I 5 Migliori Fonometri Digitali Tengono a Bada il Rumore

Miglior-Fonometro-DigitaleCon il miglior fonometro digitale è possibile misurare i livelli di rumore sia in ambiente di lavoro che in quello domestico. Perché se le onde sonore superano determinati limiti, possono davvero verificarsi dei problemi per la nostra salute, a volte anche seri.




I migliori fonometri digitali

# Anteprima Prodotto Voto Prezzo
1 YH-THINKING Fai da te Utensili... YH-THINKING Fai da te Utensili... 1 Voto 37,99 EUR 25,99 EUR
2 Fonometro Digitale Fonometri... Fonometro Digitale Fonometri... Nessuna recensione 30,99 EUR
3 Decibel Meter, LCD Digital... Decibel Meter, LCD Digital... Nessuna recensione 15,89 EUR
4 Preciva Fonometro,Digital... Preciva Fonometro,Digital... 1 Voto 29,99 EUR 16,99 EUR
5 Fonometro,VLike PT02 LCD... Fonometro,VLike PT02 LCD... 2 Voto 79,99 EUR 56,99 EUR
6 UNI-T UT353 Professional... UNI-T UT353 Professional... Nessuna recensione 21,99 EUR
7 IronHeel Misuratore di... IronHeel Misuratore di... Nessuna recensione 31,89 EUR
8 Generic-Calibratore di livello... Generic-Calibratore di livello... Nessuna recensione 97,90 EUR
9 KKmoon Digital fonometro di... KKmoon Digital fonometro di... Nessuna recensione 15,99 EUR
10 Fonometro Digitale,Tester... Fonometro Digitale,Tester... Nessuna recensione 99,99 EUR

I 5 migliori fonometri digitali

La scelta di apparecchiature disponibili sul mercato è particolarmente ampia e diversificata. La vendita online, oltre ad offrire il vantaggio del prezzo più basso, consente di visualizzare simultaneamente le caratteristiche delle diverse apparecchiature, rendendo così più agile la selezione.

Nel web è possibile acquistare sia i dispositivi di marca più evoluti sia quelli che offrono funzionalità di base ma che non rinunciano alla qualità.

 

Fonometro Professionale Grde Sound Level Meter GM1352

Il migliore per: rapporto qualità/prezzo

Offerta
Fonometro Professionale...
22 Voto

Il valore visualizzato dal display varia a seconda dell’intensità del rumore ambientale. Dopo aver premuto il bottone di accensione, lo schermo lcd mostra immediatamente il livello sonoro dell’ambiente circostante per circa 1 secondo.

Il valore mostrato può essere modificato a seconda delle necessità, bloccando il dato corrente misurato oppure il valore massimo/minimo del livello sonoro.

Può essere utilizzata anche la funzione di calibrazione per assicurarsi dell’accuratezza della misura dell’intensità del rumore. Intervallo di misura: 30 -130 dBA.

  • Retroilluminato
  • Calibrabile
  • Pratico

 

Tester Misuratore Livello Sonoro Dr.Meter MS10

Il migliore per: ergonomia

Offerta
Dr.Meter MS10 Tester...
29 Voto

Ha un design compatto e leggero, progettato per adattarsi confortevole nel palmo della mano. Si presta a misurare il livello di rumore in fabbriche, uffici, teatri e impianti audio.

Fornisce letture molto accurate in una gamma compresa fra i 30 dBA e i 130 dBA (precisione entro +/-1,5dB) e ha una risoluzione di 0,1 dBA.

Si spegne in modo automatico dopo 15 minuti d inutilizzo e funziona con una batteria da 9 V, inclusa nella confezione.

  • Ampio range
  • Autospegnimento
  • Leggero

 

Misuratore Decibel Digitale GrandBeing Digital Sound Level Meter

Il migliore per: resiste a polvere e schizzi

Offerta
Fonometro Professionale...
28 Voto

Si tratta di un misuratore di livello sonoro portatile che si fa apprezzare per la sua praticità. Ha una robusta struttura antiscivolo in abs resistente agli schizzi e alla polvere.

L’intervallo di misura è da 30 a 130 dB (precisione ± 1,5 dB). Funziona con una batteria da 9V (inclusa) e si spegne in automatico dopo 10 minuti di inattività (funzione disattivabile). Il tempo di campionamento è selezionabile tra veloce e lento.

  • Anti-scivolo
  • Robusto
  • Autospegnimento

 

Proster HT-80A

Il migliore per: ampio display lcd retroilluminato

Dotato di un microfono a condensatore elettrico da 1/2 pollice, offre un gamma di misurazione: compresa tra 40 dBA e 130dBA (precisione entro +/-1,5dB e risoluzione 0,1 dBA).

La calibrazione è elettrica con oscillatore interno. Ha una pratica funzione di conservazione dei dati e si caratterizza per il suo ampio display lcd schermo retroilluminato.

Si spegne in automatico dopo 15 minuti e funziona con una pila da 9 V, in dotazione.

  • Memoria
  • Auto-spegnimento
  • Semplice lettura

 

Tacklife SLM01

Il migliore per: protezione audio contro il fruscio

Il dispositivo è realizzato di materiale plastico abs, con supporti in gomma che favoriscono una presa comoda. Il microfono è dotato di una protezione audio contro il fruscio.

La gamma di misurazione ha un range di 40 – 130 dB. I dati vengono individuati entro un intervallo minimo o massimo e rimangono visibili sul display fino a quando non viene rilevato un nuovo valore che sostituisce il precedente.

Si spegne automaticamente dopo 15 minuti. La batteria da 9 V è in dotazione.

  • Grip
  • Maneggevole
  • Auto-spegnimento

 




Che cos’è un fonometro?

Il fonometro è un misuratore professionale del livello di pressione acustica, che viene tradotta in un corrispondente segnale elettrico, a sua volta pesato, quasi sempre, con un particolare filtro di ponderazione.

Viene utilizzato ad esempio per rilevare il rumore di fondo o quello generato dalle macchine di un impianto produttivo, Il rumore infatti, oltre che essere fastidioso, è pure dannoso e può causare fenomeni di sordità più o meno accentuata.

Il fonometro consente di misurare sia i livelli di intensità del rumore sia la continuità in un determinato arco temporale.

 

Come si misura il rumore?

Le modalità di misura cambiano a seconda dei valori di riferimento applicati, che dipendono dalla normativa alla quale si riferiscono.

Per la misurazione di rumore in ambiente interno si fa riferimento al D. Lgs. 81/08 (cosiddetto Testo Unico sulla Sicurezza) che richiede la registrazione del suono nelle varie fasi di lavoro del personale operante, al fine di verificare che non superino il limite massimo di 87 decibel.

Solo in presenza di macchinari molto rumorosi (seghe elettriche, martelli pneumatici) è consentito oltrepassare il valore soglia, ma con un’adeguata formazione del personale e l’opportuna sorveglianza sanitaria. Per gli ambienti esterni, invece, si fa capo alla legge quadro 447 del ’95 (articolo 8, “In materia di impianto acustico”).

 

Il rumore e la legge?

Rilevare la soglia dei rumori percepiti in ambiente di lavoro è un prerequisito della legge sulla sicurezza del lavoro e un controllo deve essere effettuato a scadenze periodiche e ogni qualvolta si introduce un nuovo macchinario.

Le stesse macchine devono essere progettate rispondendo a determinati criteri normativi e dove non sia possibile silenziarle in modo adeguato occorre far indossare al lavoratore idonei dispositivi di protezione individuale, affinché i rumori troppo molesti non influiscano negativamente sulla salute.

I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.

 

Il fonometro in ambienti esterni?

Il fonometro lo si usa anche in ambienti esterni: è il mezzo ideale per registrare il livello di rumore raggiunto da una determinata zona.

Si pensi, ad esempio, a una mappatura del traffico dove poi vengono installate barriere antirumore con panelli fonoassorbenti, oppure al monitoraggio di attività musicali ai concerti.

 

Cosa rileva il fonometro digitale?

Con questo dispositivo si misura il valore efficace della fluttuazione della pressione sonora, che viene visualizzato mediante una speciale scala logaritmica (scala dei dB, o decibel), al fine di emulare la risposta agli stimoli sonori tipica del sistema uditivo umano.

Si ricava così un valore espresso in dB(A). Le altre scale di ponderazione possono essere di tipo C (utilizzata per la misura del valore di picco massimo in ambiente di lavoro molto rumoroso), e di tipo Z (lineare, ovvero nessuna ponderazione). In passato si usavano anche le ponderazioni B (per livelli sonori intermedi) e D (per rumore aeroportuale), ora diventate obsolete.

Si può dire pertanto che si tratta di uno strumento elettronico che reagisce al suono in maniera simile a quella dell’orecchio umano.

 

Com’è fatto un fonometro digitale?

L’apparecchio è costituito da vari componenti:

  • il trasduttore (una sorta di microfono) che può essere di tipo a condensatore o piezoelettrico
  • il preamplificatore che ha il compito di adattare l’impedenza di uscita del microfono ai diversi componenti del circuito
  • l’amplificatore per scegliere i livelli sonori (specialmente bassi)
  • il circuito di pesatura e rilevazione del valore
  • il banco dei filtri, con le reti d ponderazione in frequenza
  • il dispositivo integratore che ha il compito di segnalare il livello sonoro equivalente
  • il corpo esterno sul cui display vengono visualizzate i dati rilevati




Componenti del fonometro digitale?

È il trasduttore che permette di trasformare le variazioni di pressione nelle rispettive grandezze elettriche e, una volta convertito, il segnale viene elaborato e misurato nel blocco di misura.

Grazie al dispositivo integratore, il fonometro permette di calcolare il livello sonoro continuo equivalente, ossia il livello sonoro che un rumore costante dovrebbe produrre per arrivare alla quantità di energia acustica fornita dal rumore reale nel tempo.

Gli indicatori di lettura ormai essenzialmente di tipo digitale, con display a lcd che permettono a volte di visualizzare anche i picchi in formato grafico. Completano la dotazione di un buon fonometro delle uscite per poter connettere altri dispositivi (come ad esempio il pc o i registratori).

 

Classi dei fonometri?

Le prestazioni dei fonometri devono rispettare gli standard internazionali, in particolare per quello che riguarda le costanti di tempo, le curve di ponderazione in frequenza, le caratteristiche direzionali del microfono.

Gli standard prevedono 4 classi di strumenti a cui corrispondono altrettanti livelli di precisione via via decrescenti:

  • in classe 0 sono posti gli strumenti da laboratorio di riferimento
  • in classe 1 si trovano i fonometri per le misure da laboratorio o su campo in condizioni acustiche definite
  • in classe 2 rientrano quelli di uso generale
  • in classe 3 vi sono quelli per indagini preliminari.

Va precisato che la vigente legislazione italiana di controllo dell’inquinamento acustico prescrive l’utilizzo di fonometri integratori di classe 1.

I fonometri di classe 1 utilizzati per misurazioni di validità legale, devono essere sottoposti assieme all’intera catena di misura (preamplificatore, microfono, banchi di filtri, calibratore) a taratura periodica biennale obbligatoria da parte di enti accreditati dallo Stato.




Fonometri e smartphone?

Ormai da qualche anno, sono disponibili specifiche applicazioni in ambiente Android e Apple che consentono di trasformare lo smartphone in un rilevatore portatile del suono.

Queste app sono un’opzione interessante e a portata di mano che possono essere utilizzate ad esempio per documentare rumori molesti del proprio vicino (come l’audio di una televisione o musica ascoltata ad alto volume), in modo da avere delle prove concrete con cui supportare i propri reclami.

Inoltre, consentono di far dialogare l’apparecchio con un computer, per rendere possibile la memorizzazione dei dati e la loto elaborazione.

Certo, non sono rilevazioni scientificamente accurate perché dipendono dalla tecnologia hardware degli smartphone ed è necessario calibrare il dispositivo attraverso un confronto con dei livelli sonori conosciuti. Si rivelano però utili anche per sensibilizzare i cittadini in modo consapevole sul tema dei rumori ambientali a cui siamo sottoposti ogni giorno.