I 5 Migliori Raccoglifrutta Ti Danno una Mano Fino al Cielo

Stanco di andare su e giù per la scala ogni volta che vuoi cogliere qualche kiwi nel tuo giardino? Allora è arrivato il momento di valutare l’acquisto del miglior raccoglifrutta.

È questo un metodo sicuro e molto pratico per cogliere i frutti senza danneggiarli.

Come si può cogliere la frutta?

Raccogliere la frutta dove non ci si arriva può essere miglior-raccoglifruttaabbastanza complicato, ma con un po’ d’ingegno si può davvero fare tutto.

Ci sono alcuni frutti che si possono far cadere scuotendo la pianta, oppure utilizzando delle grosse pertiche e battendo i rami (tecnica di abbacchiatura), per poi raccoglierli a terra.

Ciò non vale per tutta la frutta polposa come le mele, le pere, le pesce, le albicocche, le susine e anche ciliegie. La caduta ammaccherebbe il frutto che invece ha bisogno di essere trattato con molta delicatezza.

Questa frutta, in particolare le mele e le pere, andrebbe raccolta con un po’ di picciolo; per gli altri tipi di frutta come le drupacee (pesche, albicocche e susine) non c’è la stessa necessità di mantenete il picciolo ma vanno ugualmente trattate con cura, per evitare che anche in cassa o nella conservazione domestica per il consumo diretto (senza per forza fare marmellate) vadano incontro ad annerimenti della polpa e marciumi.




Macchine per raccogliere la frutta?

Il distacco dei frutti può essere effettuato attraverso l’utilizzo di macchinari come ad esempio i carri agricoli dotati di una piattaforma semovente ed elevabile. In alcuni casi vengono anche utilizzati sofisticati robot che consentono di raccogliere grandi quantità di frutta in pochissimo tempo e con la massima cura.

Tuttavia un normale coltivatore che pianta e raccoglie per proprio consumo, difficilmente dispone di attrezzature di un certo tipo: ecco quindi che i frutti più ambiti, di cui volentieri ne vorremmo assaporare il gusto, non li potremo cogliere e ci piange il cuore vederli in alto senza riuscire ad arrivarci in sicurezza.

In assenza di una scala per arrivare fino in cima alla pianta o comunque nell’impossibilità di raggiungere i rami più alti, la soluzione migliore è acquistare uno raccoglifrutta con manico lungo o meglio ancora telescopico.

Perché un raccoglifrutta?

Chi dispone di un piccolo frutteto nel proprio giardino o in campagna e ha piante rigogliose e ben sviluppate in altezza ha necessità, quando arriva il tempo della raccolta, di cogliere i frutti posizionati in alto. Ma per arrivare a quelli che crescono in cima, niente di meglio che un apposito bastone per raccogliere la frutta.

Nelle forme delle colture arboree che prevedono la fruttificazione a livelli elevati, i frutti più buoni, più maturi e succosi sono quelli che crescono in alto: sono infatti quelli che hanno preso più sole.

E con il raccoglifrutta si arriva proprio fino in cima all’albero, senza fatica e senza correre alcun rischio.

Questo strumento aiuta a vivere il momento della raccolta in modo pratico e comodo, a seconda delle diverse situazioni di impiego e alla differente altezza dell’utente.

Come funziona il raccoglifrutta?

I sistemi raccoglifrutta si compongono di un bastone, generalmente di tipo telescopico, di una lama integrata e di un contenitore munito di rebbi posto subito sotto la lama, come se fosse una mano.

Si posiziona la lama vicino al frutto, lo si recide ed ecco che questo cade all’interno del cesto.

Caratteristiche generali sono quelle di avere un’ampia apertura e alette disegnate per far convergere il frutto all’interno del raccoglifrutta e staccarlo facilmente dal ramo.

Talvolta per agevolare la raccolta della frutta è anche possibile la combinazione del raccoglifrutta con delle cesoie posizionate allo stesso livello o in un punto tale che, quando vengono azionate da una corda o da un grilletto, tagliano il picciolo del frutto senza romperlo e lo fanno depositare delicatamente all’interno della sacca.




Quali caratteristiche del raccoglifrutta?

Per raggiungere comodamente i diversi punti dell’albero e rendere più agevole la raccolta è possibile regolare a piacere l’angolazione del raccoglifrutta (operazione da farsi comunque a terra) grazie ad un attacco a snodo che solitamente distingue questi raccoglitori da un semplice paniere.

In genere il raccoglitore da solo non fa nulla perché serve raccordarlo a un manico telescopico per arrivare fino a 5 metri di altezza, che viene fornito a parte come accessorio.

Raccoglifrutta fai da te?

Uno strumento simile lo si potrebbe anche costruire con le proprie mani utilizzando una lunga pertica (già trovarla può essere però un costo) a cui legare in cima delle lattine tagliate lungo il lato e a cui fissare un sacco di cotone o un cesto di rete.

Quando si raggiunge il frutto in alto con la lama della lattina lo si stacca e senza farlo cadere a terra lo si fa depositare nel sacco. Un altro modo può essere quello di usare delle forbici con manico telescopico. In questo caso però bisogna avere cura di appendere delle reti in alto, per attutire la caduta della frutta.

Se vi manca tutto, questi sistemi fai da te non vi garantiscono maggior successo nell’operazione e considerando i costi di assemblaggio e di lavoro, tanto vale acquistare qualcosa di già pronto all’uso.

Dimenticatevi delle scale a pioli, i raccoglifrutta frutta utilizzato insieme al leggero manico telescopico, permettono di arrivare a una altezza notevole stando a terra, quindi è facile raggiungere anche i rami più alti.




Materiali del raccoglifrutta?

I moderni raccoglitori di frutta sono leggeri e sono dotati di cesti imbottiti in modo da trattare con la massima delicatezza il loro gustoso contenuto. 

La lama è robusta e antiruggine; il più delle volte è realizzata in acciaio inossidabile.

Il sacchetto in cotone o cordura è spesso imbottito per evitare di ammaccare limoni, mango, ciliegie, pesche… Si può sfilare ed è lavabile con facilità.

I 5 migliori raccoglifrutta

Nel web vengono pubblicate regolarmente le recensioni e i test che vengono fatti dagli utenti abituali di raccoglifrutta. Si tratta un modo rapido ed efficace anche per confrontare i vari modelli e per scegliere quello più adatto alle specifiche esigenze.

 La spesa nel suo insieme, soprattutto se ci si affida alla vendita online, non è certamente proibitiva. Tale servizio consente generalmente di risparmiare un po’ di più rispetto a un garden o anche a un centro commerciale.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori raccoglifrutta:

1. Ohuhu Raccoglitore Frutta

Il migliore per: prendersi cura della frutta

Con il suo cestello rivestito in vinile col calibro pesante effettua un’efficace azione volta ad afferrare e tirare la frutta.

Il pad “Evita Livido” preserva ogni pezzo dal danneggiamento. È progettato con asta retrattile a tre sezioni con blocco esterno per bloccare l’utensile qualsiasi lunghezza estesa, regolando facilmente l’altezza.

La lunghezza è di 4 metri e il manico ultra lungo permette di raggiungere agilmente avocado, mango e così via. Realizzato in alluminio, è pratico e leggero.

  • Maneggevole
  • Leggero
  • Regolabile

2. Papillon 8060065

Il migliore per: rapporto qualità/prezzo

Senza dover spendere un occhio nella testa, questo utensile consente di recidere e raccogliere ogni tipo di frutta, anche quella che cresce particolarmente in alto.

Molto maneggevole, è correttamente bilanciata per garantire sempre il massimo controllo durante ogni tipo di operazione.

È progettata con manico girevole telescopico in alluminio che raggiunge i due metri di lunghezza. Ha una dimensione di 00 x 8 x 6 centimetri e pesa 798 grammi.

  • Leggero
  • Bilanciato
  • Economico

3. Fiskars GG110970

Il migliore per: rapido montaggio

Si tratta di un accessorio per gli Universal Cutters e si monta facilmente e velocemente senza l’utilizzo di attrezzi.

Consente di raggiungere facilmente sia i rami bassi che quelli alti, senza bisogno della scala o senza assumere posizioni scorrette.

Per azionare il potente meccanismo di taglio basta far scorrere l’impugnatura verso il basso oppure, se usato alla massima altezza, tirare verso di sé il pomello alla fine del manico. Il sacchetto è in cotone resistente e il corpo è in poliammide.

  • Leggero
  • Sicuro
  • Pratico

4. Gardena Combisystem 3110

Il migliore per: angolazione regolabile

La lama integrata in acciaio inossidabile recide la frutta dall’albero, raccogliendola nella sacca lavabile in cotone.

Grazie all’attacco a snodo è possibile regolare a piacere l’angolazione del raccoglifrutta, per raggiungere comodamente i diversi punti dell’albero e rendere più agevole la raccolta.

È indicato per tutti i manici Combisystem del marchio, fra cui quello telescopico che consente di arrivare fino a 5 metri di altezza. La garanzia è di 25 anni.

  • Versatile
  • Lavabile
  • Robusto

5. Wolf-Garten 7242000 RG-M

Il migliore per: estensione

Inserendo il manico Vario, questo utensile permette di effettuare una raccolta sicura senza scala fino all’altezza di 5,50 metri.

Ogni operazione avviene con la massima delicatezza, senza danneggiare la frutta.

Il cesto arrotondato flessibile e la lama tagliente rendono il lavoro di raccolta semplice, pratico e veloce.

  • Delicato
  • Pratico
  • Rapido




Lascia un commento