4 Modi per Prenderti Cura del Tuo Coltello Tascabile

I coltelli sono degli strumenti indispensabili nella vita quotidiana e, se sono di buona qualità, rappresentano un vero e proprio investimento. Ecco perché è importante prendersene cura correttamente. Un coltello ben curato funziona meglio, dura più a lungo e ti accompagna per molti anni.

Prendersi cura del proprio coltello tascabile è importante, soprattutto se quello che hai acquistato è un modello premium. I coltelli da tasca forgiati con le migliore lame e prodotti dai migliori artigiani possono essere molto costosi, quindi se non li tratti con attenzione, vuol dire che ti crescono i soldi sugli alberi!



In questa mini guida troverai alcuni consigli pratici, adatti a mantenere in piena efficienza tutti i tipi di coltelli:

1. Non usarlo in modo inappropriato

Il principale errore che si commette quando si maneggia un coltello tascabile è di usarlo come se fosse un utensile milleusi qualsiasi. Non utilizzare la lama da taglio come apriscatole, scalpello, leva, cacciavite o qualsiasi lavoro pesante per il quale il coltello non è stato progettato. Inoltre, non usare la parte posteriore del coltello come un martello.

Un coltello da tasca è un coltello da tasca: non lo puoi usare per svitare cerniere e cose del genere. Per svitare le cose, devi usare un cacciavite: per qualunque operazione ci vuole il suo specifico utensile.

Rammenta inoltre che un coltello da tasca, in particolare quelli premium, non deve essere usato per tagliare un cartone o un foglio di carta, altrimenti perde il filo molto presto. Per tagliare queste cose puoi usare un temperino da tasca economico oppure un cutter.

Infine, non usare il tuo prezioso coltello tascabile su taglieri costruiti con materiali particolarmente duri come granito, vetro spesso liscio, piastrelle di ceramica e simili: lo rovinerai sicuramente!

2. Come riporlo

Quando non utilizzi il tuo coltello da tasca pieghevole, assicurati di pulirlo e di passare la lama con un po’ di olio prima di riporlo nel cassetto. Non devi necessariamente mettere la lama in ammollo nell’olio. È più che sufficiente fare un passaggio leggero con delle salviettine monouso o una garzina di cotone imbibite con poche gocce di olio.

coltello tascabile

È bene conservare il coltello tascabile in un luogo sicuro e asciutto: in questo modo eviterai ogni rischio di corrosione e ruggine. Se la lama dovesse bagnarsi, asciugala con cura. Se il tuo coltello viene a contatto con acqua salata o sostanze di vario tipo, sciacqualo immediatamente con acqua del rubinetto, asciugalo e applica un leggero strato di olio.

Riponi i tuoi coltelli in maniera adeguata: ordinati, separati l’uno dall’altro, senza mischiarli con altri oggetti. Se li metti in un cassetto, fai in modo che non si ammucchino uno sull’altro ad ogni apertura e chiusura.

3. Pulizia regolare e lubrificazione

I coltelli pieghevoli devono essere tenuti puliti da ogni tipo di impurità e in tutte le loro parti. Questo vale anche per il dispositivo di blocco dei modelli a serramanico.

I prodotti per la pulizia e la lubrificazione, specialmente se usati regolarmente, servono per raccogliere e eliminare i residui che possono causare corrosione. Quindi, per mantenere il tuo coltello tascabile privo di residui corrosivi e prevenire danni a lungo termine, assicurati di utilizzare un po’ di acqua saponata per pulire l’intera lunghezza della lama.

Prendi l’abitudine di fare questa semplice operazione dopo ogni utilizzo. Non lavare mai un coltello da tasca pieghevole in lavastoviglie.

Dopo aver pulito con acqua saponata delicata, lascia asciugare completamente la lama. Inoltre, prima di riporre il coltello, dai una passata con un po ‘di olio pulito. Di tanto in tanto, esamina il tuo coltello tascabile per vedere se c’è un qualche traccia di corrosione e mantienilo rivestito con un lieve strato d’olio.

4. Mantieni la lama affilata

Il tuo coltello da tasca deve avere sempre la lama affilata come un rasoio, per essere in grado di tagliare nel modo più rapido ed efficiente possibile. Quando si parla di affilacoltelli non hai che l’imbarazzo della scelta: sul mercato ne esistono a centinaia, forse anche di più. Tuttavia il consiglio è di acquistare un modello tascabile da campo che puoi usare sempre anche quando sei in giro per un’escursione.

pietre affilatrici

I tre principali strumenti che trovi in commercio sono gli affilacoltelli in ceramica, quelli con aste diamantate e inserti in carburo, le pietre affilatrici in ceramica e diamante, completi di propria custodia. Ogni tipo di affilacoltelli ha i propri pro e contro, ma nel complesso ogni utensile di questo tipo ti permette di eseguire il lavoro di affilatura in modo efficiente. Alcuni tipi si rivelano un complesso multi-strumento, in grado di affilare anche le forbici.

Attenzione all’umidità

Tutti i coltelli hanno bisogno di cure adeguate se si vuole che funzionino al massimo delle loro potenzialità. Il moderno acciaio utilizzato per la produzione di questi utensili è un materiale di altissima qualità. Tuttavia, tieni presente che qualsiasi tipo di metallo si corroderà nel tempo, se non presti la dovuta attenzione.

Le lame di tanto in tanto vanno pulite con un panno inumidito d’olio per prevenire la ruggine, soprattutto se si vive in un clima umido o vicino al mare.

Evita il cuoio

Se è possibile, evita di conservare il tuo coltello tascabile in una guaina di cuoio. Certo, un fodero di pelle sembra bello ed è molto scenografico per il trasporto di tutti i giorni, ma il problema di questo materiale è che trattiene l’umidità. L’umidità che si accumula nella custodia è ovviamente altamente dannosa, perché induce corrosione.

Per evitare spiacevoli sorprese, comunque, è meglio non riporre mail il coltello tascabile nel suo fodero, indipendentemente dal materiale in cui è fatto.

Come si sceglie l’olio giusto

Quando si sceglie un olio per coltelli, bisogna prendere in considerazione diverse caratteristiche. Alcuni oli, per esempio, anche se sono adatti alla cura dello strumento, non forniscono una sufficiente lubrificazione e possono arrivare a compromettere il funzionamento del coltello, impedendo ad esempio la scorrevolezza dei componenti.

Come eseguire l’affilatura

Durante questo processo, occorre assicurarsi di affilare il tuo coltello con l’angolo originale di smussatura della lama. La maggior parte dei coltelli da tasca ha un angolo di affilatura di 15 – 20 gradi per parte: in tal modo si otterrà un angolo di taglio di 30 – 40 gradi.

Fai sempre riferimento alle linee guida e alle istruzioni descritte nel manuale per fare un buon lavoro. Molte informazioni le puoi anche trovare online e, in caso di dubbio, puoi sempre contattare il produttore.

Ogni fase del processo debe essere eseguita in modo lento e controllato. Si inizia appoggiando alla punta del dispositivo il filo della lama nei pressi del manico e si continua facendola scorrere per tutta la sua lunghezza fino a quando non arriva in prossimità del manico dell’affilatoio. Tale operazione va ripetuta più volte, alternando le facce della lama.

Dopo diversi colpi di affilatura, controlla la lama per vedere se ha raggiunto l’affilatura desiderata. A operazione ultimata, è importante passare su tutta la lunghezza un leggero strato di olio.

Quali sono i modelli da tasca?

Come suggerisce il nome, i coltelli da tasca identificano tutti i coltelli presenti sul mercato che sono della misura giusta per poterli riporre in una tasca.

Un classico esempio sono i modelli a serramanico. Tali strumenti sono chiamati anche coltelli da tasca perché la lama è richiudibile all’interno del manico grazie ad un perno che la fa ruotare al suo interno: hanno così un dimensione pari a quella di una comune matita. Questo fa sì che non sia necessaria una fodera per riporli e si possono quindi tenere tranquillamente in tasca senza il pericolo di farsi male.



Lascia un commento