I 5 Migliori Sacchi a Pelo per Dormire al Chiaro di Luna

Dormire immersi nella natura offre delle sensazioni indescrivibili: il fruscio delle foglie, l’acqua del ruscello che gorgoglia sommessamente e come unica fonte di luce il cielo stellato.

E con il miglior sacco a pelo niente può turbare questa immensa tranquillità, neppure il freddo pungente durante le escursioni di alpinismo.

Un sacco a pelo che si rispetti deve garantire il massimo riparo dalle intemperie, offrire un’efficace barriera contro l’umidità del terreno e fornire un’adeguata protezione anche nelle notti più rigide.

Ci sono diverse cose da prendere in considerazione al momento della scelta. In questa guida, ti forniremo tutte le informazioni necessarie per consentirti di effettuare un acquisto ponderato in base alle tue specifiche esigenze.

 

Sommario

I migliori sacchi a pelo

Qual è il miglior sacco a pelo?

Un buon sacco pelo economico e confortevole è un compagno di viaggio fidato, proprio come il cestino da picnic quando si vuole vare una scampagnata all’aria aperta: impossibile farne a meno.

Sul mercato è possibile trovare una gran varietà di modelli di marca studiati per garantire il massimo comfort anche nelle condizioni di utilizzo più estreme.

Ma è la vendita online che ti garantisce sempre il prezzo più basso, con la possibilità di confrontare le varie proposte, leggere l’opinione degli utenti e, in base ai test pubblicati nel web, scegliere il sacco a pelo più adatto alle tue esigenze.

 

The North Face Lynx

Il migliore per: praticità

È un modello 3 stagioni studiato per offrire il massimo comfort in poco ingombro. L’avvolgente isolamento Cyclone garantisce un’ottimale ritenzione del calore.

Progettato con cappuccio sagomati, ha una particola progettazione che offre tutto lo spazio necessario ai piedi, mantenendoli sempre alla giusta temperatura.

Facile da lavare, si ripone on poche mosse nella sua pratica sacca.

  • Comfort
  • Compatto
  • Ergonomico

 

Geertop SWE01O

Il migliore per: anti-vento

Nella parte inferiore è possibile aprire completamente la cerniera per lasciar respirare i piedi: è anche possibile camminare con il sacco a pelo addosso.

L’interno è anti-vento per impedire l’accesso dell’aria aperta quando si apre la cerniera. Il cappuccio, estraibile, può essere regolato con la sua corda elastica.

È incorporata una piccola sacca portaoggetti. Questo modello è utilizzabile in tutte le stagioni.

  • Protegge
  • Pratico
  • Comodo

 

Outerdo Rivezop105 Sacco a Pelo

Il migliore per: trasformista

Adatto alle escursioni in primavera, estate e autunno, ha una lunghezza di 180 centimetri e una larghezza di 75 centimetri.

È realizzato con una doppia cerniera per semplificare l’apertura sia fuori che dentro il sacco a pelo. La zip può essere completamente aperta per consentire di utilizzare il sacco a pelo come trapunta.

Particolarmente leggero, si ripone in poco spazio nella borsa di trasporto, che è completa di cinghie regolabili.

  • Leggero
  • Robusto
  • Pratico

 

Camtoa Sacco a Pelo Ultraleggeri

Il migliore per: ultraleggero

Realizzato con materia di alta qualità, è impermeabile, traspirante e ultraleggero (pesa 700 grammi). La sua particolare cerniera semplifica l’apertura dall’esterno e dall’interno.

Disponibile in diversi colori, ha una dimensione di 190 x 75 centimetri.

Si rivela ideale per tutte le stagioni e dà la possibilità di unire fra loro due sacchi a pelo dello stesso modello per realizzare un sacco a pelo matrimoniale.

  • Modulare
  • Pratico
  • Lungo

 

The Body Source Sacco a Pelo Professionale

Il migliore per: molto caldo

Utilizzabile in tutte le stagioni, ha un’imbottitura molto calda per offrire il massimo comfort anche nelle condizioni climatiche estreme (fino a -10°C).

Il cappuccio con cordino, in stile mummia, copre tutta la testa e la faccia, per tenere tutto il corpo al caldo. È fornito di tasca interna per gli oggetti di valore e il cellulare.

Il sistema anti-vento a doppia cerniera e il collare con cordicella interna garantiscono il massimo in termini di comodità.

  • Comodo
  • Resistente
  • Leggero

Temperatura e sacco a pelo?

Primavera, estate, autunno, inverno… La scelta del sacco a pelo va sempre fatta in base alla stagione di utilizzo.

Quando un produttore dà delle indicazioni sulla temperatura di un sacco a pelo, identifica il livello più basso a cui viene garantito un buon livello di comfort.

Se il sacco riporta un valore di +5°C, significa che la maggior parte degli utenti dovrebbero avere un adeguato livello di comfort se la temperatura dell’aria scende sotto quel valore.

Questa valutazione presuppone che si indossi della biancheria intima lunga e un materassino gonfiabile sotto il sacco.

Forma dei sacchi a pelo?

Quando siamo in un sacco a pelo, il calore del nostro corpo riscalda le sacche d’aria che ci avvolgono all’interno della sacca. Il processo di riscaldamento è più efficiente ed efficace quando quell’aria che si forma tra il nostro corpo e quella intrappolata nell’isolamento del sacco a pelo non si muove molto o riempie uno spazio troppo grande.

Un sacco a pelo ben aderente avvolgerà il corpo in una tasca calda ma senza spazio eccessivo. Questo è il motivo per cui i sacchi a pelo in stile mummia sono più caldi dei più grandi e più ampi modelli di sacchi a pelo rettangolari.

I sacchi a pelo tengono al caldo “intrappolando” uno strato di aria intorno al corpo. Il calore del corpo riscalda quest’aria, e la forma del sacco a pelo crea una sorta di barriera nei confronti del terreno e dell’aria presente nell’ambiente esterno.

Meno spazio interno è presente, più velocemente si riscalda l’aria, consentendo di mantenerla a un livello confortevole per lungo tempo.

La forma del sacco a pelo incide dunque in modo sensibile sul calore che si sviluppa all’interno del giaciglio. Indicativamente, le forme più diffuse sono:

  • rettangolare
  • semi-rettangolare (detto anche a barile)
  • mummia

 

Sacco a pelo rettangolare?

miglior-sacco-a-pelo

I sacchi a pelo rettangolare (detti anche a coperta) hanno una superficie decisamente più ampia, lasciano più spazio per muoversi e sono indicati con temperature più calde. In genere, avendo dimensioni più grandi, risultano più pesanti ed ingombranti. Presentano una larghezza uguale dalla testa ai piedi.

Possono variare in lunghezza e larghezza, ma mantengo sempre la loro forma rettangolare. Questa è una struttura adatta ad ambienti estivi e campeggio. La sua forma più spaziosa consente all’utente di muoversi più liberamente all’interno della sacca.

È la forma tipica del sacco a pelo da campeggio, che garantisce il massimo comfort e abitabilità.

Se si scelgono due sacchi con zip compatibili, è possibile unirli per creare un giaciglio matrimoniale. Le cerniere devono anche essere la stessa dimensione e di circa la stessa lunghezza.

Sacco a pelo semi-rettangolare?

Questi possono essere utilizzati sia per il camping sia per il trekking. Il loro design conico offre tutto il comfort e l’efficienza dei modelli rettangolari, garantendo un maggior spazio.

Ideali da agganciare allo zaino da trekking, sono i preferiti da chi ha un sonno irrequieto e non ama la perfetta aderenza intorno al proprio corpo.

Sacco pelo a mummia?

Se pensi di dover fare diversi spostamenti a piedi con lo zaino in spalla, si consiglia di scegliere un sacco a pelo di questo tipo: si caratterizza infatti per una ridotta larghezza delle spalle e dei fianchi e, di conseguenza, un peso contenuto.

Non tutti, però si trovano a proprio agio con questo tipo di sacco per via del poco spazio disponibile.

I sacchi a pelo con questa forma sono indicati per utilizzi in climi freddi. La struttura più piccola e la superficie ridotta permettono al corpo di scaldare più rapidamente “l’ambiente” (vale a dire l’interno del sacco a pelo). In genere sono dotati di collarino e cappuccio per evitare inutili dispersioni termiche.

La forma a mummia segue più da vicino la forma generale del corpo umano: arrotondata alla testa, allargandosi verso l’esterno alle spalle (e un po’ ai fianchi per i tipi da donna) e poi ridiscende verso il basso verso i piedi.

I sacchi a pelo per condizioni di basse temperature e quasi tutti quelli imbottiti di piumino hanno il design della mummia, che tra l’altro si rivela anche più leggero.

Forma ibrida del sacco a pelo?

Ci sono poi i sacchi a pelo che accolgono le caratteristiche tipiche dei due modelli principali, ossia quello rettangolare e quello a mummia. Si tratta di tipi ibridi, che hanno l’aspetto generale e la forma di un design standard della mummia, ma presenta un’area allargata, spesso squadrata, simile a una scatola ai piedi. Dal punto di vista calorifico è più strettamente allineato con il tipo standard di mummia in funzione e uso.

Sacco a pelo con base trapezoidale?

Questo design aggiunge spazio nella zona dei piedi per consentire una posizione di sonno più naturale di. Questo è molto utile se si dorme sulla schiena piuttosto che sui fianchi. Lo spazio extra riduce anche la tensione che i tuoi arti inferiori esercitano sul sacco a pelo, il che favorisce un maggior isolamento.

Imbottitura del sacco a pelo?

miglior-sacco-a-pelo

La maggior parte dei campeggiatori preferiscono l’imbottitura in materiale sintetico per la sua elevata performance in fatto di comfort e praticità e per il prezzo più basso.

Viene utilizzato generalmente il poliestere, un materiale che ha diversi vantaggi. Si asciuga infatti rapidamente, è resistente ed è anallergico.

La piuma d’oca rappresenta un’alternativa più durevole. Ha il vantaggio di poter essere compressa maggiormente rispetto ai materiali sintetici, ottimizzando lo spazio. Tuttavia, perde il suo potere isolante quando viene bagnata. Per risolvere il problema, in alcuni casi le piume sono trattate per resistere all’umidità.

Imbottitura in piuma del sacco a pelo?

Le imbottiture in piuma possono essere realizzate con piuma vera e propria, meno pregiata e meno performante, e con piumino, con valori termici maggiori e maggiore comprimibilità, o con parti più o meno elevate dell’uno o dell’altro. Ad esempio, se trovate la dicitura piuma 90/10 significa che l’imbottitura è costituita dal 90% da piumino e dal 10% da piuma.

Quando è meglio l’imbottitura in piuma del sacco a pelo?

La piuma è da preferirsi in ambienti asciutti, in quanto ha la caratteristica di legarsi più facilmente alle molecole d’acqua e di conseguenza trasmettere una sgradevole sensazione di freddo. Non dimentichiamo che la piuma se si bagna diventa fradicia e perde la sua capacità di trattenere calore.

Ecco che la maggior parte dei sacchi a pelo contiene una piuma trattata con un’applicazione resistente all’acqua che si asciuga più velocemente rispetto a quella non trattata.

Piuma etica del sacco a pelo?

Alcuni produttori di sacchi a pelo sono attenti a usare solo la piuma che sia “tracciabile” o di origine etica. Questa piuma proviene da uccelli che sono controllati durante la loro vita dalla fattoria alla fabbrica. L’obiettivo è quello di garantire che gli animali siano allevati in modo sostenibile e non soffrano quando vengono recuperate piume e piumini.

Imbottitura sintetica del sacco a pelo?

L’imbottitura in materiale sintetico è estremamente efficiente e garantisce standard di comfort e calore molto elevati. Le fibre moderne più performanti sono fibre cave ultrasottili che aumentano moltissimo il loro potere isolante anche in condizioni di bagnato. I materiali sintetici sono anallergici e isolano anche se bagnati. Sono una buona scelta in climi umidi e per campeggiatori informali o attenti al budget. Di contro presentano un peso leggermente superiore rispetto alla piuma, e una capacità di compressione limitata che ne aumentano l’ingombro.

Alcuni modelli di sacco a pelo da viaggio ora combinano il piumino e il materiale sintetico. Questi ibridi possono fornire i vantaggi di entrambi i materiali e compensare le imperfezioni.

Sacchi a pelo per donne e bambini?

Vi sono alcuni modelli specificamente progettati per seguire armoniosamente la fisionomia femminile. Rispetto ai sacchetti standard sono più corti e più stretti in corrispondenza delle spalle, più larghi sui fianchi. Hanno anche un isolamento supplementare nella parte superiore e nei piedi.

I modelli per bambini presentano un manicotto incorporato sul fondo per fissare il materassino al sacco. Sono inoltre dotati di tasche superiore da riempire con materiale morbido (ad esempio una giacca) e aumentare così il livello di comfort.

Apposite tasche esterne consento di tenere sempre a portata di mano la torcia e il lettore mp3.

Accessori del sacco a pelo?

Il sacco a pelo è fornito completo della sua sacca per il trasporto. Se si hanno particolari esigenze, è possibile acquistare apposite borse multitasche per riporre tutto ciò che serve tenere sempre sotto mano.

Vi è poi la sacca di compressione che riduce al minimo l’ingombro del sacco a pelo e si rivela utile durante il trekking, le escursioni in montagna e ogni tipo di attività all’aria aperta.

Vi sono poi delle speciali fodere morbide da introdurre nel sacco a pelo che riducono al minimo l’usura e lo mantengono pulito.

Manutenzione del sacco a pelo?

Dopo una notte passata all’aperto, arieggiare con cura il sacco a pelo per eliminare l’umidità. Lo stesso accorgimento vale per quando si rientra a casa dal campeggio o da un’escursione.

Non lasciarlo mai alla luce solare diretta per molto tempo: i raggi UV, infatti, degradano lentamente il tessuto.

Per prolungare la vita del sacco a pelo, si consiglia di non lasciarlo per molti mesi rinchiuso nella sacca. La cosa migliore è appenderlo aperto, magari in taverna o in soffitta. Oppure si può avvolgerlo in lenzuolo di cotone, senza arrotolarlo.

In questo modo viene dato modo al sacco di “respirare”, senza compromettere le sue proprietà isolanti.

Quale sacco a pelo tiene più caldo?

Il sacco a pelo è un accessorio di fondamentale importanza per coloro che frequentano la montagna e amano il contatto diretto con la natura. Da solo il sacco a pelo non fornisce alcun calore, ma è in grado di isolare il nostro corpo dall’ambiente esterno mantenendo quindi il calore che il corpo stesso emana durante il sonno.

I due aspetti più importanti che si devono valutare nella scelta del sacco a pelo sono l’imbottitura (che definisce il tipo di isolamento) e la forma (che ne specifica l’ambito d’uso).

Tipi di isolamento del sacco a pelo?

Per quanto riguarda l’imbottitura la scelta più tradizionale è ancora la piuma: ha un elevatissimo potere calorico con una grande capacità compressiva che ne consigliano l’uso in situazione dove il rapporto calore/ingombro sono importanti.

Quali caratteristiche cercare nel sacco a pelo?

Oltre all’imbottitura, ci sono alcuni altri spetti che è importante considerare al momento della scelta. Tali caratteristiche ti consentono di individuare con precisione il modello più adatto a te in base al comfort di utilizzo che cerchi, alla praticità e alle condizioni climatiche che dovrai affrontare nelle tue avventure all’aria aperta.

Sacchi a pelo accoppiabili?

Molti sacchi a pelo sono dotati di cerniere tra loro compatibili e possono così essere uniti insieme per dormire in coppia. È importante sapere, però, che l’accoppiamento di due sacchi crea spazi vuoti all’interno, quindi è un modo meno efficiente per stare al caldo.

Come unire due sacchi a pelo?

Se vuoi creare un sacco a pelo matrimoniale, puoi accoppiare due sacchi a pelo singoli solo se uno ha una cerniera “a destra” e l’altro una cerniera “a sinistra”. Verifica anche che le zip abbiano le stesse dimensioni. La maggior parte delle marche utilizza una cerniera n. 5 o n. 8, quindi queste dimensioni devono corrispondere.

Anche la lunghezza delle chiusure lampo deve essere compatibile. Alcuni modelli hanno cerniere di 1/2 lunghezza, altri usano cerniere di 3/4 di lunghezza. È vero, puoi chiudere i sacchi anche se la zip ha una diversa lunghezza, ma potresti avere dei punti freddi in cui le cerniere non corrispondono.

Cappuccio del sacco a pelo?

Quando viene stretto con un cordino, un cappuccio evita che il calore si irradi. Alcuni cappucci offrono una tasca interna che puoi riempire con i vestiti per creare un cuscino.

Vi sono poi dei modelli sono progettati per stendersi quando la borsa viene decompressa e utilizzata come trapunta. Sacchi ultraleggeri possono far risparmiare peso eliminando del tutto il cappuccio.

Che cos’è il canotto del sacco a pelo?

Si tratta di un tubo riempito di materiale isolante che scorre all’interno della cerniera principale del sacco a pelo. È progettato per evitare che il calore possa uscire tra le bobine della cerniera, disperdendosi.

Altre componenti del sacco a pelo?

I collari a tiraggio e silenziatori per il viso di solito si trovano su sacchi a pelo di tipo invernale, adatti per trascorrere la notte nelle condizioni climatiche più fredde. Si tratta di deflettori isolati intorno alla testa e al collo che impediscono la fuoriuscita del calore corporeo e l’infiltrazione di aria fredda.

Ci sono poi i cordini differenziati che, anche nella più totale oscurità, consentono di stabilire quale cavo allenta o stringe il cappuccio e quale cavo regola l’apertura del collo.

La tasca nascosta consente di tenere a portata di mano piccoli oggetti, come il telefono, l’orologio o gli occhiali. Le posizioni delle tasche possono variare a seconda del modello di sacco a pelo.

Come posso fissare il sacco a pelo allo zaino?

Se hai la necessità di trasportare il tuo sacco a pelo agganciandolo allo zaino come le amache, verifica che siano presenti i passanti. Si tratta di apposite cinghie cucite ti permettono di fissare il sacco direttamente allo zaino in spalla senza che si srotoli. È un modo pratico per evitare di tirarlo dentro o fuori lo zaino continuamente. Puoi anche appendere il sacco a pelo attraverso questi anelli per riporlo.

6 suggerimenti per l’uso del sacco a pelo

Il comfort interno del sacco a pelo dipende molto anche sul tipo di abbigliamento che viene indossato. Generalmente, si preferisce coricarsi con indumenti intimi traspiranti, calze di lana e qualche tipo di cappello. Ci sono anche alcuni accorgimenti di base che sono utili per fruire nel modo più corretto e confortevole del sacco a pelo.

Suggerimento n.1: distendi subito il sacco a pelo

Al tuo arrivo, distendi e apri il sacco a pelo il prima possibile. In questo modo consenti al loft di espandersi al massimo prima di dormire, incrementando notevolmente il livello di comfort.

Suggerimento n.2: utilizza una stola

L’utilizzo di una stola sotto il sacco a pelo, come pure panni o vari tipi di assorbenti impermeabili, ti consente di mantenere il fondo del sacco a pelo asciutto e confortevole. Di solito, i bambini apprezzano maggiormente il materassino gonfiabile.

Suggerimento n.3: cambia i vestiti

È altamente consigliato di non dormire con gli stessi vestiti che hai indossato tutto il giorno. Oltre a darti una piacevole sensazione di “pulito”, è anche molto più igienico.

Suggerimento n.4: entra con calma

Anche se, dopo aver trascorso una giornata particolarmente impegnativa, non vedi l’ora di andare a dormire, si consiglia di entrare nel sacco a pelo gradualmente. Non tirare in tutta fretta la cerniera ma aprila solo parzialmente e infila prima i piedi: in questo modo consentirai una migliore circolazione dell’aria.

Suggerimento n.5: arieggia quotidianamente il sacco a pelo

Arieggia il sacco a pelo ogni giorno, dentro e fuori se possibile. Questa operazione va fatta assolutamente dopo ogni viaggio.

Suggerimento n.6: conservalo all’asciutto

Non lasciare il sacco a pelo chiuso nel suo sacco per un lungo periodo di tempo. Utilizza piuttosto un sacchetto di immagazzinaggio più grande, dopo esserti accertato che il sacco sia completamente asciutto.

Sacco a pelo per tutte le stagioni?

In commercio puoi trovare sacchi a pelo a strati accoppiabili, che possono essere utilizzati in ogni momento delle 4 stagioni.

Gli escursionisti più estremi preferiscono però avere a disposizione due sacchi a pelo: uno estivo per un uso “3 stagioni” e un sacco a pelo per alpinismo adatto ad intervalli di temperatura più bassi per un uso stagionale prolungato e un comfort extra.

Come posso conservare al meglio il mio sacco a pelo?

Segnaliamo comunque qualche consiglio che ti consentirà di mantenere sempre in piena efficienza il tuo sacco a pelo.

Per il lavaggio segui questi suggerimenti per mantenere alto la qualità del tuo investimento.

Passo n.1: leggi l’etichetta

Si consiglia sempre di seguire le istruzioni del produttore per la pulizia. o chiedere un consiglio sul sito web della società, per attenersi alle linee guida del produttore.

Passo n.2: chiudi le cerniere

Chiudi tutte le cerniere e gli elementi di fissaggio, quindi capovolgi il sacco a pelo, in modo che eventuali tracce di sudore rilasciate dal corpo all’interno vengano rimosse efficacemente.

Passo n.3: usa il sapone giusto

Utilizza con un prodotto per la pulizia che non rimuova gli oli essenziali dalle piume.

Passo n.4: lavalo con delicatezza a mano

Lavalo a mano in una vasca. Riempi la vasca con acqua tiepida e un detersivo per bucato delicato progettato per lavare i capi di piumino. Quindi utilizza uno spazzolino per rimuovere delicatamente lo sporco nelle aree attorno al cappuccio e al colletto e in qualsiasi altro punto che sia notevolmente sudicio.

Lavora delicatamente con le mani e lascia in ammollo per circa 10 minuti. Scola la vasca e sciacqua il detersivo con acqua fredda. Elimina l’acqua rimanente stringendo il sacco a pelo con le mani fino a quando è il più asciutto possibile.

Passo n.4/A: lavalo con delicatezza in lavatrice

Puoi anche optare per la lavatrice: meglio però quella a carica frontale, che ha un’azione più delicata rispetto a una carica dall’alto. In ogni caso, seleziona sempre il ciclo delicato con acqua fredda. Dopo un ciclo completo, esegui un risciacquo supplementare o due per rimuovere ogni traccia di sapone.

Passo n.4/B: evita la tintoria, se possibile

A meno che, per motivi di spazio, ti sia impossibile lavare il sacco a casa, è meglio evitare le lavanderie a secco. I solventi utilizzati sono troppo forti e rischiano di danneggiare l’isolamento del tuo sacco a pelo.

Passo n.5: asciugalo con cura

Sebbene richieda molto tempo, l’asciugatura ad aria è il modo migliore per asciugare il sacco a pelo dopo il lavaggio. Distendilo sullo stendino in un luogo ombreggiato per evitare l’esposizione diretta al sole; la sera riponilo al coperto. Non avere premura lascia che l’aria circoli e asciughi con calma, il piumino deve riprendere la sua naturale sofficità ed essere libero di espandersi all’interno degli strati (non devi sentire con le mani che ci siano ancora forme aggregate)

Passo n.6: fagli prendere aria

Se lo fai lavare in un centro specializzato, una volta tornato a casa, lascia il sacco a pelo disteso per qualche giorno. E quando lo metti via, assicurati di usare un grande sacco di cotone o una federa, non il piccolo sacco di nylon che usi per trasportarlo durante un viaggio.

Durata del sacco a pelo?

L’acquisto di un sacco a pelo per il campeggio o da usare per le escursioni zaino in spalla è un grande investimento, soprattutto se si versano un sacco di soldi per un modello di alta qualità. Non c’è motivo per cui un sacco a pelo trattato con cura non dovrebbe durare per più di 20 anni.

Un utilizzo corretto del sacco a pelo inizia con la scelta della borsa giusta e prosegue con una serie di semplici, ma efficaci, accorgimenti.

Cura del sacco a pelo durante le escursioni?

Un sacco a pelo pulito e asciutto è un sacco a pelo che durerà a lungo. Tieni pulito e asciutto il tuo sacco a pelo dormendo sempre in vestiti puliti.

Usa un rivestimento per creare uno strato di separazione tra il tuo corpo e l’interno. Lava il rivestimento dopo ogni viaggio.

Arieggia il tuo sacco a pelo per pochi minuti ogni mattina. È importante far circolare l’aria, ma non lasciarlo al sole troppo a lungo.

Conservare il sacco a pelo?

La corretta conservazione del sacco a pelo aggiungerà anni alla sua vita. Ecco alcuni dei migliori consigli su come conservare il sacco a pelo nel modo giusto.

Metti all’aria il tuo sacco a pelo non appena arrivi a casa. Dopo che lo hai arieggiato, riponilo in una speciale borsa per sacco a pelo.

I sacchi di cotone e tela immagazzinano il tuo sacco a pelo in modo più idoneo rispetto al sacco di nylon che spesso viene fornito in dotazione. Questo aiuta a ridurre i danni al suo isolamento e se non lo usi per molto tempo.

Riparare il sacco a pelo?

Nel corso del normale uso del sacco a pelo, di solito si verificano danni minori. La rottura della chiusura lampo è il tipo più comune di danno. Se ti si strappa il tessuto esterno, un nastro di riparazione in nylon è la soluzione migliore quando si è sul campo. Per riparazioni più serie, ti consigliamo di rivolgerti a un professionista.

  • Voto:
4.9