Crea degli Effetti Straordinari con i 6 Migliori Pedali per Chitarra Elettrica!

Pedale-Per-Chitarra-ElettricaSei stanco del solito suono della tua chitarra? I migliori effetti a pedale per chitarra elettrica ti consentono di personalizzarlo proprio come vuoi tu.

E scoprirai così com’è semplice distinguersi e farsi apprezzare dal pubblico non solo per l’abilità tecnica, ma anche per il tuo spirito creativo.




Qual è il Miglior Pedale per Chitarra Elettrica?

Sul mercato ce ne sono di innumerevoli tipi proprio per soddisfare i gusti creativi di ciascun chitarrista in base al suo genere musicale, sia esso blues, rock, metal

I vari dispositivi si differenziano per versatilità, originalità, praticità e, naturalmente, per il semplice impiego. Oltre al vantaggio di poter acquistare al prezzo più basso, la vendita online ti dà la possibilità di scoprire quali sono le opinioni dei chitarristi che utilizzano abitualmente questo genere di pedali.

E se ti stai affacciando ora a questo affascinante mondo, non avrai difficoltà a trovare un buon pedale per chitarra elettrica economico che soddisfa le tue aspettative.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori pedali per chitarra elettrica:

1. Zoom G1Xon

Il migliore per: rapporto qualità e prezzo

Offerta
Zoom G1Xon Pedale Effetti per Chitarra
2 Voto

Offre 100 effetti, fra cui distorsione, compressione, modulazione, delay e riverbero. È possibile selezionare contemporaneamente cinque effetti, incatenandoli insieme in qualsiasi ordine. Sono disponibili 100 posizioni di memoria (10 banche di 10) per l’archiviazione di memoria.

Il pedale di espressione integrato consente il controllo del livello di ingresso e di uscita livello. Con la funzione looper si ha la possibilità di registrare fino a 30 secondi/64 Beats con audio di qualità CD.

E per suonare di notte senza disturbare i vicini è disponibile l’uscita per la cuffia. Funziona con quattro batterie AA, incluse nella confezione.

  • Gamma effetti
  • Uscita cuffia
  • Versatilità

2. IK Multimedia iRig Stomp

Il migliore per: tutte le applicazioni con iPhone, iPod touch e iPad

Grazie a questo dispositivo, i chitarristi e i bassisti possono integrare le loro app preferite di effetti per iOS nella loro pedaliera con tutta la potenza ed immediatezza d’uso dei processori di effetti per iPhone, iPod touch ed iPad.

Il pedale si basa sull’AmpliTube iRig ed è compatibile con qualsiasi app per chitarra per iOS. Costruito in alluminio, resistente e leggero, si integra con le pedaliere tradizionali oppure direttamente ad un amplificatore. Dispone di un uscita da 3,5 mm per l’utilizzo in cuffia.

  • Innovativo
  • Compatibile
  • Robusto

3. Ammoon AP-09 Nano Looper

Il migliore per: interfaccia pc

Molto compatto, ha un corpo in lega di alluminio, leggera e resistente. Supporta una registrazione di dieci minuti, con illimitate possibilità di sovra-incisione.

Di semplice utilizzo, è progettato con un regolatore del volume in uscita. Una luce led segnala lo stato di funzionamento.

Completa le sue prestazioni la funzione di bypass True per proteggere l’integrità del segnale originale. Viene fornito con un cavo usb per caricare e scaricare file audio dal computer.

  • Leggero
  • Pratico
  • Versatile

4. Nux Tempo Effetto Nucleo Time Core

Il migliore per: prezzo interessante

In dimensioni estremamente compatte, questo pedale fornisce sette tipi di delay (stereo, digitale, analogico, Ping Pong, Mod, Reverse e Pan), una funzione loop station e tap tempo.

È progettato con switch centrale e quattro potenziometri, di cui tre per la regolazione del delay (numero di ripetizioni, tempo del ritardo e mix) e uno per la scelta del delay. Ha una struttura in metallo molto solida e ha due ingressi e due uscite mono e stereo.

  • Comodo
  • Resistente
  • Versatile

5. Pedale di effetto professionale Mugig Loop Camp

Il migliore per: suono rotondo e morbido

Offerta
Mugig Looper pedale di effetto professionale, Cerchio...
21 Voto

Consente un massimo di 15 minuti di registrazione, con sovra-incisione illimitata. La manopola di livello e l’interruttore di timbro controllano il pedale per rendere il suono ideale.

La resa audio è rotonda e morbida, piena di musicalità e rispecchia perfettamente quella dello strumento originale. È fornito di luce led per segnalare lo stato di funzionamento ed è compatibile con qualsiasi alimentatore a 9 V.

  • Audio fedele
  • Resistente
  • Compatto

6. Effetti a pedale Behringer Ultra Metal UM300

Il migliore per: i cultori dell’hard rock e del metal

Si tratta di un distorsore per chitarra elettrica che offre un equalizzatore a tre bande. Permette di controllare il livello di volume e l’intensità della distorsione, oltre ad effettuare la regolazione dei toni alti, bassi e medi.

Si rivela ideale anche per potenziale il sustain. È possibile scegliere se alimentarlo con batteria o tramite un classico alimentatore standard da 9 V.

  • Resistente
  • Doppia alimentazione
  • Semplicità




Opinioni sui pedali per chitarra elettrica?

A volte può essere scoraggiante guardare un chitarrista esperto che passa con disinvoltura da un pedale all’altro e pensare: “Accidenti, non so nemmeno da che parte iniziare!”.

In effetti, con centinaia di pedali per chitarra tra cui scegliere, è abbastanza facile sprecare i soldi acquistando modelli che non soddisfano le proprie aspettative. In questa breve guida cercheremo di dare qualche indicazione di base per consentirti di effettuare un acquisto consapevole.

Quali effetti a pedale per chitarra elettrica?

Pedale che vai… effetto che trovi! In questi ultimi decenni la tecnologia ha fatto passi da giganti anche nel settore audio. E accanto ai classici effetti, ne sono nati altri che soddisfano le esigenze più trendy. Ecco una panoramica dell’attuale stato dell’arte.

L’effetto della distorsione è molto comune in musica e serve a rendere il suono più grintoso e in un certo senso e “sfuocato”, distorcendo appunto la forma dell’onda.

C’è poi il delay che ritarda il segnale per creare un effetto eco.

Il riverbero dà l’affascinante sensazione di trovarsi nel cuore di una grande cattedrale, rendendo il suono brillante come non mai. Simile a questo effetto è il chorus che offre un suono di coro o orchestra a causa di variazioni di timbro e picco. Un piccolo ritardo viene aggiunto al segnale audio.

L’effetto wah wah aumenta solo una certa frequenza del suono a seconda di come si posiziona il pedale. Il risultato? È come se le corde potessero parlare e dicessero proprio “wah wah”…

Per un’atmosfera psichedelica niente di meglio che il flanger o il phaser, ideale per i suoni spaziali.

Se vuoi una soluzione combinata, sono naturalmente disponibili i pedali multi-effetti. È disponibile un’ampia gamma di dispositivi multifunzione, alcuni dei quali possono trasformare la tua chitarra in uno strumento completamente diverso!

I tipi più evoluti possono anche essere interfacciati con un computer, con possibilità applicative che hanno solo il limite della fantasia.




Come scegliere il pedale della chitarra elettrica?

I criteri che guidano la scelta possono essere diversi e possono essere riassunti nei seguenti punti:

  • quanto vuoi spendere per il tuo pedale? La maggior parte dei modelli hanno un prezzo abbordabile, che può salire però quando si tratta di dispositivi di marca
  • quanti pedali vuoi acquistare? A volte basta una scelta oculata fra quelli disponibili nella vendita online per riuscire ad acquistarne anche più di uno pur avendo a disposizione un budget contenuto
  • che tipo di pedale ti serve? Come visto poco fa, sono diversi gli effetti che puoi creare con la tua chitarra, in base alla tua personalità e al tuo stile di musica
  • qual è la tua marca preferita? Forse ti sorprenderà sapere che alcuni modelli di marche praticamente sconosciute offrono degli effetti inimmaginabili
  • guarda le demo nel web! Sono una fonte indispensabile per aiutarti a capire meglio cosa può offrirti un determinato pedale. Si consiglia sempre di dare un’occhiata, anche veloce.

Tecnica e pedali per chitarra elettrica?

Qualsiasi sia la scelta, vale comunque una considerazione di base: un pedale, per quanto professionale possa essere, non potrà mai a sostituire la pratica quotidiana.

Non è il pedale che fa di un chitarrista un buon chitarrista, ma le ore e ore di esercizio che si dedicheranno allo strumento per innalzare, giorno dopo giorno, il proprio livello.

Lascia un commento