I 5 Migliori Guanti da Moto: la Scelta Giusta per le Tue Mani

Si è soliti pensare che l’accessorio più importante per andare in moto in sicurezza sia il casco. Giusto: può salvare la vita. E il secondo?

Non c’è dubbio: sono i migliori guanti moto. In caso migliori-guanti-da-motodi caduta è infatti istintivo umano mettere le mani verso il basso, per attutire l’impatto con il suolo.

Un infortunio alle mani può avere gravi ripercussioni sulla vita di tutti i giorni, sia quella privata che professionale.

Ecco quindi che scegliere i guanti da moto può rivelarsi un compito quanto mai difficile e delicato. In questa guida all’acquisto, vi diamo… una mano!

I 5 migliori guanti da moto

Trattandosi di un accessorio di uso comune, è molto semplice trovare nel web le opinioni, i test, i consigli e le impressioni dei motociclisti che li utilizzano quotidianamente.

E la vendita online rappresenta il modo più semplice, comodo ed economico per acquistare il modello desiderato, al prezzo più basso.




Guanti in pelle Global Warming Cobra

I migliori per: rapporto qualità e prezzo

Sono guanti per moto in pelle di vacchetta che apportano un equilibrato livello di comfort termico. Si rivelano l’ideale per i rigidi climi invernali.

Le cuciture in punti strategici non provocano alcun fastidio quando li si indossa anche per lungo tempo.

Le nocche, il palmo e i polsini sono rinforzati, all’insegna della massima comodità. Molto pratico il cinturino da polso con chiusura.

  • Grip
  • Caldi
  • Confortevoli

Acquista su Amazon a Non disponibile

 

Blok-IT Guanti da motocicletta

I migliori per: termici

L’isolamento in Thinsulate, un materiale della 3M, diffonde calore e assicura comfort e protezione. Realizzati in pelle, offrono una buona presa.

Si rivelano particolarmente robusti, fatti per durare a lungo e sono anche flessibili: in questo modo si adattano alla fisionomia della mano, per garantire una notevole comodità.

Sono disponibili in cinque taglie, dalla small alla xx-large.

  • Flessibili
  • Robusti
  • Grip

Acquista su Amazon a EUR 26,32

 

Madbike MD-10C Guanto di protezione moto

I migliori per: primavera/estate

Ideali quando il clima incomincia a riscaldarsi, questi guanti dal look aggressivo sono piacevolmente traspiranti.

Sono in lega d’acciaio, per garantire un’adeguata protezione e un buon grip. Anche le articolazioni delle dita sono adeguatamente difese in caso di urto.

Presenti su tutta la superficie del palmo, i rinforzi 3D incrementano la funzione anti-scivolo.

  • Traspiranti
  • Protettivi
  • Ergonomici

Acquista su Amazon a EUR 19,99

 

Carchet CD236-239 Guanti moto

I migliori per: funzionalità touch

Il pollice e l’indice prevedono la funziona di touch, sufficientemente sensibile per rispondere alla chiamata senza dover togliere il guanto.

Sul dorso della mano è presente un “guscio” superiore in fibra di carbonio di protezione. Il rivestimento esterno in Taslan li rende antiscivolo e impermeabili.

L’interno è invece rivestito in velluto caldo e confortevole, per renderli adatti a sopportare anche le temperature rigide. La larghezza è regolabile grazie al velcro in corrispondenza del polso.

  • Versatili
  • Antiscivolo
  • Impermeabili

 

Omgai Guanti Tech

I migliori per: libertà di movimento

La gomma presente sulle nocche assicura un buon livello di protezione e, nello stesso tempo, favorisce la più totale libertà di movimento della mano.

Realizzati in materiale altamente traspirante, sono leggeri, lavabili e asciugano in breve tempo. Sono previsti dei sensori tattili sul dito indice e il pollice consentire l’utilizzo dei dispositivi elettronici.

  • Traspiranti
  • Protettivi
  • Leggeri

Acquista su Amazon a EUR 15,99

 

Che cosa rende efficiente un guanto moto?

I guanti da moto sono progettati per garantire una serie di fattori cruciali. Fra questi, tre si rivelano di assoluta importanza:

  • assicurare il massimo comfort di guida
  • garantire la più totale sensibilità ai comandi
  • proteggere adeguatamente in caso di incidente

Proprio per questo è il caso di dirlo, non è vero che un guanto vale l’altro. E proprio per questo è importante scegliere il modello giusto in base alle specifiche esigenze.

 

Caratteristiche del guanto da moto?

Sembra semplice, eppure ci sono centinaia di stili diversi, proposti dai più affermati marchi del settore, che sembrano tutti studiati per proteggere in modo diverso.

Tuttavia, ci sono alcune caratteristiche essenziali che in genere accomunano i vari modelli:

  • dettagli costruttivi sviluppati per proteggere adeguatamente la mano in caso di impatto, come ad esempio le nocche rinforzate e i doppi strati in aree critiche
  • design incurvato per favorire una comoda presa
  • chiusura salda e sicura, per non far scivolare via il guanto nelle cadute
  • adeguata ventilazione per non far sudare la mano
  • protezione dagli agenti atmosferici, in base alla stagione per cui è progettato

 

Anatomia di un guanto moto?

Ora che abbiamo presentato alcune delle caratteristiche che differenziano un guanto moto da un guanto di pelle normale o un guanto da lavoro, possiamo entrare nel vivo dell’argomento.

Un guanto da moto si compone di:

  • parte superiore
  • palmo
  • fodera
  • polsino
  • sistema di chiusura
  • armatura
  • cuciture




Parte superiore del guanto?

È la porzione che copre il dorso della mano. Deve essere spessa e resistente, per proteggere le nocche non solo dagli impatti, ma anche dagli insetti e dai sassi che si sollevano dal terreno mentre si guida.

Questa parte è fatta spesso di robuste pelli naturali (come quelli bovine) o materiale tessile ad alta densità.

Fra le dita sono generalmente inserite delle strisce che collegano la tomaia al palmo, garantendo un buon livello di areazione.

 

Palmo dei guanti da moto?

Generalmente più sottile di quella superiore, questa parte deve garantire un buon comfort alla mano. Deve inoltre assicurare la massima sensibilità di guida.

Può essere realizzata in pelli naturali, come la pelle di capra o di canguro.

 

Fodera dei guanti da moto?

Assicura il miglior comfort ed è una parte del guanto che varia in base alla stagione e alle attitudini del motociclista. Può essere fatta apposta per assorbire l’umidità, per mantenere calda la mano, per renderli impermeabili e antipioggia.

Può essere realizzata in tessuto naturale o in materiali tecnici come il Gore-Tex o il Thinsulate.




Polsino e chiusura dei guanti da moto?

I polsini costituiscono una vera e propria barriera per proteggere contro il freddo e l’umidità. Spesso include elementi protettivi per i polsi, come imbottiture o speciali rinforzi.

Il sistema di chiusura deve essere sufficientemente forte per evitare di perdere i guanti nei movimenti o, peggio, in caso di incidente. Può essere costituito da automatici, cinghiette, velcro.

 

Armatura e cuciture dei guanti da moto?

Viene utilizzata per fornire protezione in caso di urti e raschiature sul terreno. Fra i materiali più largamente utilizzati troviamo: schiuma Eva, poliuretano termoplastico (tpu), fibra di carbonio, acciaio o titanio.

Le cuciture sono una delle parti a cui si dà solitamente meno importanza. Eppure hanno una funzione strategica: quella di tenere insieme il guanto.

Come devono essere? Sicuramente resistenti, ma anche molto discrete: non devono dare fastidio alla mano. Se no, possono diventare una versa sofferenza.

Sono generalmente realizzate in tessuti ultra resistenti come il kevlar.

 

Tessuto o pelle per i guanti moto?

Inutile dirlo, non c’è una risposta univoca che valga per tutti.

In generale, la pelle è più resistente alle abrasioni e si adatta in modo più confortevole alla fisionomia della mano. Di contro, il tessuto può proteggere molto più efficacemente dalla condizioni climatiche estreme, sia estive che invernali.

Se sei un avventuriero e ami gli ambienti umidi o con cambi climatici repentini, il modello in tessuto è sicuramente ciò che fa per te. Se invece prediligi i tratti asfaltati e di piace provare il massimo comfort sulle tue mani, allora non c’è dubbio che la pelle è molto più adatta.




I guanti da moto vanno lavati?

Molti motociclisti si chiedono se, oltre a pulire accuratamente la tuta e il casco, si possono lavare anche i guanti in pelle. La risposta è affermativa. Anzi, di più: non solo si può, ma si deve lavarli.

Se lo sporco si accumula, finisce con il consumarli, proprio come avviene con qualsiasi altro tipo di materiale. Li irrigidisce, li rende sempre meno flessibili, e alla fine li rompe.

Anche il sudore delle mani ha un effetto negativo sulla loro qualità. E con l’andare del tempo li deteriora.

La pelle richiede un’adeguata manutenzione per mantenersi sempre nelle migliori condizioni. Se si lascia che diventi troppo secca, può tagliarsi. E se la si mantiene troppo bagnata, perde aderenza.

Non è necessario lavarli dopo ogni uscita, ma si consiglia di farlo ogni due o tre settimane. Solo così potranno durare a lungo e accompagnarti in tutte le tue escursioni.




Reply