Recensione Kenwood Chef Premier KMC570

Offre elevate prestazioni a un prezzo ragionevole: si rivolge quindi ai sempre più numerosi chef domestici che desiderano dotarsi di un apparecchio performante di tipo semi-professionale senza dover spendere un capitale.

Tra le molteplici proposte di Kenwood, questo modello si pone a un livello intermedio tra gli apparecchi di alta gamma e quelli molto più economici. Rispetto ai primi ha solo una taglia leggermente più piccola ma lo stesso design e le stesse funzioni; rispetto ai secondi è progettato con una struttura solida in alluminio e acciaio, anziché la plastica.

Chi vuole preparare tutto in casa, trova in questa impastatrice planetaria una validissima alleata. L’apparecchio soddisfa infatti le più diversificate esigenze alimentari di una famiglia media. Tutte le dimensioni sono tra loro proporzionate per mantenere il giusto equilibrio sia nella qualità dei risultati, sia nell’efficienza del lavoro.

Prestazioni elevate, consumi ridotti

La macchina ha un motore da 1000 Watt, che offre un’adeguata “via di mezzo” tra consumi e prestazioni. Il fatto che abbia una potenza ridotta rispetto ai modelli più grandi non significa che sia meno efficiente, anzi. E poi, offre un grande vantaggio: permette infatti di risparmiare elettricità.

Come nei modelli più grandi, ci si trova ad avere tra le mani un vero e proprio robot da cucina. Il corpo motore a testa inclinata è dotato di una serie di attacchi per gestire differenti velocità. È così possibile collegare numerose e versatili attrezzature opzionali, ciascuna dedicata alle specifiche operazioni culinarie.

Il corpo macchina in alluminio pressofuso è del tipo a testa inclinata, si può sollevare per facilitare le operazioni di smontaggio delle pale dalla planetaria e per rimuovere la ciotola; poi si richiude sul basamento mediante una levetta di aggancio che garantisce la stabilità in lavorazione. La macchina pesa circa 8 kg e si mantiene quindi molto stabile sul piano di lavoro durante qualsiasi lavorazione, anche alla massima velocità.

Un impasto perfetto

Il compito principale dell’apparecchio è quello di miscelare e impastare: due funzioni che vengono svolte alla perfezione sfruttando l’azione sinergica di due distinti e combinati movimenti rotatori, detti di tipo planetario.

La frusta, innanzitutto gira sul proprio asse (primo movimento) e nello stesso tempo ruota intorno alla verticale del centro della ciotola (secondo movimento). Questa sequenza fa sì che gli utensili continuino a ruotare mentre si spostano all’interno del contenitore, riconducendo l’impasto sempre al centro.

Si ottiene così un’azione particolarmente efficace volta a miscelare, amalgamare e impastare al meglio gli ingredienti, senza che questi rimangano attaccati alle pareti.

Il modello è progettato con la regolazione elettronica della velocità di lavorazione, modulabile con l’apposita manopola dedicata. Si può così impostare sia la funzione di mescolamento a bassa velocità sia quella alla massima velocità.

Tre pale e un frullatore

La gamma di accessori forniti in dotazione include tre diversi tipi di pale, che consentono di effettuare un’ampia gamma di operazioni. Si tratta della frusta a filo d’acciaio, della pala a K e di quella a gancio.

La frusta a filo d’acciaio, che si utilizza impostando la macchina alla massima velocità, consente di inglobare molta aria nel composto. È possibile così montare a neve gli albumi e la panna, per realizzare ad esempio ottime meringhe e crema Chantilly.

Con la pala a K è possibile preparare un’ampia scelta di creme, come le glasse e la crema pasticcera, insieme a sughi e impasti morbidi. Fra questi ultimi ricordiamo il Pan di Spagna, che ha necessità di inglobare il giusto quantitativo di aria per restare ben montato e soffice.

Il gancio è invece progettato per eseguire tutte quelle operazioni con le farine che, lievitando, formano una struttura tenace, viscosa ed elastica, richiedendo uno sforzo di lavorazione notevole. Grazie a questo accessorio si può ottenere la pasta del pane, della pizza e del panettone.

In questo modello si trova incluso nella dotazione di serie anche un frullatore con caraffa in vetro borosilicato da 1,5 l. Essendo sviluppato con la tecnologia Thermoresist, è a prova di qualsiasi temperatura e si rivela quindi adatto a cibi sia freddi che caldi.

Nella confezione della macchina si trova inoltre una ciotola in acciaio inox satinato da 4,6 l di capacità, un coperchio con paraschizzi, una spatola e un utile ricettario di cucina.

Per quanto riguarda la ciotola, si segnala che la capacità indicata è quella massima nominale, che si rivela comunque sufficiente a soddisfare le esigenze di una famiglia di medie dimensioni. Anche impegnando quantità maggiori, la macchina si comporta bene e il suo motore non ne soffre. Si dimostra così all’altezza delle aspettative, proprio come una vera impastatrice semi-professionale.

Un accessorio per ogni esigenza

Oltre alla dotazione di base, l’apparecchio può essere completato con una gamma di oltre 20 accessori. Anche se, prezzo-e-offertaessendo di ottima fattura, questi componenti opzionali richiedono un investimento economico di non poco conto, è bene evidenziare che grazie a loro è possibile svolgere qualunque tipo di operazione di cucina.

Si possono collegare accessori che lavorano con l’alta e la bassa velocità, oltre a quella disponibile del movimento planetario.

L’attacco ad alta velocità è posto sulla sommità della testa e utilizza la massima potenza disponibile del motore: si possono connettere apparecchi per centrifugare, frullare (il vaso è già in dotazione), tritare ogni tipo di ingrediente, tagliare le verdure a dischi, spremere gli agrumi.

L’attacco per la bassa velocità si trova nella parte anteriore della macchina ed è accessibile asportando lo sportellino frontale: a questo attacco si possono collegare la grattugia a rulli, una sfogliatrice per la pasta delle lasagne e la pasta lunga, un macina granaglie, un torchio per la trafilatura della pasta, un accessorio per tagliare a dadini la verdura, la frutta e il formaggio.

All’attacco della planetaria si possono montare la sorbettiera per fare freschissimi gelati, il passaverdure e il setaccio per le farine, oltre al pelapatate.

Per quanto riguarda la pulizia, buona parte degli accessori (che sono tutti realizzati in acciaio inox) possono essere comodamente lavati in lavastoviglie; sul corpo macchina è invece sufficiente passare un panno umido, senza usare prodotti abrasivi.

Ci piace:
  • Buona potenza del motore
  • Fra gli accessori in dotazioni c’è un ottimo frullatore professionale
  • Molto versatile per diversi tipi di impasti
Non ci piace:
  • Gli accessori opzionali hanno un costo un po’ elevato (ma sono veramente ben fatti)

Lascia un commento