Elimina Tutto lo Sporco, con i 5 Migliori Kit Pulizia per PC Portatile

Pulire di tanto in tanto il notebook è un’operazione necessaria per mantenerlo sempre alla massima miglior-pulizia-per-pc-portatiliefficienza. Non parliamo solo della cancellazione di file obsoleti e inutili, ma della vera e propria detergenza delle parti esterne e talvolta di quelle interne. Per fare qualunque tipo di operazione è necessario avere a disposizione il miglior kit di pulizia per pc portatili.

In fondo basta poco perché non hai molto da pulire: lo schermo a lcd, la tastiera, la struttura esterna e soprattutto la base interna con il track pad dove si appoggiano le mani e le dita.

 

Tabella Comparativa

Immagine

Prodotto

Spray

Schiuma

Panni assorbenti

Antistatico

 

Fellowes Kit di Pulizia per PC, Spray 125 ml, Schiuma 150 ml, Panni Assorbenti e Bastoncini di Pulizia

125 ml

150 ml

1

Si

Pulizia dello schermo (100ML) + Belle Microfibra Asciugamano (30x30CM) - Prodotto naturale - MADE IN UK - prodotto verde NO AMMONIACA E ALCOOL Pulisce tutte le polveri e le macchie Meglio per LED / LCD / al plasma / Laptop, iPhone, iPad, computer, touch screen,

100 ml

Non Presente

1

Si

Blum - Pulizia dello schermo 100ml + panno in microfibra. Per la perfetta pulizia di Apple iPhone | iPad | iPad Mini | iPad Air | iPad Pro | iMac | MacBook | MacBook Air | MacBook Pro | Watch - Ecocompatibile e biodegradabile - 100% Made in Germany

100 ml

Non Presente

1

Si

Fellowes Detergente per Schermo 2 in 1 Pulisci e Lucida da 125ml con Panno

125 ml

Non Presente

1

Si

TRIXES Gomma pane riutilizzabile per la pulizia della tastiera da polvere e sporco, per il tuo PC, cellulare e altre oggetti di uso quotidiano.

Non Presente

Non Presente

Gomma pane

Si

Opinioni sul kit di pulizia per pc portatile?

Lo sporco accumulato può darti più di un grattacapo se non provvedi a rimuoverlo di tanto in tanto. Polveri, unto e lanugine che si depositano e si formano praticamente ovunque possono anche contribuire a mandare in tilt il tuo computer.

Talvolta quando capitano problemi di surriscaldamento è a causa delle impurità e della peluria che si è formata e si è accumulata in prossimità della ventola impedendo un corretto raffreddamento delle componenti elettroniche interne.

Tieni conto che i problemi legati al surriscaldamento sono una delle principali cause dei guasti a carico di notebook e laptop. Perciò pulire dovrebbe essere meglio che intervenire per riparare, specie se significa risparmiare una spesa e perdere del tempo perché non si hanno a disposizione gli strumenti adeguati.

Per non parlare dell’abitudine che abbiamo di mangiare spesso sul notebook, uno stuzzichino o un dolce, senza fermarci un attimo per fare una pausa. Macchie di bevande e cibo (per non parlare poi di caffè, tè o altri liquidi che incidentalmente ci possiamo versare sopra), impronte, polvere e ogni sorta di altri residui vanno a finire tra le piccole fessure della tastiera e ovviamente sul monitor.




Come utilizzare il kit di pulizia per pc portatile?

Per effettuare tutte le operazioni bastano poche mosse, naturalmente con l’accortezza – ma forse è superfluo accennarlo, o no? – di spegnere il computer, togliere il cavo dell’alimentazione, disconnettere mouse e dispositivi usb con cui si sta lavorando in quel momento.

Munisciti di un panno in microfibra, una spugnetta e magari una di quelle gomme magiche da usare per togliere le macchie dallo chassis in alluminio. Può essere d’aiuto anche una bacinella d’acqua, eventualmente dell’aceto bianco, un cacciavite piccolo, dei bastoncini cotonati, alcool denaturato, la bomboletta di aria spray.

Per un’azione veloce ed efficace, per determinati interventi da fare con delicatezza come la pulizia dello schermo, puoi utilizzare quei kit con detergente neutro che sono appositamente disponibili per pc, avendo cura di non spruzzarlo direttamente sul dispositivo ma di passarlo prima sulla microfibra.

Tali kit possono essere impiegati per ogni tipo di apparecchiatura elettronica, inclusi smartphone, laptop e tv.

Assolutamente da evitare l’uso di spugnette o panni abrasivi, asciugamani in tela, carta igienica, la cui ruvidezza potrebbe lasciare segni su diverse parti del notebook.

La pulizia è un’operazione che non facciamo tanto spesso, ma almeno una volta al mese è bene prendersi l’impegno di portarla a termine. Non è solo pratica per tenere pulito il nostro strumento di lavoro o di svago, ma anche una necessità igienica.

Una tastiera sporca crea meno problemi di uno schermo macchiato. Tuttavia, uno studio condotto dall’Università dell’Arizona ha dimostrato che le tastiere dei computer possono ospitare fino 3.300 germi per centimetro quadrato.

Se lo ritieni, per tua sicurezza, indossa un paio di guanti in lattice e degli occhiali protettivi.




Come pulire lo schermo lcd?

Si può utilizzare dell’acqua imbibendo in parte la microfibra o nel caso ci sia anche delle macchie “ostinate” inumidirlo in una soluzione al 50% di acqua con aceto bianco (in alternativa si può usare anche dell’alcool isopropilico).

Passa delicatamente il panno inumidito sullo schermo e poi asciugalo immediatamente con lo stesso panno o un altro panno asciutto. Nei casi più ostinati se non puoi fare a meno di detergenti, ricorri a quelli appositi in grado di rimuovere completamente lo sporco.

Qualunque detergente spray non va spruzzato direttamente sullo schermo ma dosato sul panno in microfibra. Il display va passato in modo delicato, senza esercitare alcuna pressione.

 

Come pulire la tastiera?

Se hai l’abitudine di mangiarci sopra, il primo consiglio è girare la tastiera e agitarla in modo da far cadere briciole e polvere.

Usa poi la bomboletta ad aria compressa tra i tasti per far uscire il resto della sporcizia. Infine quando hai rimosso tutto, o almeno il grosso, passa un bastoncino cotonato imbevuto di alcol denaturato intorno ai tasti senza badare a “spese”: cambialo spesso perché si sporca immediatamente.

Le tastiere dei portatili vanno trattate con più attenzione perché sono molto più delicate.

Gli esperti sconsigliano l’utilizzo dell’aspirapolvere: è molto meglio fare tutto a mano e in modo delicato. Se usi molto la tastiera, la si deve pulire almeno una volta al mese.

Si può disinfettare e detergere la tastiera in modo naturale, utilizzando la soluzione di aceto bianco al 50%, oppure una soluzione analoga di alcool isopropilico e acqua. Un’alternativa può essere quella di utilizzare un po’ di detergente ecologico per piatti diluito in acqua.

Anche se i tasti non sono così fragili come uno schermo lcd, sarebbe meglio evitare di spruzzare liquidi direttamente sulla tastiera. Il liquido potrebbe penetrare all’interno e causare gravi danni ai componenti.

Per una pulizia più accurata della tastiera, si potrebbe anche fare un lavoro da certosino rimuovendo i tasti dal loro alloggiamento per pulirli a uno a uno. Occorre munirsi di un coltellino e di tanta pazienza, facendo estrema attenzione mentre si staccano i tasti dalla tastiera per evitare di danneggiarli, di rompere i connettori o di ferirsi.

Inoltre, prima di toglierli prendi nota su come rimontarli nella sequenza corretta. I tasti si possono lasciare in ammollo con acqua leggermente saponata o passarli con la mano prima di risciacquarli e asciugarli.

Come pulire lo chassis e le parti esterne?

La pulizia dello chassis è sicuramente un’operazione più facile da effettuare. Basta infatti passare tutta la superficie, compreso track pad, con il panno inumidito con le soluzioni già descritte o un detergente spray disponibile nella vendita online o nei negozi specializzati per dispositivi elettronici.

Nel caso siano presenti particolari aloni o unto si può ricorrere delicatamente anche all’uso di quelle gomme speciali che consentono di rimuovere le macchie di qualunque genere da corpo in plastica e acciaio. Al termine delle operazioni tutto il corpo del portatile va asciugato con carta o meglio ancora con il panno in microfibra.

Anche il mouse va pulito dallo sporco che vi si accumula, soprattutto da elementi grassi e di sudorazione delle mani, specie la rotella di scorrimento.




Come pulire la parti interne del PC portatile?

Per pulire le parti interne del notebook bisogna essere un po’ più esperti e se non ci si fida a farlo da solo, tanto vale appoggiarsi a quei laboratori che fanno servizio di riparazione dei pc. Alcune case, tipo Apple, impediscono di fatto di intervenire con il fai da te, pena la perdita della garanzia.

La prima cosa da fare è ruotare il notebook, appoggiarlo su una superficie stabile, e rimuovere la batteria. Svitare poi le restanti viti, di solito a stella, e rimuovere con molta attenzione i vari pannelli seguendo le indicazioni sul libretto d’istruzione.

Dopo aver individuato le ventole, procedere alla loro pulizia con la bomboletta di aria compressa per pc allo scopo di liberarle dalla polvere. Prestare attenzione anche alla grata che spesso cattura pelucchi per cariche elettrostatiche.

Se non vogliamo affidarci solo a soluzioni fai da te, ci sono molti brand che pubblicizzano i loro prodotti per la pulizia del computer portatile. L’importante è che i componenti siano biodegradabili al 95% e non siano composti di solventi strani.

 

I 5 Migliori Kit Pulizia per PC Portatile

Di una cosa puoi stare certo: una pulizia accurata se eseguita nel modo corretto non danneggia affatto il tuo notebook o i tuoi dispositivi elettronici, ma li rende sicuramente  più efficienti.

Un buon kit di pulizia per pc portatile economico si trova facilmente nella vendita online, anche perché il prezzo di questo genere di set non è mai proibitivo e la qualità del risultato non ha confronti.

Fai tu stesso un test e vedrai la differenza!

 

Fellowes 9977901  150ml

Il migliore per: versatilità

In questo kit è presente tutto l’occorrente per pulire pc, smartphone, laptop, tv… Contiene uno spray per schermo (da 125 millilitri), una schiuma pulente per superfici di lavoro (da 150 millilitri) e dieci salviette assorbenti.

Una volta che viene passato lo spray pulente, la superficie si rivela a prova di impronte.

Antistatico, riduce il rischio di danneggiamento delle apparecchiature. Ha un limitato contenuto di alcol.

 

Ecomoist SC100MLUK 100ml

Il migliore per: rispettoso dell’ambiente

Offerta
Pulizia dello schermo (100ML)...
425 Voto

Realizzato con prodotti naturali ed ecologici e privo di componenti chimici aggressivi e di sostanze alcoliche, si può utilizzare in modo sicuro anche in presenza di bambini e di animali domestici. E, cosa non meno importante, non provoca allergie.

Il kit è composto da un flacone di prodotto per la pulizia dello schermo (da 100 millilitri) e da un panno in microfibra da 30 x 30 centimetri.

È ideale per ogni tipo di schermo di computer portatile, iPad, iPhone, smartphone, tablet, tv.

 

Blum Screen Cleaner BM-SC100ML

Il migliore per: non irritante

Il kit si compone di una boccetta da 100 millilitri di prodotto specifico per la pulizia dello schermo e di un morbido panno in microfibra del formato di 40 x 40 centimetri, che può essere lavato a una temperatura fino a 95°C.

Prodotto in Germania, il detergente assicura un’efficace pulizia senza creare antiestetiche striature.

Ecocompatibile è realizzato con tensioattivi biodegradabili, senza addolcitore e di solventi aggressivi, e non provoca irritazioni.

 

Fellowes 9922101

Il migliore per: doppia azione

Offerta
Fellowes 9922101 Detergente...
9 Voto

Offre un’innovativa formula di pulizia 2 in1: deterge e lucida. Nel flacone sono infatti presenti due soluzioni che, una volta aperta la confezione, entrano istantaneamente in contatto.

A questo punto, basta agitare la bottiglietta per miscelarle in modo adeguato.

Dotato di erogatore spray, il flacone contiene 125 millilitri di soluzione detergente per schermo e viene fornito completo di un panno in microfibra.

 

Trixes Super Clean EE53

Il migliore per: prezzo interessante

Si tratta di una gomma pane riutilizzabile, appositamente studiata per pulire in poche mosse le tastiere e altri dispositivi elettronici.

Di facile impiego, consente di raggiungere anche i punti più scomodi e angusti. È sufficiente passare il gel sulla parte da detergere, lasciar agire qualche secondo, e rimuove poi una passata tutto lo sporco.

Elimina l’80% dei batteri e, a pulizia ultimata, il dispositivo è avvolto da un freschissimo profumo di limone.