Riscaldarsi Spendendo Meno con Le 4 Migliori Stufe a Pellet

Migliore-Stufa-a-PelletSe siete alla ricerca della migliore stufa a pellet sicuramente siete ben consapevoli degli enormi costi che il riscaldamento fa gravare sulle nostre spalle, mese dopo mese durante il periodo invernale.

Quando arriva la bolletta è sempre un colpo al cuore, ma certe volte la spesa è talmente eccessiva che diventa un problema affrontarla.

Ecco perché molte famiglie stanno cercando metodi di riscaldamento differenti da quelli più diffusi e “moderni”.

Alcuni sono tornati al caro e vecchio camino con la sua legna, il quale però porta non pochi problemi e, soprattutto, richiede tanta e frequente manutenzione.

Altri ancora optano per un riscaldamento elettronico che purtroppo non è in grado di riscaldare gli ambienti in modo efficace; e poi i soldi che non vi usciranno per il gas, voleranno via per l’elettricità.

Ma non preoccupatevi, un metodo di riscaldamento economico ed efficace esiste, e noi siamo qui per aiutarvi ad avere tutte le informazioni necessarie per adottarlo.

Le stufe a pellet non sono forse molto conosciute, ma di sicuro vi terranno al caldo.

Simili alle stufe a legna tradizionali, questi modelli adottano lo stesso principio unendolo, però, alla tecnologia moderna.

Se prima nel vostro camino bruciavate ciocchi di legno, con una stufa a pellet brucerete gli scarti di quest’ultimo, ovvero segatura compattata.

Con le sue basse emissioni, infatti, questo dispositivo è estremamente ecologico e richiede molta meno manutenzione dei tradizionali camini. Inoltre, i pellet bruciano assai più del legno, riscaldando la vostra casa molto più efficacemente.

Nei paragrafi successivi entreremo più nello specifico per quanto riguarda l’istallazione della stufa a pellet, la ventilazione, le dimensioni ottimali del dispositivo, le differenze fondamentali rispetto ad una stufa a legna ed il suo vero e proprio funzionamento.

 




Le migliori stufe a pellet

Le 4 Migliori Stufe a Pellet

Nella seguente lista vi consiglieremo le 4 migliori stufe a pellet presenti sul mercato, acquistabili tramite i vari negozi di vendita online.

Includendo sia i prodotti più economici con il prezzo più basso, che quelli un po’ più costosi, le stufe che vi descriveremo sono state selezionate dopo una lunga ed attenta ricerca.

Vi esortiamo anche a leggere le opinioni e le recensioni dei clienti che hanno già acquistato questi articoli, in modo da avere più elementi possibili da aggiungere alla valutazione della vostra scelta. Per farlo, vi basterà semplicemente cliccare sui link posti dopo la descrizione di ciascun prodotto.

 

Eva Stampaggi 98017-20

Il primo articolo sulla nostra lista è la stufa a pellet Susy Slim della Eva Stampaggi.

Questo modello in acciaio verniciato, è in grado di riscaldare da 70 fino a 150 metri quadri.

Dotata di programmatore, termostato e scarico laterale / posteriore con un tubo di 80 mm, la Susy Slim rappresenta un’ottima scelta per riscaldare la vostra casa.

Le sue dimensioni corrispondono a 26 cm di profondità, 63 cm di lunghezza e 103 cm di altezza, mentre il suo peso è di 70 Kg.

Il design molto sottile permette di posizionarla in qualsiasi angolo della casa, ma la rende un po’ fragile e soggetta a facili ammaccature.

L’istallazione ed il funzionamento dei menu risulta estremamente semplice; e, dando una rapida letta al libretto delle istruzioni, riuscirete anche a programmarla senza problemi.

 

STUFA PELLET KW 7,0 KING 8 SABBIA (78SKI)

Il prossimo articolo che vi proponiamo è la stufa a pellet della King.

Le dimensioni di questa stufa corrispondono a 47 x 48 x 90 cm, mentre il peso è di circa 90 Kg.

Le norme di sicurezza da adottare nel posizionare questo modello sono di: 10 cm di distanza minima per la parte posteriore (A), di 40 cm per la parte laterale (B) e di 150 cm per la parte anteriore.

In caso di presenza di oggetti particolarmente delicati quali mobili, tendaggi o divani, bisogna aumentare considerevolmente la distanza della stufa.

Le due pareti laterali, inoltre, devono essere accessibili per la manutenzione da parte dei tecnici autorizzati.

Il foro per inserire il tubo da 80 mm si trova in basso sul retro, come di consuetudine a tutte le stufe a pellet.

Questo dispositivo della King non avrà nessun problema a riscaldare fino a 160 metri cubi della vostra abitazione!

 

EVA Stampaggi Stufa a Pellet Camilla Potenza Termica 4 kW

Ecco che ritroviamo un’altra stufa della Eva Stampaggi.

La stufa Camilla, ha un peso di 40 Kg; anche lei, come il modello che abbiamo visto precedentemente, è in acciaio verniciato e dispone di un programmatore, termostato e scarico laterale / posteriore.

In grado di riscaldare dai 40 fino ai 100 metri quadrati, questo modello è profondo 27 cm, lungo 55 cm e alto 70 cm.

Il tubo da 80 mm va acquistato separatamente come per la maggior parte delle stufe a pellet sul mercato.

Il timer, inoltre, è programmabile giornalmente, settimanalmente e per tutto il mese.

Se impostata alla potenza minima consentita, questa stufa consuma meno di un kg di pellet l’ora.

 

Stufa a Pellet Zibro FIORINA 74 ROSSA

L’ultima stufa a pellet che vi consiglieremo in questa guida all’acquisto è la stufa Fiorina 74 della Zibro.

Capace di riscaldare ambienti fino a 200 metri cubi, questo modello ha un ottimo rapporto qualità-prezzo e si presenta in tre varianti di colore.

Provvisto delle più moderne funzioni, l’utilizzo risulta semplice e pratico, in modo da poter gestire il calore proprio secondo le vostre esigenze.

Programmabile, a stadi giornalieri e settimanali, con ripetizione in automatico del giorno precedente, questa stufa a pellet, ha alti standard di sicurezza.

La Fiorina 74, infatti, garantisce un funzionamento sicuro grazie ai vari sensori di cui è dotata: anti-surriscaldamento, controllo uscita fumi e termostato.

Dispone, inoltre, di comfort extra come la possibilità di gestirla da un comodo telecomando, la modalità economy, il recupero ceneri e la funzione turbo pulizia automatica del crogiuolo.

Un’altra prerogativa della stufa a pellet Fiorina74, è una resa termica particolarmente elevata, 92,7%; una convenienza non soltanto per l’elevata efficienza assicurata, ma anche perché permette di usufruire dei benefici offerti dalla Detrazione Fiscale.

 




I Pellet Sono Economici

Quando arriva il freddo, le spese di riscaldamento rappresentano un terzo di tutte le uscite annuali di una casa, ecco perché molti di voi stanno cercando modi più economici per restare al caldo.

Le stufe a pellet, oggigiorno, vengono inserite in camini già esistenti oppure installate separatamente, e funzionano come una specie di forno alimentato da pezzetti di segatura compattata, chiamati pellet.

Questi vengono bruciati ad una temperatura talmente alta che fa sì non creino intasamenti e producano pochissima cenere ed emissioni, riuscendo a mantenere sia l’interno che l’esterno più pulito.

La cosa migliore sta nel fatto che i pellet sono il doppio più efficienti nel riscaldare la vostra casa rispetto ai tradizionali camini; e, a seconda delle dimensioni dell’ambiente da riscaldare, possono essere usati persino come unica fonte di calore.

 

Come Funzionano le Stufe a Pellet?

Le stufe a pellet vengono alimentate automaticamente dalla coclea che, prelevando i pellet posizionati nel serbatoio, li lascia cadere all’interno del focolare dosandone la quantità necessaria.

Una stufa è formata da:

  • Scambiatori di calore: mandano l’aria riscaldata dal fuoco nella stanza.
  • Serbatoio: dove sono immagazzinati i pellet da bruciare.
  • Ventilatore o Convettore: fa circolare l’aria tra gli scambiatori di calore e la stanza.
  • Piatto: dove sono poggiati i pellet quando vengono bruciati.
  • Coclea (o vite senza fine, o vita di Archimede): preleva i pellet dal serbatoio e li lascia cadere nel piatto, dove poi prendono fuoco.
  • Raccogli cenere: raccoglie i resti dei pellet non bruciati.
  • Grata: consente all’aria della stanza di essere risucchiata all’interno dal ventilatore.
  • Aspiratore: fa uscire l’aria dal piatto.
  • Sfiato di scarico: elimina i gas di combustione.
  • Ventilatore di combustione: risucchia l’aria dall’esterno e fa uscire i gas di scarico.
  • Focolare di combustione: la fiamma che brucia i pellet.

 

Fare da Soli o Chiamare un Esperto?

A meno che non siate pratici nel tagliare buchi nelle pareti per la ventilazione, è meglio lasciare l’istallazione ad un professionista.

I tubi possono essere posizionati orizzontalmente in una parete esterna, verticalmente verso il soffitto, o su nel camino nel caso venga aggiunto un inserto.

Ovviamente, più il lavoro è complesso, più il prezzo sale.

 

Pulizia

Le stufe a pellet creano solo una frazione delle ceneri prodotte dalle vecchie stufe a legna o dai camini tradizionali, quindi dovrete pulirla molto meno frequentemente.

Se ad esempio la stufa viene usata giornalmente, dovrete svuotare il contenitore delle ceneri una volta a settimana.




Stufe a Pellet VS Stufe a Legna

La differenza principale tra una stufa a pellet ed una a legna, è che all’interno di una stufa a pellet è presente un dispositivo tecnologico con tanto di circuiti, un termostato, e delle ventole. Tutti questi elementi lavorano insieme in modo efficiente per riscaldare la vostra abitazione.

Ma vediamo ora più nello specifico altre differenze fondamentali tra i due modelli di stufa.

Efficienza

Pellet: il 60-80% di combustibile viene convertito in calore per la vostra casa.

Legno: il 30-80% di combustibile viene convertito in calore per la vostra casa. (il valore più alto riguarda le stufe certificate EPA, prodotte dopo il 1990)

Manutenzione

Pellet:

  • I pellet di alta qualità limitano la pulizia del contenitore di cenere ad una volta a settimana o anche meno.
  • Dovrete raschiare il piatto per rimuovere i residui di combustione e i pellet non bruciati, una volta a settimana.
  • Dovrete pulire e controllare le ventole all’inizio della stagione di riscaldamento.

Legno:

  • Rimuovere le ceneri ogni 1-3 giorni.
  • Pulire il camino, ispezionare la stufa e la guarnizione dello sportello all’inizio della stagione di riscaldamento.

 

Opzioni di Ventilazione

Pellet: emette poco fumo; lo scarico è posizionato all’esterno con una ventola, attraverso un tubo di sfiato orizzontale o verticale.

Legno: un sistema passivo richiede un camino verticale così che il fumo possa salire e fuoriuscire.

Disponibilità del Combustibile

Pellet: sacchi di pellet da 40 kili possono essere facilmente trovati nei supermercati, drogherie o nei negozi di ferramenta, durante il periodo invernale. I grossisti vendono anche pellet a tonnellata.

Legno: potete procurarvi il vostro legno da soli, ma solo durante la giusta stagione. Il legname viene anche venduto al fascio presso specifici negozi o da professionisti.

Immagazzinamento del Combustibile

Pellet: i sacchi di pellet dovrebbero essere tenuti all’interno per prevenire la formazione di muffa.

Legno: il legno può essere immagazzinato coperto all’esterno e lontano dalla casa per prevenire eventuali danni da termiti.

 

Cos’è Un Pellet?

Un pellet è una piccola pillola di scarti di legno, per lo più segatura.

I pellet hanno un basso contenuto di umidità, 5-10%, rispetto al 20% della classica legna da ardere.

In alcuni paesi potete trovare pellet di erba o di gambi di mais. Anche i semi di mais possono essere un valido sostituto dei pellet tradizionali.

 

Quali Dimensioni Deve Avere la Mia Stufa a Pellet?

La performance della stufa a pellet che comprerete sarà condizionata dalla disposizione della vostra casa, l’isolamento e il clima, ma solitamente 1465 Watt sono sufficienti per riscaldare 18 metri quadrati.

Per avere una risposta sicura riguardo a quali dimensioni debba avere la vostra stufa, fate venire a casa un professionista e fatevi consigliare il modello più adatto.

Tenete a mente, però, che il calore emesso dalla stufa sarà più concentrato nelle stanze vicino al luogo dell’istallazione.




Installare la Stufa a Pellet

  • Distanze di sicurezza: a causa del grande calore che emettono, le stufe a pellet devono essere posizionate ad almeno 91 cm di distanza da altri mobili e tendaggi, e lontano dalle zone trafficate della casa specialmente se in presenza di bambini piccoli.
  • Ventilazione: lo sfiato di scarico che può essere posizionato orizzontalmente in una parete esterna, verticalmente verso il soffitto o su nel camino, deve essere ben sigillato per evitare che i gas di scarico entrino in casa.
  • Alimentazione: quasi tutte le stufe a pellet necessitano di una presa di corrente nelle vicinanze per far funzionare le ventole, il termostato e i circuiti. Nel caso la stufa sia la vostra unica fonte di calore, considerate la possibilità di comprare una batteria di emergenza nel caso vada via la corrente.
  • Protezione del pavimento: le stufe a pellet devono essere posizionate su una superficie non combustibile, come pietra o ceramica, per evitare eventuali incendi.

 

Inserto da Camino o Stufa Indipendente?

Le società producono entrambi i modelli: la stufa a pellet inserto da camino e la stufa a pellet indipendente.

Per coloro che già possiedono un camino, un inserto sarà certamente la scelta più vantaggiosa, dal momento che richiederà meno lavoro durante l’istallazione ed un canale di ventilazione già esistente.

Se invece abitate in una casa più moderna, senza comignolo, vi converrà ovviamente acquistare una stufa a pellet indipendente. Avere una stufa ed un canale di ventilazione nuovi di zecca di sicuro non vi dispiacerà.