3 Accorgimenti per Mantenere la Tua Torcia Sempre Efficiente

La torcia è un accessorio utilissimo nel caso in cui manchi l’elettricità, quella a led di tipo tattico garantisce prestazioni più alte e più efficienti dei modelli tradizionali a prezzi comunque bassi: è una scelta molto ecologica, visto il suo basso impatto ambientale.

Anche se i casi di black out sono abbastanza rari, le situazioni di emergenza che richiedono l’impiego di una torcia sono più frequenti di quel che si immagini. Ecco perché non è detto che non possa essere utile avere una fonte luminosa aggiuntiva.

Però più che una candela che fa poca luce (dato che serve avere a portata di mano anche i fiammiferi o un accendino per accenderla, che non si sa mai dove vengono messi…), una torcia EDC sempre pronta, che sia di tipo tradizionale oppure a led, è l’ideale per non restare al buio. A patto ovviamente che le batterie in buono stato di carica, già inserite nella torcia.

La manutenzione della torcia richiede solo quattro passaggi: pulizia, sostituzione di eventuali parti rotte, protezione dai danni, lubrificare le parti mobili.



1. Pulizia

pulizia-di-una-torcia

La corretta pulizia di una torcia è uno dei primi passi per mantenerla efficiente e garantire una lunga durata.

Esterno

Pulisci l’esterno – purché non sia troppo grasso – con un panno morbido in microfibra o un batuffolo inumidito di alcol (puoi anche utilizzare una salviettina per neonati). Dovresti anche prendere in considerazione l’uso di un pennello a setole o uno stuzzicadenti, se hai una torcia con molte scanalature e aree minuscole e difficili da raggiungere in modo da poter pulire tutti gli spazi e rimuovere qualsiasi sporcizia o detrito.

Una volta che hai finito con il corpo, passa alla lente, rimuovendo la testa. Se stai usando una torcia più vecchia con una lente di vetro, fai un po’ più di attenzione quando la pulisci in modo da non graffiare o danneggiare accidentalmente il materiale.

Interno

Quando hai terminato di pulire l’esterno della torcia, puoi iniziare smontandolo, rimuovendo le batterie e pulendo l’interno del corpo.

Per questo passaggio è possibile utilizzare un panno o anche una piccola spazzola di setole per assicurarsi di rimuovere polvere, sporco o detriti visibili. È bena anche indossare un paio di guanti.

Una volta aperta la torcia puoi fare un rapido controllo per vedere se le molle interne funzionano ancora correttamente o se è il caso di sostituirle. Tieni sotto mano qualche bastoncino di cotton fioc da immergere in un po’ di alcol denaturato. Strofina il bastoncino su e giù all’interno del corpo per eliminare qualsiasi altro residuo di sporco o detriti presenti sulle pareti interne.

Passa poi a pulire i fili e i contatti, usando un panno in microfibra per rimuovere eventuali residui di grasso o impurità. Fai attenzione a svolgere questa operazione in modo delicato, aiutandoti con uno stuzzicadenti o un cotton fioc.

 

2. Protezione e sostituzione

pulizia-interna-ed-esterna-della-torcia

Una volta terminata la pulizia interna ed esterna della torcia, puoi procedere con gli altri passaggi di manutenzione.

O-Ring

Uno degli errori più comuni che si fanno è quello di non considerare l’importanza degli O-ring. Queste delicate guarnizioni in gomma sono in realtà una delle componenti più importanti per assicurare che la torcia funzioni correttamente.

Si tratta infatti di un piccolo cerchio in gomma che ha la funzione di impedire che l’umidità e la sporcizia entrino nel corpo della torcia. Se è a perfetta tenuta, aiuta anche a renderla impermeabile. È una buona idea assicurarsi che queste guarnizioni siano sempre in buone condizioni: quindi controllale periodicamente per vedere se solo screpolate, secche o hanno qualche segno di danneggiamento. Se noti qualcosa che non va, è buona prassi sostituirli immediatamente come misura preventiva, per evitare problemi in futuro.

Per trovare un nuovo O-ring puoi guardare online e controllare se è disponibile come parte di ricambio sul sito web del produttore della torcia. La strada più semplice è però quella di andare in un negozio specializzato nel fai da te portandoti il campione (le misure vanno ovviamente a diametro). Se noti che l’O-ring è semplicemente un po’ secco, puoi usare un po’ di lubrificante tipo la vaselina per aggiungere un po’di umidità in modo che possa continuare a svolgere la sua funzionare senza doverlo sostituire.

Prevenzione della corrosione

Un altro problema comune che affligge le torce elettriche è la corrosione delle parti metalliche, soprattutto i contatti della batteria. È possibile proteggere i diversi componenti dopo aver effettuato un’accurata pulizia.

Online o in un negozio di ferramenta puoi trovare prodotti specifici (spesso spray) da utilizzare per proteggere i contatti della batteria dalla corrosione. Si consiglia di applicare questo materiale anticorrosione ai punti di contatto all’interno della torcia, ad esempio sui fili, sulle molle e in qualsiasi punto della batteria.

Lubrifica le parti

Dopo aver effettuato tutti i passaggi precedenti, puoi procedere a lubrificare la torcia in modo che possa essere aperta senza problemi e in modo che gli O-ring non si secchino. Ci sono diversi oli e lubrificanti tra cui scegliere, quindi il consiglio è sempre di guardare online o chiedere al tuo negozio di ferramenta locale per vedere quali sono i prodotti più adatti da utilizzare.

A seconda del materiale di cui è composto l’O-ring, potrebbe essere necessario impiegare un diverso tipo di lubrificante, anche se sono disponibili alcuni prodotti adatti a tutte le parti della torcia. Procedi quindi in questo modo. Rimuovi l’O-ring e distribuisci il lubrificante. Con le dita assicurati di distribuirlo su tutta la superficie in modo che tutte le aree siano coperte e adeguatamente lubrificate.

Successivamente, usando il cotton fioc, strofina una parte del lubrificante nelle ghiere di chiusura e nelle parti mobili (come l’interruttore), in modo che sia più facile aprire e chiudere la torcia. Una volta che hai lubrificato tutte le parti mobili e l’O-ring, devi lasciar agire il prodotto per un po’ prima di rimontare tutte le componenti della torcia.

Controlla eventuali rotture

Rimetti infine la testa e riavvita il cappuccio all’estremità della torcia, quindi controlla se sul corpo sono presenti ammaccature, rotture, graffi o altri danni. Verifica che l’interruttore sia intatto e funzioni correttamente.

Assicurati che il cordino sia integro e ben fissato. Non rischiare che mentre porti la tua torcia al polso, si sganci improvvisamente in un momento inopportuno.

Ponila infine in un ambiente asciutto e a portata di mano, nel caso vada via la corrente!

 

Ogni quanto va pulita?

pullita-torcia

Come vedi, bastano pochi e semplici accorgimenti per effettuare una manutenzione efficiente della torcia. In questo modo, potrai garantirne una lunga durata.

È sufficiente seguire questi passaggi una o due volte l’anno per mantenerla nel migliore dei modi. Tieni presente però che se la utilizzi frequentemente all’aperto o in luoghi particolarmente sporchi, sabbiosi o polverosi, sarà necessario intervenire più spesso.

 

Non dimenticare le batterie

Anche le batterie utilizzate per far funzionare la torcia sono importanti. È ovvio che quando la si ripone per un lungo periodo di tempo, è necessario rimuoverle, mantenendole però in prossimità dell’apparecchiatura.

Se utilizzi delle batterie ricaricabili, tienile sempre in perfetta efficienza anche se non sono inserite nella torcia. Questo non ti consente solo di averle sempre pronte in caso di necessità, ma aiuta a mantenerle in buone condizioni. Non lasciale mai esaurire completamente.

Se le batterie sono ricaricabili con una presa USB, puoi persino usare un power bank portatile per ripristinare l’energia mentre sei in movimento.

 

Com’è fatta una torcia elettrica a led?

Ma cos’è in concreto quella che tutti conosciamo con il nome di torcia elettrica a led? Iniziamo con il dire che questa apparecchiatura può essere definita come una sorgente artificiale e portatile di luminosità che si alimenta per mezzo di energia elettrica.

Le torce tattiche di oggi sono veri e propri gioielli di ingegneria miniaturizzati e si compongono di diversi elementi: una lampadina a incandescenza o a led, un riflettore parabolico o di altra forma in cui si situa la lampadina, una lente protettiva in plastica o vetro che protegge la lampadina da eventuali urti o polvere, una fonte di energia (per esempio la pila), un interruttore.

L’utilità di una torcia è fuori discussione, perché tante sono le situazioni nelle quali diventa necessario averne una, ad esempio per svolgere dei lavori in cantina o in garage, per chi passa del tempo in campeggio o in barca, per allontanare un potenziale aggressore. Senza tener presente la sensazione di piacevole protezione che offrirà ai vostri figli, nel caso in cui dovesse mancare la corrente elettrica nel cuore della notte.

Tuttavia, anche se sono costruite per durare, richiedono ogni tanto un po’ di manutenzione per garantire che funzionino sempre al massimo dell’efficienza.

 

Vantaggi della torci a led?

Molti dei comuni emettitori led possono durare fino a 50.000 ore e questo corrisponde a più di cinque anni e mezzo di uso della torcia continuo. Tu la userai in modo discontinuo quindi ciò ti garantirà un tempo di vita media ancora maggiore. Perciò se dedichi anche solo qualche minuto all’anno per mantenere le condizioni della tua torcia, dovresti averla a disposizione come se fosse nuova per tutta la sua durata.

Prendersi cura di una torcia è molto semplice e aiuta a garantire che sia in grado di lavorare ai suoi livelli di prestazioni ottimali, per farti beneficiare al meglio della luce che la sua fonte ha da offrire.