Dieta diverticolite

I diverticoli sono rigonfiamenti benigni che si formano nell’intestino crasso. Sono comuni soprattutto dopo i 40 anni e raramente causano problemi. In genere la maggior parte delle persone con diverticoli non se ne accorge neanche.

A volte però uno o più rigonfiamenti nella parete intestinale si infiammano, dando origine alla diverticolite.

Questo disturbo può provocare uno stato di malessere generale: dolori addominali, febbre, nausea, aumento della pressione e un marcato cambiamento delle abitudini intestinali.

In questi casi è importante scegliere la dieta diverticolite giusta, per aiutare il corpo a far regredire la fase infiammatoria.

Solo in rari casi vengono prescritte cure farmacologiche.

Dieta diverticolite

In linea di principio, se i fastidi sono lievi puoi continuare a mangiare come d’abitudine.

Ma se i diverticoli sono gravemente infiammati, può essere saggio dare all’intestino un po’ di riposo e prediligere una dieta liquida per prevenire ulteriore infiammazione o complicazioni.

Solitamente dopo pochi giorni il cibo liquido può essere sostituito con un alimento facilmente digeribile.

E la dieta può essere gradualmente ampliata fino a ritornare alla normalità quando i sintomi diverticoli spariscono.

Qui di seguito ti presentiamo dieta diverticolite:

Cibi da evitare con la diverticolite

Cibi-da-evitare-con-la-diverticolite

Con un colon irritabile e un intestino infiammato in presenza di diverticolite, il gonfiore può causare un restringimento dell’intestino. In tal caso, il medico può raccomandare un’alimentazione diverticoli liquida.

Quindi molti si chiedono: in caso di diverticolite cosa mangiare?

In genere si limita l’assunzione di alimenti che possono contribuire ad acutizzare i disturbi, ma è importante che la dieta sia il più possibile bilanciata per evitare carenze. Alcuni cibi possono anche causare stitichezza

Il regime da seguire può variare da persona a persona, perché non tutti i prodotti sono tollerati allo stesso modo.

È comunque meglio evitare i seguenti cibi.

  • Cibi con alto contenuto di FODMAP

Sai cosa di che alimenti si tratta?

FODMAP è l’acronimo di Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides (lattosio), Monosaccharides (fruttosio) e Polyols (alcool di zucchero).

Si tratta di alcuni tipi di carboidrati che possono essere assorbiti con difficoltà dall’intestino tenue.

Di conseguenza, finiscono non digeriti nell’intestino crasso, dove vengono immediatamente scomposti dai batteri intestinali.

Questo provoca gas, che può portare a disturbi intestinali, come gonfiore, flatulenza e dolore addominale.

I prodotti che dovresti evitare includono:

  • pane, cereali e pasta di frumento
  • fagioli borlotti e piselli
  • quasi tutta la frutta secca
  • albicocche, banane mature, ciliegie, pere, pesche, prugne, anguria
  • cavolfiore, mais, asparagi, broccoli, cavoletti di bruxelles, aglio e cipolla
  • latte e yogurt soprattutto di origine animale

Per quanto riguarda quest’ultima voce, tieni presente che il lattosio non è completamente bandito, si raccomanda solamente di consumarne in piccole quantità.

  • Carne e salumi

In linea di principio, tutti i tipi di carne, pesce e uova sono ammessi nella dieta per la malattia diverticolare. Fai solo attenzione a consumarli con moderazione.

Cerca comunque di evitare cibi impanati, fritti o marinati con cipolla e aglio, oltre al tofu.

  • Cibi con elevato contenuto di zucchero

Sarebbe bene astenersi dal bere bibite analcoliche, soprattutto quelle gassate, insieme ad alimenti ad alto contenuto di zucchero (leggi sempre l’etichetta degli ingredienti).

È sconsigliato anche un consumo eccessivo di alcol.

Sono da evitare i cibi ricchi di fibre?

cibi-ricchi-di-fibre

Come già accennato, in presenza di diverticoli si consiglia di iniziare con una dieta liquida o semiliquida.

Il passaggio al cibo ricco di fibre avviene gradualmente con step intermedi, per cui è bene incorporare nella dieta prima gli alimenti con a basso contenuto di fibre, per poi passare ai prodotti ricchi di fibre.

L’assunzione di fibre consiglia è di circa 30 o 40 grammi al giorno. Gli alimenti ricchi di fibre includono:

  • pane pasta riso integrali
  • fette biscottate e biscotti integrali
  • frutta verdura cruda
  • legumi (in particolare fagioli, ceci e lenticchie )
  • noci, arachidi, semi di lino, semi di sesamo e semi di girasole
  • cereali integrali e fiocchi d’avena

Se necessario, il medico può prescrivere integratori di fibre per ottenerne un’aggiunta adeguata alle abitudini alimentari. In genere non vengono prescritti farmaci, saprà consigliarti con i diverticoli infiammati cosa mangiare.

Con una dieta per diverticoli ricca di fibre è molto importante fornire al corpo una sufficiente quantità di acqua per evitare la stitichezza.

Quali sono i cibi indicati con la diverticolite?

Se in caso di diverticolite ti è stata prescritta una dieta a basso residuo, il medico discuterà con te quando puoi ampliare nuovamente la gamma di cibi che puoi consumare.

Nella maggior parte delle situazioni, il passo successivo è una dieta ricca di fibre (oltre naturalmente a uno stile vita sano).

Questo dipende interamente da come ti senti e da quale cibo puoi tollerare.

È importante seguire i consigli del medico per la cura e la pulizia dei diverticoli. Se necessario, un dietologo può darti consigli “su misura” riguardo alla dieta, con una serie di rimedi naturali diverticolite.

Una dieta ricca di fibre assicura feci lisce e un buon movimento intestinale. La fibra si trova principalmente nei prodotti integrali, nella verdura e nella frutta.

Sovrappeso con la diverticolite

L’obesità sembra aumentare il rischio di sviluppare diverticolite acuta ed è quindi un aspetto a cui porre una particolare attenzione.

Ulteriori fattori di rischio per il sovrappeso sono uno stile di vita inattivo in combinazione con una dieta non equilibrata.

Misure per favorire il buon transito intestinale

Misure-per-favorire-il-buon-transito-intestinale

Se hai la necessità di favorire la motilità intestinale, ecco alcuni semplici suggerimenti:

  • segui una dieta per diverticolite acuta che contenga un’adeguata quantità di fibre
  • bevi molti liquidi, da un litro e mezzo a due litri (circa 10 – 12 bicchieri) al giorno
  • fai almeno due pasti principali
  • non saltare la colazione
  • fai esercizio regolare. Corri, cammina, vai in bicicletta o allenati il più possibile, preferibilmente ogni giorno per mantenere tonici i muscoli. Tuttavia durante la fase infiammatoria il medico può consigliarti di riposarti temporaneamente
  • non fumare ed evita di bere alcolici
  • cerca di rilassarti. Lo stress e l’ansia hanno degli effetti negativi sui disturbi intestinali
  • se senti il ​​bisogno di andare in bagno, concediti del tempo

Conclusioni

I diverticoli sono piccoli rigonfiamenti della parete intestinale nella cavità addominale. Una dieta povera di fibre può essere una causa della formazione dei diverticoli.

Se causano malessere, è importante intervenire sul regime alimentare, prima con l’assunzione di cibi liquidi e poi con l’introduzione graduale di altri cibi. In questo articolo abbiamo indicato cosa bisognerebbe evitare e cosa invece si può consumare liberamente.

E non dimenticare di praticare un’attività fisica regolare e di bere tanto, ogni giorno.


Fonti:

Lascia un commento