I 5 Migliori Aspiratori Nasali per Far Respirare Bene il Tuo Bebè

aspiramuco-neonato

In caso di necessità, l’utilizzo di un buon aspiratore nasale su un bambino, permette che questo possa respirare, mangiare e dormire meglio.

Infatti, ogni madre sa quanto sia difficile pulire bene il naso del proprio bambino, soprattutto quando questo risulta essere occluso. Durante i primi mesi, le narici sono così piccole che non c’è spazio per effettuare una corretta pulizia.

Come i bambini crescono, le narici aumentano un po’, tuttavia, fino a quando non imparano a soffiare il naso da soli, ce se ne dovrà prendere cura, in modo tale che la respirazione possa avvenire senza difficoltà. L’aspiratore nasale risulta, pertanto, essere uno strumento importante in questa delicata missione.

Non per nulla, è un oggetto ideato propriamente per aiutare nella pulizia narici del bambino. A questo strumento, infatti, è data facoltà di poter penetrare nelle narici, anche quando queste sono strette e piccole, e, quindi, fare il lavoro, senza la necessità per il bambino di avere un particolare aiuto.

È anche altamente consigliato il suo uso quando il bambino ha una secrezione spessa. È essenziale che la pulizia venga effettuata periodicamente, in modo che lo sporco o la secrezione non vada ad ostacolare la sua regolare respirazione.

Sommario

Qual è il miglior aspiratore nasale?

Con l’arrivo della stagione fredda aumentano le preoccupazioni dei genitori per i loro piccoli. Per evitare ogni tipo di problema, la cosa migliore da fare è quella di acquistare un buon aspiratore nasale.

Infatti, uno dei problemi maggiormente comuni che può affliggere da sempre i più piccoli, è proprio la congestione nasale. Tuttavia, ogni mamma e ogni papà potrà contare sempre su un valido aiuto per risolvere il problema legato al naso chiuso.

Grazie a questo piccolo oggetto, si potrà permettere di far respirare meglio il proprio bambino, in special modo in presenza di una congestione nasale.

Chicco PhysioClean Kit

Questo modello di aspiratore nasale presentato dalla Chicco, permette una effettiva eliminazione di quelle che sono le secrezioni nasali che potrebbero causare dei disturbi ai bambini.

È, quindi, una immediata soluzione, che offre un confortevole utilizzo grazie alla sua forma sia ergonomica così come anti scivolo.

Come si sa molto bene, nei bambini che sono particolarmente piccoli, l’igiene del naso è molto importante. Per assicurare il massimo del benessere al proprio bimbo, questo strumento risulta essere perfetto.

Infatti, non è da dimenticare che non sono ancora in grado di soffiarsi il naso da soli. Una non corretta respirazione si va, quindi, a ripercuotere negativamente sul loro benessere, come pure sulla alimentazione e sulla loro nanna.

Tra i suoi punti di forza si può annotare:

  • I beccucci, che sono realizzati in materiale flessibile e morbido
  • Il filtro assorbente tramite il quale si assicura una massima igiene
  • La sua forma che è anti scivolo ed ergonomica.

Tra i punti negativi si può annotare

  • Le scanalature interne, alle volte, potrebbero presentare alcune piccole difficoltà nella pulizia
  • Pur essendo dotato di tre ricambi, è tuttavia consigliabile acquistare ulteriori ricambi

 

Chicco PhysioClean Ricambi

Nell’osservare questo modello di aspiratore nasale proposto dalla nota Chicco, non si può non osservare quanto sia un prodotto di alta qualità. Tra le sue principali peculiarità, inoltre, spicca immediatamente come sia un prodotto perfetto e, nel contempo, particolarmente economico.

Anche in questo caso la Chicco, famoso brand specializzato in quelli che sono i prodotti per i più piccoli, è riuscita a tirare fuori dal suo cappello un oggetto che si adatta perfettamente al nasino dei nostri bambini. Infatti, i suoi beccucci sono delicati e morbidi, e, inoltre sono stati confezionati in maniera separata, in modo da poter assicurare il massimo dell’igiene.

Questi beccucci sono poi in materiale plastico flessibile e morbido, studiati e realizzati appositamente per andarsi ad adattare al naso delicato del proprio bambino.

Punti di forza

  • Sicuramente la presenza di dieci beccucci di ricambio ad un costo che è davvero conveniente risulta essere un punto a suo vantaggio
  • Altra valenza più che positiva è anche data dal suo prezzo, che è molto competitivo.
  • Come ulteriore punto di forza di questo modello della Chicco, vie è anche il fatto che si può pulire molto bene il nasino del bambino.

Punti deboli

  • Nel suo complesso non vi sono da segnalare eventuali e particolare suoi punti deboli. Forse, un suo neo può essere dato dal fatto che i ricambi della Chicco, pur essendo i migliori, hanno un prezzo non gradito a molti utilizzatori.

 

Miobebee

Se si è alla ricerca di un aspiratore nasale elettrico che possa effettivamente riuscire a decongestionare il naso del proprio bambino in maniera assai rapida e molto semplice, questo modello risulta essere una ottima scelta.

Infatti, con l’arrivo dei primi freddi di stagione, è molto più facile che il bambino possa incorrere in raffreddori e influenze.

Con questo pratico ed elegante strumento si potrà aiutarlo a riposare in maniera più tranquilla, favorendo, quindi, il suo sonno. Sterilizzabile, completamente lavabile e portatile, questo strumento si rivelerà essere l’arma vincente di ogni mamma, consentendo di aiutare a respirare meglio il proprio bimbo.

Sempre pronto ad essere utilizzato, gli permetterà di fare esclusivamente dei sogni beati, visto che non avrà alcuna difficoltà a respirare. Non per nulla, essendo anche un modello elettrico, si potrà decongestionare in maniera rapida e semplice il naso di tutti i bebè.

Punti di forza
  • Il suo utilizzo è veramente facile
  • Il fatto che sia sterilizzabile e lavabile
  • Sono garantite all’incirca mille aspirazioni
Punti deboli È difficile trovare dei punti deboli in questo modello. Pur tuttavia, se si vuole proprio cercare il classico pelo nell’uovo, in alcuni eventi si è evidenziato che, in presenza di muco particolarmente secco, non raggiunga il cento per cento di efficienza.

Naspirapolvere

Per uso prettamente pediatrico, questo modello di aspiratore nasale risulta essere una vera e propria meraviglia. È talmente valido, che sono sempre più i genitori che lo preferiscono.

Quindi, per numerosi utenti, questo tipo di prodotto risulta essere un qualcosa che è quasi impossibile farne a meno. Facile da utilizzare, consente di poter tener pulito il nasino tanto di un bimbo di poche settimane, quanto quello di uno di due anni.

Tra i motivi per i quali risulta essere particolarmente gradito a molti genitori, vi è il fatto che sia semplice da utilizzare, che sia rapido ed efficace e che questo ottimo sistema sia anche particolarmente economico.

Punti di forza
  • Il fatto che lo si possa lavare con l’acqua calda e che sia fattibile sterilizzarlo
  • Il fatto che sia un prodotto che offra un ottimale rapporto tra le sue qualità e il suo costo
Punti deboli
  • Anche se può sembrare strano, come punto debole è da sottolineare la mancanza di uno strumento che possa essere infilato nel nasino per la sua pulizia interna, dettaglio, che comunque non è rilevante ai fini della ottima riuscita di questo più che ottimo prodotto per bambini.

Come scegliere il modello più confacente ai propri bisogni?

È bene ricordare che principalmente sono tre le tipologie che si possono trovare sul mercato. Vi è l’aspiratore nasale che può essere tanto a bulbo quanto a siringa, quello auto aspirante e quello a batteria.pulizia-naso-neonato

Quelli reputati più semplici da utilizzare sono quelli a bulbo. Quelli a batterie sono valutati efficienti, mentre vengono considerati come ottimi prodotti quelli auto aspiranti.

L’aspiratore nasale, pur essendone presenti vari modelli che sono diversi tra loro, sono generalmente tutti composti da un beccuccio anatomico, da un serbatoio, da un tubicino flessibile e da una imboccatura, come pure ognuno di loro è stato studiato appositamente perché possa venire maneggiato facilmente e perché sia in grado di ridurre al mimino lo stress derivante da un suo utilizzo.

Nello scegliere un modello di aspiratore nasale, è anche poi da valutare il fatto che ognuno di loro ha un utilizzo diverso.

Se quello a bulbo risulta essere il più semplice, visto che è più che sufficiente inserire l’apposito beccuccio nella narice del bambino e premere il serbatoio, quelli a batteria sembrerebbero essere più efficaci.

Per quanto verte la versione auto respirante, si dovrà inserire il beccuccio nella narice e l’imboccatura all’interno della sua bocca.

Cos’è esattamente un aspiratore nasale?

Un aspiratore nasale è un dispositivo che viene utilizzato per aspirare il muco dai passaggi nasali di un bambino. Viene usato quando un piccolo paziente è congestionato a tal punto che ha difficoltà a respirare, a mangiare e a dormire.

Da adulti, soffiamo il naso quando ci sentiamo congestionati. Poiché i bambini non hanno questa capacità, il loro muco deve essere rimosso in un altro modo.

 

Quali tipi di aspiratori nasali ci sono sul mercato?

Quando si prende in considerazione l’acquisto di un aspiratore nasale per aiutare il bambino a respirare meglio, ci si trova davanti a un’ampia varietà di modelli tra cui scegliere. In questa guida ti aiutiamo a identificare le caratteristiche specifiche delle varie apparecchiature per consentirti di identificare con precisione che meglio soddisfa le tue esigenze e, naturalmente, quelle del tuo piccolo.

 

Che cos’è la siringa a bulbo?

Noto anche come “aspiratore a bulbo”, questo è il classico attrezzo per aspirare le impurità dal naso. È realizzato in gomma con una grande palla su un’estremità con un’apertura stretta e affusolata sull’altra. Sembra un grande contagocce e, in effetti, funziona con lo stesso principio. Si tratta dell’opzione più economica che si trova in commercio.

 

Caratteristiche dell’aspiratore elettrico?

Alimentato a batteria, l’aspiratore nasale elettrico è progettato all’insegna della facilità di utilizzo. Una sua estremità va inserita nel naso del bambino. Mamma o papà premono quindi un pulsante e il muco viene risucchiato nel meccanismo per pulire i passaggi nasali del piccolo.

 

Proprietà dell’aspiratore orale?

Questi dispositivi sono stati introdotti sul mercato qualche anno fa. Sono dotati di un tubo che viene introdotto nel naso del bambino. L’altra estremità viene invece introdotta nella bocca dell’adulto che, aspirando, provoca la fuoriuscita delle impurità.

Non preoccuparti, chi aspira non corre alcun rischio l’aspiratore nasale a bocca: è infatti presente un apposito filtro che provvede a bloccare ciò che viene estratto dal nasino del piccolo.

Molte mamme e papà considerano questa soluzione la meno invasiva e la più efficace.

 

Perché è meglio evitare l’aspiratore a bulbo?

La tentazione di acquistare un prodotto di questo genere c’è, per via del suo prezzo decisamente inferiore rispetto agli altri dispositivi. Tuttavia. È bene fare attenzione

Gli aspiratori nasali manuali sono notoriamente difficili da pulire. Basta guardarne con attenzione uno: il suo design è geniale e al tempo stesso terribilmente antigienico. È quasi impossibile estrarre tutto il liquido dalla base del bulbo.

Inoltre, la lunga punta nasale può riempirsi di impurità, mentre l’interno dell’ugello e il bulbo sono noti per ammuffire. Questa è certamente l’ultima cosa che vorresti mettere dentro o vicino al naso di tuo figlio.

 

Aspiratore a bulbo usa e getta?

I tipi a pompetta sono super economici, e questo è il motivo per cui li puoi trovare in ogni ospedale. È anche vero, però, che non sono pensati per essere usati più di una volta o due.

Anche gli aspiratori di questo tipo funzionano, ma non sempre sono efficaci bene. Chi li ha utilizzati qualche volte, sa bene che ci vogliono alcuni tentativi per estrarre tutto il muco dal naso del piccolo. E nel frattempo, gli arrechi un notevole fastidio.

È sicuro usare un aspiratore nasale per il bambino?

Sicuramente lo è, ma ricorda sempre che tu, in quanto adulto responsabile, devi controllare la giusta fascia d’età prima di acquistare un aspiratore nasale. Inoltre, chiedi sempre consiglio al pediatra.

Tutti i dispositivi vengono forniti con informazioni chiare e dettagliate che guidano l’utente al corretto utilizzo. Spiegano come assemblare l’apparecchio e pulirlo. Una volta fatte tutte queste operazioni, rilassati e non preoccuparti, perché usare un aspiratore per bambini non è solo sicuro, ma è il modo più sicuro per pulire il naso del tuo piccolo.

 

Come pulire l’aspiratore nasale?

Si raccomanda di mantenere l’aspiratore nasale del bambino sempre pulito e di conservarlo in modo corretto, seguendo le istruzioni riportate nel manuale: è un procedimento importante, che assicura una routine di igiene sana.

Così facendo, hai la certezza di utilizzare uno strumento sempre efficiente, che è di valido aiuto per evitare lo sviluppo di batteri dannosi per la salute del tuo piccolo.

 

5 buoni motivi per acquistare un aspiratore nasale per neonati

Se sei una mamma, sei sicuramente preoccupata della pulizia e della sicurezza dei prodotti che usi per il tuo bambino. E se vuoi che il tuo piccolo non corra alcun rischio di infezioni all’apparato respiratorio, allora la cosa migliore è sicuramente acquistare un aspiratore nasale per neonati.

Ecco cinque motivi per cui non ne puoi proprio fare a meno!

 

Motivo n.1: riduce le infezioni

Un aspiratore nasale per neonati riduce i rischi di infezioni batteriche. È molto importante, però pulirlo sempre con cura, per evitare che le impurità si accumulino all’interno e che possano contribuire all’effetto opposto, favorendo il diffondersi alle malattie in corso e rendendo il bambino incline alle infezioni.

 

Motivo n.2: non corri il rischio che si formi la muffa

Se scegli un modello che si può smontare con facilità, hai la possibilità non solo di pulirlo con più cura, ma anche di aprirlo e di lasciarlo asciugare all’aria. In questo modo, elimini il rischio che si possa formare della muffa.

 

Motivo n.3: vedi facilmente quello che si estrae

Come mamma, vuoi essere sicura che il tuo bambino sia in grado di respirare quando è malato. Un aspiratore nasale ti permette di vedere esattamente cosa stai estraendo dal naso del bambino, dandoti la possibilità di valutare lo stato di avanzamento della malattia.

 

Motivo n.4: ti offre una grande sicurezza

Un aspiratore nasale per neonati consente una pulizia facile e corretta. Ciò contribuirà alla salute e alla sicurezza del tuo bambino, oltre che naturalmente alla tua massima tranquillità.

 

Motivo n.5: ottimizzi l’investimento

Un aspirapolvere nasale per bambini ti fa risparmiare denaro. Se il tuo piccolo è in buona salute, pensa a come è vantaggioso non dover continuamente spendere soldi per medicine e controlli specialistici.

 

Come pulisco il naso al mio bambino?

Con un aspiratore nasale, ovviamente! Il processo è molto semplice e richiede pochissimo tempo. Tutto quello che devi fare è posizionare il dispositivo, accenderlo per iniziare, attendere alcuni secondi e controllare se il processo è terminato. Se non lo è, fallo di nuovo finché non vedi che il naso del bambino è perfettamente pulito.

 

Come scegliere l’aspiratore nasale?

Un aspiratore nasale non è un prodotto complicato e sul mercato trovi diverse proposte di qualità, progettate per garantirti la massima efficacia. Qui di seguito troverai una serie di caratteristiche da prendere attentamente in esame al momento della scelta.

 

Facilità di pulizia dell’aspiratore nasale?

Ai tratta orse dell’aspetto più importante. Dai un’occhiata ai forum online per accertarti che il dispositivo che stai per acquistare è facilmente lavabile a mano o, meglio ancora, in lavastoviglie. Non vorrai certo utilizzare qualcosa si riempia facilmente di muffa!

Verifica bene di poter arrivare con facilità anche alle parti più interne dell’apparecchio.

 

Durata dell’aspiratore nasale?

Un buon aspiratore nasale deve garantire un uso a lungo termine. Un dispositivo di questo tipo dovrebbe essere visto come un investimento, non come qualcosa che usi qualche volta per poi gettarlo via. Assicurati di acquistarne uno che sia durevole e che sia realizzato con materiali di qualità.

 

Efficacia dell’aspiratore nasale?

Non c’è dubbio: vuoi un apparecchio che possa offrirti una aspirazione efficiente. Non vuoi certo mettere nulla sul naso del tuo bambino per un periodo di tempo prolungato. Quindi la cosa migliore è che entri nella narice, succhi e finisca in un attimo.

 

Affidabilità dell’aspiratore nasale?

Le punte in silicone sono ottime perché sono sicure e delicate a contatto del nasino del tuo bambino. Un coperchio dell’ugello lo manterrà pulito anche tra un uso e l’altro, soprattutto quando lo si trasporta nella borsa insieme ai pannolini.

 

Prezzo dell’aspiratore nasale?

Gli aspiratori nasali hanno generalmente un prezzo accessibile. L’investimento richiesto è compreso tra i 20 e i 40 euro, in base al tipo di materiale costruttivo e a tipo di design della struttura.

 

Ci sono delle alternative all’aspiratore nasale?

È proprio vero: i rimedi della nonna funzionano sempre. Ci sono diverse alternative fai da te per aiutare il bambino con un naso chiuso e congestione.

Anche se l’aspiratore nasale è sicuramente una grande idea per aiutare a liberare le narici del bambino, ci sono altri suggerimenti e trucchi che puoi seguire nel caso in cui il naso sia solo leggermente chiuso.

Un esempio? Prova con il latte materno. Niente è più naturale o più facile da applicare. Una goccia o due nel naso possono aiutare a ridurre la congestione. Lascia che il bambino lo annusi, poi dagli un piccola spinta: quando alza la testa, le sue narici si svuotano. Puoi anche effettuare il drenaggio mentre tieni il bambino congestionato in posizione verticale.

 

Cosa fare per aiutare un bambino congestionato?

La cosa positiva è che molti degli ingredienti per combattere la congestione li hai probabilmente già in casa, a portata di mano. Ecco alcuni trattamenti facili da provare.

Se non hai mai usato la soluzione salina, ti stai veramente perdendo qualcosa. È un metodo infallibile per a tirare davvero fuori il muco e aiuta il tuo bambino a respirare.

Come per il latte materno, aggiungi una goccia o due in ciascuna narice. Puoi comprare una soluzione salina nasale o farla a casa. Non devi far altro che mescolare un quarto di cucchiaino di sale da cucina e due decilitri di acqua in bottiglia. È meglio evitare di utilizzare l’acqua del rubinetto, potrebbe provocare un’infezione, soprattutto se il bambino è molto piccolo.

 

Umidificatore o aspiratore nasale?

In realtà potresti provare a utilizzare i due dispositivi in combinazione. L’umidificatore, infatti, rende l’aria meno secca in modo che il bambino possa respirare più facilmente.

Alcuni umidificatori rilasciano una nebbia calda, mentre altri emettono una nebbia fredda. Anche se entrambi aiutano a respirare meglio, ma si consiglia di utilizzare quella fredda poiché il suo vapore si sente più volentieri in corrispondenza del naso chiuso.

La cosa importante è quella di riempire l’apparecchio con acqua naturale, senza oli essenziali o altre sostanze. Fallo funzionare nella stanza del bambino mentre dorme, vicino alla culla: ti accorgerai che fa davvero la differenza.

 

Bagno turco fai da te?

Se non vuoi acquistare un umidificatore, puoi provare questo rimedio casalingo. Riempi la vasca da bagno di acqua bollente e siediti lì vicino, mentre allatti il tuo piccolo. Dopo una ventina di minuti, ti accorgerai che l’umidità che si è creata nell’ambiente fa drenare il nasino del bebè, facendolo respirare correttamente.

 

Succo caldo per i più grandicelli?

A partire dai sei mesi, puoi provare a somministrare al tuo bambino un po’ di succo di mela o di acqua tiepida, non zuccherata. Fai sempre un test sulla parte interna del polso per assicurarti che il liquido non sia troppo caldo.

Mentre il bambino beve, il liquido ammorbidisce il muco che si trova nella parte posteriore della gola .

Puoi provare anche con la camomilla, ma evita di aggiungere miele se tuo figlio ha meno di un anno; può contenere spore di botulismo che possono essere distrutte solo da stomachi più maturi.

 

Perché non usare le medicine contro la congestione?

Per alcuni, le medicine potrebbero sembrare il metodo più ovvio per risolvere i problemi legati alla congestione dei piccoli. Tuttavia, non è consigliato somministrare farmaci da banco contro la tosse e il raffreddore da banco ai bambini di età inferiore ai 4 anni.

I farmaci tradizionali per il raffreddore e la tosse possono avere effetti collaterali spiacevoli o pericolosi e la ricerca dimostra che non sono utili.

 

Utilizzo della crema decongestionante?

In commercio puoi anche trovare delle creme decongestionanti che favoriscono lo scioglimento del muco, aiutando ad espellerlo.

Sono anche molto piacevoli perché contengono gli ingredienti biologici, in particolare eucalipto e menta. Attenzione però a non farle entrare in contatto con gli occhi, perché potrebbero causare delle irritazioni.

 

Che cosa causa la congestione del bambino?

Diversi fattori possono causare congestione a un bambino. Alcuni neonati vengono congestionati semplicemente perché i loro passaggi nasali sono così piccoli che possono venire irritati da un po’ di muco, dagli agenti inquinanti presenti nell’aria o anche semplicemente da un po’ di latte materno che sputano e finisce nel naso.

Mentre le allergie non sono in genere una causa scatenante della congestione del bambino, lo sono invece il raffreddore o l’influenza. La maggior parte della congestione nei bambini è causata da virus.

 

Quando chiamare il medico in caso di congestione?

Il bambino sta mangiando bene? Non c’è alcun segno di febbre o tosse? Se lui sembra il tranquillo, eccetto che per il suo nasino occluso, allora basta tenerlo d’occhio.

Di solito è meglio tenerlo a casa per qualche giorno, evitando di esporlo alle correnti d’aria. Solo se persiste la congestione del bambino, o se il bambino inizia a riscaldarsi con la febbre, sviluppare una tosse o perdere l’appetito, allora è meglio chiamare il medico.

La mia opinione personale:

Non è mai semplice e facile riuscire pienamente a spiegare i motivi per i quali alla fine si preferisce acquistare un modello di aspiratore nasale piuttosto che un altro. Personalmente, quando debbo effettuare questo tipo di scelta, preferisco orientarmi su un modello che possa racchiudere in sé tanto una facilità di utilizzo quanto una sicurezza per il mio bimbo.

Altro aspetto che prendo in considerazione, riguarda la sua efficacia e la sua reale rapidità di impiego. Alle volte non è facile rammentarsi che anche nella pulizia del suo nasino, il nostro bebè dipende totalmente da noi.

Presi da mille attenzioni, alle volte, può anche accadere di dimenticarsi che, data la loro tenera età, non sono ancora in grado di soffiarsi il loro tenero nasino. Pur tuttavia, grazie a questo tipo di apparecchio, si potrà essere sicuri che si effettuerà una accurata e delicata pulizia del nasino dei nostri bebè.

Questi quattro prodotti rappresentano, certamente, una ottima scelta, in grado di soddisfare ogni tipo di aspettativa anche per la mamma più esigente.