Come pulire lo scaldabagno dal calcare

Anche se hai equipaggiato il tuo impianto idrico con un efficiente addolcitore, ci sarà sempre del calcare nell’acqua. A seconda della zona in cui vivi, potrà essere in quantità più o meno elevata.

E i sedimenti tendono depositarsi in parte nei tuoi tubi.

Un piccolo strato di calcare ha un enorme impatto sull’efficienza del tuo scaldabagno elettrico o a gas: quando l’acqua viene riscaldata oltre i 60 gradi, il carbonato di calcio precipita sull’elemento riscaldante.

Di conseguenza, il dispositivo alla fine richiederà più energia per svolgere il suo lavoro, causerà un elevato consumo e si guasterà prima.

Sai allora come pulire lo scaldabagno dal calcare?

Rimuovere il calcare dallo scaldabagno

La rimozione del calcare dallo scaldabagno elettrico o a gas non è un’impresa complicata. Ti puoi cimentare anche tu se hai un po’ di pratica nei lavoretti fai da te è ti destreggi abilmente con la manualità.

In questo articolo ti illustriamo passo dopo passo come fare, senza la necessità di chiamare un professionista (con un evidente vantaggio economico).

ATTENZIONE!

Per rimuovere il calcare dall’apparecchio è necessario immergere la serpentina nell’aceto per una notte intera.

Di conseguenza, non potrai disporre di acqua calda per un po’ di tempo. Tienilo a mente e pianifica l’intervento in modo da non essere troppo penalizzato. Non vorrai certo avere tutta la tua famiglia con il muso lungo!

SUGGERIMENTO

È sempre bene fare un po’ di scorta idrica prima di iniziare:

  • riempi delle bottiglie e lasciale sul lavello della cucina per avere a disposizione dell’acqua potabile
  • raccogli l’acqua nella vasca da bagno o nei secchi, in modo da poter sciacquare il wc quando la cassetta di scarico non è piena.

Qui di seguito ti presentiamo come pulire lo scaldabagno dal calcare:

1. Disattiva l’apparecchio

pulire-scaldabagno-dal-calcare

In caso di scaldabagno elettrico, la prima cosa da fare è scollegare il dispositivo dalla presa di corrente elettrica (basta staccare molto semplicemente la spina). Chiudi invece la valvola di ingresso del gas se devi pulire lo scaldabagno a gas.

Accertati anche di chiudere il rubinetto di ingresso dell’acqua calda. La cosa migliore sarebbe chiudere il rubinetto centrale dell’intero impianto, ma in questo caso chi vive con te non avrà accesso all’acqua. Puoi farlo magari quando sono tutti al lavoro o a scuola.

Attendi qualche ora fino a quando la temperatura dell’acqua raggiungere un livello adeguato per poter lavorare senza il rischio di ustionarsi.


2. Fai defluire l’acqua

I passi successivi si riferiscono allo svuotamento dello scaldabagno elettrico.

Per far defluire l’acqua che si trova all’interno dello scaldabagno

  • scollega con cautela l’ingresso dell’acqua fredda. Se tutto va bene, l’acqua rimarrà in depressione nell’apparecchio.
  • apri quindi il rubinetto dell’acqua calda. A causa della perdita di vuoto, l’acqua uscirà dal lato acqua fredda del dispositivo.
  • metti un secchio o un contenitore di plastica sotto lo scaldabagno
  • apri completamente valvola che si trova nella parte inferiore dello scaldabagno: in questo modo farai defluire l’acqua residua all’interno dell’apparecchio.

3. Rimuovi i vari componenti

Una volta che lo scaldabagno è completamente svuotato, puoi procedere con la rimozione dei diversi componenti:

  • togli il coperchio di plastica che si trova nella parte inferiore dello scaldabagno
  • scollega le connessioni elettriche su entrambi i lati del termostato
  • una volta fatto questo, puoi togliere il termostato e la resistenza scaldabagno. Fai attenzione a maneggiarla con cura questi componenti, perché sono molto delicati.

SUGGERIMENTO

Per assicurarti di poter ricollocare tutte le parti e i cavi che hai scollegato nel posto giusto, può essere d’aiuto scrivere i vari passaggi che stai effettuando oppure fare delle foto man mano che procedi.

In questo modo sarà molto più facile eseguire i passaggi inversi e riassemblare i vari componenti al loro posto originale.


4. Procedi con la pulizia

A questo punto puoi procedere con la pulizia vera e propria dei diversi componenti:

  • spazzola i componenti

Con una spazzola a setole morbide (evita nel modo più assoluto quelle con denti in metallo!) procedi per togliere calcare: rimuovi le impurità che trovi accumulate sulla serpentina.

  • prepara la miscela

Versa in un contenitore di dimensioni adeguate una miscela di acqua e aceto bianco in parti uguali.

  • immergi i componenti

Adagia con delicatezza la resistenza scalda acqua nel contenitori e accertati che sia completamente coperta dalla miscela.

Lasciala così per una notte intera.

  • pulisci l’interno dello scaldabagno

L’interno dell’apparecchio può essere pulito a mano. Se ci sono grossi pezzi di calcare, puoi semplicemente romperli. Puoi anche pulire lo scaldabagno all’interno con un panno umido o una spugna imbevuta di acqua e aceto.

In caso di residui particolarmente tenaci si consiglia l’utilizzo di un liquido anticalcare.


5. Rimonta i componenti

Il giorno seguente, sciacquare con acqua pulita la resistenza elettrica e asciugala con un panno. Dai un’occhiata alle varie parti per verificare che il procedimento sia stato efficace per eliminare calcare.

Inserisci nuovamente la serpentina e il termostato nello scaldabagno e procedi con il collegamento dei tubi e degli allacciamenti elettrici e del gas, rimettendo tutto secondo lo schema originale.

Se ti accorgi invece ti accorgi che è molto rovinata, è forse il caso di sostituire resistenza scaldabagno.


Ogni quanto si deve decalcificare lo scaldabagno?

La frequenza con cui devi eseguire la decalcificazione per pulire il bollitore dipende dal consumo di acqua e dalla durezza dell’acqua nella tua zona.

In base a questo, l’intervento di manutenzione va effettuato almeno una volta all’anno in caso di acqua molto calcarea, e almeno una volta ogni cinque anni se l’acqua ha un basso contenuto di minerali.

Se il tuo consumo di acqua è elevato e dal rubinetto del tuo comune esce acqua molto dura, puoi anche prendere in considerazione l’installazione di un disincrostante anticalcare per scaldabagno elettrico.

Conclusioni

La pulizia dello scaldabagno è un’operazione di fondamentale importanza, soprattutto se l’acqua della zona in cui vivi è particolarmente calcarea.

Se ti stai chiedendo come pulire il bollitore elettrico o lo scaldabagno a gas, sappi che i passi da seguire non sono complessi e, se hai familiarità con il bricolage domestico, puoi anche fare tutto da solo. L’importante è tenere presente che l’intero processo richiede diverso tempo, perché la serpentina deve rimanere immersa in acqua e aceto per un’intera notte.

Programma quindi per tempo questa operazione, per evitare di rimanere a lungo senza acqua calda e doversi sentire le proteste di tutta la famiglia!


Fonti:

Lascia un commento