Scopri la Sarta Che C’È in Te con le 6 Migliori Macchine Tagliacuci

Nel mondo del cucito professionale e casalingo la migliore macchina tagliacuci occupa un posto tutto speciale.

Non si limita infatti a cucire la stoffa: la può tagliare e nello stesso passaggio può rifinire il bordo tagliato per evitare che si sfrangi.




Qual è la migliore macchina tagliacuci?

Chi ama fare i lavoretti di sartoria non può fare a meno di una taglia e cuci. Ma come scegliere questo tipo di apparecchio? Sul mercato ce ne sono di così tanti modelli…

L’acquisto attraverso il servizio di vendita online ti consente di ottenere numerosi vantaggi. Innanzitutto la scelta. Nel web puoi trovare un’ampia gamma di modelli di marca, tutti contraddistinti da un’elevata qualità.

Puoi anche leggere le opinioni e i test degli utenti pubblicati nelle pagine dei diversi prodotti: ti saranno di prezioso aiuto per identificare la macchina più adatta alle tue esigenze specifiche.

Per non parlare della comodità: con un semplice clic riceverai l’apparecchiatura direttamente a casa tua.

E, non da ultimo, il prezzo: ogni proposta viene venduta al prezzo più basso del mercato, per farti risparmiare in modo intelligente.

 

Tagliacuci Brother Lock 2104D

La migliore per: aghi di tipo standard

È un modello overlock compatto a 3 o 4 fili con sistema di infilatura facilitato. Ha un sistema di trasporto con differenziale, per evitare le onde nel tessuto.

Offre la funzione di cucitura velocizzata di orli roulé. L’illuminazione a led consente di tenere sempre sotto controllo ogni passaggio della lavorazione.

Utilizza aghi standard per macchine da cucire.

  • Compatta
  • Leggera
  • Con maniglia

 

 

Macchina da cucire tagliacuci Singer Ultralock 14SH654

La migliore per: cucire tessuti elasticizzati e spessi

Si tratta di una macchina elettronica con 5 punti. Garantisce cuciture più resistenti ed è particolarmente adatta per tessuti elasticizzati e che tendono a sfilacciarsi.

Molto robusta, permette di cucire anche su tessuti difficili e spessi. Inoltre, può effettuare cuciture decorative. Il trasporto differenziale garantisce cuciture precise, senza pieghe e arricciature, con la possibilità di impostare un effetto ondulato.

  • Infilatura facile
  • Semplice utilizzo
  • Elettronica

 

Pfaff Hobbylock 2.0

La migliore per: braccio libero

Questa tagliacuci a 4 fili e 2 aghi offre varie opzioni di punti utili e decorativi. Il braccio libero è ideale per cucire polsini, maniche e altre aree di piccole dimensioni.

Consente di regolare la lunghezza dei punti, la larghezza di taglio e la pressione del piedino.

Grazie all’altezza extra del piedino si possono sistemare stoffe pesanti o a più strati. La macchina raccoglie i ritagli di stoffa

  • Robusta
  • Infilatura semplice
  • Regolabile

 

Juki MO-50e

La migliore per: rapporto qualità e prezzo

Il trasporto differenziale regolabile è facilmente manovrabile tramite un apposito sele­ttore. Si può rapidamente realizzare l’orlo rollato automatico e non è necessario cambiare il piedino o la placca.

L’infilatura automatica del crochet inferiore perme­tte una facile infilatura in pochi secondi. La lunghezza del punto è regolabile attraverso un’apposita manopola, con una scelta da 1 a 4 millimetri.

  • Silenziosa
  • Pratica
  • Versatile

 

Husqvarna Viking Huskylock S15

La migliore per: multifunzione

Consente di ottenere risultati ottimali con 2, 3 e 4 fili su tutti i tipi di tessuti, da quelli elastici a quelli velati.

Il sollevamento extra del piedino consente di assemblare strati spessi di tessuti e trapunte.

Dispone di molteplici funzioni pratiche, incluso 15 punti di lunghezza regolabile, orlo arrotolato incorporato, braccio libero per cucire maniche e gambe dei pantaloni, controllo elettronico della velocità.

  • Elettronica
  • Infilatura veloce
  • Regolabile

 

Toyota SLR4D

La migliore per: dimensioni compatte

È un’apparecchiatura leggerissima a 3/4 fili, con pedale a controllo elettronico. Si rivela adatta al taglio e alla rifinitura di tutti i tipi di tessuto.

Il punto è regolabile in lunghezza da 0,7 a 5 millimetri e in larghezza da 4,2 a 6 millimetri.

Il sistema di infilatura colorata previene un’infilatura sbagliata. La velocità di cucitura è di 1500 rpm.

  • Leggera
  • Controllo elettronico
  • Regolabile





A cosa serve la tagliacuci?

Più che differenziarsi da una tradizionale macchina da cucire, una tagliacuci ne è l’ideale complemento. Consente infatti di rifinire in modo professionale i lavori di cucito per la casa, per realizzare rifiniture interne e decorazioni esterne perfette.

È inoltre uno strumento versatile perché riesce a cucire anche i tipi di stoffa più difficoltosi, come i tessuti in maglina, lycra ed elastici con filo di nylon.

Si rivela fantastica per rifinire gli orli, per le cuciture aperte, in modo che si possa evitare di sfrangiare la stoffa.

Con la maggior parte delle tagliacuci è possibile eseguire anche tantissime decorazioni, con tecniche decorative da prêt-à-porter!

Inoltre l’apparecchiatura consente di risparmiare tempo con una media di 1000 punti al minuto e permette di cucire come una professionista.

 

Trasporto differenziale tagliacuci?

Le tagliacuci migliori sono dotate di un trasporto differenziale che fa scorrere i tessuti, senza la necessità di tirarli o stropicciarli.

Si possono così eseguire cuciture perfette anche su quelle stoffe molto fini, che tendono a scivolar via o si arricciano. Se si modifica la tensione, consente di effettuare anche le increspature.

 

Utilizzo della tagliacuci?

L’utilizzo della tagliacuci è rivolto soprattutto ai capi d’abbigliamento, cuce e rifinisce contemporaneamente tagliando il tessuto in eccesso, lavora senza problemi con ogni tipo di tessuto dal più leggero al più pesante.

Grazie a dei piedini specifici, può arricciare, applicare elastici, perline e cordoncino, realizza orli arrotolati in un attimo e molto altro ancora su ogni tipo di stoffa. Per dirla in modo semplice i molti modelli disponibili, ciascuno dei quali offre diversi tipi di punti, può cucire contemporaneamente una combinazione di 2-3-4-5 fili e con uno o due aghi, per unire tutte le cuciture in un’unica operazione.

In effetti se ci si guarda intorno a casa propria si può osservare che quasi tutte le cuciture dei tessuti (dai tendaggi, alle cuciture interne di un cuscino, dalle camicette alle camicie) sono state eseguite da una macchina tagliacuci.

A seconda del marchio e del modello, si può anche avere un’ampia varietà di bordi, diversi e perfetti, per poter completare la tua cucitura.

 

Come funziona la tagliacuci?

Nasce spesso spontanea una domanda: come usare questo tipo di apparecchio? La tagliacuci funziona con due crochet e l’ago si infila in modo da formare un sopraggitto. I crochet della tagliacuce portano i fili che formano le anse sui due lati della stoffa, in modo da fissare i bordi non rifiniti.

Questi fili si intrecciano con quelli degli aghi per formare un punto di sopraggitto. Per il sopraggitto con 2 e 3 fili, si utilizza un ago; per il sopraggitto con 4 fili se ne impiegano due.

Esistono anche modelli che possono realizzare la rifinitura a “5 fili di sicurezza” di cui 2 sono usati per formare una cucitura diritta chiamata punto catenella e 3 per rifinire il bordo del tessuto.

Questo è un punto molto utilizzato in ambito industriale per la confezione di abiti da lavoro, jeans e dove c’è bisogno di una cucitura molto resistente abbinata alla sorfilatura.

 

Speciali punti tagliacuci?

Un tipo particolare di tagliacuci è quella che permette oltre che il normale taglio e cucito, anche la realizzazione del punto di copertura o collaretto. Questi modelli sono indicati in modo particolare per un cucito avanzato e si rivelano adatti a chi vuole evitare l’acquisto di due diverse macchine.

In un’unica struttura viene infatti integrata una sofisticata tagliacuci e una a punto di copertura, in grado di eseguire almeno quattro diversi tipi di punto.




Infilare aghi tagliacuci?

Già, come infilare gli aghi della tagliacuci? Anche se sembra un vero e proprio gioco di abilità, in realtà infilare i fili di questa apparecchiatura non è difficile: le macchine moderne dispongono infatti di diverse piste colorate che aiutano in questo tipo di operazione.

Ogni filo dispone di un proprio comando di tensione, per consentire di regolare la tensione dei fili e cucire praticamente su qualsiasi tipo di tessuto.

Quella del cambio fili potrebbe sembrare un’operazione noiosa, ma quando si è imparato il percorso ogni passaggio avviene in modo semplice e veloce.

Il trasporto differenziale è sempre presente su queste macchine, dato che la maggior parte dei tessuti è sintetica: si evitano così grinze e arricciature per cucire tessuti elasticizzati.

Viene anche offerta la regolazione della lunghezza punto e della larghezza del taglio per un risultato sempre perfetto su qualsiasi materiale.

 

Spolette per tagliacuci?

In generale una macchina tagliacuci consuma molto più filo rispetto ad una tradizionale macchina per cucire. Per tale motivo, le case che producono il filo lo realizzano su spolette a cono di grande formato.

Per tessuti pesanti o di peso medio è indicato l’utilizzo di rocchetti di filo per cucire di tipo comune, che sono disponibili in diverse colorazioni. Di solito, questo tipo di filo, che è fatto apposta per le macchine taglia-cuci ha una grammatura più leggera di quello normale proprio per evitare filati molto grandi. Il filo leggero riduce il volume del filato di una macchina tagliacuci.

Il filo utilizzato dalle normali tagliacuci è al 100% cotone, oppure al 100% sintetico o anche misto di fibra sintetica e cotone.

La qualità del filo che si sceglie per cucire con una tagliacuce è molto importante. Bisogna utilizzare fili ritorti e sottili, e in modo uniforme, che abbiano poche fibre che sporgono. L’ideale è che siano completamenti lisci. Un punto perfetto non può di certo essere realizzato con un filo irregolare o peloso.

Se regolando la tensione della macchina, la qualità del punto non cambia, si consiglia di sostituire il tipo di filo che si utilizza, con una marca diversa o un tipo diverso. Inoltre, c’è da ricordare, che non è detto che un filo che va bene per un tessuto, sia adatto a qualsiasi tipo di tessuto.

Potrebbe quindi essere utile fare diverse prove, per avere poi in casa tutti i fili necessari a nostri lavoretti.

 

Tutorial per tagliacuci?

A prima vista una macchina tagliacuci potrebbe sembrare complicata da utilizzare, ma in fondo non è molto più impegnativa di una tradizionale macchina da cucire. Tra l’altro sono disponibili diversi DVD didattici, spesso forniti insieme all’apparecchio, che spiegano il significato della terminologia più in uso.

Per approfondimenti, si possono consultare i tutorial online e i numerosi libri dedicati all’argomento. Nelle ricerche online, basta digitare alcune delle parole chiave: punto copertura cos’è, punto overlock, oppure overlock significato.

 

Prezzo della tagliacuci?

Le macchine da tavolo per un uso domestico, saltuario e senza pretese, vengono proposte anche sotto i 200 euro. Sopra tale cifra si entra nel mondo delle macchine semi-professionali e professionali i cui costi possono essere anche superiori ai 1000 euro.

Considerando le potenzialità nell’uso di questa macchina potete sempre considerare l’acquisto come un investimento e puntare subito a una macchina di qualità e prestazioni superiori n grado di garantirvi ottimi risultati.




Reply