professionale e le macchine commerciali ad ultrasuoni sono state utilizzate a livello domestico due decenni più tardi.

Gli apparecchi di questo tipo utilizzano le alte frequenze degli ultrasuoni per creare movimento nel liquido. Lo scopo è quello di rimuovere i contaminanti dalle superfici delle apparecchiature e degli oggetti più delicati.

Come funziona?

I vantaggi nel trattamento ad ultrasuoni sono molteplici e nel caso della pulizia di oggetti si usa l’acqua, o un altro detergente liquido compatibile, che fa da conduttore dell’onda ultrasonora. Questo processo è chiamato cavitazione. Un pulitore di questo tipo usa la cavitazione, le bolle create dalle onde sonore quando vengono applicate a un liquido contenuto in una vasca ultrasuoni.

Quando si generano onde sonore ad alta frequenza (ultrasuoni) in un liquido, si creano zone di alta a bassa pressione. Durante il ciclo di bassa pressione, si generano delle bolle di vapore che sono instabili e durano solo alcune frazioni di secondo. Quando le bolle implodono, si raggiungono alte pressioni (circa 2.000 atm), unitamente a un leggero incremento delle temperature.

Variando i parametri del sistema, utilizzando più o meno energia, si riesce ad ottenere una pulizia avanzata anche per oggetti preziosi, come per i gioielli (bracciali, anelli, collane, orologi, ecc.) e per monete antiche, oppure per occhiali e componenti ottici e altri vari oggetti delicati per eliminare lo sporco che si annida negli interstizi, quello più difficile da pulire. Il migliore pulitore è quello che sa essere modulabile e permette un lavaggio approfondito.

Quali detergenti si usano?

I solventi per la pulizia utilizzati in una lavatrice ad ultrasuoni possono essere semplici come l’acqua o più complessi come prodotti chimici a seconda delle esigenze dell’applicazione. Questi detergenti possono rimuovere una varietà di contaminanti tra cui olio, batteri, impronte digitali, muffa, sangue, incrostazioni varie e sono utilizzati in molte industrie.

Sono più comunemente usati dai dentisti per preparare i loro strumenti dentali prima della sterilizzazione ma ormai le applicazioni disponibili sono numerose e per gli scopi più diversi: si applicano come pulitori iniettori, per pulire i meccanismi interni delle armi, i minuscoli aghi che si usano per la tessitura, la coltelleria e molto altro ancora.

Che cos’è la potenza ultrasonica?

Quando un pulitore a ultrasuoni è in funzione, l’energia elettrica viene consumata in modo uniforme ma viene potenza-pulitore-ad-ultrasuonirilasciata a intervalli regolari per creare le onde sonore che modellano il segnale a ultrasuoni.
Alcuni apparecchi segnalano la potenza di picco ultrasonica, altri segnalano la potenza media e alcuni segnalano entrambi. Quando si valutano le attrezzature è necessario confrontarle in base allo stesso criterio.

Mentre una maggiore potenza di solito indica una pulizia più rapida ed efficace, esercitare maggiore potenza non è sempre la cosa migliore da fare. Troppa energia può danneggiare le parti elettroniche, la finitura superficiale di un metallo morbido (come ad esempio l’alluminio) e altri oggetti delicati. Allo stesso modo, nella pulizia di oggetti estremamente sensibili, la potenza regolabile di un apparecchio è una caratteristica estremamente utile.

Tipi di pulitore ad ultrasuoni?

I pulitori ad ultrasuoni si dividono in due categorie: i mini pulitori per uso domestico e quelli per uso industriale.

Mini pulitore ad ultrasuoni

Sono utilizzati per pulire oggetti delicati (come lenti, protesi, gioielli e altri oggetti di casa) nell’uso quotidiano e domestico. Sono adatti anche per pulire parti di motori più piccoli, piccoli ingranaggi, che possono essere trattati efficacemente per brevi periodi. Generalmente i generatori sono incorporati nella stessa struttura che alloggia la vasca, il cui cestello è l’unico scomparto estraibile.

Pulitore ad ultrasuoni industriale

Vengono utilizzati per impieghi più gravosi e concepiti per scopi industriali. Sono strutturati con serbatoi multipli di grandi dimensioni, con trasduttori pesanti e generatori separati che sono in grado di produrre un elevato wattaggio.

I serbatoi sono enormi per ospitare una vasta gamma di articoli di grandi dimensioni. Costruiti con materiale come acciaio inossidabile di alta qualità, la maggior parte di questi dispositivi può essere utilizzata anche per funzionamenti continui di molte ore.

Caratteristiche del pulitore ultrasuoni?

Vediamo insieme brevemente quali sono gli aspetti da valutare al momento della scelta. Per l’acquisto, si consiglia di dare uno sguardo alla vendita online, con la sua ampia proposta di prodotti di marca offerti spesso a basso prezzo.

Dimensione del serbatoio

Tutto dipende dalle parti da pulire. Si possono trovare apparecchi di diversa capacità accessoriate con cestelli di diversa profondità: ci sono modelli per uso domestico o semiprofessionale con cesto di dimensioni contenute a partire da 750 ml o meno fino a più di 3 litri.

Profondità di lavoro

È importante conoscere la profondità di lavoro del fluido detergente in relazione alle dimensioni delle parti che stai pulendo. Questo parametro rappresenta la distanza dalla superficie inferiore interna del cestello alla superficie del liquido in un serbatoio riempito ad ultrasuoni. Si tratta di un fattore è importante perché le parti da pulire devono essere completamente immerse nel liquido.

La preparazione del campione, d’altro canto, potrebbe richiedere una profondità inferiore, in quanto l’intero oggetto non deve essere immerso nella soluzione: si pensi ad esempio ad un gioiello orologio in cui la cassa che contiene i meccanismi non deve essere trattata quanto piuttosto il cinturino a maglie.

Timer

La dotazione di un timer regolabile rappresenta un plus importante. Poiché la pulizia ad ultrasuoni è di solito un processo rapido, non serve che determinati oggetti siano trattati per tempi lunghi ma vanno lasciati immersi solo per il tempo necessario, mentre altri possono avere bisogno di un trattamento prolungato.

È il caso ad esempio della pulizia di parti di un’arma che hanno accumulato sporcizia in modo diversificato o per le cartucce o bossoli di un fucile.

Durata del ciclo

Alcuni dei modelli più economici di pulitori ad ultrasuoni hanno solo una o due lunghezze di ciclo. Ad esempio, dopo 5 minuti è necessario tornare indietro e riavviare il pulitore per un altro ciclo se le parti non risultano pulite. Oppure si imposta un timer in funzione del detergente utilizzato.

Mentre 5 minuti possono essere un sacco di tempo per pulire una collana o un anello, ci vogliono tempi molto più lunghi per rimettere a nuovo la canna di un fucile che è coperta di sporcizia. Può essere utile avere un apparecchio con un display digitale che ci permette di monitorare meglio i tempi di lavoro.

Intervallo di frequenza

La frequenza del pulitore ad ultrasuoni viene prodotta da trasduttori alimentati da generatore collegati al fondo del serbatoio. Vibra in kilohertz (kHz o migliaia di cicli al secondo) sopra il raggio uditivo, che è di circa 20 kHz. La maggior parte dei dispositivi funziona tra 35 e 45 kHz. Questa gamma di frequenze è adatta alla maggior parte delle attività di pulizia.

La preparazione del campione viene spesso eseguita con unità operanti a 37 kHz. Una frequenza più bassa come 25 kHz produce bolle di cavitazione più grandi. Quando queste bolle implodono rilasciano una maggiore quantità di energia di pulizia. Per una pulizia grossolana come la rimozione di abrasivi per lappatura o pasta per lucidatura, una frequenza più bassa è più efficace.

Si noti che minore è la frequenza, più forte è l’operazione di pulizia. Una maggiore frequenza di pulizia ad ultrasuoni produce bolle di cavitazione più piccole, coprendo superfici complesse con dettagli precisi in modo più accurato. L’azione è più delicata rispetto alle basse frequenze.

Come gestire la temperatura del pulitore ad ultrasuoni?

Il calore è prodotto dalla cavitazione ultrasonica e molte operazioni di pulizia sono più veloci e più efficienti quando si utilizza una soluzione riscaldata. Ad esempio, una soluzione di pulizia a caldo è ideale per rimuovere oli, refrigeranti di lavorazione e tutta una serie di altri contaminanti da qualsiasi superficie a cui si possa pensare.

Alcune operazioni di pulizia tuttavia non sono migliorate da una soluzione riscaldata (ad esempio per rimuovere il sangue da strumenti chirurgici).

Che tipi di soluzioni impiegare?

Il processo di cavitazione funziona rilasciando energia, che viene convertita in calore e quindi in energia cinetica. Di conseguenza, nelle soluzioni vengono generati gradienti ad alta temperatura.

L’utilizzo di sostanze infiammabili, candeggina, acidi o altri agenti simili produce gradienti di temperatura ancora più elevati che possono essere estremamente rischiosi. Ecco un elenco di soluzioni di pulizia efficaci.

Soluzioni alcaline

Con un pH di 10 o superiore, sono ideali per la pulizia di acciaio inossidabile, metalli, zinco, stagno, rame e ghisa. Le soluzioni alcaline funzionano bene anche quando si puliscono ceramiche, vetro e materiali plastici.

Soluzioni acide

Hanno un pH di 5 o inferiore quindi, più aggressivo delle soluzioni alcaline. Come tali, le soluzioni acide sono utilizzate per la pulizia di materiali specifici, ad esempio rimuovendo gli ossidi dai metalli finché la soluzione contiene inibitori che proteggono il materiale di base.

Acqua deionizzata

È ideale per la pulizia di tutti i tipi di materiali, metalli, plastica, gomma, vetro e tessuti.

Soluzioni ad alto contenuto caustico

Si tratta di soluzioni alcaline speciali utilizzate per la rimozione di cere, grassi pesanti e oli di acciaio, ghisa e acciaio inossidabile.

Come gestire il processo di pulizia?

Dipende dall’oggetto che intendi pulire e dal tipo di pulitore ad ultrasuoni che stai utilizzando. Tuttavia, per una pulizia ottimale, occorre impostare una temperatura e una tempistica adeguate per il processo di pulizia.

La dimensione della macchina per la pulizia ad ultrasuoni e la soluzione detergente utilizzata determinano anche il modo in cui si interviene sull’oggetto.

A rete o a batteria?

Per quanto riguarda l’alimentazione, la cosa migliore è sceglierne uno che possa essere collegato alla presa elettrica. Un modello che funziona a batteria è sicuramente molto pratico per via della portabilità, ma non può essere in grado di generare la potenza necessaria per i trasduttori.

Quindi, non importa quanto sia attraente, ma il pulitore non è adatto se non può produrre una quantità adeguata di energia per pulire efficacemente i tuoi oggetti.

Come ottenere i migliori risultati da un pulitore ultrasuoni?

Il tipo di soluzione utilizzata, la durata del ciclo di pulizia, le dimensioni del serbatoio, la frequenza operativa adeguata e la scelta della temperatura ottimale sono tutti fattori che consentono di ottenere i migliori risultati da un pulitore a ultrasuoni. Per mantenere un sistema di pulizia ad ultrasuoni che funziona a prestazioni ottimali, tieni presente quanto segue.

Per ogni utilizzo non è richiesta una nuova soluzione di pulizia ad ultrasuoni, tuttavia, l’evidente deterioramento dell’agente in uso ostacola il processo. Mantieni il calore a un livello ottimale. Leggi le istruzioni dei prodotti chimici per impostare una temperatura operativa corretta. Troppo calore degrada il processo di cavitazione. Non bollire mai l’agente.

Scegli la soluzione di pulizia ad ultrasuoni corretta per il tipo di pulizia desiderata. Assicurati che il tuo sistema sia degasato dopo averlo riempito con una nuova soluzione.

Perché i pulitori ultrasonici sono così popolari?

È perché i pulitori ad ultrasuoni da banco e industriali offrono risultati di pulizia eccezionali in termini di accuratezza e velocità. Le applicazioni vanno dall’orologeria ai componenti dei motori a reazione e praticamente tutto ciò che può tranquillamente essere bagnato. E poi hanno una rumorosità contenuta e possono avere una struttura isolata.

Quanto costa il pulitore ultrasuoni?

Come abbiamo visto, i pulitori ad ultrasuoni sono disponibili in diversi tipi di modelli, che si differenziano per caratteristiche e campi applicativi. Anche la fascia di prezzo è abbastanza ampia. Un modello di base, utile ad esempio per pulire occhiali e gioielli, si aggira intorno ai 50 euro. Se cerchi multi-accessoriato con timer, dovresti investire almeno il doppio.

Lascia un commento