I 6 Migliori Portabici Per Auto: Inseparabili Due Ruote

Anche il veicolo più spazioso diventa “stretto” senza il miglior portabici da auto. Se si è degli amanti delle passeggiate in aperta campagna, se si viaggia con la propria famiglia, se ci si vuole spostare agilmente quando si è in vacanza… allora non se ne può proprio fare a  meno.

I portabici da auto possono essere raggruppati in tre categorie, in base al tipo di montaggio.

Vi sono i modelli che si posizionano sul tetto dell’auto, insieme ai normali portabagagli. Nel loro binario vanno inserite le ruote, mentre la canna è bloccata da una morsa. Non ostacolano l’accesso e la visuale del veicolo e possono essere sempre lasciati montati.

Tuttavia, limitano il transito nei punti bassi come i sottopassaggi o i parcheggi sotterranei e riducono il fattore aerodinamico del veicolo, con maggior consumo di carburante.

Altri modelli, da fissare al gancio di traino, sono costituiti da un tubo verticale da cui partono due tubi orizzontali, a cui appendere la bici. In alcuni casi viene offerta una vera e propria base di appoggio per la bicicletta. Rappresentano delle barre portatutto universali per il trasporto di oggetti ingombranti.

Oltre ad offrire un attacco stabile e sicuro, facilitano le operazioni di aggancio della due ruote. Sono però più costosi e possono intralciare l’apertura del portabagagli.

Infine, i modelli da montare sul portellone posteriore sono costituiti da un sistema di ganci e fascette. Hanno un prezzo contenuto e facilitano le operazioni di carico/scarico della bici. Tuttavia, occorre posizionarla in perfetto equilibrio, per non compromettere la visuale e la sicurezza.

Qual è il miglior portabici per auto?

Prima di procedere all’acquisto, è bene verificare quale tipo di portabici può essere montato sulla propria auto: non tutti i modelli sono infatti compatibili in modo universale con ciascuna vettura.

Inoltre, si suggerisce di valutare con cura le proprie esigenze di spostamento e di montaggio, ponendosi delle domande del tipo: “Posso lasciarlo sempre fisso oppure ho la necessità di smontarlo dopo l’utilizzo?”, “Cerco un sistema che semplifichi al massimo le operazioni di carico/scarico, oppure va bene anche un modello da tetto?”, e naturalmente “Quanto sono disposto a spendere?”.

In ogni caso, si raccomanda di controllare sempre il corretto fissaggio della nostra due ruote. E dopo qualche chilometro, è il caso di concedersi una breve sosta per verificare che tutto sia a posto. Si ricorda che, nel rispetto del codice stradale, la targa e le luci posteriori devono essere sempre visibili.

 

1. Peruzzo Cruiser Delux portabici per auto

Studiato per trasportare fino a tre biciclette (due da adulti e una da bambini), è un modello in acciaio da montare sul lato posteriore del veicolo.

Vene fornito di serie con sei bloccaggi, sei cinghie di fissaggio e sistema antidistacco; è compatibile con un’ampia fascia di modelli di auto a tre o cinque porte e ai suv. Le sue dimensioni sono pari a 78,5 x 53 x 8 cm, mentre il peso è di 7,3 kg.

 

2.Thule TH9680  Freeway

Pratico e veloce da montare, viene fornito con robuste cinghie per il fissaggio delle bici. Pesa 5,1 kg, ha una capacità di carico di 45 kg e può trasportare fino a tre biciclette.

Si adatta a varie tipologie di auto, anche alle berline: l’elenco completo dei veicoli compatibili è pubblicato sul sito Thule. E una volta installato, il portabici non ostacola l’apertura del bagagliaio.

 

3.Cora Biker Plus

È un modello da tetto universale, omologato Tüv/Gs. Si rivela indicato per ogni tipo di bici con tubo obliquo a sezione tonda o ovale, anche di dimensioni extra large.

Si adatta ai pneumatici di qualsiasi misura e viene fornito completo di un adattatore per cerchi da 20 mm. Si monta su barre portatutto con sezione massima di 58 x 50 mm. È possibile acquistare a parte un apposito pomello di fissaggio bici con la chiave.

 

4.Electric Life Elite

Offerta
Elite 0097001 Sanremo 10...
76 Voto

Progettato per il trasporto di una bicicletta, può essere montato su qualsiasi tipo di barra portatutto fino a 80 x 46 mm. Il supporto della ruota posteriore è sviluppato con un esclusivo sistema oscillante, che lo rende idoneo alle ruote di qualsiasi dimensione e a ogni tipo di bici, anche con freni a disco. Ha un corpo in lega di alluminio super resistente e offre un sistema di bloccaggio rapido.

 

5.Menabo

Offerta
Portabici da tetto Top Bike...
55 Voto

Caratterizzato da un rapporto qualità/prezzo competitivo, si monta in modo molto semplice e veloce, grazie alle istruzioni che guidano passo dopo passo alla corretta installazione. È composto da due parti che vanno unite tra loro e permettono di regolare la lunghezza, consentendo di far combaciare i fori in corrispondenza della barra sul tetto. I sei bulloni autoserranti di cui è dotato assicurano la massima sicurezza.

 

6.Thule New Freeride

Può accogliere biciclette che pesano fino a 17 kg ed è adatto ai pneumatici di tutte le dimensioni. Ideale per telai fino a 80 mm, si fissa con facilità al portapacchi grazie a un sistema di aggancio rapido.

Le cinghie a rilascio mantengono saldamente le ruote, proteggendole. Vengono forniti in dotazione anche gli adattatori per canaline a T. Completa la dotazione un efficace antifurto per il bloccaggio della bici al portabici e di quest’ultimo al portapacchi.

 

Come funziona un portabici

Pensi che una bicicletta e un’automobile siano un binomio incompatibile? Sicuramente se non disponi portabici-da-autodi un supporto adeguato, il trasporto di una bici in un’auto potrebbe risultare alquanto difficoltoso, se non addirittura impossibile in alcuni casi.

Beh, se ti sei mai trovato in una situazione del genere e non sei riuscito a risolvere il problema senza arrecare danni a entrambi i mezzi, un portabici da auto potrebbe fare al caso tuo.

Questo accessorio è molto utile, in quanto ti permette di trasportare in modo pratico e sicuro una bicicletta su un camper, un camion o un’auto, senza dover smontare la bici o ricorrere all’aiuto di un rimorchio.

Sul mercato si possono trovare diversi modelli di rastrelliere da trasporto, adattabili ai vari tipi di mezzi. Pertanto riuscirai a trovare facilmente il supporto adeguato alla tua macchina o al tuo camper.

In questa guida ti aiuteremo a capire meglio quali sono i differenti modelli di portabici e i loro metodi di installazione.

 

Tipi di portabici

Ogni modello di portabici è progettato appositamente per soddisfare le esigenze dei vari tipi di veicoli. Perciò, prima di acquistare una rastrelliera, è fondamentale conoscere il mezzo sul quale questa verrà installata e quante biciclette hai necessità di traportare.

Continua a leggere e scopri quali sono alcuni dei principali modelli di portabici.

Portabici da tetto

Tra i metodi più diffusi per trasportare una bici in auto, troviamo quello con cui il ciclo viene assicurato verticalmente sulla cappotta del veicolo. Si tratta di un’opzione che richiede un apposito supporto di base o un portapacchi preinstallato sul quale è possibile agganciare una rastrelliera.

Alcuni modelli prevedono la rimozione della ruota anteriore del velocipede, al fine di bloccarlo in posizione. Esistono anche portabici che sono in grado di trasportare fino a sei bicilette contemporaneamente.

Ovviamente prima di posizionare tanti cicli sul tetto della tua auto, controlla il manuale del veicolo e assicurati che questo possa sopportare un certo tipo di peso.

Considera anche il percorso che dovrai affrontare e l’altezza delle bici che si aggiungerà a quella della tua automobile.

Portabici da gancio traino

Questo modello sfrutta il concetto del carrello rimorchio, ma senza l’ausilio delle ruote.

In pratica si tratta di un braccio sospeso che viene installato sul gancio traino ubicato nella parte posteriore del veicolo.

Alcuni supporti di questo genere consentono alla bicicletta di poggiare entrambe le ruote su un’apposita base.

Il telaio della bici è ben assicurato al tubo di sostegno e offre un tipo di trasporto pratico e sicuro.

I ganci traino dei veicoli, sono progettati appositamente per sopportare un notevole stress, quindi garantiscono una base robusta e affidabile.

Questi portabici, in genere, sono installati in maniera tale da tenere abbastanza lontano le biciclette dal portellone posteriore, così da evitare eventuali graffi e abrasioni durante il trasporto.

Un altro vantaggio di queste rastrelliere, è la possibilità di piegare il braccio trasportatore lateralmente, per agevolare l’accesso al bagagliaio del veicolo.

La portata di un portabici da gancio traino, solitamente varia da due a sei unità.

Portabici per veicoli con ruota di scorta

Se possiedi una Jeep o un SUV con pneumatico di scorta applicato sul retro del veicolo, puoi montare un apposito portabici.

Queste particolari rastrelliere sono progettate per essere installate dietro la ruota di scorta e offrono la stessa affidabilità di un portabici da gancio traino.

Solitamente la portata massima di questi supporti è di due biciclette.

Portabici da portellone

Se il tuo veicolo non è dotato di portapacchi, gancio traino o supporto posteriore con ruota di scorta, non temere! Puoi sempre acquistare un classico portabici posteriore.

Il design di queste rastrelliere si adatta perfettamente al portellone del tuo bagagliaio e il sistema di fissaggio è sicuro.

Generalmente il costo di questi supporti non è molto alto e la portata massima si aggira intorno alle tre o quattro unità.

Rastrelliere da pick-up (autocarri)

Se il tuo automezzo è un pick-up o un furgone con cassone aperto, potresti pensare semplicemente di caricare la bicicletta sul veicolo e partire.

Questo metodo però potrebbe esporre la bicicletta a eventuali furti o danneggiare il cassone e la bici stessa, in quanto, non essendo fissata, rischia di sbattere ovunque sulle pareti del mezzo.

Una rastrelliera può rivelarsi la migliore soluzione a questo problema. Il suo telaio è dotato di una o più scanalature, nelle quali è possibile assicurare le ruote delle biciclette, senza farle andare in giro durante il trasporto. Alcuni modelli richiedono la rimozione della ruota anteriore della bici, per ottenere un miglior blocco della posizione.

Anche in questo caso la portata delle rastrelliere è variabile a seconda del modello di portabici.

 

Perché hai bisogno di un portabici

L’acquisto di un portabici può rivelarsi davvero un valido aiuto per il trasporto della tua bicicletta. Attualmente sul mercato esiste una vasta scelta di modelli e attraverso questa guida, ti aiuteremo a trovare quello adatto a soddisfare le tue esigenze.

Prima di scegliere quale acquistare, tieni sempre in considerazione i seguenti punti: il tipo di veicolo che possiedi, il numero di biciclette che intendi trasportare, il tipo di portabici che desideri e con che frequenza intendi utilizzarlo.

 

Compatibilità dei telai

Purtroppo non è sempre facile e immediato individuare  la compatibilità tra un portabici e un determinato telaio di biciletta. I tipi di design sono talmente tanti sul mercato che i produttori stessi faticano a tenere loro testa.

Qualsiasi tipo di portabici può essere soggetto a un problema di incompatibilità con un telaio di bicicletta.

Assicurati sempre che il telaio della tua bici possa essere agganciato senza problemi al portabici che intendi acquistare.

Esistono comunque dei modelli universali che sono in grado di aggirare questo ostacolo.

 

Sicurezza

A prescindere dal posto in cui vivi e dal tipo di percorso che devi affrontare alla guida del tuo veicolo munito di portabici, il fattore sicurezza è sempre molto importante. Controlla attentamente questo parametro in un prodotto prima di comprarlo.

L’acquisto di un modello con serrature, potrebbe costare un po’ di più rispetto ad altri portabici più economici, ma sicuramente è un buon investimento per la sicurezza della tua bicicletta e per scoraggiare eventuali ladri di passaggio.

Apparentemente può sembrare una precauzione superflua, ma la prudenza non è mai abbastanza. Anche una breve sosta per un caffè in un’area di servizio o in un bar di città, potrebbe essere una ghiotta occasione per un ladro di biciclette.

Una rastrelliera con blocchi di sicurezza è utile sia per assicurare efficacemente la bici al supporto e sia per non farla rimuovere da chiunque; anche perché risulterebbe estremamente difficile senza l’utilizzo dell’apposita chiave.

Anche se le funzioni di sicurezza sono ottime, c’è da dire che nessun sistema di precauzione è imbattibile.

Tra i vari blocchi di sicurezza ti consigliamo quello con cavi o leve di bloccaggio rapido che si fissano all’asse della forcella.

I portabici con metodi di fissaggio a cavi con serrature integrate sono ottimi, ma ti consigliamo comunque di acquistare un ulteriore cavo rinforzato per maggiore cautela.

Anche se questi possono non essere un sistema sicuro al 100%, indubbiamente funzioneranno come deterrente per gli aspiranti ladri.

 

Tutto ciò che devi sapere sui portabici

Un portabici ti consente di trasportare ovunque una o più biciclette, senza bisogno di smontarle o di ribaltare i sedili della tua automobile. Puoi utilizzare una rastrelliera per andare in gita, in vacanza all’estero o al parco con i tuoi bambini.

Un portabiciclette elimina in modo efficace il problema di ingombro e non ruba spazio ai tuoi bagagli o ai passeggeri, in quanto le bici vengono posizionate sul tetto o sul retro dell’automezzo.

Non importa che tu abbia un veicolo a tre o cinque porte, un fuoristrada, una berlina o un furgone, perché esiste un portabici adattabile a ogni tipo di situazione.

 

Quanto costa un portabici da auto?

Il prezzo di un portabici varia a seconda della tipologia e del tipo di attacco.

Il costo medio per un modello con attacco al portellone del bagagliaio può partire da €35 per una struttura base fino ad arrivare a €200 per un portabici più capiente e accessoriato.

Un modello da tetto può costare da €25 a €100, mentre i prezzi dei portabici da gancio traino e quelli per veicoli con ruota di scorta, generalmente sono compresi tra €150 a €350.

 

Perché tali differenze di prezzo?

Come già accennato, i costi variano per diverse ragioni: il tipo di installazione sul veicolo, la portata di biciclette, gli accessori, i materiali utilizzati e il marchio di produzione.

Di solito i portabici realizzati in acciaio anziché in alluminio, tendono a  essere più economici, anche se consigliamo di acquistare una struttura in alluminio, che risulta più leggera e più resistente allo stesso tempo.

 

Le rastrelliere per bici si adattano a tutti tipi di auto?

In realtà bisogna controllare sempre che il tuo veicolo sia predisposto per l’installazione di una rastrelliera.

I portabici montati sulla cappotta ad esempio, necessitano di un supporto di fissaggio del tetto, quindi se non ce l’hai, devi procurartene uno adatto al tuo veicolo.

Le rastrelliere che si installano sui ganci traino delle macchine hanno per forza bisogno di questi supporti per essere montati.

Stesso discorso vale per i portabici per veicoli con ruota di scorta posteriore.

Tra tutti i modelli, sicuramente il più versatile è quello montato sul portellone del bagagliaio.

 

Come fai a sapere di che tipo di portabici hai bisogno?

Oltre a controllare il tipo di rastrelliera adatto al tuo veicolo, la scelta di un modello è molto personale.

Come abbiamo già visto in precedenza, le tipologie di rastrelliere disponibili, sono principalmente cinque e la loro installazione dipende dalla compatibilità dei sistemi di aggancio già esistenti sulla tua auto o sul tuo pick-up.

Senza dubbio, le rastrelliere per bici montate sul portellone posteriore sono le più diffuse, sia per un utilizzo di tipo occasionale e sia per la praticità di applicazione e di rimozione della struttura.

 

È possibile montare da soli un portabici?

La risposta a questa domanda è: “Certamente”!

Di seguito troverai otto suggerimenti utili per installare la tua rastrelliera senza problemi:

1 – Anche se l’installazione di un portabici può essere eseguita da una sola persona, è consigliabile farsi aiutare da qualcun altro, per evitare di graffiare e danneggiare il veicolo o la rastrelliera stessa. Una buona idea può essere anche la visione preventiva di un tutorial sul web, inerente il montaggio del tuo modello di portabici.

2 – Leggi sempre con attenzione il libretto di istruzioni o il foglietto illustrativo del prodotto. All’interno di questi troverai tutte le informazioni utili per eseguire un’installazione corretta.

3 – Assicurati che tutti i punti di contatto della rastrelliera siano ben puliti, come anche la superficie del veicolo su cui questa verrà applicata. Sporcizia e pulviscoli di polvere presenti nei punti di fissaggio potrebbero graffiare la carrozzeria della tua auto.

4 – La prudenza non è mai abbastanza! Una volta posizionate le biciclette sulla rastrelliera, ti consigliamo di bloccarle con un cavo di sicurezza, al fine di evitare spiacevoli sorprese. Sarebbe abbastanza seccante non trovare più le tue bici qualora dovessi allontanarti brevemente dal tuo veicolo.

5 – Non dimenticare di pulire per bene la bicicletta prima del trasporto. Qualora dovessi percorrere tanti chilometri su strada o terreno sterrato, la tua bici potrebbe accumulare molto sporco. Sul mercato esistono dei detergenti speciali per la pulizia e la protezione delle bici.

6 – Assicurati sempre dei limiti di portata della rastrelliera e del tuo veicolo. Un carico eccessivo potrebbe danneggiare il portabici, la bicicletta e la tua automobile.

Inoltre, per ciò che concerne le rastrelliere montate sul tetto, è bene che tu conosca l’altezza totale della tua macchina e delle bici caricate sulla cappotta; questo dato ti servirà per evitare spiacevoli incidenti con ponti bassi, rami di alberi e barriere di sicurezza.

7 – Ingrassare o lubrificare adeguatamente il punto di contatto di un gancio traino e della barra, garantirà una pratica rimozione del portabici, dopo un lungo periodo di fissaggio.

8 – A prescindere dal tipo di rastrelliera che possiedi, ti consigliamo di controllare periodicamente la buona efficienza dei supporti. È bene fermarsi ogni 50 Km per dare un’occhiata alle cinghie e ai bulloni del portabici. Assicurati che tutto sia sempre ben serrato, per evitare oscillazioni e movimenti bruschi durante il trasporto.

 

Come un portabici può renderti la vita più facile

Andare in bicicletta è molto importante, perché ti aiuta a mantenere il corpo allenato e ad avere uno stile di vita più sano.

Innanzitutto aiuta a migliorare il tuo sistema cardiocircolatorio, offrendo un buon allenamento ai muscoli delle gambe.

Il movimento ciclico di una pedalata favorisce la mobilità delle articolazioni delle caviglie, delle ginocchia e delle anche, senza affaticarle troppo; a differenza della corsa campestre o del jogging, che sollecitano maggiormente tali parti con impatti abbastanza traumatici.

Poi l’utilizzo di una bicicletta ha un’utilità logistica che agevola i tuoi spostamenti in città e non solo.

In sella a una bici puoi uscire facilmente dagli ingorghi del traffico urbano e quindi hai un livello di stress molto più basso rispetto a chi è costretto a rimanere imbottigliato dentro a lunghe file di automobili.

Un altro buon motivo per diventare un ciclista incallito è la salvaguardia del pianeta.

Utilizzando una bici puoi ridurre notevolmente le spese di carburante e contribuisci ecologicamente a fare del bene all’ambiente, senza inquinare.

Pedalare è un mix di esercizio fisico e divertimento e pertanto faresti bene a usare la tua macchina il meno possibile, a meno che non sia strettamente necessario farlo.

Ovviamente se questa passione ciclistica è condivisa con i membri della tua famiglia o con i tuoi amici, sarebbe ancora più bello.

Per questi motivi dovresti avere sempre a disposizione la tua bicicletta, ovunque tu vada e un portabici è la migliore soluzione a questa necessità.

Se non hai modo di utilizzare la bicicletta in città, perché le strade sono pericolose e il livello di smog è troppo alto, non disperare! Con un portabici da auto puoi trasportare con facilità una o più biciclette e raggiungere in macchina zone verdi e parchi naturali dove puoi dare libero sfogo alle tue pedalate.

Non solo una rastrelliera da auto può rendere più semplice il trasporto della tua bici, ma ti invoglia a portarla sempre con te, specialmente se decidi di andare in vacanza, così non dovrai noleggiare altrove un’altra bicicletta e il tuo portafoglio ti ringrazierà.

 

Prendi e vai

Una volta era necessario smontare la bicicletta per portarla con sé durante un viaggio. Solitamente si doveva rimuovere entrambe le ruote dal telaio per poter riporre l’intero velocipede in auto e non sempre si trattava di un’operazione semplice; anche perché bisognava assemblare e scomporre la bici ogni volta che si raggiungeva la destinazione e si tornava indietro.

Fortunatamente, la tecnologia in questo settore ha fatto grandi progressi col tempo, migliorando i sistemi di trasporto delle bici tramite l’utilizzo di rastrelliere adattabili.

Come abbiamo visto è diventato possibile trasportare facilmente una bici con l’ausilio di questi rivoluzionari supporti, che in me che non si dica agevolano l’operazione di carico del velocipede sul veicolo.

Questo tipo di filosofia “prendi e vai” ha abbattuto i blocchi mentali di molte persone che una volta, a causa delle difficoltà di trasporto della propria bicicletta, preferivano rinunciarvi, lasciandola appesa a un portabici da muro nel garage.

 

Soluzione salvaspazio che agevola il viaggio

Sia che utilizzi un portabici da tetto, da gancio traino o posteriore, un altro grande vantaggio di cui puoi godere è che l’ingombro della rastrelliera non occupa assolutamente lo spazio interno del bagagliaio o dell’abitacolo del tuo veicolo.

Ciò contribuisce a farti viaggiare comodo e sereno con la tua famiglia o con i tuoi amici.

Potrai andare in vacanza, fare una gita o un pic-nic senza preoccuparti di dover fare spazio anche alle tue biciclette.

Esercizio fisico, solidarietà ambientale e grande spazio a disposizione, sono le motivazioni principali che dovrebbero spingerti ad acquistare un portabici da auto.

Oggi pedalare ovunque tu desideri non è mai stato così facile!

 

Altre domande sull’argomento

Se ancora hai dei dubbi sui portabici da auto, puoi continuare a leggere la nostra guida per approfondire ulteriormente alcuni punti riguardanti l’argomento. D’altronde è bene che tutto ti sia chiaro, in maniera che tu possa effettuare un acquisto oculato e che sia adatto a soddisfare le tue esigenze.

Di seguito abbiamo raccolto alcune delle domande più frequenti, le cui risposte potrebbero dissipare ogni tuo dubbio in merito alle rastrelliere per bici.

Vediamo insieme quali sono:

 

1 – Quante bici è in grado di trasportare una rastrelliera?

Questo dipende dal modello di rastrelliera, dalle dimensioni del veicolo, dalla struttura del portabici e dagli agganci disponibili, che possono arrivare anche fino a sei unità di trasporto.

Tutto è relativo alla tipologia di veicolo, che deve essere in grado di sostenere più biciclette, senza correre il rischio di danneggiarsi o ribaltarsi.

Se desideri una rastrelliera o delle barre di trasporto da applicare sul tetto della tua auto, tieni in considerazione anche il tipo di percorso che dovrai affrontare e le eventuali condizioni meteo. Ricorda che le bici ubicate sulla cappotta di un automezzo sono più esposte agli agenti atmosferici, come pioggia, neve e raffiche di vento.

Prima di acquistare una rastrelliera, valuta il numero di bici che vuoi trasportare, per quanti chilometri e su quale tipo di terreno devi guidare.

Una soluzione valida per il trasporto di più bici può essere una rastrelliera da gancio traino (qualora l’automezzo ne fosse dotato) o un modello da portellone posteriore.

Se invece possiedi un pick-up o un furgone aperto, allora ti converrà installare un apposito portabici multiposto all’interno del cassone del veicolo.

 

2 – Che tipo di biciclette possono essere trasportate?

Una volta risolto il problema logistico del trasporto, cerchiamo di capire insieme quali tipi di bicicletta è possibile caricare su un rastrelliera da auto.

Questo è un punto al quale bisogna prestare molta attenzione, in quanto alcuni modelli sono specifici per alcuni tipi di biciclette, come ad esempio: bici da corsa, mountain bike, BMX, ecc.

Fortunatamente esistono anche dei modelli di rastrelliera con agganci universali, compatibili con qualsiasi tipo di telaio.

Un altro fattore che devi tenere d’occhio è lo spessore delle ruote di una bicicletta. Esistono infatti dei modelli speciali con ruote più grosse rispetto a quelle di altre bici tradizionali; questo potrebbe essere un problema per alcuni tipi di rastrelliera.

Pertanto, prima di acquistare un portabici, controlla sempre le indicazioni tecniche che l’azienda produttrice fornisce per ogni prodotto, così sarai in grado di acquistare a colpo sicuro il modello più adatto a soddisfare i requisiti della tua bicicletta.

 

3 – Che tipo di veicolo bisogna avere per installare un portabici?

Per fortuna la vasta gamma di portabici che il mercato ha da offrire, è adattabile a quasi tutti modelli di automezzi come: automobili, jeep, pick-up, furgoni, roulotte, ecc.

La cosa importante è verificare sempre la compatibilità del portabici con il proprio veicolo. Improvvisare o forzare gli agganci di un modello che non è idoneo a essere installato sulla propria macchina, non è una buona idea. In primo luogo perché un montaggio “arrangiato” non garantisce la stabilità della rastrelliera e rischierebbe di cedere, danneggiando rovinosamente bicicletta e automezzo.

Quindi assicurati sempre che il modello che stai per acquistare rientri nella categoria dei veicoli compatibili con il prodotto scelto.

Un altro consiglio che possiamo darti sulla scelta di un buon portabici è di non badare troppo al risparmio.

Quando si devono trasportare biciclette molto costose, disporre di una rastrelliera sicura e affidabile è di fondamentale importanza.

È vero che i portabici buoni hanno costi elevati, ma è altresì vero che consentono di trasportare in tutta sicurezza le tue biciclette, senza danneggiarle.

Più la struttura è robusta è più solido sarà il fissaggio delle bici, che rimarranno ben ancorate ai loro supporti.

 

4 – È meglio comprare dei lucchetti di sicurezza?

Come già suggerito in precedenza, le misure di sicurezza non sono mai troppe.

Molti portabici, nel kit di montaggio, oltre a cavi e cinghie di fissaggio, includono serrature di sicurezza, che rendono possibile l’apertura delle parti bloccate solo attraverso l’utilizzo di apposite chiavi.

Ovviamente se decidi di acquistare a parte dei cavi rinforzati con relativi lucchetti, faresti solo bene e aggiungeresti ulteriori precauzioni per proteggere meglio le tue biciclette dai malintenzionati.

Tante volte, può succedere che durante un viaggio ci si ferma per una sosta in un’area di servizio e ci si allontana dal proprio veicolo, lasciando il “bagaglio esterno” incustodito.

Se i ladri sono ben attrezzati possono indubbiamente sbarazzarsi di tutte le misure di sicurezza prese. Ma queste potrebbero farvi guadagnare del tempo prezioso e tornare in tempo prima che il misfatto sia compiuto.

Inoltre c’è da dire che delle buone precauzioni scoraggiano i ladri dal tentare l’impresa.