Le 5 Migliori Smerigliatrici Dritte per Lavori di Rifinitura

La smerigliatrice (detta anche mola o molatrice) è una macchina utensile dalle molteplici forme e usi che serve per molare, fresare, ridurre le sbavature o affilare determinati tipi di materiali, dai metalli, ai legni e alle plastiche.

Con la migliore smerigliatrice dritta o assiale si possono trattare punti di difficile accesso o eseguire lavori di rifinitura che non possono essere espletati con una smerigliatrice fissa da banco o con una smerigliatrice ad angolo (anche detta flessibile).




Qual è la migliore smerigliatrice dritta?

Se sei alla ricerca di un apparecchio di buona qualità e proposto a un prezzo accessibile, troverai nella vendita online ciò che fa per te.

Oltre a presentarti i modelli più cliccati nel web, questo servizio di permettere di conoscere quali sono le opinioni degli utenti. Sono infatti numerosi gli amanti del fai da te e i professionisti che, dopo aver effettuato un test accurato, scelgono di pubblicare il loro punto di vista in rete.

Puoi confrontare le caratteristiche di tanti modelli di marca, oltre a conoscere nel dettaglio le prestazoni di una buona smerigliatrice dritta economica. E in ogni caso, avrai sempre una garanzia importante: quella del miglior servizio al prezzo più basso.

Qui di seguito ti presentiamo le migliori smerigliatrici dritte:

1. Bosch Professional 0601220100 GGS 28 CE Smerigliatrice Assiale

La migliore per: preselezione numero giri in base al materiale

È un utensile dalla forma compatta ed ergonomica, adatto a qualunque tipo di levigatura. Il motore ha una potenza di 650 Watt con avviamento dolce ed è in grado di mantenere un numero di giri costante anche sotto carico elevato.

Sviluppato con la funzione KickBack Stop, l’apparecchio si spegne immediatamente se rileva un blocco. Richiede una manutenzione ridotta, grazie all’ottimizzazione della durata utile delle spazzole. Mantiene un numero di giri costante anche sotto carico elevato.

Dispone di preselezione del numero di giri in 6 stadi, in funzione dei diversi materiali. Numero di giri a vuoto: 10.000 – 28.000 giri/min. Attacco utensile: con pinze di serraggio fino a 8 mm di diametro.

  • Compatta
  • Ergonomica
  • Bassa manutenzione

2. Makita GD0600

La migliore per: hobbistica

Ideale per il fai da te, ha una potenza assorbita di 400 W e una velocità a vuoto di 25.000 giri/min. Può montare pinze da 6 mm e, grazie alla struttura di piccolo diametro, ottimizza la lavorazione.

Il peso è ben bilanciato, mentre l’armatura dell’ingranaggio in alluminio è ricoperta di gomma. Ha un basso livello di rumore, pari a 73dB (A), e può montare una svariata serie di accessori.

  • Bilanciata
  • Basso rumore
  • Versatile

3. Stayer SD27BE Smerigliatrice Diritta

La migliore per: basse vibrazioni

Questa smerigliatrice dritta con potenza di 650 W è progettata con la regolazione elettronica dei numero dei giri a vuoto: 7000-28000 giri/min.

Viene fornita completa di una pinza da 6 mm di diametro. È uno strumento molto solido e performante, che trasferisce meno vibrazioni al polso. Pesa 1,7 chilogrammi.

  • Accessoriata
  • Robusta
  • Compatta

4. Einhell 4419169 TH-MG 135 E Smerigliatrice a Stelo

La migliore per: dotazione completa di accessori

Accolto in una pratica valigetta, questo utensile viene fornito completo di numerosi accessori che ne ampliano notevolmente il campo di utilizzo.

Nella confezione si trovano infatti: alberino flessibile 1 m, supporto telescopico, 12 punte abrasive al corindone, 6 fresette, 22 rulli per levigare (14 piccoli/ 8 grandi), 34 bussole per rulli (20 piccoli e 14 grandi), 3 attacchi per mini dischi abrasivi e troncatori.

E, ancora, 4 mini dischi abrasivi al corindone, 40 mini dischi troncatori 14 mini cuffiette per lucidare (11 piatte e 3 lunghe), 46 fogli abrasivi tondi, 6 punte HSS, 3 supporti per platorelli 4 bussole di serraggio Ø 0,5/ 1,6/ 2,4/ 3,2 mm, 1 chiave di servizio per mandrino, 1 mini spazzola. Ha una potenza di 135 Watt e lavora a 10’000 – 32’0000 giri/min.

  • Funzionale
  • Pratica
  • Ergonomica

5. Tacklife RTD35ACL

La migliore per: semplicità di impiego

Fra le sue prestazioni spiccano una rotazione ad alta velocità di 10’000 – 32’000 giri/min, 6 modalità di velocità regolabile e un’apposita guida per controllare la profondità di taglio.

La sua maniglia laterale semplifica le operazioni che richiedono l’utilizzo di due mani. La dotazione comprende 80 accessori e 3 allegati ad alte prestazioni per soddisfare le esigenze più diverse: scolpire, intagliare, lucidare, raffinare, perforazione o levigatura.

Per cambiare gli accessori , basta solo svitare il cappuccio e inserire il componente desiderato.

  • Antiscivolo
  • Accessoriata
  • Pratica




Utilizzo della smerigliatrice dritta?

A dispetto delle loro dimensioni molto compatte, sono aparecchi dotati di incredibile potenza e velocità di rotazione del mandrino. Si prestano così ad essere utilizzati in molteplici campi applicativi.

Tra le principali operazioni possiamo ricordare:

  • la rimozione della ruggine da oggetti in ferro o acciaio vecchi che devono essere rigenerati
  • l’abrasione delle vernici per mettere a nudo il metallo (per lavori di carrozzeria o piccola carpenteria metallica) specie nel caso in cui le superfici siano troppo piccole per usare una levigatrice
  • la finitura e lucidatura di acciai inossidabili.
  • lavori di falegnameria (come le persiane), al posto di frese in metallo per scolpire il legno o ancora per accelerare il processo di levigatura di questo materiale (specie nei legni più duri). Molto utile, a questo scopo, il tipo a nastro, orbitale e rotorbitale
  • il trattamento di superfici e oggetti in materiale plastico, come le pareti di una casetta per bambini

Scelta della smerigliatrice dritta?

L’unico modo per garantire che il lavoro venga effettuato con precisione e in poco tempo è quello di acquistare una smerigliatrice potente e di qualità.

Un apparecchio di questo tipo è leggero, maneggevole e facile da usare, ma se è progettata per uso professionale vi permetterà di eseguire un’ampia gamma di lavori cambiando semplicemente il tipo di terminale.

Caratteristiche della smerigliatrice dritta?

La smerigliatrice dritta è caratterizzata da un utensile abrasivo rotante assialmente rispetto all’albero motore. Dispone di un piccolo mandrino su cui montare le mole con codoli metallici realizzati in materiali e forme diverse.

Ciascuna mola è adatta ad un’applicazione specifica, solitamente per sbavare materiale grossolano in punti di difficile accesso e per lavori di precisione e finitura.

Mini smerigliatrici dritte?

I miniutensili, particolarmente adatti nei lavori di tipo hobbistico e di fai da te, hanno potenze assorbite che variano da circa 20 W per i più piccoli quasi sempre alimentati a bassa tensione (12-18 V) in corrente continua, fino ad apparecchi più grandi di circa 150 W quasi sempre alimentati a 230 V in corrente alternata.

Per questi apparecchi mini e micro, le velocità sono spesso regolabili e  variano da un minimo di 8’000 giri al minuto fino ad un massimo di 32’000 giri/min. Il mandrino in genere è del tipo a pinza intercambiabile per utensili con codolo da 0,8 mm fino a 3,2 mm.

Non mancano miniutensili dotati di un piccolo mandrino a cremagliera che può serrare codoli fino a 6,35 mm di diametro (1/4″).




Smerigiatrici dritte alta potenza

Sul mercato si possono trovare smerigliatrici diritte con potenze assorbite che variano da un minimo di 500 W fino ad un massimo di 900 W, tutte alimentate in corrente alternata a 230 V. Le velocità, spesso regolabili, variano da un minimo di 8.000 giri/min fino a un massimo di 30.000 giri/min.

Il mandrino è quasi sempre del tipo a pinza intercambiabile per utensili con codoli da 6 o 6,35 mm di diametro. Sono utilizzate principalmente per lavori di finitura su stampi.

Smerigliatrici diritte per sbavatura?

Infine le smerigliatrici diritte per sbavatura hanno potenze assorbite che possono variare da un minimo di 1000 Watt fino ad un massimo di 1600 Watt.

Le velocità variano, a seconda della grandezza del modello, da circa 6.000 rpm fino a 16.000 rpm, con un mandrino a pinza intercambiabile per mole o utensili con codoli da 6, 8 o anche 10 mm di diametro.

Questi tipi sono utilizzati principalmente per la sbavatura manuale di fusioni in ghisa o acciaio, oppure per la sbavatura nelle opere di carpenteria.

Sempre della famiglia delle smerigliatrici dritte si possono considerare anche quegli utensili che hanno velocità molto più basse dei 7’000 giri al minuto e sono utilizzati prevalentemente con altri utensili di lucidatura, che montano mole a lamelle, anelli abrasivi o dischi in tela o feltro.

Smerigliatrice dritta a cavo o batteria?

Questi utensili possono essere alimentati:

  • elettricamente con filo per il collegamento alla presa di corrente. Tali modelli garantiscono l’assoluta continuità di lavoro, ma sono limitati negli spostamenti
  • con batteria ricaricabile, che ne fanno un versatile strumento portatile. Lavora senza cavo e per questo è molto utile in caso di ristrutturazione di ambienti dove non c’è energia elettrica o per lavorare in aree diverse. Non potrà lavorare in modo continuativo ma con il semplice accorgimento di dotarsi di una batteria secondaria di riserva si può ovviare a questo inconveniente.
  • pneumaticamente, con l’utilizzo di aria compressa per consentire la rotazione ad alta velocità. Le smerigliatrici di questo tipo offrono gli stessi vantaggi di quella con batteria ricaricabile ma non garantiscono le stesse prestazioni dei due modelli elettrici. La loro forza è dettata dall’aria compressa, ma per per ricaricare tali strumenti è necessario un apposito compressore d’aria. La scelta di una smerigliatrice ad aria compressa si basa principalmente sul livello di erogazione dell’aria (indicato in bar). Più alto sarà questo parametro, maggiore sarà l’aria erogata e questo parametro influisce sul tipo di lavoro che si andrà a svolgere.




Lascia un commento