I 7 Migliori Microfoni Dinamici che si Adattano a Tutte le Esigenze

Trovare il miglior microfono dinamico in circolazione per le tue esigenze può sembrare un’operazione complicata. Hai cercato in una giungla di microfoni, dalle differenti forme e taglie, ma hai finalmente deciso di orientarti verso il nostro tipo preferito di microfono: quello dinamico.

Questo tipo di microfono è molto diffuso per la sua grande resistenza e qualità e, al momento, si possono trovare delle buone offerte online che ti permetteranno di acquistare una buona varietà di microfoni a dei prezzi vantaggiosi.

Con questa nostra guida alla mano sarai in grado di trovare il microfono dinamico più adatto alle tue necessità (e alla taglia del tuo portafoglio) in un attimo!

 




Qual è il miglior microfono dinamico?

Prima tutto, chiariamo questo punto: Tutti i microfoni sono considerati dei trasduttori (trasformatori d’energia) e ciò che distingue un tipo di microfono da un altro è il principio utilizzato per la trasformazione della pressione sonora in segnale elettrico.

Il microfono dinamico è il più utilizzato: sfrutta il fenomeno dell’induzione elettromagnetica per compiere questa conversione, rendendolo un microfono resistente ed economico. Inoltre molti di questi microfoni non hanno bisogno di alimentazione esterna e resistono bene anche all’umidità.

È importante sapere che i microfoni dinamici tendono ad avere una frequenza limitata (spesso a spese delle frequenze più elevate) che aiuta in caso di fonti particolarmente difficili.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori microfoni dinamici:

1. Microfono dinamico con bobina Pyle PDMIC78

Questo microfono palmare unidirezionale e dinamico è perfetto per la registrazione di musicisti seri in studio o sul palco. Offre un suono robusto con alto guadagno prima del feedback grazie al suo elemento dinamico a bobina mobile.

È anche unidirezionale, in modo che il microfono riprenda solo i suoni direttamente davanti a esso: in questo modo l’audio viene riprodotto senza interferenze da parte di strumenti o altoparlanti sul palco. È perfetto per la registrazione vocale proprio grazie all’elemento dinamico unidirezionale della bobina mobile di alta qualità.

Grazie alla resistente costruzione in metallo in lega di zinco e alla griglia a forma di sfera in acciaio, sai che la tua attrezzatura è sicura, il PDMIC78 è costruito per durare e può gestire qualsiasi cosa. Include un cavo XLR da 4,5 metri, che ti offre il suono di più alta qualità possibile delle tue esibizioni vocali.

2. Microfono Professionale Dinamico Cardioide Sennheiser E825S

Il Sennheiser è un microfono a filo di tipo dinamico cardioide con interruttore On/Off silenzioso espressamente concepito per voce, strumenti ed amplificazione nei club e sul palco. Ha un magnete neodimio per alto livello uscita. Il microfono ha un suono morbido con una sorprendente chiarezza e una estesa risposta alle alte frequenze: la tua voce avrà un nuovo carattere.

È ottimo per l’esecuzione dal vivo grazie alla sua dinamica e al modello standard di pick-up cardioide. Il diagramma polare Cardioide fornisce un feedback eccellente di fuoriuscita, mentre la robusta costruzione in metallo lo rende molto resistente e adatto ad un uso intenso.
Viene fornito con una garanzia di 10 anni.

3. Microfono Dinamico SHURE SV100

Probabilmente uno dei migliori microfoni direzionali per performance dal vivo in termini di qualità/prezzo.

Viene utilizzato specialmente durante presentazioni e performance canore  perché unidirezionale, quindi isola dalla maggior parte dei rumori indesiderati, e con un’alta risposta di frequenza (50-15.000 Hz), quindi adatto per registrazioni vocali.

Viene in dotazione con un cavo XLR di 4.5 metri e con un’uscita Jack di 6.3 millimetri. È uno di quei microfoni definiti “da battaglia”  perché molto resistente e tende a durare per molto tempo. E, dulcis in fundo, ha un prezzo estremamente affordabile. Consigliato specialmente come primo microfono o come microfono per presentazioni aziendali.

4. Rode M1

Un altro microfono per il live estremamente competitivo. ll Rode M1 è un microfono con un suono limpido, pulito ma corposo. Moltissime persone lo comparano al SM58 ma, a differenza di quest’ultimo che deve essere aggiustato nei bassi e negli alti, il Rode M1 può essere utilizzato bene anche senza un settaggio particolare.

Il microfono ha sempre un diagramma cardioide (unidirezionale), una risposta di frequenza di 75Hz – 18kHz, uscita XLR e un sistema di riduzione del maneggiamento dedicato. Il prezzo aumenta comparato con il primo della nostra lista, ma si trova ancora in una fascia di prezzo estremamente bassa.

5. Pyle PDMIC78

Questo microfono è il migliore amico dei musicisti con un budget ridotto: il suo prezzo veramente irrisorio, la sua capacità unidirezionale, il pop filter integrato nel microfono e la risposta di frequenza tra i 50 ed i 15000 Hz lo rendono spesso la prima scelta (azzeccatissima) dei musicisti alle prime armi.

Una piccola nota: il microfono tende a essere un pochino sbilanciato, ma sono presenti online moltissimi video semplici che ti permettono di risolvere questo fastidioso inconveniente facilmente!

6. HAMA DM 20

Questo microfono è adatto per il karaoke e registrazioni di gruppo. Omnidirezionale ma con una frequenza più ristretta (tra i 90 ed i10.000 Hz), il DM 20 ha sempre una discreta qualità del suono. Include un cavo con adattatore dedicato per inserire l’uscita Jack nella maggior parte dei supporti.

È importante, prima di procedere all’acquisto, capire che questo microfono è perfetto per un uso amatoriale, per test e per serate in compagnia. Per questo motivo, il prezzo è bassissimo, scendendo anche al di sotto del più professionale PDMIC78.

7. iRig Voice

Ti starai chiedendo perché stiamo mettendo questo microfono nella nostra top 5. Ebbene non siamo pazzi ma c’è una ragione logica: questo microfono è il Must-have per chi vuole lavorare con il proprio telefono: interviste e Flash-podcasting diventano così facili quando si ha questo tipo di microfono, rendendo obsoleti anche apparecchi abbastanza cari di registrazione.

Microfono con interruttore, alta frequenza (da 100 Hz a 15000 Hz) e jack dedicato per smartphone e tablet.

Questo microfono è anche la gioia di molti padri: attaccandolo ad un tablet ed installando un’app per il Karaoke sono capaci di far cantare le loro figlie senza dover disturbare tutto il condominio. O quasi.




Che cos’è esattamente un microfono dinamico?

Un microfono dinamico è un dispositivo che utilizza un elettromagnete

scegliere-un-microfono-economico

. La bobina e il magnete integrati vibrano per creare il segnale audio.

Per questo motivo, i microfoni di tipo dinamico sono adatti per gestire alti livelli di pressione sonora (rispetto ad altri famosi modelli di microfono, come quelli a condensatore o USB, sebbene con condensatori dipende dall’amplificatore). Non è necessario l’alimentazione phantom o una fonte di alimentazione esterna.

A cosa serve?

Questi modelli di tipo dinamico hanno un’ampio campo di applicazioni. Generalmente vengono utilizzati nelle impostazioni di esecuzione dal vivo per le voci, ma anche per tutti gli altri strumenti che richiedono la proiezione, ad esempio batteria, chitarra, cabine per chitarra e altro ancora.

Anche se personalmente raccomandiamo l’uso di un microfono a condensatore in caso di registrazione per voce e di altri strumenti in studio, i microfoni di tipo dinamico sono ancora utilizzati a volte per questo. Tutto dipende dalle preferenze dell’artista.

Aspetti generali

Ogni microfono ha delle caratteristiche specifiche basate sul tipo di utilizzo che se ne vuole fare. Ecco le linee guida per la scelta del microfono più appropriato:

  • La performance: I microfoni dinamici si adattano normalmente a qualsiasi tipo di utilizzo: Sono perfetti per performance live, podcast di gruppo o karaoke in famiglia. Ci sono sempre delle limitazioni: se, per esempio, hai bisogno di muoverti molto con il microfono potresti pensare di comprare un microfono Wireless.
  • Il luogo: È drammatico, per chi registra podcast o vuole cantare all’aperto, trovarsi in un luogo estremamente rumoroso. Per fortuna, la frequenza limitata di un microfono dinamico, a differenza di un microfono a condensatore, aiuta a proteggere da fastidiosi rumori indesiderati. Per una migliore qualità si può sempre scegliere un microfono direzionale che, come lo dice la parola stessa, permette la ricezione del suono solamente in direzione della persona che lo utilizza.
  • Il cavo: Dipendendo dalla tua attrezzatura, avrai bisogno di collegare il tuo microfono a un mixer o a un computer. Ci sono diversi tipi di microfoni, adatti per ogni funzionalità: il microfono per pc può avere un cavo con entrata USB o una normale entrata Jack.
  • Gli strumenti. Abbiamo già ripetuto più volte che i microfoni dinamici possono essere utilizzati praticamente per tutto e sono perfetti con l’utilizzo di strumenti acustici come la chitarra ma (e c’è sempre un ma) bisogna stare attenti in caso abbiate bisogno di usare il microfono per registrazioni particolari. Per esempio se avete bisogno di registrare suoni bassi, dovrete cercare un microfono specifico per cassa e basso (il così detto kick drum mic) per ottenere l’effetto desiderato!

Ci sono altre cose da prendere ovviamente in considerazione: Il Budget è chiaramente una delle più importanti. Nonostante questi microfoni tendono a essere economici ed avere una buona qualità/prezzo, è importante sapere che c’è una grande differenza, in termini di qualità, tra un microfono da 10e e uno da 150e.

Microfono dinamico o a condensatore?

Questa può essere una spiegazione relativamente lunga, ma per dirla in parole povere, le differenze arrivano davvero alle specifiche del microfono. I dispositivi di tipo dinamico non hanno bisogno di alimentazione phantom, sono in genere più economici, gestiscono un livello di pressione sonora più alto (SPL) a seconda del preamplificatore per il microfono a condensatore e sono più adatti per strumenti di registrazione diversi dalla voce.

Alcuni sono anche un po’ più leggeri e possono essere tenuti più comodamente in mano: sono quindi ideali per cantanti sul palco o anche per coloro che partecipano a conferenze, discorsi, sermoni, ecc.
Un microfono a condensatore è molto più sensibile di quello dinamico e la sua risposta in frequenza è molto più ampia. Ciò significa che può riprodurre molto velocemente i suoni prodotti dallo strumento o dal canto.

Un microfono a condensatore di solito si trova negli studi. Sono fantastici per la risposta immediata che forniscono, ma ciò significa che sono anche molto più sensibili ai suoni forti e alle interferenze sonore esterne, ciò che un microfono dinamico per strumenti può cancellare.

Come scegliere un microfono dinamico

Ti stai esibendo? Devi effettuare una registrazione? La maggior parte dei microfoni progettati in modo dinamico sono così versatili che puoi registrare o eseguire qualsiasi cosa con loro.
Generalmente sono forniti di un cavo XLR, ma alcuni stanno cominciando ad essere presentati come microfoni USB.

Puoi anche equipaggiarli con molteplici accessori, come schermi antivento, filtri pop, filtri antipop, cavi, supporti microfonici, borse da viaggio. Puoi usarli anche con asta.

Nozioni di base

Come abbiamo già accennato, i microfoni a carattere dinamico convertono il suono in un segnale elettrico mediante l’elettromagnetismo. Si dividono in due categorie: i microfoni a bobina mobile e a nastro (o a diaframma).

Modelli a bobina mobile

Sono di gran lunga il tipo più comune di microfoni dinamici e sono fondamentalmente costruiti come un altoparlante: una bobina è incollata sul retro di una membrana e c’è un potente magnete attorno a questa bobina. Quando le onde sonore colpiscono il microfono, la membrana si sposta al ritmo delle onde sonore e la bobina si muove insieme ad essa.

Il movimento relativo della bobina all’interno del suo spazio magnetico (fisso) induce una piccola tensione di segnale. I microfoni a bobina mobile sono spesso preferiti per l’uso sul palco, perché sono abbastanza robusti e non richiedono alimentazione esterna. Molti ingegneri del suono preferiscono chiamarli “microfoni dinamici” , indicando così impropriamente i microfoni a nastro come una categoria diversa.

Modelli a nastro

Funzionano secondo lo stesso principio base dell’induzione elettromagnetica. Tuttavia, invece di avere una membrana e una bobina, utilizzano una sottile striscia di alluminio estremamente sottile. In altre parole, la membrana stessa è il conduttore elettrico che si muove all’interno dello spazio magnetico. Un pezzo così sottile di nastro di alluminio è molto più leggero di una membrana con una bobina di filo di rame collegata ad esso.

Un trasduttore a diaframma è quindi in grado di seguire i movimenti delle onde sonore in modo più preciso rispetto a una capsula a bobina mobile. Tuttavia, con un solo conduttore all’interno dello spazio magnetico invece di un’intera bobina di filo, produce anche un output molto più basso.
I microfoni a nastro contengono pertanto un trasformatore elevatore, che moltiplica la tensione di uscita del trasduttore di un fattore di circa 30.

Hanno generalmente una sensibilità inferiore (cioè livello di uscita ad un dato livello di pressione sonora) di un microfono a bobina mobile. Un microfono a nastro richiede quindi un preamplificatore a bassissimo rumore con molto guadagno. Per loro natura, i microfoni a nastro sono bidirezionali, ovvero sono ugualmente sensibili al suono proveniente dal davanti e al suono proveniente dal di dietro.

I microfoni a nastro sono molto fragili e devono essere trattati con cura. Un altro inconveniente è che la risposta acuta della maggior parte dei microfoni a diaframma è piuttosto limitata. Oggi, i microfoni a diaframma vengono utilizzati solo per applicazioni.

Alcuni aspetti tecnici

Qui di seguito puoi trovare alcune delle caratteristiche tecniche che contraddistinguono questo tipo di dispositivi.

Schema polare cardioide

Gli schermi polari descrivono il modo in cui un microfono rifiuta o ascolta il suono. Il microfono dinamico cardioide è molto apprezzato perché blocca il suono proveniente dal retro e dai lati (monitor, rumore di palco, strumenti ecc.), accettando quelli che arrivano direttamente davanti alla capsula del microfono.

Altre varianti del modello polare cardioide includono il super cardioide e l’iper cardioide, entrambi con uno schema più frontale, per una maggiore reiezione del rumore, il cui lato negativo è il posizionamento limitato.

Risposta in frequenza

Pensa alla risposta in frequenza come un EQ non regolabile predefinito incorporato in un microfono. Idealmente, dovrebbe essere trasparente come lo si ottiene, ma questo non accade mai per via dei vari componenti hardware che i microfoni hanno. Ingegneri e musicisti approfittano di queste variazioni di risposta in frequenza associando microfoni con il timbro vocale giusto o il tono dello strumento.

Ad esempio, non si desidera abbinare una voce acuta con un microfono che enfatizzi gli alti, ma si desidera un microfono con un po’ più basso per completare la sorgente sonora. Se non sei sicuro, la cosa migliore da fare è guardare i microfoni usati dai tuoi cantanti e strumentisti preferiti e iniziare da lì.

Applicazioni

Poiché i microfoni di tipo dinamico dispongono di capsule in grado di gestire un SPL elevato (livello di pressione sonora), possono essere utilizzati per riprodurre praticamente qualsiasi sorgente sonora, con il giusto posizionamento. Sono comunemente impiegati con fonti sonore particolarmente rumorose come cabinet di altoparlanti per chitarra, batteria e altri strumenti a percussione.

Effetto di prossimità

L’effetto di prossimità descrive l’aumento delle basse frequenze quando ci si avvicina a un microfono. In linea di massima, non si vorrebbe alcun aumento delle frequenze, ma ci sono alcuni artisti che hanno trasformato l’effetto di prossimità in qualcosa di positivo, in particolare cantanti rock e rapper che stanno cercando di aggiungere più grinta low-end alla loro voce.

Alcuni microfoni sono costruiti per diminuire quanto possibile questo effetto, mentre altri sono apprezzati proprio perché lo esaltano.

Max SPL (livello di pressione sonora)

Questa specifica punta al volume massimo in dB (deciBel) che un microfono può gestire senza introdurre distorsioni. Per fortuna, non devi preoccuparti molto di questo perché i microfoni fatti in modo dinamico non hanno l’elettronica incorporata da sovraccaricare, sono limitati dal movimento meccanico del diagramma. Ciò consente loro di gestire ovunque da 150dB a 180dB, che sono livelli estremi che non incontrerai in condizioni normali.

Se si verifica una distorsione, il problema potrebbe essere legato al fatto che il microfono è disturbato dal preamplificatore al quale si è collegati, e la soluzione è semplice: aumenta i livelli del preamplificatore o si sposta ulteriormente verso il basso i livelli di volume.

Interruttore on / off

La maggior parte dei microfoni palmari professionali non dispone di un interruttore On / Off per evitare spegnimenti accidentali. Tuttavia ci sono alcuni che preferiscono avere questo controllo extra, che può essere utile per eventi minori in cui devi lasciare spesso il microfono.

Utilizzo dei microfoni dinamici?

Una delle cose migliori del modello dinamico è il fatto che è molto versatile. Puoi usarlo praticamente in qualsiasi tipo di ambiente e fa egregiamente il lavoro.

Ci sono però tre applicazioni principali in cui un microfono a bobina mobile dinamico può rappresentare la scelta più logica: voci dal vivo sul palco, strumenti di registrazione in uno studio e applicazioni di trasmissione. Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuno e vediamo perché i microfoni dinamici sono la soluzione ideale.

Stage vocali dal vivo

Cantare dal vivo sul palco richiede una notevole quantità di conoscenza sia di chi si esibisce che dai tecnici audio nel backstage. Trovare il giusto livello di equilibrio tra strumenti e voce, richiede sia la conoscenza che l’attrezzatura adeguata.

Tuttavia, poiché il palcoscenico è uno degli ambienti più ostili per i microfoni, un modello dinamico tende ad essere l’ideale in quanto è solitamente più robusto di qualsiasi altro tipo. Inoltre, la sua capacità di gestire livelli di pressione sonora più alti (SPL) significa che non devi preoccuparti dei tuoi livelli di volume, specialmente se sei il leader (o una vocalist femminile) per una band metal!

Infine, il fatto che sia più abbordabili è una buona notizia, poiché è possibile aggiungere rapidamente molti strumenti e cantanti!

Registrazioni strumentali in studio

Pur essendo molto adatti al palco, i modelli dinamici sono spesso utilizzati anche per diverse applicazioni in studio. Ad esempio, la registrazione di strumenti acustici e amplificatori per chitarra è uno dei suoi usi più popolari. Come abbiamo visto, questo è in gran parte legato all’alto SPL: se si lavora con strumenti rumorosi che creano molta pressione sonora (come batteria, chitarra basso o ottoni) i microfoni dinamici sono di solito la scelta giusta.

Se, tuttavia, stai cercando di acquisire dettagli più sottili, un microfono a condensatore di qualità potrebbe essere una scelta migliore, a patto che possa gestire l’aumento di SPL.

Registrazioni vocali in studio

Mentre i dispositivi a condensatore sono indubbiamente la scelta numero uno per la registrazione della voce in studio, un microfono dinamico da studio ha ancora il suo posto, specialmente per le registrazioni vocali potenti e aggressive (rock, metal e altri generi simili). Infatti, Michael Jackson ha registrato la voce di Thriller con un microfono dinamico Shure SM7. E se è abbastanza buono per il Re del Pop …

Questi microfoni sono anche diffusi per le applicazioni di trasmissione in studio, i broadcast e podcast, i lavori YouTube e le voci fuori campo. Sono i preferiti per la trasmissione dal vivo per molte ragioni, e il fatto che siano così efficaci nel respingere rumori ambientali indesiderati (come l’aria condizionata) è di solito una ragione sufficiente per la maggior parte degli ingegneri di studio.

Che cosa sono i modelli polari?

Un termine che incontrerai senza dubbio nella ricerca del dispositivo che fa per te è “modello polare”. In parole semplici, un modello polare definisce il campo attorno al microfono, da cui verrà raccolto il suono. Nel contesto dei tipi dinamici, ci sono generalmente due schemi polari che dovresti conoscere: modelli cardioidi e supercardioidi.

I modelli cardioide riprendono il suono proveniente dalla parte anteriore del microfono, limitando la sensibilità ai suoni provenienti da altre aree circostanti. Cardioide è lo standard per i microfoni dinamici perché, nella maggior parte dei casi, non si desidera che il rumore proveniente da dietro rientri nella registrazione.

Gli schemi supercardioidi sono ancora più focalizzati sul rumore proveniente dal fronte e fanno un lavoro migliore di rifiuto del suono fuori asse. Lo svantaggio principale è che il dispositivo tende ad essere più sensibile ai suoni provenienti dal retro del microfono, creando problemi in un ambiente dal vivo.

A seconda del tipo di applicazione che hai in mente, scoprirai che uno di questi due modelli polari sarà quello giusto. Mentre la maggior parte dei professionisti avrà a disposizione diversi modelli, se sei appena agli inizi, non puoi sbagliare con un modello cardioide standard, che offre le migliori prestazioni e la massima flessibilità.

Posso usare un microfono dinamico per il podcasting?

Se stai cercando di avviare un podcast e stai cercando un microfono adatto, sarai felice di sapere che questo tipo di microfoni sono i migliori per questo scopo! Soprattutto se non si è in un ambiente completamente insonorizzato e si deve registrare in una stanza relativamente rumorosa.

Questi microfoni eliminano efficacemente qualsiasi rumore di sottofondo e si concentrano solo sulla tua voce, prendendola come unica fonte sonora.

Ho bisogno di alimentazione phantom per un microfono dinamico?

No, non occorre l’alimentazione phantom per questo tipo di microfono. Molti manuali di istruzioni ne sconsigliano addirittura l’utilizzo. L’alimentazione phantom comunemente viene utilizzata al meglio con i microfoni a condensatore.

Lascia un commento