I 5 Migliori Violini: Paganini non ripete!

Migliore-ViolinoStai pensando di acquistare il miglior violino per te o per tuo figlio? Sei un professionista? Oppure ti stai accostando ora allo straordinario mondo della musica classica e vuoi imparare a suonare il violino?

Scegliere questo strumento non è un’impresa facile. E anche se le variabili da considerare sono molte, ti dovrai sempre confrontare con due aspetti imprescindibili: la qualità del suono e il… budget.

I 5 migliori violini

I puristi potranno storcere il naso. Eppure acquistare nel web un modello classico di violino ha innumerevoli vantaggi. Partiamo dall’ampiezza di gamma in vetrina: nessun negozio potrà mai offrirti una simile varietà di modelli.

Nella vendita online ci sono poi le recensioni, le opinioni e i commenti di chi ha già effettuato l’acquisto e ti può aiutare a valutare i pregi dello strumento.

Non da ultimo, il prezzo. Un violino, se di qualità, richiede un investimento non trascurabile. Nella vendita online, invece, è possibili trovare qualsiasi prodotto al prezzo più basso. Un bel vantaggio, no?




Edgar Russ Master Violin Guarneri del Gesù

Il migliore per: chi cerca la perfezione

Il maestro liutaio Edgar Russ propone questa copia perfetta del Guarneri appartenuto al celebre violinista Jascha Heifetz.

Ogni dettaglio è lavorato con cura, pazienza e passione, per offrire la più ampia possibilità di espressione: un suono puro e potente che tocca l’anima e offre i migliori risultati acustici.

Il maestro Russ utilizza legno ben stagionato, che seleziona attentamente in base alle qualità acustiche e alla sua venatura.

  • Purezza
  • Espressione
  • Cura

Acquista su Amazon a EUR 24.000,00

 

Cremona SV-150

Il migliore per: rapporto qualità e prezzo

È un violino 4/4 prodotto con tavola in abete massiccio intagliato a mano. Il fondo e i lati sono invece in acero massiccio, anch’esso lavorato a mano.

La tastiera è in ebano e la cordiera è in lega con accordatori integrati. Realizzato con filetti intarsiati, si caratterizza per una nuova finitura traslucida in castano caldo.

  • Qualità
  • Versatile
  • Robusto

Acquista su Amazon a EUR 199,00

 

Stentor VL1100 Student I

Il migliore per: chi è agli inizi

È un violino di fattura superiore tutto massello, realizzato interamente a mano con legni stagionati naturalmente da almeno tre anni.

I piroli e la mentoniera sono in palissandro, la cordiera è in metallo con quattro intonatori incorporati.

Ogni singolo strumento viene accuratamente controllato dal laboratorio di liuteria dell’azienda. Tutto questo a un prezzo molto contenuto.

  • Prezzo
  • Controllo qualità
  • Suono morbido

Acquista su Amazon a EUR 190,00

Kinglos DH003

Il migliore per: cura estetica

Esteticamente molto curato e impreziosito da decorazioni, viene proposto a un prezzo decisamente interessante. Questo aspetto lo rende uno strumento ideale per chi sta iniziando a studiare.

Viene fornito con custodia in dotazione ed è completo di corde, pronto quindi per essere subito utilizzato.

  • Design
  • Accessoriato
  • Suono gradevole

Acquista su Amazon a Vedi su Amazon.it

 

Forenza F1151A Serie Uno

Il migliore per: pronto per suonare subito

Ideale per studenti e principianti, ha tutto ciò che serve per poter suonare fin da subito. Ha il ponte già posizionato e le corde già montate e tensionate.

I piroli sono ben installati ma c’è comunque la meccanica integrata nella cordiera per effettuare l’accordatura fine. La sua verniciatura classica conferisce un caldo colore legno.

È fornito di una leggera custodia rigida dotata di cerniera manico e spallacci.

  • Accessoriato
  • Acustica gradevole
  • Design classico

Acquista su Amazon a EUR 50,99




Opinioni sul violino?

Un musicista esperto può tirare fuori il meglio da ogni strumento. Ma se non si sono ancora maturate le giuste capacità, impossibile ricavare qualcosa da uno strumento mediocre, anche nell’esecuzione dei pezzi più semplici di un compositore.

Un violino di qualità permette di produrre il miglior suono possibile con meno sforzo. Inoltre consente di sviluppare in modo più naturale la tecnica. Al contrario, uno strumento di qualità inferiore può ostacolare nella pratica e rendere lo sviluppo della tecnica e l’apprendimento molto più difficile, soprattutto se si è un autodidatta.

Per non parlare dell’accordatura, che può rivelarsi un’impresa a dir poco impossibile.

 

Che cos’è il violino?

Il violino è uno strumento musicale della famiglia degli archi, dotato di quattro corde (anche se si sta facendo strada la versione a 5 corde). Si tratta dello strumento più piccolo e dalla tessitura più acuta tra i membri della sua famiglia.

È essenzialmente costituito da una cassa armonica e dal manico innestato nella parte superiore della cassa. Tutte le parti sono in legno.

La cassa armonica, di lunghezza tradizionale di 35,6 cm (tra i 34,9 ed i 36,2 cm), ha una forma curva e complessa che ricorda vagamente un otto. È costituita da una tavola armonica (detta anche piano armonico), di abete rosso e da un fondo, generalmente in acero montano, uniti da fasce di legno d’acero curvato.

 

Parti del violino?

Il violino necessita di legni di una certa qualità, lavorati con spessori molto precisi e montati a regola d’arte. Tra le altre caratteristiche è importante verificare i seguenti aspetti:

  • l’anima (un bastoncino di legno posizionato all’interno del violino, all’altezza del ponticello) deve aderire perfettamente alle 2 tavole inferiore e superiore
  • il ponticello deve avere la giusta curvatura, altezza e spessore in modo da mantenere equidistanti le corde tra loro e a una giusta altezza
  • il capotasto (punto su cui si appoggiano le corde in fondo al manico) deve essere di altezza ben precisa e tenere le corde equidistanti tra loro;
  • la cordiera (la parte che sostiene le corde al centro della tavola vicino alla mentoniera) sarebbe meglio che avesse quattro dispositivi a vite per regolare la tensione di ciascuna corda

 

Forma del violino?

L’attuale forma del violino è, nella sua essenza, quanto mai antica ed artigianale.

È una “macchina di precisione” in uno stato di delicato equilibrio: le forme, i vari elementi ed anche i più minuti dettagli, oltre alla grande cura costruttiva, derivano da un affinamento rimasto quasi immutato da più di 500 anni.

I violini moderni non sono per nulla diversi – a parte solo le sonorità – da quelli creati dai famosi liutai italiani del XVI e XVII secolo, Amati, Stradivari, Guarneri e molti altri.

Le curvature di piano e fondo, la forma della catena e delle “effe” e lo spessore dei legni usati sono determinanti per la qualità acustica e la personalità del suono dello strumento, come lo sono la verniciatura e la colofonia.

 

Dimensioni del violino?

Un violino di dimensioni tradizionali è denominato intero o 4/4, ed è destinato a strumentisti che hanno un fisico adulto. La sua lunghezza complessiva è generalmente di 59 centimetri, mentre lo standard per la lunghezza della cassa armonica è di 35,6 centimetri.

Questa dimensione è una regolamentazione delle esperienze dei costruttori del periodo della liuteria classica, e può variare dai 34 centimetri (il cosiddetto “violino 7/8”, talvolta chiamati “violini da donna”) ai 38 centimetri.




Violino per bambini?

A che età si può imparare lo strumento? A questa domanda non c’è naturalmente una risposta univoca. Si potrebbe dire: prima è, meglio è. A patto di non forzare le tappe e di vivere l’approccio con la musica nella massima serenità.

I bambini utilizzano strumenti di dimensioni ridotte che, pur avendo le varie parti proporzionalmente più piccole, sono funzionalmente identici a quelli di dimensioni normali.

Questi strumenti sono realizzati nei tagli di tre quarti (corrispondente a una lunghezza della cassa da 32 a 34 centimetri), mezzo (da 30 a 32 centimetri), e così via fino al sedicesimo.

 

Viola o violino?

Fa parte della famiglia degli strumenti ad arco da braccio anche la viola, che viene considerata la “sorella maggiore” del violino. Ha una cassa armonica di dimensioni più grandi (di circa il 15-20% maggiore ma senza taglie standard) e un’estensione intermedia tra il violino e il violoncello.

Per iniziare si è soliti scegliere lo studio del violino, per poi passare alla viola quando si è meglio in grado di gestire con abilità tecnica le maggiori dimensioni dello strumento.

 

Prezzo del violino?

Quando si imposta il budget è necessario capire di quale tipo di violino si ha bisogno: se si è un principiante che inizia a studiare lo strumento, un intermedio che desidera evolversi o un professionista alla ricerca di un modello al top della qualità.

Un violino professionale nuovo fatto completamente a mano da un unico liutaio ha un prezzo che varia dai 4000 ai 15000 euro, a seconda della “firma” del Maestro Liutaio che l’ha creato.

Per andare sul sicuro è bene acquistare strumenti di una marca nota nel campo didattico e musicale, meglio se offrono insieme custodia, spalliera ed archetto.




Scelta del violino?

La scelta della dimensione del violino è molto importante: uno strumento troppo grande o troppo piccolo è spesso causa di frustrazione dell’allievo e pertanto a rischio di abbandono dello strumento.

Prima di procedere all’acquisto sarebbe bene consultare l’insegnante: eventuali errori di misurazione del braccio o fattori di crescita potrebbero indurre a consigliare una taglia piuttosto che un’altra.

In ogni caso nel web si possono reperire informazioni e tabelle con le dimensioni del violino da acquistare in funzione dell’età indicativa e della lunghezza del braccio. Si tenga conto che già a un’età di circa 11-12 anni può andare bene un violino 4/4.

E se si vogliono superare i confini della musica classica, è possibile sperimentare un violino elettrico.

Una variante popolare?

Nella storia della musica folk non mancano interpretazioni popolari dello strumento classico. È il caso, ad esempio, del violino a tromba una variante più rudimentale del Violino di Stroh, tipico soprattutto di alcune regioni della Romania.

Trova impiego soprattutto nell’animazione delle feste paesane.

Reply