Pesce ricco di omega 3

Stai cercando di adottare uno stile alimentare equilibrato e salutare senza rinunciare al gusto?

Allora sappi che nella tua dieta non possono assolutamente mancare alimenti ricchi di omega 3.

Ma quali sono i cibi che contengono questi acidi grassi essenziali?

Te li indichiamo noi!

Innanzitutto ti facciamo una rivelazione importante: l’alimento migliore che puoi inserire nella tua routine alimentare è il pesce!

Sì, hai capito perfettamente.

Chiaramente mangiare solo pesce non va bene.

Hai bisogno di introdurre anche tanti macro e micronutrienti contenuti in altri alimenti come frutta e verdura.

Ad ogni modo, il pesce ricco di omega 3 è un perfetto alleato per il tuo organismo.

Pesce ricco di omega 3: elenco e proprietà organolettiche

Gli omega 3 appartengono alla famiglia dei grassi insaturi.

Essi non possono essere prodotti dall’organismo e quindi l’unico modo che hai per assimilarli è attraverso la dieta.

Gli acidi grassi omega 3 sono essenziali per tutelare la tua salute.

Sapevi per esempio che assumere alimenti ricchi di omega 3 consente di ridurre la coagulazione del sangue prevenendo ictus?

Ma i loro benefici non si fermano qui.

Consumare alimenti con acidi grassi omega 3 permette anche di:

  • Abbassare il colesterolo
  • Abbassare la pressione sanguigna
  • Abbassare i valori dei trigliceridi nel sangue
  • Prevenire patologie cardiovascolari

Ti consigliamo di mangiare almeno 2 porzioni di pesce a settimana e di preferire quei tipi di pesci che si caratterizzano per un maggior quantitativo di acidi grassi omega 3 ma anche di proteine.

A tal proposito, per esempio, ci sono differenti tipi di pesce azzurro che puoi inserire nella tua dieta.

Il loro quantitativo di acidi grassi omega 3 ti consentirà di soddisfare i fabbisogni nutrizionali giornalieri necessari al tuo organismo.

Curioso di scoprire quali sono i migliori cibi con omega 3?

Bene, in questo articolo ti indicheremo passo dopo passo un elenco dettagliato dei:

  • Migliori tipi di pesce azzurro
  • Migliori tipi di pesce ricco di omega 3 proteine e potassio

Qui di seguito ti presentiamo pesce ricco di omega 3:

1. Sgombro

Sgombro

Lo sgombro è tra i migliori tipi di pesce azzurro che puoi consumare e introdurre nella tua dieta. Ricchi di acidi grassi omega 3, il consumo di questo alimento, soprattutto se fresco, ti permette di assimilare ben 1,26 g di DHA (acido docosaesaenoico) e 0,73 g di EPA (acido eicosapentaenoico).

Consumare pertanto anche solo due porzioni a settimana di questo pesce ricco di omega 3 ti consente di coprire il fabbisogno nutrizionale necessario al tuo organismo.

Lo sgombro è un pesce simile al rombo per quanto riguarda le proprietà nutrizionali e benefiche ma si differenzia per la composizione e le proprietà organolettiche.

Lo sgombro rientra infatti nella categoria dei pesci grassi come il salmone, l’aringa e l’anguilla.

Questo tipo di pesce grasso ha ottime proprietà nutrizionali e appartiene alla famiglia ittica del pesce azzurro.

Alcuni studi condotti da biologi e nutrizionisti hanno dimostrato che il consumo di sgombro anche solo due volte a settimana aiuta a:

  • Ridurre la pressione alta o ipertensione
  • Prevenire la comparsa di attacchi cardiaci
  • Ridurre i sintomi della depressione
  • Abbassare i livelli di colesterolo
  • Abbassare i livelli di trigliceridi.

Tutti questi benefici si devono chiaramente alla presenza di acidi grassi omega 3.

Una dieta ricca di questi acidi grassi essenziali protegge il tuo cuore ma anche il tuo cervello.

Consumare sgombro è una scelta intelligente se tieni alla tua salute.

Nonostante questo pesce sia ricco di grassi è anche un pesce ricco di proteine.

Tale combo ti consentirà di raggiungere più facilmente il senso di sazietà contribuendo quindi a favorire anche la perdita di peso.

LO SAPEVI CHE

Lo sgombro è ricco di acidi grassi e proteine che diminuiscono i livelli di grelina, noto come ormone della fame. Se consumi lo sgombro, noterai un immediato senso di sazietà e di conseguenza non sentirai il bisogno di mangiare ‘fuori pasto’.


2. Salmone

Salmone

Il salmone è definito per antonomasia come un pesce grasso.

Dal sapore deciso ma al contempo delicato, questo pesce è tra i migliori che puoi includere nella tua alimentazione per incrementare la tua quota giornaliera o settimanale di acidi grassi omega 3.

Le proprietà nutrizionali del salmone sono davvero encomiabili.

Consumare salmone significa apportare numerosi benefici alla tua salute.

Questo alimento è ricco di proteine, vitamine, sali minerali ma anche di calorie.

Non rientra nella famiglia del pesce magro e quindi abusarne comunque non va bene.

I nutrizionisti consigliano di consumare il salmone anche due volte a settimana.

Le proprietà nutrizionali di questo pesce potranno solo far bene al tuo corpo.

Quali sono i benefici migliori che puoi ottenere consumando il salmone?

Te li elenchiamo noi!

Introdurre il salmone nel tuo regime alimentare consente di:

  • Aumentare il livello del colesterolo buono HDL e diminuire quello cattivo LDL
  • Contrastare i radicali liberi
  • Proteggere da patologie cardiovascolari
  • Prevenire l’insorgere di ictus
  • Prevenire l’insorgere di trombosi
  • Rallentare l’invecchiamento dei tessuti
  • Rallentare l’invecchiamento delle cellule
  • Ridurre il diabete di tipo 2
  • Prevenire i tumori

Non sai forse che consumare salmone ti aiuta anche a risollevare il tono dell’umore.

Infatti le vitamine e i minerali di cui esso è ricco, consentono di agire come antidepressivi naturali.

Il salmone è una fonte ricca di omega 3 e in particolare di EPA e DHA.

Questo pesce grasso è anche fonte di vitamine e in particolare di:

  • Vitamina B1
  • Vitamina B3
  • Vitamina B6
  • Vitamina B12

RICORDA

Puoi consumare il salmone sia fresco che affumicato. Attenzione, però! Il salmone affumicato ha meno calorie ma un più alto contenuto di colesterolo.


3. Branzino

Branzino

Il branzino rientra nella categoria del cosiddetto pesce bianco.

Come tutti gli altri pesci è un ottimo alleato per la tua salute.

Ricco di acidi grassi omega 3 ma anche di vitamine e sali minerali, le sue proprietà nutritive favoriscono la protezione dell’apparato digerente, del sistema nervoso e di quello cardiovascolare.

Il branzino ha pochi lipidi, è facilmente digeribile ed è perfetto se devi tenere sotto controllo anche il colesterolo.


4. Ostriche

Ostriche

Le ostriche sono dei molluschi deliziosi dal sapore deciso che possono rallegrare anche le diete più tristi.

È possibile prepararle in sfiziosi piatti che renderanno sicuramente meno monotona la tua alimentazione.

Fonti di minerali e acidi grassi omega 3, la loro carne delicata si presta a ricette sfiziose ma salutari.

Le ostriche hanno pochissime calorie, pensa che 100 g di questi molluschi forniscono solo 125 Kcal.

Uno studio condotto in Giappone nel 2003 su alcuni animali ha dimostrato che il consumo di ostriche  favorisce la riproduzione sessuale grazie allo zinco che è un oligoelemento contenuto in grandi quantità in questi molluschi.

La presenza dello zinco inoltre favorisce anche il riposo agendo sull’insonnia.

Consumare infatti alimenti ricchi di questo minerale permette di migliorare la qualità del sonno.

LO SAPEVI CHE

Le ostriche sono considerate un alimento afrodisiaco. Si racconta che il mago Casanova mangiasse ben 50 ostriche a colazione per migliorare le sue prestazioni sessuali!


5. Sardine

Sardine

La sardina è un pesce azzurro di dimensioni molto ridotte ma dai valori nutrizionali davvero eccezionali.

Scopriamo perché mangiare questo pesce fa bene.

Innanzitutto ti diciamo che è sempre preferibile consumare pesce fresco rispetto al pesce  surgelato, in scatola o sott’olio.

Ricche di vitamine, proteine e acidi grassi omega 3, le sardine sono l’alleato perfetto per perdere peso e mantenersi in salute.

Occhio, però! La sardina ha anche una piccola quantità di colesterolo.

Tuttavia, la presenza abbondante di acidi grassi omega 3 fa sì che esso possa essere tenuto perfettamente sotto controllo.

Rispetto alla sardina fresca, quella sott’olio presenta una maggiore quantità di colesterolo ma anche di lipidi a causa della presenza dell’olio.

Ti consigliamo di consumare sempre pesce fresco in modo tale da mantenere anche intatte le proprietà organolettiche e nutrizionali dell’alimento.

Secondo alcuni studi, consumare sardine almeno 3 volte a settimana, aiuta a proteggere il sistema cardiocircolatorio.

La presenza poi delle vitamine, in particolare quelle del gruppo B, funge da barriera per proteggere le arterie, il cuore e il sistema nervoso.


6. Gamberetti

Gamberetti

Gamberetti che passione!

Nei cocktail, nelle insalate di mare ma anche semplicemente cotti a vapore, i gamberetti sono sempre deliziosi da gustare.

Scommettiamo che anche tu ami i gamberetti.

Ma sai quanti benefici possono apportare al tuo organismo se introdotti nelle giuste quantità?

Ti diciamo subito che i gamberetti sono ricchi di:

  • Calcio
  • Zinco
  • Vitamina A
  • Vitamina E
  • Vitamina B.

Amici della linea, hanno pochissime calorie e sono perfetti se devi perdere peso.

Forse non lo sai ma i gamberetti sono ricchi di zinco che incrementa la suppurazione della leptina, l’ormone che è responsabile dell’appetito.

l gamberetti regolano questo ormone generando un senso di sazietà e limitando il deposito dei grassi nel corpo.

Ecco altri benefici che potrai riscontrare se deciderai di introdurre questo alimento nella tua dieta:

  • Combattere l’invecchiamento della pelle
  • Proteggere la salute di denti
  • Proteggere la salute delle ossa
  • Proteggere la salute dei capelli
  • Incrementare e proteggere la memoria del cervello

7. Trota

Trota

La trota è un altro tipo di pesce ricco di omega 3, di vitamine, proteine e minerali.

Fonte anche di potassio e di ferro è uno degli alimenti migliori che puoi decidere di portare sulla tua tavola.

Il suo sapore ricorda molto quello del salmone ma rispetto a quest’ultimo, la trota è sicuramente più magra.

Ti starai ora chiedendo: ma perché devo mangiare la trota?

Che benefici può portare?

Eccoci, te li diciamo subito!

Mangiare trota aiuta per esempio a tenere sotto controllo la tiroide, ma non solo.

I sali minerali di cui è ricca, proteggono il tuo organismo e prevengono l’insorgere di patologie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.


8. Aringhe

Aringhe

Ricche di acidi grassi omega 3 anche le aringhe sono pesci dalle ottime proprietà nutrizionali.

È stato dimostrato che mangiare aringhe riduce il rischio di contrarre patologie neurodegenerative ma anche malattie cardiache.

Grazie alle loro proprietà antinfiammatorie, è possibile tenere sotto controllo anche i livelli di trigliceridi e colesterolo.


9. Acciughe

Acciughe

Le acciughe sono pesci azzurri dalle proprietà nutrizionali fantastiche.

Fonti di acidi grassi omega 3 ma anche di vitamine e sali minerali, sono perfette per la dieta.

Se soffri di colesterolo alto, consumare acciughe può aiutarti a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo ma anche i trigliceridi.


10. Halibut

Halibut

L’halibut è un pesce magro dalla carne bianca e tenerissima.

Ricco di EPA e DHA, è un perfetto alleato per chi vuole perdere peso ma mantenere anche sotto controllo colesterolo e trigliceridi.

Ha pochissime calorie, si può consumare quindi anche più di tre volte a settimana.


11. Trota iridea

Trota-iridea

La trota iridea ha poche calorie e tante vitamine, sali minerali e acidi grassi omega 3.

Questo tipo di pesce è ricco anche di potassio e ti consente di mantenere sotto controllo i valori dei trigliceridi migliorando anche il tono dell’umore.

I sali minerali di cui è ricca, permettono infatti di agire come antidepressivi naturali.


12. Tonno

Tonno

Il tonno è un altro alimento dalle proprietà nutrizionali fantastiche.

Amato a sorpresa anche dai bambini, può prestarsi alla realizzazione di ricette sfiziose, gustose e salutari.

Il tonno è ricco di acidi grassi omega 3 ma anche di proteine, vitamine e sali minerali.

Attenzione però a non esagerare con il suo consumo.

Il tonno infatti contiene molto mercurio che è una sostanza tossica e mal tollerata dall’organismo dell’uomo.

È sconsigliato abusarne soprattutto in gravidanza o durante l’allattamento.


Fonti:

Lascia un commento