Operazioni Online Grazie ai 4 Migliori Lettori di Smart Card

La smart card è un supporto hardware con elevate potenzialità di elaborazione e memorizzazione dati ad alta sicurezza. Viene decodificata dal miglior lettore di smart card e dà accesso a una serie illimitata di operazioni.

L’utente è così in grado di interagire con moltissimi uffici di enti e amministrazioni, senza necessariamente doversi recare di persona per espletare una pratica.




Qual è il miglior lettore di smart card?

Le apparecchiature più evolute sono rapide, efficienti e consentono di leggere molteplici card, incluse la nuova Carta dei Servizi Regionali (quella di colore blu).

Per un utilizzo domestico non è necessario spendere un capitale, dal momento che anche un modello di tipo economico offre generalmente le funzionalità di base più richieste. Nella vendita online hai comunque sempre la possibilità di ottenere il prezzo più basso, con tante offerte che rendono l’acquisto ancora più vantaggioso.

 

 

Ewent EW1052 Lettore e Scrittore di Smart Card

Il migliore per: semplicità installazione e utilizzo

Facile da installare e utilizzare, supporta tutte le Smart Card più comuni. È progettato per soddisfare tutti i principali standard e specifiche del formato ID-1, incluse le carte di identificazione personale.

Compatibile con PC/SC e WHQL di Microsoft, ha una velocità di trasmissione di 12 Mbps. Viene fornito con un cavo di un metro.

  • Subito pronto
  • Versatile
  • Pratico

 

Digicom 8E4479 lettore di smart card CNS & CRS

Il migliore per: compatibile pc e Mac

Questo lettore di smart card consente di accedere ai servizi online, home banking e firma digitale. Legge molteplici tipi di carte, inclusa la nuova e carta servizi “blu”.

Contiene istruzioni dettagliate per l’uso della CSR. È dotato di porta usb ed è compatibile con Windows, Mac e Linux.

  • Flessibilità
  • Pratico
  • Compatto

 

Bit4id miniLector EVO

Il migliore per: dimensioni mini

Pesa solo 100 grammi e ha delle dimensioni veramente contenute: 6,6 x 6,7 x 1 centimetri. Si installa con facilità ed è subito pronto per l’uso.

Può essere utilizzato con tutti i tipi di smart card ed è compatibile con Windows, Mac OS X e Linux.

  • Leggero
  • Compatto
  • Compatibilità

 

Rocketek RT-SCR2

Il migliore per: inserimento card dall’alto

È un facile da installare tramite usb ed è in grado di leggere e scrivere i più diffusi formati di smart card. L’inserimento della card viene effettuato dall’alto, in modo pratico e veloce.

Può essere utilizzato per CAC (Common Access Card), ID governamentali, ID nazionali. È compatibile con i sistemi operativi Windows (32/64bit) XP/Vista/ 7/8/10.

  • Facilità installazione
  • Pratico
  • Compatto





Che cos’è una smart card?

Si dice che l’apparenza inganna. E così può essere difficile credere che, nonostante la sua sembianze di una comune tessera, la smart card accolga una tecnologia all’avanguardia. E la realtà virtuale entra nella vita di tutti i giorni.

Basti pensare che il suo cuore è costituito da un sofisticato microchip che include un circuito integrato, microprocessore, memorie RAM, ROM, EEPROM, antenne, ecc…

I dati contenuti nel microchip vengono decodificati da un apposito lettore di smart card (verificare la compatibilità per ipad, per mac, per pc) da collegare ad un computer mediante porta usb, seriale o parallela. In questo modo, ci si può interfacciare con l’ente o l’azienda che ha emesso quella determinata smart card e… ha inizio lo scambio di informazioni e di dati.

 

Quali tipi di smart card?

Le smart card possono essere di due tipi

  • una semplice scheda di memoria e archiviazione dati (memory card)
  • una scheda più interattiva che, mediante l’installazione di specifici software, è in grado di elaborare e memorizzare informazioni, salvaguardandone la sicurezza (microprocessor card).

La smart card a microprocessore, grazie alle caratteristiche di protezione dei dati intrinseci del microchip e alla presenza di un coprocessore crittografico che gli consente di eseguire le principali funzioni crittografiche on-board, si propone come il mezzo adeguato per proteggere i dati sensibili.

La crittografia diviene così il supporto tecnologico di base per lo sviluppo di sistemi informatici sicuri (che forniscono ad esempio comandi di accesso alla memoria con codici di verifica del PIN).

Inoltre prevede la firma digitale come un sicuro e insostituibile strumento per l’autenticazione e l’identificazione degli individui e per la verifica dell’integrità dei dati.

 

Utilizzo della smart card?

Ma a cosa serve la smart card? E come funziona?

Le applicazioni con smart card coprono numerosi campi che vanno dal settore pubblico a quello privato. Queste speciali tessere sono usate principalmente per la memorizzazione sicura dei dati e per autenticare e proteggere le transazioni elettroniche.

Alcuni esempi di smart card sono…

  • le sim card che usiamo per identificare il nostro smartphone (per Android e iPhone)
  • le carte di credito e debito utilizzate nei circuiti bancari e nei pagamenti POS
  • le tessere per la visione in chiaro di programmi o canali a pagamento diffusi via satellite o digitale terrestre
  • i titoli di viaggio nei sistemi di bigliettazione elettronica dei trasporti pubblici (soprattutto quelle di tipo contactless che contengono gli estremi di un abbonamento per accedere ai tornelli di ingresso)
  • i passaporti elettronici
  • la CIE (carte di identità elettronica italiana)
  • le carte d’identità emesse dai Paesi oltreconfini, come il DNI(Documento Nacional de Identidad)
  • la CNS (carta nazionale dei servizi) e la CSR (carta regionale dei servizi) che -per alcune regioni – contiene al suo interno anche la tessera sanitaria nazionale ed europea dell’Asl. Con la CNS si può accedere a numerosi tipi di servizi. Ricordiamo l’Inps Online (per verificare la posizione contributiva, i pagamenti, ecc.), i servizi dell’Agenzia delle Entrate (per pagare qualunque tipo di transazione tra privati e professionisti, o anche le tasse di locazione), lai servizi regionali per l’accesso ai servizi sanitari (prenotazioni online, accesso al proprio fascicolo sanitario), per pagare tributi o per presentare domande a concorsi
  • le smart card di Infocamere
  • le smart card per carte autista
  • carte pensione (social security cards)
  • schede elettorali elettroniche




Addio al PIN della smart card?

Il procedimento solitamente avviene attraverso l’inserimento di un codice PIN.

Tuttavia recentemente, grazie all’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa è stata elaborata una nuova applicazione che sostituisce al PIN i dati biometrici (impronte digitali in particolare ma anche iride, volto e voce) del titolare della smart card.

 

Lettore di smart card per CSN?

Per accedere ai servizi pubblici è necessario richiedere la card al cui interno sono memorizzati il codice PIN per accedere alla chiave privata della smart card, il codice PUK necessario per sbloccare la card nel caso di 3 tentativi di accesso con PIN sbagliato, chiavi private e pubbliche necessarie per controllare l’autenticità di documenti firmati digitalmente, dati personali e codice fiscale.

Per usare la CNS occorre attivarla presso gli sportelli abilitati di ciascuna regione e disporre del lettore di smart card compatibile con le specifiche PC/SC.

La specifica è composta da un insieme di librerie e dispositivi software usati nei maggiori sistemi operativi come Microsoft Windows, MacOS e Linux. Gli ultimi due utilizzano una versione libera delle librerie in questione.

Si procede poi a scaricare i driver compatibili che si trovano sui singoli siti regionali.

 

Altre applicazioni lettore smart card?

Per quanto i servizi di pagamento di altri settori non governativi (circuiti VISA, Mastercard, Bancomat e così via) è generalmente il gestore del servizio che concede in comodato d’uso il lettore specifico per le diverse carte.

Analogamente se avete attivato un abbonamento ad una Pay TV satellitare o digitale terrestre, il decoder che vi viene fornito avrà un apposito slot dove inserire la card dell’abbonamento per usufruire dei servizi richiesti. Qualunque nuova attivazione di servizio vi viene aggiornata mettendo in comunicazione il vostro decoder con la centrale servizi della pay-TV.

 

Scelta del lettore smart card?

La scelta del lettore deve essere effettuata in base all’utilizzo che si intende fare della card.

Si deve infatti prendere in considerazione il tipo di codifica, lo standard di comunicazione, lo spessore delle tessere e il materiale con cui vengono realizzate.

Per questo motivo, quando non si sia in grado di scegliere da soli il migliore lettore di smart card per le proprie necessità, può essere utile rivolgersi ad un esperto del settore. Anche le opinioni e i test pubblicati nei vari forum e blog possono essere di valido aiuto.

Si potranno quindi scegliere lettori mini che permettono un riconoscimento tramite strisciata o contatto, modelli idonei ad operare con carte di tipo contactless o modelli misti, che garantiscono diversi tipi di lettura carte, come le sd card, le micro sd e le media card.

 

Smart card contact o contactless?

La differenza tra le smart card contact e contactless sta nel tipo di interfaccia di collegamento esistente tra il microchip e il mondo esterno.

Le prime hanno una contattiera mediante la quale ricevono l’alimentazione e, una volta inserite nel lettore, sono in grado di dialogare con l’esterno.

Le seconde hanno un’antenna che reagisce alla presenza di un campo elettromagnetico emesso da uno speciale dispositivo di lettura/scrittura nella banda delle radio-frequenze (con tecnologia RFID), consentendo al microchip di scambiare dati con l’esterno (purché l’antenna si trovi entro una distanza minima dal dispositivo di lettura/scrittura).




Reply