I 5 Migliori Crick Idraulici a Bottiglia: Potenti, Compatti, Economici

I cric per sollevare l’auto in caso di foratura sono una rarità nelle auto di nuova immatricolazione. Le aziende costruttrici sono tendenzialmente orientate a ottimizzare il peso complessivo del veicolo per abbassare i consumi.

E se si buca mentre si è in viaggio? Ecco che viene in aiuto il miglior crick a bottiglia.

Del resto, la stessa ruota di scorta sovente non è più tra gli accessori auto in dotazione e al suo posto si trova un kit di emergenza per le forature. Con questo, si può chiudere temporaneamente un foro abbastanza piccolo per riuscire in un modo o nell’altro di arrivare a casa.

Una volta nel box, si procede poi a sostituire la gomma forata con quella di scorta che avrai a disposizione e usare il crick sollevatore idraulico a carrello che hai acquistato per risolvere questo tipo di emergenza.



Qual è il miglior cric idraulico a bottiglia?

Prima di procedere all’acquisto di un crik idraulico a bottiglia è molto importante focalizzare l’attenzione sull’uso che se ne intende fare. Solo così, infatti, si ha la garanzia che il dispositivo sia il più adatto a soddisfare le specifiche esigenze di impiego.

I test e i confronti degli utenti che pubblicano le loro opinioni online offrono degli spunto interessanti per orientarsi al modello giusto. E anche se lo strumento di marca è sempre una garanzia, nella vendita online si può trovare anche un buon cric idraulico a bottiglia che si fa apprezzare per la sua qualità.

 

Intec 410600 Sollevatore Idraulico a Bottiglia da 6 ton

Il migliore per: elevata portata

Questo modello di sollevatore idraulico a bottiglia è progettato con regolazione a vite da 60 millimetri. Ha una portata di 6 tonnellate.

Offre un’altezza minima di 197 millimetri e un’altezza massima di 382 millimetri. La corsa idraulica è di 125 millimetri. È progettato per sollevare ogni tipo di vettura, inclusi i fuoristrada. Molto compatto, trova posto anche nei gavoni dei camper e dei caravan.

La valvola di sicurezza impedisce un eventuale sovraccarico, e i trattamenti termici di alta qualità garantiscono un utilizzo di tipo professionale costante nel tempo.

  • Compatto
  • Solleva ogni vettura
  • Valvola di sicurezza

 

Cora 000127312 Crick Idraulico a Bottiglia

Il migliore per: dimensioni compatte

Questo modello ha una portata massima di 20 quintali. La sua altezza minima di sollevamento è di 15,8 centimetri, mentre la sua altezza massima è pari a 32 centimetri.

Da chiuso si rivela particolarmente piccolo, si può quindi posizionare agevolmente sotto l’auto.

Leggero e maneggevole, questo modello è certificato Tüv-Gs.

  • Piccolo
  • Pratico
  • Leggero

 

Bes Sollevatore Idraulico a Pressione Martinetto

Il migliore per: versatilità

È un cric auto robusto, con una capacità di carico di 6 tonnellate. La sua altezza massima di sollevamento è pari a 32,5 centimetri, con la possibilità di raggiungere i 38 centimetri agendo sulla vite di regolazione posta in testa al pistone.

Una volta ripiegato, ha un’altezza di 19,5 centimetri e può essere agilmente posto sotto la vettura.

Occupa poco spazio e si ripone con facilità in ogni angolo del garage.

  • Compatto
  • Robusto
  • Grande portata

 

Silverline 245113

Il migliore per: maneggevolezza

È un cric idraulico pratico e maneggevole, che pesa 3,1 chilogrammi e si fa apprezzare per le sue di dimensioni compatte (108 x 103 x 180 millimetri).

Ha una capacità massima nominale di 4 tonnellate. La sua altezza minima è di 195 millimetri, mentre quella massima è di 380 millimetri.

In dotazione viene fornita una sella di sollevamento a vite regolabile e una custodia per il trasporto.

  • Praticità
  • Robustezza
  • Accessoriato

 

Einhelll BTHJ 5000

Il migliore per: stabilità

È dotato di valvola di sicurezza contro il sovraccarico. Ha una struttura stabile e compatta, che si presta a un’ampia gamma di utilizzi di tipo hobbistico e semi-professionali.

Offre una portata di 5 tonnellate. L’altezza minima è pari a 216 millimetri, mentre quella massima raggiunge i 413 millimetri.

La regolazione del pistone è pari a 70 millimetri. Le dimensioni del dispositivo sono di 125 x 225 x 110 millimetri.

  • Sicurezza
  • Buona portata
  • Compatto 

Opinioni sul crick idraulico a bottiglia?

Quando si deve sollevare un veicolo per effettuare un intervento di riparazione o manutenzione, i crick a bottiglia spiccano come un’alternativa economica e salvaspazio rispetto ad un qualunque altro tipo di utensile di questo tipo.

Questo attrezzo di chiama così perché i primi esemplari che sono stati introdotti sul mercato avevano proprio una forma a bottiglia.

Oggi questi dispositivi sono sostanzialmente simili, anche se hanno assunto prevalentemente una forma cilindrica.

Com’è fatto un crick idraulico a bottiglia?

La sua struttura si compone di un pistone e di un circuito idraulico a olio contenuto in un’intercapedine. Il fluido, attraverso una valvola, viene pompato a pressione in un secondo cilindro che muove il pistone. Vi sono specifici modelli a doppio pistone che consentono di raggiungere l’altezza desiderata più rapidamente rispetto a quelli dotati di un solo pistone.

Una volta posizionato sotto la vettura, nei punti di sollevamento indicati nel manuale d’uso e manutenzione dell’auto, si sblocca la valvola che libera il pistone. Inserendo il gruppo impugnatura direttamente all’interno dell’albero della pompa si inizia il pompaggio del liquido idraulico avanti e indietro.

La valvola di non ritorno fa sì che il liquido non torni indietro e perda pressione, spingendo il pistone verso l’alto.

Una volta terminata l’operazione di manutenzione, si provvede a girare lentamente la valvola in senso antiorario per abbassare la presa del cric. Se si dovesse aprire la valvola di colpo, il pistone potrebbe scendere in modo troppo rapido e causare infortuni o altri imprevisti.

Una precauzione importante: la valvola va rilasciata solo quando si è ai lati dell’auto.

Ingombro del crick idraulico a bottiglia?

Il cric a bottiglia ha anche una piccola base che consente di utilizzarlo in un’ampia varietà di situazioni. E nonostante le sue piccole dimensioni si rivela un dispositivo decisamente potente: può sollevare da 4 tonnellate in su.

Ecco perché può essere comodamente trasportato nel bagagliaio dell’auto, sempre a disposizione in caso di emergenza.

Come scegliere il cric idraulico a bottiglia?

Quello che devi valutare sono le caratteristiche in alzata del pistone e l’altezza minima da terra. Questi dati sono di fondamentale importanza.

Il primo ti consente di valutare se l’utensile è in grado di alzare il veicolo quel tanto che basta per sollevare la ruota da terra. Il secondo, ti fa capire se il cric è sufficientemente basso da poter essere infilato sotto il veicolo da elevare.

Perché se da un lato questo tipo di cric ha alcuni vantaggi, tuttavia dall’altro potrebbe avere dei limiti e non essere adatto alla tua vettura.

Consigli sul cric idraulico a bottiglia?

Quando si decide l’acquisto di un nuovo cric per auto come quello a bottiglia, magari per sostituire altri modelli che non soddisfano pienamente (quelli dati dalle case automobilistiche sono spesso leggeri), bisogna quindi valutare bene le altezze da terra della nostra vettura dato che il martinetto potrebbe non passare sotto.

Se il cric a bottiglia è compatto e facile da trasportare, è tuttavia il meno pratico da sistemare sotto i punti di sollevamento del veicolo, perché ha bisogno di molto spazio per scivolare sotto l’auto. E alzandosi di circa 12 centimetri (poi dipende dai modelli), non sempre riesce a staccare la ruota da terra prima che il pistone arrivi a fine corsa.

La prima cosa in assoluto che devi verificare è quindi se l’altezza minima di sollevamento è conforme al tuo veicolo.

Il cric idraulico a bottiglia si rivela indicato anche per sollevare camion e camper: perciò è buona cosa assicurarsi che la sua capacità di sollevamento sia almeno doppia rispetto al peso del veicolo. Meglio spendere un po’ di più per acquistare un cric più solido.

Sicurezza del cric idraulico a bottiglia?

Un altro aspetto più legato alla sicurezza riguarda la superficie d’appoggio. Essendo ridotta, tende a rende vacillante il sollevamento dell’auto nel caso in cui la strada non sia perfettamente in piano e solida, in modo da assicurare la sufficiente stabilità.

Ideale per sostituire una gomma perché si lavora di lato all’automobile, è poco idoneo nel caso di interventi sotto la scocca, come ad esempio il cambio dell’olio. Per questi scopi si consiglia di utilizzare uno o due cric per alzare il veicolo e farlo appoggiare su due coppie di cavalletti per auto.

Può essere infatti molto pericolo lavorare sotto una vettura sollevata da un qualunque martinetto idraulico, perché il dispositivo potrebbe anche debolmente perdere la pressione e abbassarsi senza controllo.

È bene assicurarsi sempre che il nostro cric a bottiglia sia sottoposto di tanto in tanto a verifica sulle tenute. Analogamente a tutti i prodotti in ferro e acciaio, le prese sono inclini a ruggine, perciò è buona cosa manutenere ordinariamente il proprio accessorio riverniciandolo e controllando i rivestimenti.




Lascia un commento