Le 5 Migliori Bombolette di Aria Compressa per Pulire il PC Portatile

Tra le operazioni di manutenzione del tuo notebook, miglior-bomboletta-di aria compressala pulizia rientra a tutti gli effetti tra i compiti periodici che vanno svolti per mantenere sempre l’apparecchiatura alla massima efficienza.

L’utilizzo della miglior bomboletta di aria compressa per pulire il pc portatile consente di eliminare la polvere che si accumula all’interno della cassa e negli interstizi della tastiera.

Con questo versatile strumento riesci ad arrivare dove si rivelano inefficaci i panni in microfibra e gli appositi detergenti (oppure acqua miscelata ad alcool isopropilico), che sono invece perfetti per le parti esterne.

Con il passare del tempo, la polvere e la lanugine che si accumula sopra e dentro il portatile ne può impedire il corretto funzionamento. Le cariche elettrostatiche generate dalle componenti elettroniche attirano la polvere che può ostruire la griglia di ventilazione, depositandosi su schede, memorie, alimentatore.

Tutto ciò può contribuire a un pericoloso surriscaldamento. All’interno dello chassis la temperatura può aumentare oltre una certa soglia e da sola la ventola non riesce più a dissipare il calore e a raffreddare il notebook.

Specie d’estate quando anche le temperature esterne e l’umidità ambientale sono critiche, un surriscaldamento del notebook potrebbe portare a crash indesiderati.

È di fondamentale importanza, per la manutenzione di qualunque notebook, tenere pulita la ventola di raffreddamento della CPU. Un segnalare d’allarme viene proprio da questa componente. Se incomincia a diventare un po’ troppo rumorosa, è necessario rimuovere la polvere per farla tornare a funzionare come nuova.




Le Migliori Bombolette di Aria Compressa per Pulire il PC Portatile

Un prodotto di questo tipo rientra quindi a buon diritto in ogni kit pulizia per PC portatile che si rispetti.

Anche se al primo sguardo le bombolette sembrano tutte uguali, non è così. Alcune si caratterizzano per la loro attenzione all’ambiente, altre hanno magari particolari beccucci che consentono di arrivare anche nei punti più nascosti.

Leggi le opinioni di chi si affida quotidianamente alla vendita online e scoprirai che è proprio così.

Anche se si tratta di un prodotto generalmente poco costoso, è sempre meglio tenere d’occhio il prezzo. In questa guida all’acquisto ti segnaliamo quelli che, secondo noi, sono i tipi più interessanti.

Bomboletta aria compressa Micro Chip Elektonic

La migliore per: getto potente

Il potente getto di questa bomboletta di 800 millilitri si mantiene costante dall’inizio alla fine.

I propellenti ecologici aggiunti fanno sì che il prodotto sia erogato correttamente e che i prodotti risultino pratici e facili da usare.

Si rivela ideale per rimuovere lo sporco anche dagli angoli più nascosti e impenetrabili, in particolar modo nelle tastiere. Non lascia alcun residuo di umidità.

 

GVMD 31 VMDItalia

Il migliore per: becco erogatore

Elimina in tempo reale la polvere che si deposita sulle superfici dell’apparecchio, anche quelle più delicate.

Grazie alla particolare conformazione a becco del suo erogatore, consente di raggiungere anche i punti meno accessibili. Si presta quindi alla pulizia di lenti, obiettivi, computer, orologeria, strumenti di precisione e apparecchiature meccaniche in genere.

La confezione contiene 400 millilitri di prodotto.

 

GreenBlue GB400

Il migliore per: getto preciso

La presenza di un tubicino interno della bomboletta facilità la spraizzazione del prodotto in ogni punto dell’apparecchio, fino a raggiungere le aree inaccessibili.

Si rivela particolarmente indicato per rimuovere la polvere e lo sporco da tastiere, stampanti e altri dispositivi elettrici.

È venduto in una confezione da 400 millilitri e si fa apprezzare anche per il suo vantaggioso rapporto qualità/prezzo.

 

Air Duster InLine

La migliore per: valvola di regolazione

La bomboletta, che ha una capacità di 400 millilitri, è dotata di una speciale per la regolazione del flusso d’aria il prodotto.

È quindi possibile utilizzarla anche per la pulizia di apparecchiature elettriche ed elettroniche sensibili e delicate come tastiere, stampanti, circuiti elettrici, sensori ed allarmi e apparati fotografici.

Non rilascia residui di umidità. Il materiale utilizzato per questo prodotto è il propano butano, nel rispetto di tutte le normative per la diminuzione dell’immissione di sostanze nocive all’ozono.

 

Aria Compressa Techly 400ml

La migliore per: dotazione di due cannucce

Viene fornita completa di due cannucce, una corta e una lunga, per consentire la pulizia accurata di ogni tipo di apparecchio.

La particolare valvola di cui è dotata la bomboletta consente di controllare on precisione l’emissione dell’aria. Questo prodotto non intacca i materiali plastici e non lascia residui di umidità.

È realizzato all’insegna dell’ecologia, dal momento che non contiene propellenti ritenuti dannosi per l’ozono. La confezione contiene 400 millilitri di aria compressa.

Pulire interno pc con aria compressa può far danni?

Per pulire le parti interne del notebook bisogna essere un po’ più esperti e se non ci si fida a farlo da soli, è meglio chiedere aiuto a quei laboratori che fanno servizio di riparazione dei pc.

Però le operazioni sono tutto sommato semplici e a volte, nel caso si proceda già a una pulizia periodica, non è affatto necessario aprire lo chassis. È infatti possibile pulire la griglia di ventilazione e la ventola senza smontare la struttura.

Si può procedere a togliere la polvere dalla ventola utilizzando una bomboletta di aria compressa. È buona norma invece evitare l’uso del compressore. Questo apparecchio, infatti, insieme all’aria spruzza una certa quantità d’acqua che potrebbe danneggiare il computer, arrivando anche a ossidare i circuiti.

Come pulire il computer con aria compressa?

Innanzitutto quando si procede a qualunque tipo di pulizia del portatile occorre togliere l’alimentazione. Prima di procedere è anche importante verificare che il notebook sia sufficientemente raffreddato.

Infatti se il gas all’interno della bomboletta fosse infiammabile, un contatto diretto dell’aria compressa con una superficie calda potrebbe causare altri tipi di inconvenienti, come ad esempio il danneggiamento di alcune parti e la conseguente richiesta di intervento di assistenza tecnica, tutt’altro che economica.

Pertanto se possibile è meglio acquistare bombolette che siano prive di gas o per lo meno che utilizzino un gas non infiammabile.

A seconda dei casi, si può quindi procedere in due modi. Se la ventola è molto sporca e funziona male è necessario aprire lo chassis.

Non è un’operazione complicata: è infatti sufficiente svitare le viti a stella in prossimità della ventola, quindi procedere alla sua pulizia con la bomboletta di aria compressa, soffiando via la polvere.

Un piccolo accorgimento è quello di non spraizzare a flusso continuo ma piuttosto di dare piccoli e veloci colpi di aria. Essendo fredda, infatti, l’aria può causare quella condensa sui circuiti che vorremmo proprio evitare.

Presta attenzione anche alle grate che spesso trattengono fibre per via delle cariche elettrostatiche. Nel caso in cui la ventola non sia immediatamente accessibile dovresti smontare, se te la senti, altre parti come la tastiera, avendo cura poi di riposizionarle in sede con le rispettive viti di fissaggio.

Se invece non è necessario aprire lo chassis, è sufficiente direzionare l’aria nelle fessure del dispositivo e far fuoriuscire così la polvere che si è accumulata all’interno.

Punta quindi la bomboletta in tutte le fessure presenti nel case, tenendola ad una distanza di qualche decina di centimetri. È questo un accorgimento molto importante, perché un getto troppo potente, oltre a ripulire dalla polvere, potrebbe rovinare i circuiti interni.

Nel caso in cui qualche accumulo di polvere rimanga attaccato ai componenti dopo aver utilizzato l’aria compressa, non avvicinare la bomboletta, ma cerca di rimuovere lo sporco residuo usando delle pinzette.

Prima di compiere questa operazione può essere necessario bloccare la ventola stessa per evitare che l’aria compressa la faccia girare ad alta velocità, rischiando di danneggiarla irreparabilmente. Quindi, inserisci con molta attenzione una punta sottile o qualcosa di simile nella grata e blocca la ventola mentre direzioni lo spray.




Come si pulisce la tastiera con l’aria compressa?

Già che hai in mano la bomboletta, puoi approfittare per dare una pulitina anche alla tastiera: è infatti una delle componenti che, insieme alle ventole, è più soggetta all’accumulo di polvere e briciole.

Prima di qualsiasi intervento, è buona prassi capovolgere la tastiera e agitarla con delicatezza per far cadere lo sporco grossolano. Solo dopo aver fatto questo puoi usare la bomboletta.

Dirigi quindi l’aria compressa verso lo spazio fra i tasti, per far sollevare e uscire tutte le impurità. Sia per le ventole che per la tastiera evita assolutamente l’aspirapolvere, che potrebbe generare una scossa elettrostatica e rovinare le componenti elettroniche.

L’aria compressa la puoi utilizzare anche per pulire gli interstizi dello schermo e la struttura, per asciugarla se l’hai pulita con del detergente adatto.

Quali precauzioni è importante prendere?

Quando esegui queste operazioni, puoi equipaggiarti per la massima sicurezza con una mascherina antipolvere e degli occhiali di protezione.

Se vuoi evitare di lasciare le impronte e di trasferire l’unto dalle mani sulle superfici, puoi utilizzare un paio di guanti usa e getta in lattice, senza polverina.

Prima di cominciare fai un test per assicurarti di scaricare le cariche elettrostatiche: basta toccare un qualsiasi corpo metallico.