I 7 Migliori Etilometri Digitali Portatili: Sei Sicuro di Poter Guidare?

Di questi tempi non si può più rischiare di bere un goccio di troppo e mettersi alla guida. I limiti per legge sono talmente bassi che basta poco per cadere in infrazione se si viene fermati per un controllo.

Per questo avrei deciso di acquistare un etilometro digitale portatile, da tenere in macchina per misurare il tasso alcolico dopo una serata tra amici.

So che ci sono sia etilometri da viaggio monouso che funzionano tramite una reazione chimica, sia strumenti professionali e semiprofessionali di tipo elettronico.

Ma sono prove realmente funzionanti e in linea con i rilevamenti della Polstrada? C’è da fidarsi?




Qual è il miglior etilometro digitale portatile?

Il miglior etilometro digitale portatile può essere di due tipi: con sensoremiglior-etilometro-digitale-portatile semiconduttore o con sensore a celle di combustibile elettrochimico. Ne esistono anche a infrarossi ma hanno un impiego professionale con prezzi poco accessibili, dato che questi sono generalmente omologati per le forze dell’ordine.

Questi apparecchi attraverso l’analisi dell’aria alveolare espirata, consentono di misurare la concentrazione dell’alcol nel sangue: i sensori rilevano il valore dell’etanolo.

Sul mercato sono presenti numerosi modelli dal costo anche molto diverso, i più performanti devono avere una tolleranza non superiore a +/- 10%.

Le dimensioni possono fare la differenza. Ci sono anche modelli tipo portachiavi da tenere sempre con sé, per effettuare il test in qualsiasi momento. Questi funzionano con batterie sostituibili o ricaricabili. Di base tutti hanno uno schermo LCD per impostare funzioni e visualizzare il risultato.

Alcuni apparecchi sono monouso a basso prezzo e senza ugelli.

Nella vendite online si trovano prodotti a prezzi più economici e si possono leggere commenti di altri utenti.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori etilometri digitali portatili:

1. AlcoDigital Etilometro Digitale Portatile

Il migliore per: elevata precisione

Il dispositivo assicura una gestione avanzata, precisa e comoda del test. È progettato con un sensore sostituibile pre-calibrato (Intelligent Sensor module) che può essere modificata dall’utente. La sostituzione del sensore è semplice: basta rimuovere il coperchio superiore, rimuovere il vecchio sensore di pressione e inserirne uno nuovo.

È calibrato in mg/l. Viene fornito completo di custodia rigida e di caricabatteria da auto da 12 V. Ha l’approvazioni dal dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti, Food and drug administration, è certificata Australian standard e ha la certificazione CE e RoHS.

  • Gestione avanzata
  • Comodo
  • Accessoriato

2. Alcoscan Etilometro digitale AL 7000 Lite

Il migliore per: non richiede calibrazione

Dal design curato e di semplice utilizzo, non necessita di calibrazione grazie alla semplice sostituzione del sensore, rendendo l’etilometro sempre affidabile nel tempo. L’etilometro è fornito di istruzioni in italiano ed è coperto da garanzia di 24 mesi.

I dati tecnici dell’apparecchiatura includono: unità di misura g/l – BrAC – BAC, sensore a semiconduttore specifico (sostituibile), 5 boccagli specifici monouso igienici sigillati, range di misura 0.000 – 4.000 (g/l), precisione +/- 0.010% bac a 0.050% bac.

È progettato con un display lcd retroilluminato a 4 cifre. Pesa 103 grammi incluse le batterie ed è alimentato da 2 pile 1,5V AA Alcaline, incluse nella confezione.

  • Design
  • Boccagli monouso in dotazione
  • Display retroilluminato
  • 1. Alcovisor Mars BT Etilometro professionale

3. Alcolino Etilometro

Il migliore per: bluetooth

Utilizza i più avanzati sensori elettrochimici di classe II, con un margine di errore a ± 5%. Di semplice utilizzo e dal design accattivante, l’etilometro ha finiture in alluminio colorato.

Si può collegare allo smartphone grazie alla tecnologia bluetooth e sfrutta una app dedicata che consente di avere lo storico dei test e le tempistiche di smaltimento dell’alcol. Le batterie al litio incorporate garantiscono una maggiore durata e semplicità di carica.

Completano le caratteristiche il sensore pressione aria e temperatura e l’allarme sonoro e visivo. È disponibile in tre colorazioni: celeste, nero e bianco.

  • Preciso
  • Digitale
  • Autonomia

4. AlcoSafe KX6000S4

Il migliore per: semplicità di utilizzo

Si fa apprezzare per la qualità di lavorazione e la precisione delle rilevazioni. Lavora a base di microprocessori, con cella di misura di nuovo generazione.

L’utilizzo della nuova tecnologia Evttm e del sistema Decttm garantisce i risultati precisi e ripetitivi, in particolare per le gamme base delle misure. I risultati vengono visualizzati sul display lcd. Il sistema autocontrol verifica l’esattezza dei dati prima e dopo ogni misurazione.

In caso della prova incorretta oppure di danneggiamento del dispositivo, compare sullo schermo l’info dell’errore. Vengono memorizzate le ultime 64 rilevazioni. Ha un termometro integrato e si disattiva automaticamente dopo 15 secondi di non utilizzo.

  • Preciso
  • Display lcd
  • Risparmio energetico

5. Alcolino KX2500 Etilometro digitale portatile

Il migliore per: beccuccio a scomparsa

Si può utilizzare con o senza boccaglio tramite il pratico beccuccio a scomparsa. Il display retroilluminato di color arancio offre una chiara visibilità dei dati rilevati anche di notte e il risultato è a un solo decimale (ad esempio 0,5 g/l).

È dotato di un sensore a semiconduttore specifico per alcol di classe I, con margine di errore a ± 10%.

Lo strumento unisce design e precisione e si fa apprezzare per un buon rapporto qualità e prezzo. Offre una funzione di allarme sonoro e visivo.

  • Retroilluminato
  • Semplice impiego
  • Design

6. Oasser T1 Etilometro Digitale Alcool Tester Portatile

Il migliore per: ultracompatto

Grazie alla sua tecnologia avanzata con sensore semiconduttore, consente di misurare rapidamente il contenuto di alcol nel corpo. Ha una funzione di allarme intelligente: quando il tasso alcolico è superiore allo 0,08%, lo schermo lcd si illumina di rosso ed emette un segnale acustico continuo per avvisare chi sta per mettersi alla guida.

Tutte le operazioni vengono effettuate utilizzando un solo tasto, all’insegna della massima semplicità, con la possibilità di cambiare tre tipi di valore (%BAC, ‰BAC, mg/l).

Ha un design ultracompatto (il dispositivo misura 11,5 x 6 x 2 cm). Viene fornito con 4 boccagli per consentire un utilizzo multiutente igienico e funzionale.

  • Rapido
  • Igienico
  • Semplice

7. Etilometro portatile con sensore VicTsing GECA002BB-vit

Il migliore per: massima igiene

Viene fornito completo di 20 bocchini, per consentire di estendere il test a tutta la famiglia e agli amici con la massima garanzia di igiene.

Lo strumento può essere utilizzato comodamente anche durante la notte, grazie al suo grande schermo lcd digitale con sfondo blu. È progettato con un sensore semiconduttore sensibile, che permette di ottenere il risultato del test entro 5 cinque secondi.

Quando la rilevazione eccede il limite consentito, l’apparecchio invia un allarme sonoro e visivo. Ha una struttura compatta, robusta e semplice da pulire. È alimentato da 3 batterie AAA, con l’indicatore di bassa potenza. Ha una funzione automatica di spegnimento per ottimizzare il consumo di energia.

  • Rapido
  • Leggero
  • Semplice manutenzione




Cos’è un etilometro?

Bere e guidare è da irresponsabili e decisamente pericoloso. Se hai bevuto molto alcol e ti siedi al volante, metti a repentaglio la tua vita e quella di tutti gli altri utenti della strada. Gli automobilisti responsabili si accertano di essere al di sotto del limite legale prima di guidare. Ora puoi farlo usando il tuo alcol tester personale.

Questi pratici piccoli gadget utilizzano una tecnologia all’avanguardia per testare la quantità di alcol nel fiato e questo è in correlazione con il livello di alcol presente nel sangue. Ciò significa che puoi stare dalla parte giusta della legge ed evitare multe salate e giorni di prigione.

Un etilometro per auto è uno strumento utilizzato per misurare efficacemente il livello di alcol nel sangue (BAC) di un utente, attraverso la respirazione. Questi dispositivi vengono usati dalle forze dell’ordine nel caso in cui ci sia un sospetto di guida in stato di ebbrezza.

Cosa cercare quando si acquista un etilometro personale?

Ci sono un certo numero di aspetti a cui prestare attenzione quando si sceglie un etilometro digitale personale.

Tecnologia

La maggior parte degli alcool tester utilizza celle a combustibile, una tecnologia che consente di ottenere un livello di accuratezza molto elevato. Nel caso di modelli a semiconduttori è importante accertarsi della loro affidabilità, leggendo ad esempio le recensioni degli utenti che trovi nel web.

Calibrazione

Devono essere calibrati? Sì, la maggior parte dei tester digitali devono essere calibrati in laboratorio almeno una volta all’anno per rimanere precisi. Se si utilizza il proprio etilometro più di una volta al giorno o meno di una volta ogni tre mesi, è più probabile che sia necessaria una calibrazione frequente.

Mentre la maggior parte degli etilometro ha bisogno di calibrazione, l’invio dell’etilometro per la calibrazione può essere una seccatura per le persone che usano un etilometro solo per uso personale, dal momento che non hai la possibilità di utilizzarlo ogni volta che lo mandi in laboratorio. Prima di scegliere un etilometro, assicurati di controllare quanto spesso deve essere inviato per la calibrazione.

Puoi aggirare questo ostacolo scegliendo un dispositivo che ha una cella rimovibile. Basta ordinarne un’altra e cambiarla ogni volta che ne hai la necessità. Tutte le unità sono pronte per la calibrazione e pronte all’uso.

Display

Come vengono visualizzati i risultati? La maggior parte dei dispositivi è dotato di uno schermo lcd a quattro cifre. Di solito hanno schermi led retroilluminati di semplice lettura. È importante scegliere un dispositivo che dia risultati rapidi e che consenta di visualizzarli chiaramente.

I migliori etilometri danno un risultato in 10-15 secondi e hanno una funzione di allarme: quando hanno terminato emettono un segnale acustico continuo.

Dimensioni

Uno degli aspetti più interessanti di questi dispositivi è che sono portatili. Devi essere in grado di portarlo comodamente in tasca o nella borsa in modo da poterlo portare con te ogni volta che trascorri una serata fuori casa. È molto pratico se il boccaglio si piega e se la struttura è robusta.

Sarebbe bene cercare un dispositivo con 4 boccagli di tip monouso o anche più in modo da poter condividere l’apparecchio con i tuoi amici nella massima igiene, senza il rischio di trasmettere germi.

Compatibilità con lo smartphone

Potrebbe piacerti l’idea di usare il tuo dispositivo con uno smartphone e con stampante. Tutto quello che devi fare è scaricare un’app e i risultati verranno visualizzati sul tuo telefono. Spesso vengono registrate anche le ultime 10 letture.

Tempo zero

Molti dispositivi ti forniranno una stima di quanto tempo ci vorrà prima che i livelli di alcol nel sangue tornino a zero. Tuttavia, dovresti sempre provare di nuovo per essere sicuro.

Precisione

Nessun etilometro è perfettamente preciso, ma alcuni apparecchi sono molto vicini a determinare l’esatto tasso alcolico. Altri, invece, forniscono solo delle stime. Se hai la necessità di ottenere delle letture accurate, scegli un etilometro con un margine di errore vicino a ± 0,001, che è il margine massimo consentito per l’etilometro in dotazione alle forze dell’ordine.

Attenzione, tuttavia, ai modelli che garantiscono una precisione perfetta. Sfortunatamente, non esistono letture di etilometro tali. Se stai cercando un buon modo per tenere d’occhio il tuo consumo, ma non hai bisogno di letture precise, gli etilometro meno accurati sono molto meno costosi.

In generale, gli etilometri con tecnologia a celle a combustibile, piuttosto che la tecnologia dei semiconduttori, sono più accurati.

Standard normativi

Secondo quanto previsto dalla normativa del Codice della Strada (Regolamento Art. 186), “Gli etilometri devono rispondere ai requisiti stabiliti con disciplinare tecnico approvato con decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione di concerto con il Ministro della sanità.

La Direzione generale della M.C.T.C. provvede all’omologazione del tipo degli etilometri che, sulla base delle verifiche e prove effettuate dal Centro Superiore Ricerche e Prove Autoveicoli e Dispositivi (CSRPAD), rispondono ai requisiti prescritti. In caso di esito negativo delle verifiche e prove, l’etilometro è ritirato dall’uso”.

Fascia di prezzo

Dall’etilometro a forma di portachiavi agli eleganti dispositivi realizzati in linea con le più severe normative, questi dispositivi sono disponibili in tutte le fasce di prezzo e in tutte le dimensioni. I modelli più economici costano crca 25 euro anche se i produttori di solito non garantiscono letture completamente accurate per questi dispositivi di basso prezzo.

Gli etilometri per calcolo tasso alcolemico di media qualità forniscono letture più accurate ma, in genere, richiedono un investimento ben maggiore, indicativamente tra i 50 e i 120 euro. Per un valore compreso tra i 130 e i 250 euro è possibile acquistare un etilometro di livello professionale come quello utilizzato dalle forze dell’ordine per determinare il tasso alcolico.

Come abbiamo già accennato, la maggior parte degli etilometri deve essere calibrata almeno una volta all’anno, un’operazione da effettuare presso un laboratorio specializzato e che ha un costo di circa 20-25 euro. Gli etilometri che non necessitano di calibrazione rientrano solitamente nell’intervallo di prezzo compreso tra i 130 e i 250 euro.

Perché acquistare un etilometro?

Guidare sotto l’effetto dell’alcol è un grave reato in Italia ed è una cosa da veri irresponsabili. Quando bevi e guidi, stai mettendo a rischio la tua vita e quella degli altri.

Un dispositivo che rivela il tasso di alcolico nel sangue attraverso l’alito è molto utile da portare con sé, soprattutto se si ama trascorrere le serate fuori con gli amici. Ecco alcuni dei principali motivi per cui si sceglie di acquistarne uno.

Salvano vite

Il numero di vittime provocate da una guida irresponsabile sotto l’effetto dell’acol è allarmante: secondo i dati OMS, ogni anno sono più di 3 milioni nel mondo. Questi dispositivi possono salvare vite.

Ti evitano le multe

L’ammenda media per la guida in stato di ebbrezza va da 527 a 6000 euro in base al livello alcolemico. Ciò causerà una grave ammaccatura nel budget di chiunque. Potresti anche finire in prigione.

Ti dicono quando sei sobrio

Se ti sei lasciato notevolmente andare in una sera di baldoria, potresti essere ancora oltre il limite a distanza di tempo, anche il giorno dopo aver bevuto molto alcol. Questi dispositivi ti dicono esattamente quando è sicuro mettersi nuovamente al volante.

Evitano rischiose supposizioni

Senza un etilometro per calcolo tasso alcolemico, nessuno può dire con certezza se ha superato il limite massimo previsto per legge. Potresti sentirti a posto, ma il tuo giudizio è compromesso dopo aver bevuto.
Sono particolarmente accurati

Potresti pensare di guidare bene perché hai consumato meno del limite legale ma il corpo di ognuno è diverso. La tua età, il peso, la tua costituzione fisica… sono tutti fattori che influenzano i livelli di alcol del sangue. Una persona potrebbe superare il limite dopo una birra, ma chi è seduto accanto magari no. Questi dispositivi ti forniscono informazioni accurate.

Informano la tua decisione

Attualmente in Italia è previsto un limite tasso di alcolemia di 0,5 g/litro. Tuttavia, potresti preferire evitare di guidare a un livello molto più basso. Questa è una decisione morale e questi dispositivi ti forniscono risultati accurati per consentirti di prendere questa decisione.

Tipi di etilometro

Nel corso degli anni, l’etilometro per il calcolo tasso alcolemico è stato al centro di costanti miglioramenti tecnologici volti a rendere l’apparecchio sempre più preciso, versatile e compatto. In commercio puoi trovare oggi tre tipi principali.

Etilometro con sensore elettrochimico

Questi dispositivi utilizzano una corrente elettrica per rilevare i livelli di alcol in un campione di respiro. Ci sono due elettrodi con la cella. Uno è fatto di oro e platino ed è qui che l’alcol nel campione viene ossidato in acido acetico. Più alcool c’è, più elettroni saranno prodotti da questa reazione. A sua volta, più elettroni ci sono, maggiore è la corrente elettrica che fluirà verso l’altro elettrodo.

La dimensione della corrente elettrica viene visualizzata su un quadrante o su un display digitale. Le celle a combustibile sono molto piccole e richiedono poca energia per farle funzionare. Pertanto, sono particolarmente adatte ai dispositivi portatili personali. Un altro vantaggio è che il risultato non viene influenzato da contaminanti come l’acetone (un problema per i diabetici), il monossido di carbonio o il toluene. Durano anche per circa cinque anni.

Lo svantaggio è che sono costosi e non sono in grado di rilevare se il respiro che è stato testato proviene dal profondo dei polmoni. È possibile che si ottenga un falso positivo se si è bevuto alcool da poco tempo e l’alcol campione è quindi estratto dalla saliva e non dal sangue.

Etilometro con sensore a infrarossi

Si tratta essenzialmente di uno spettrometro a infrarossi. È progettato per identificare le sostanze chimiche all’interno di un campione d’aria misurando il modo in cui le molecole assorbono la luce infrarossa.
È noto che le molecole di etanolo (alcol) assorbono una certa lunghezza d’onda della radiazione infrarossa. Maggiore è l’assorbimento di tale lunghezza d’onda, maggiore è l’alcol nel campione.

Quindi una fotocellula produce un impulso elettrico che varia in base a quanta parte della lunghezza d’onda dell’infrarosso è stata assorbita. Un microprocessore corrisponde all’impulso elettrico con livello BAC e fornisce una lettura.

Questo tipo di alcol test è l’etilometro più preciso e affidabile e non si confonderà con l’alcol presente in bocca. Poiché sono così precisi, vengono utilizzati in casi giudiziari e funzionano per molti anni, a patto che siano calibrati. Lo svantaggio è che sono grandi e non portatili.

Alcuni etilometri utilizzati dalle forze dell’ordine nelle loro basi sono sia con sensore a infrarossi che con sensore elettrochimico per garantire una precisione totale.

Etilometro con sensore a semiconduttore

Come suggerisce il nome, questi etilometri hanno un semiconduttore al loro interno che produce una piccola corrente elettrica. Quando l’alcol raggiunge il semiconduttore, altera la resistività e cambia la corrente. Più grande è il cambiamento, più alcol c’è nel campione.

I risultati possono essere variabili e sono sensibili al clima, all’altitudine e al fumo di sigaretta, per citarne alcuni. Tra i lati positivi, sono economici e sono stati ampiamente utilizzati come etilometro per alcol test personale.

Come funziona l’etilometro?

Quando bevi alcol (etanolo) entra nel tuo flusso sanguigno. Mentre espiri, una piccola quantità lascia il tuo flusso sanguigno, entra nell’aria contenuta nei polmoni e lascia il corpo attraverso il tuo respiro. Più alcol hai nel sangue, più etanolo ci sarà nel tuo respiro.

L’etilometro utilizzato per rilevare il livello di alcol si avvale di un tipo di spettrometro che assorbe la radiazione infrarossa a diverse lunghezze d’onda. L’alcol ha una particolare struttura a infrarossi che può essere rilevata. Tuttavia, i moderni etilometri si basano su un processo elettrochimico. L’elettrodo ossida l’alcol e crea una corrente elettrica tra due elettrodi.

Maggiore è la corrente, maggiore è la concentrazione di alcol. La concentrazione di alcol viene solitamente visualizzata su un display.

5 domande frequenti sugli etilometri

Qui di seguito puoi trovare i dubbi che molti potenziali acquirenti hanno al momento della scelta, seguiti dalle relative risposte.

1. Quanto è accurato l’etilometro?

Questo dipende dal tipo di etilometro per alcol test portatile che acquisti. I tipi di semiconduttori sono generalmente considerati poco più di un gadget, mentre quelli a celle a combustibile sono estremamente accurati purché siano calibrati correttamente.

Se acquisti un dispositivo approvato da tutte le forze dell’ordine, puoi essere certo che ti darà un risultato accurato.

2. Come si usa il mio misuratore di alcol?

Le istruzioni complete saranno sempre fornite con l’etilometro. Attendere almeno 20 minuti dopo aver mangiato o bevuto qualcosa prima di effettuare il test. Non usare collutori a base di alcol in quel momento ed evita test in presenza di vento forte o spazi chiusi. Non soffiare mai fumo nel boccaglio, poiché danneggerà il sensore.

Di solito è richiesto di fissare un bocchino all’etilometro portatile per alcol test, premere e rilasciare un pulsante e quando l’unità è pronta, di soffiare nel boccaglio. La maggior parte dei dispositivi richiede circa quattro secondi per raccogliere aria sufficiente. Potrebbero indicarlo con un suono. Entro pochi secondi, avrai una lettura del risultato su uno schermo.

3. Posso imbrogliare un etilometro?

La risposta è semplice: non provare mai a farlo perché è pericoloso. Ci sono state varie dicerie a questo proposito, nel corso degli anni. Secondo alcuni puoi imbrogliare un etilometro bevendo caffè o mettendo una moneta sotto la tua lingua.

Ma tutto questo è falso. C’è del vero nell’idea che l’iperventilazione prima del test può, ma non è consigliabile.

4. Con quale frequenza devo calibrare il mio etilometro?

Tutti gli etilometri per effettuare l‘alcol test vengono forniti calibrati e pronti all’uso. Il produttore darà istruzioni su quanto spesso dovrebbero essere calibrati e di solito devi mandare l’unità in un laboratorio per poterlo fare. È molto importante assicurarsi che il dispositivo sia calibrato correttamente per garantire la precisione. La maggior parte deve essere calibrata una volta ogni 12 mesi o più spesso se viene utilizzata molto frequentemente.

Alcuni modelli non devono più essere calibrati. Invece, è possibile ordinare un’altra unità precalibrata per adattarla al dispositivo. Il vantaggio è che non devi fare a meno del dispositivo mentre viene spedito in laboratorio.

5. Chi ha inventato l’etilometro?

Il problema del tasso alcolico contenuto nel sangue ha iniziato a porsi nei primi anni del 1900, con l’avvio della produzione su larga scala dei veicoli. New York è stata la prima città a introdurre leggi sulla guida in stato di ebbrezza, ma misurare il livello di alcol assunto da una persona era difficile.

Tutto quello che poteva fare la polizia era formulare un’ipotesi basata su alcuni aspetti, come gli occhi iniettati di sangue, l’odore di alcol nel respiro e verificare se il guidatore era in grado di camminare in linea retta. Nel 1927, uno scienziato di nome Emil Bogen iniziò alcune ricerche per rilevare i livelli di alcol nell’aria.

Ciò ha costituito le basi del test di concentrazione dell’alcool respiro (BrAC) e l’ha collegato alla concentrazione di alcol nel sangue (BAC). Nel 1938, il professor Rolla Harger dell’Università dell’Indiana ha inventato un prototipo dell’etilometro chiamato “drunk-o-meter”.

Nel 1954 un altro scienziato, Robert Borkenstein, ha utilizzato i risultati di questo primo lavoro per realizzare un etilometro portatile. Il suo design di base è stato gradualmente migliorato nel corso degli anni fino a raggiungere il livello tecnologico all’avanguardia degli etilometri per l’alcol test che troviamo oggi sul mercato.

Conclusioni

Se sei un tipo da bar, che ama trascorrere le serate fuori con gli amici, un etilometro ti potrà risultare estremamente utile. Quanti bicchieri bevi quando sei nei locali pubblici? Ha volte è proprio quel bicchiere di vino in più che ti fa innalzare il tasso alcolico. Per non parlare dei gradi vodka, dei campari della tequila

Prima di metterti al volante, non devi far altro che soffiare nel dispositivo e attendere qualche secondo. In caso di risultato positivo, è importante aspettare che il tasso alcolico sia tornato alla normalità. Non solo non correrai il rischio di prendere una multa ma, soprattutto, non metterai a repentaglio la tua vita e quella degli altri.

Lascia un commento