Proteggete il Vostro Processore con le 5 Migliori Paste Termiche

Siete alla ricerca della migliore pasta termica sul mercato che abbassi la temperatura della vostra CPU, GPU o CHIPSET? In questa guida all’acquisto, oltre che a elencarvi e descrivervi le migliori paste termiche in vendita, vi forniremo più informazioni anche sul loro funzionamento e la loro applicazione.

pasta termica

Quando si parla dell’hardware del nostro pc, la protezione del processore dovrebbe essere presa in seria considerazione; ma, aimè, l’utilizzo di una pasta termica è una delle ultime cose che ci salta in mente.

O per ignoranza- me compresa, non sapevo dell’esistenza di tale prodotto prima di fare ricerche per questo articolo- o perché viene gravemente sottovalutata, la pasta termica è raramente menzionata nelle conversazioni informatiche.

Il bello, è che l’utilizzo di questo prodotto, non si ferma solo al mondo dei computer, notebook o qualsivoglia: i nostri cari console-gamers infatti, dovrebbero cominciare ad informarsi a tal proposito, perché le paste termiche possono essere applicate anche sulle loro ps4, xbox e così via.

Forse, invece, siete tra quei rari conoscitori di questo articolo e vi state informando perché è arrivata l’ora di cambiare la pasta termica del vostro pc.

In qualunque caso, comunque sia, questa guida all’acquisto vi darà una mano a farvi un’idea su qual è il prodotto migliore per soddisfare le vostre necessità.




Tabella Comparativa

Immagine

Prodotto

Durabilità

Applicazioni

Grammi

Elettro-
conduttiva

Applicatore

 

ARCTIC MX-4

8 anni

3

4 g

No

Siringa

Thermal Grizzly
Aeronaut

-

-

7.8 g

No

Siringa

Cooler Master
RG-ICV1-TW20-R1

-

-

2.5 g

No

Siringa

Noctua NT-H1

3 anni

15

1.4 ml

No

Siringa

Revoltec
Thermal Grease
Diamond

-

10

6 g

No

Pennello

A Cosa Serve la Pasta Termica?

Se fate parte della mia stessa categoria e non siete molto informati in materia di paste termiche, non preoccupatevi, tra poco, queste, non avranno più segreti per voi!

Chiariamo prima di tutto cos’è la pasta termica e, specialmente, a cosa serve.

La pasta termica- o thermal grease, in inglese- è, per l’appunto, una sostanza pastosa che va applicata tra la sommità del processore e la base del dissipatore.

Il processore, infatti, lavorando tanto e sprigionando una grande quantità di calore, potrebbe danneggiarsi. Qui è dove entra in gioco la pasta termica: con la sua abilità di agevolare lo scambio di calore tra i componenti del pc, questa sostanza, è in grado di raffreddarli di qualche grado, a volte fondamentale.

Ci sono diversi modi per applicare la pasta:

  • Il primo è a chicco di riso, ovvero si posiziona una piccola pallina di pasta termica al centro della CPU, che poi verrà schiacciata uniformemente su tutta la superficie, dal dissipatore.
  • Il secondo è a croce: come avrete intuito si “disegna” una croce con la sostanza e poi si rimonta il dissipatore che la spalmerà eliminando tutte le bolle d’aria
  • Infine abbiamo il metodo a linea: nel quale si colloca, appunto, una linea di prodotto sul processore, che però non unisce completamente i bordi della superficie per evitare fuori uscite.

C’è da menzionare che alcune persone, prima di riposizionare il dissipatore al suo posto, preferiscono appiattire la pasta termica con un vetro, giusto per essere sicuri dell’uniformità della stesura.

 

Tipo di Pasta Termica

Esistono principalmente tre tipi di pasta termica:

  1. La pasta cremosa: che va applicata generalmente tramite la siringa che rappresenta anche il contenitore della pasta
  2. I pad termici: essendo solidi vanno semplicemente posizionati sopra il processore, senza necessità di spalmarli. Non avrete rischi di sporcare i componenti intorno alla CPU, ma lo spessore di questi “panetti”, ne limita fisicamente la performance
  3. La pasta termica liquida: non è molto diffusa come opzione, ma questa pasta di tipo liquido rappresenta il metodo conduttivo migliore sul mercato. In genere queste sostanze sono realizzate in metallo liquido– solitamente argentato– un aggregato dell’alluminio, il quale, nell’ambito della termoconducibilità è migliore del rame.

 

Perché il Calore è Dannoso per la Performance della CPU

Quando la CPU elabora i dati che le vengono inviati, come risultato di questo processo, i suoi circuiti elettronici generano calore.

Se questo riscaldamento va oltre la temperatura massima consentita, avrà un impatto negativo e devastante sulla CPU stessa.

I processori moderni, anche se il limite di temperatura non viene superato, sono programmati per ridurre le prestazioni e, di conseguenza, minimizzare il calore generato; questo, però, non renderà felici molte persone.

Inoltre, se la CPU non dovesse essere abbastanza “fredda”, potrebbero verificarsi diversi problemi: essa, infatti, potrebbe bloccarsi, resettarsi improvvisamente, avere una riduzione della durata della vita di funzionamento, e, in casi estremi, bruciare addirittura il processore.

Ecco spiegato a voi, perché la pasta termica è di fondamentale importanza quando si va a comporre un computer.




Le 5 Migliori Paste Termiche

Nella seguente lista vi consiglieremo le 5 migliori paste termiche presenti sul mercato, acquistabili tramite i vari negozi di vendita online.

Includendo sia i prodotti più economici con il prezzo più basso, che quelli un po’ più costosi, le paste che vi descriveremo sono state selezionate dopo una lunga ed attenta ricerca.

Vi esortiamo anche a leggere le opinioni e le recensioni dei clienti che hanno già acquistato questi articoli, in modo da avere più elementi possibili da aggiungere alla valutazione della vostra scelta. Per farlo, vi basterà semplicemente cliccare sui link posti dopo la descrizione di ciascun prodotto.

 

ARCTIC MX-4

Il primo prodotto sulla nostra lista è la pasta termoconduttiva della ARCTIC MX-4.

Questa pasta è una delle migliori in commercio per rapporto qualità – prezzo.

Avendo un’ottima conducibilità termica, la ARCTIC MX-4, garantirà basse temperature all’interno del vostro computer, senza rischi di surriscaldamenti dannosi.

Questo prodotto proteggerà il vostro processore al meglio, non essendo corrosivo ne conduttivo.

In grado di conservarsi per più di 7 anni senza problemi, i 4 grammi di pasta termoconduttiva presenti nel flacone, vi dureranno per tantissimo tempo- in media 3 applicazioni-, continuando a svolgere il loro lavoro in modo impeccabile.

La pasta, non essendo l’equivalente di una colla, non può incollare i vari componenti dove viene applicata: essa svolge solo un compito di termoconducibilità.

Rispetto ad altre paste termiche, anche di un certo prestigio, la ARTIC MX-4, riesce ad abbassare la temperatura del vostro processore da 1 a 3 gradi e, inoltre, la sua “siringa” dispone di 4 g, a differenza degli altri prodotti venduti a questo prezzo che solitamente ne forniscono solo 2 g.

Costituita in microparticelle di carbonio che assicurano una conducibilità termica estremamente elevata, questa pasta, è priva di metalli e non è elettroconducibile.

E’ facilissima da applicare, tramite una stesura semplice e sicura, anche per principianti che ambiscono a spingere la CPU del loro computer al massimo, ma che non hanno mai svolto un’operazione simile.

Addirittura prima della sua messa in vendita, la ARCTIC MX-4 aveva già ricevuto il premio Top Product da PC Games Hardware, in cui aveva prevalso su altri 11 composti termici presenti sul mercato.

Con una conducibilità termica di 8.5 W/mK, una viscosità di 870 P, una densità di 2.5 g/cm³ ed un peso netto di 4 g, questo prodotto, rappresenta uno dei migliori affari nel campo delle paste termiche.

 

Thermal Grizzly

La pasta termica Aeronaut, della Thermal Grizzly, è il prodotto perfetto per quei principianti che cercano un’efficacia di alto livello per il loro computer.

Offrendo una vasta protezione alle superfici dove viene applicata, questa pasta, è la scelta ideale per gli utenti che vogliono ottimizzare la loro soluzione di raffreddamento in modo efficace; o, magari, per coloro che cercano un’alternativa alla pasta termica inclusa con il loro hardware, spendendo poco ma ottenendo comunque grandi risultati all’avvio.

La Aeronaut dispone di buone capacità di trasferimento del calore, è a lunga durata e non diventa dura con il passare del tempo; non è elettroconduttiva ed è applicabile sull’alluminio.

Anche se la quantità di elementi metallici presenti nella formula di questa pasta, è inferiore rispetto agli altri prodotti della Thermal Grizzly, essa fornisce ancora un’ottima termoconducibilità, affidabile e performante.

Nei test svolti in laboratorio, la pasta Aeronaut, oltre che a fungere da protezione per la superficie, ha mostrato un’elevata resistenza all’usura e alle alte temperature.

A confronto di altri prodotti presenti sul mercato, la rimozione di questa pasta Thermal Grizzly, provoca molti meno micro graffi sulla superficie dei vari componenti.

Ha una termoconducibilità di 8.5 W/mK, una resistenza termica di 0,0129 K/W, un’elettroconducibilità di 0 pS/m, una viscosità di 110–160 P, una densità di 2.6g/cm3, una capacità di 1,5ml/3,9 g   3ml/7,8g e può lavorare a temperature che vanno dai -150 °C / +200 °C.

La siringa da 7.8 g, inoltre, dispone anche di un comodo beccuccio posizionabile sulla punta del flacone, in modo da rendere molto più comoda, pulita e ordinata l’applicazione della pasta termica.

Se siete alla ricerca di un prodotto nella fascia di prezzo medio-bassa che garantisca dei risultati ottimali per voi e il vostro processore, la Thermal Grizzly sarà all’altezza delle vostre aspettative.

 

Cooler Master RG-ICV1-TW20-R1

Il terzo articolo che vi proponiamo è la pasta termoconduttiva della Cooler Master.

Essendo uno dei prodotti più economici sulla nostra lista- e nel mercato delle paste termiche in generale- la RG-ICV1-TW20-R1 è decisamente “money-friendly”.

Bisogna, però, specificare che dalle varie ricerche che abbiamo fatto online, per trovare informazioni e recensioni riguardo questa pasta, abbiamo riscontrato delle valutazioni un po’ contrastanti.

Se, infatti, il sito norvegese tek.no ne elogia la semplicità di applicazione, ponendola addirittura al primo posto, sotto questo aspetto, nel confronto fatto con altre paste termiche; la guida americana tomshardware.com, invece, sostiene che la pasta della Cooler Master, pur essendo estremamente economica, ha delle prestazioni che lasciano molto a desiderare.

Tek.no consiglia ai suoi lettori di acquistare la RG-ICV1-TW20-R1, perché grazie alla sua facilissima applicazione e alle sue prestazioni non così tanto al disotto delle altre paste prese in considerazione nella guida all’acquisto, costituisce un prodotto con un ottimo rapporto qualità – prezzo.

Tomshardware.com, d’altro canto, considera addirittura una fortuna che questa pasta non sia facilmente reperibile negli Stati Uniti, così da non avere la sfortuna di acquistarla erroneamente, al posto di altri prodotti.

Concludo la descrizione di queste due recensioni dicendovi solo che l’articolo della tek.no è linkato sul sito ufficiale della Cooler Master come unica recensione del prodotto; traete, quindi, voi le vostre conclusioni su quale guida delle due sia la più affidabile.

Parlando delle caratteristiche tecniche di questa pasta, possiamo dire che la RG-ICV1-TW20-R1 ha un’elevata conducibilità termica di 1.85 W/mK, una bassa resistenza termica e non è elettroconduttiva.

La pasta non diventa dura nel tempo, cosa che la rende senza dubbio più semplice da rimuovere quando arriva il fatidico giorno del rinnovamento della pasta termica.

Non è capacitivacorrosiva, è di colore bianco, il volume ha una resistenza di 1.0E+10 ohm-cm ed ha un’impedenza termica di <0.201 °C -in2/W.

 

Noctua NT-H1

Il prodotto che segue sulla nostra guida, è la pasta termica della Noctua.

Con una capacità di 1.4 ml, per almeno 15 applicazioni- da quello che dice Noctua-, la NT-H1 garantisce delle elevatissime prestazioni grazie alla sua bassa resistenza termica.

Ha un’eccellente flessibilità ed è semplice da spalmare, inoltre, è facilissima da applicare e da dosare adeguatamente.

Non essendo elettroconduttiva, né corrosiva, questa pasta termica è l’ideale sia per impianti di raffreddamento ad aria che a liquido.

È possibile utilizzarla con impianti come il Vapochill, le celle di Peltier, o in generale, in tutte le situazioni che rendono necessario l’utilizzo di una pasta termoconduttiva con un’elevata resistenza alle basse temperature.

L’NT-H1 è in grado di mantenere la sua capacità di trasferimento termico invariata, a temperature che vanno dai -50 fino ai + 110 °C, caratteristica che la rende perfetta per gli utenti più esigenti.

La durata dell’NT-H1 si aggira intorno ai 3 anni, valore decisamente di rilievo nel panorama delle paste termoconducibili.

La Noctua NT-H1, può essere utilizzata sia per CPU, GPU che CHIPSET.

Garantendo ottime performance fin da subito dopo averla applicata, questa pasta, non vi deluderà.

 

Revoltec Thermal Grease Diamond

Ed eccoci arrivati all’ultimo articolo sulla nostra lista: la pasta termoconduttiva Diamond della Revoltec.

A differenza della maggior parte delle paste termiche in commercio- contenute in una siringa e applicabili ponendo pressione-, la Diamond Thermal Grease, è dotata di un comodo pennellino che vi consentirà di stendere la pasta in modo uniforme su tutto il processore.

Il nome di questa pasta “Diamond” non è stato scelto a caso: il 10% della composizione, infatti, consiste in vera e propria polvere di diamante.

Il diamante è, per l’appunto, l’elemento al mondo con il grado più elevato di conducibilità termica, ne conseguono quindi, prestazioni incredibili per le attività di gaming, hi-end e overlock.

I 6 gr di pasta termica, contenuti in un’elegante boccetta trasparente, sono più che sufficienti per almeno 10 applicazioni.

La Diamond Thermal Grease, è perfetta da utilizzare su CPU, GPU e Chipset.

Con una densità di 2.4 g/cm³, una termoconducibilità di 4 W/mK ed una resistenza termica di 0.087 °C/W, questa pasta, è di ottima qualità.

Inoltre, non è elettroconduttiva ed è in grado di lavorare a temperature che vanno dai -50°C  –  +240°C, infine, è possibile utilizzarla anche con raffreddamento a liquido.