I 5 Migliori Alzasedia per Bambini: un’Alternativa Valida al Seggiolone

Arriva un momento della crescita in cui il bimbo scopre il cibo di mamma e papà. Certo non mangia in autonomia ma vuole essere trattato da grande. Chi non opta per il seggiolino può trovare nel miglior alzasedia una soluzione pratica da usare anche nelle occasioni fuori casa.

Stare a tavola con tutta la famiglia è senza dubbio una conquista per il bambino, che lo predispone al pasto e, a volte, lo rende anche più allegro. Si sente quasi come un re sul trono! È bene però porre attenzione mentre si fa un passo così delicato.




 

Qual è il miglior alzasedia?

Sul mercato esistono tantissimi modelli di alzasedia tra cui scegliere in base alle specifiche esigenze di utilizzo: con o senza vassoio, fissi o pieghevoli, in stoffa, in legno o in plastica, leggero, morbido… e tante altre opzioni.

Alcuni sono dei semplici rialzi con altezza fissa, altri hanno meccanismi di sollevamento e posizionamento a tacche per regolare l’altezza in funzione della crescita del bambino.

Bisogna scegliere i modelli che abbiano cinghie di sicurezza regolabili in grado di fissare per bene la struttura alla sedia. Tutti gli alzasedia inoltre devono essere omologati e garantiti.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori alzasedia:

1. Alzasedia Peg Perego Rialto H3RIA2MELA

Il migliore per: altezza regolabile a cinque livelli

Questo modello imbraga il bambino in totale sicurezza grazie ai 3 punti di ancoraggio delle cinture e ai braccioli laterali.

Facile d’aprire e chiudere, si può trasportare ovunque con la sua pratica borsa. Una volta fissato alla sedia (sia la seduta che lo schienale), si regola in altezza con grande facilità su 5 diverse posizioni, da 18 ai 6 cm ed è adatto per bambini dai 9 mesi ai 3 anni circa.

La seduta si può pulire facilmente, dispone anche di un pratico vassoio adatto ai più piccoli e che può essere rimosso quando il bimbo è più grande.

  • Sicuro
  • Pratico
  • Trasportabile

2. Borsa alzasedia Jané Elephants

Il migliore per: trasformabile in borsa a tracolla

È un pratico seggiolone imbottito che alza la posizione del bambino di 15 cm rispetto al piano della sedia. Si aggancia alla seduta e allo schienale in modo rapido e sicuro.

È facilissimo da usare: dispone di due scomparti interni molto capienti e ha una pratica tasca laterale per tenere a portata di mano il biberon. Può essere facilmente trasportato grazie alla tracolla.

Risponde a tutte le normative in materia di sicurezza meccanica e dei materiali.

  • Confortevole
  • Pratico
  • Trasportabile

3. Chicco Pocket Snack

Il migliore per: per struttura robusta

Alzasedia dalla seduta ampia e comoda adatta alle esigenze dei bambini da 6 a 36 mesi. Facile d’aprire e chiudere, si può trasportare ovunque grazie alla pratica tracolla, dato il peso contenuto.

Si fissa in modo stabile alla sedia, ancorandolo sia alla seduta che allo schienale per mezzo di cinghie regolabili. Si posiziona in altezza su 3 diversi livelli anche con una sola mano.

Il bambino è imbragato con la cintura fissata a 3 punti e protetto anche dai braccioli, pertanto è molto sicuro. Dispone anche di un pratico vassoio rimovibile.

  • Trasportabile
  • Leggero
  • Pratico

4. Rialzo sedia per bambini Munchkin

Il migliore per: multiuso

Si aggancia alla seduta e allo schienale della sedia in modo rapido e sicuro. Quando non lo si usa diventa una pratica borsa a tracolla in cui si possono mettere biberon e qualche cambio per il bambino.

La capacità è ma sufficiente per accogliere le cose di prima necessità. Può essere usato fino ai 3 anni ma il bambino da piccolino deve essere in grado di mantenersi seduto da solo non avendo grandi tenute laterali che lo possano sostenere.

  • Imbottito
  • Trasformista
  • Comodo

5. Rialzo per Viaggio Badabulle B009403

Il migliore per: viaggiare

È un comodo alzasedia che rialza il bambino di 10 cm. Adattabile ad ogni tipo di sedia, è molto affidabile e stabile.

Si aggancia in 3 punti alla sedia mediante cinghie regolabili e mantiene legato il bambino in sicurezza. Segue la crescita del bambino: si trasforma in zaino ed è facile da pulire.

Va bene per bambini che hanno una struttura ossea già ben formata e in grado di stare seduti per conto proprio.

 




Opinioni sull’alzasedia?

Di solito chi opta per questa soluzione lo fa perché non ha spazio per un seggiolone normale, che per quanto piccolo è pur sempre ingombrante. Oppure perché vuole qualcosa di pratico da poter utilizzare anche fuori casa.

In molti casi permette anche di risparmiare sotto l’aspetto economico. Tuttavia la prima valutazione da fare riguarda la sicurezza del bambino.

 

A che età l’alzasedia?

A quanti mesi si può iniziare a usare l’alzasedia? alzasedia-per-bambiniNon bisogna precorrere i tempi e, soprattutto, non bisogna avere premura a introdurlo nelle abitudini del bambino. L’alzasedia può essere infatti utilizzato solo quando il bambino ha sviluppato a sufficienza una struttura di sostegno adeguata.

Di solito si ritiene possibile usarlo a partire dai 6 mesi ma è meglio aspettare almeno il compimento dell’anno per i motivi appena anticipati.

C’è anche chi dice, dopo aver effettuato dei test, che l’alzasedia non è più adatto una volta che il bimbo ha raggiunto i 3 anni o un peso di 15 kg. Infatti man mano che il bambino cresce ci può essere meno spazio per le gambe oppure non risulta semplice chiudere le cinture di sicurezza.

Ovviamente questi sono indicazioni di massima, basati sull’esperienza e sulle recensioni che si leggono su internet: ciascun genitore sarà in grado di valutare da sé il momento più opportuno per farlo usare al bambino.

 

Alzasedia o seggiolone?

La differenza principale tra alzasedia e seggiolone è il fatto che l’alzasedia deve essere posizionato e fissato su sedia ed è questa che deve garantire una base stabile.

Il seggiolone invece poggia su una base più larga di quella di una sedia normale – è per questo che alcuni li trovano più ingombranti – ma ciò lo rende più difficile da ribaltare.

Tuttavia se ci manca lo spazio, oppure cerchiamo qualcosa da portare in giro con facilità, la scelta di un alzasedia si rivela la più oculata. A patto di rispettare determinate caratteristiche. L’estetica? No, quella deve essere l’ultima cosa da prendere in considerazione.




Caratteristiche dell’alzasedia?

I fattori da prendere in considerazione al momento della scelta sono innanzitutto

  • la sicurezza del bambino
  • le dimensioni della struttura
  • i supporti di imbragatura
  • la stabilità
  • la facilità di pulizia
  • la trasportabilità

Al momento della scelta va considerata con attenzione la struttura. In effetti alcuni alzasedia sono poco più che un rialzo, perché tra i supporti più in voga ci sono delle borse-sedie. Altri modelli non hanno uno schienale di rinforzo e braccioli di sostegno, per cui un bambino che non ha sufficiente forza per stare seduto da solo, potrebbe cadere di lato o in avanti.

Si consiglia comunque di optare per un prodotto di marca, come ad esempio Chicco o Prenatal, perché con la sicurezza non si scherza.

 

Sicurezza dell’alzasedia?

La struttura dev’essere agganciata in modo sicuro alla sedia, possibilmente sia legandola alla seduta, sia allo schienale. Normalmente non ci sono problemi, ma è sempre meglio controllare che l’ampiezza della seduta sia sufficiente e che la conformazione della sedia sia adatta.

Ad esempio ci sono sedie con sedute più piccole del normale, oppure bombate che potrebbero fornire un sostegno insufficiente ai piedini dell’alzasedia. Anche lo schienale se di forma o dimensioni non “standard” potrebbe rivelarsi inadatto.

 

Pulizia dell’alzasedia?

La facilità di pulizia è un altro elemento da valutare. Al contrario dei seggioloni, gli alzasedia tendono ad avere un design più semplice con meno imbottiture, angoli nascosti, recessi irraggiungibili, così da renderne l’utilizzo molto più comodo perché non si deve impazzire per togliere il cibo dai posti più impensati.

Gli alzasedia, essendo molto spesso chiudibili per facilitarne il trasporto anche in auto, possono essere dotati di vari meccanismi di chiusura dove il cibo si può incastrare, ma di solito sono fatti prevalentemente di plastica per cui al bisogno si possono mettere tranquillamente sotto l’acqua o addirittura smontarli per pulirli meglio.




Alzasedia fuori casa?

L’acquisto di un alzasedia viene fatto spesso nell’ottica di usarlo anche fuori casa, quando si va in vacanza o si esce al ristorante. Per questo molti modelli si possono facilmente richiudere per essere trasportati.

I migliori modelli in questo caso sono i rialzi che si trasformano in borse a tracolla, dove si possono mettere tutte le cose che servono ai bambini per stare fuori casa un giorno. Hanno un’ampia tasca interna dove ci stanno pannolini, ricambi, salviette, stoviglie, giochi

Nello schienale morbido e non ingombrante sono incorporate le “cinture di sicurezza” per assicurare il bambino.

Possono avere anche tasche laterali, magari termiche: si prepara la pappa a casa e si arriva al ristorante che è ancora calda e non si deve farsela scaldare.




Lascia un commento