Ravviva il Tuo Viso con i 5 Migliori Fard

Il miglior fard, oggi più conosciuto come blush (dall’inglese arrossire),

è un cosmetico utilizzato per dare colore al viso, donando anche un aspetto più giovane.

Generalmente consiste di una polvere compatta a base di talco colorata, che viene applicata con un pennello sulle guance, ma è possibile trovarlo anche in polvere libera, gel, mousse e in crema o in formulazione liquida.




Qual è il miglior fard?

La scelta del fard è strettamente legata alle proprie esigenze di look. Sul mercato le proposte di qualità non mancano di certo, ma non è sempre facile trovare quella più adatta tra i marchi come SephoraRevolution, Chanel

Le opinioni pubblicate nel web sono un valido aiuto per conoscere a fondo le caratteristiche dei vari prodotti. E per ordinarli al prezzo più basso… basta un clic!

 

Makeup Revolution Ultra Blush Palette

Il migliore per: lunga durata

È un elegante cofanetto, molto sottile, che si può tenere comodamente in borsetta. Contiene otto colori che si sfumano in modo omogeneo, senza causare antiestetiche macchie.

Facili da mescolare, sono piacevoli al tatto e garantiscono una coprenza ottimale su qualsiasi tonalità di pelle. L’applicazione dura un’intera giornata.

  • Da borsetta
  • Sfumature omogenee
  • Coprenza

 

L’Oréal Paris Le Blush

Il migliore per: esalta gli zigomi

Scolpisce ed esalta gli zigomi, consentendo di creare un look irresistibilmente intrigante. Per illuminare queste aree, l’azienda consiglia di partire da sotto e di sfumare verso la guancia.

È un fard opaco e molto pigmentato: ne basta poco per ottenere l’effetto desiderato e la durata è notevole.

  • Opaco
  • Molto pigmentato
  • Durevole

 

Deborah Fard Naturale 06

Il migliore per: le pelli più sensibili

È un fard dal finish naturale, che offre un effetto mat con una texture estremamente vellutata. È arricchito con Jewel Powder e regala vitalità alla pelle grazie all’azione degli oligoelementi minerali.

Il packaging di design dalla forma ergonomica è ispirato alle sinuosità della natura. Si rivela ideale anche per le pelli più sensibili.

  • Finish naturale
  • Effetto mat
  • Texture vellutata

 

Fard Rimmel London

Il migliore per: texture ultra setosa

Si fonde con l’incarnato per un effetto naturalmente radioso. Ha una texture ultra setosa e altamente sfumabile per consentire di ottenere un risultato omogeneo.

Il packaging include un pennello per effettuare veloci ritocchi durante la giornata anche quando si è lontani da casa. È disponibile in quattro varianti di colore.

  • Effetto naturale
  • Sfumabile
  • Accessoriato

 

Music Flower 5-Colors Blusher

Il migliore per: set completo

Questo pratico set combina cinque fard in un’ingegnosa struttura a scomparsa, molto compatta: natura, rose rosa, barbie rosa, crema arancione, corallo rosa, caramello

Nella parte più bassa della confezione è presente il pennello da portare sempre con sé nel kit.

  • Da borsetta
  • Completo
  • Idea regalo





Origini del fard?

La storia di questo prodotto da makeup è molto antica.

Già ai tempi degli Egizi venivano applicate speciali polveri colorate sulle gote e sulle labbra di donne e uomini, per proteggere la pelle dal sole e dalle aggressioni esterne.

E nella Grecia classica venivano usati ingredienti naturali, come i gelsi schiacciati, il succo delle barbabietole rosse la polpa delle fragole.

 

Dove si applica il fard?

Ma il blush cos’è e a cosa serve? Iniziamo con il dire che lo scopo miglior-farddel fard è quello di aggiungere un po’ di colore sulle guance per dare tridimensionalità al viso, ottenendo oltretutto un bel colorito sano. Una leggera passata, infatti, ravviva subito il viso in modo del tutto naturale, soprattutto se i colori che utilizzi sono tenui e delicati.

Il punto perfetto per applicarlo è strettamente legato alla forma del viso: è necessario sapere qual è il punto dove sfumare la polvere per dare il giusto risalto ai lineamenti.

Per trovare questo punto, basta sorridere. Così facendo di possono notare dei rigonfiamenti al centro del viso. Ed è proprio lì che si andrà a sfumare il fard.

Naturalmente ciascuna troverà il proprio make-up ideale solo sperimentando i diversi metodi di applicazione. Perciò un viso particolarmente tondo potrà sfumare il prodotto più in verticale verso le orecchie, mentre chi lo ha maggiormente asciutto potrà focalizzare il prodotto più al centro del volto.

 

Tipi di fard?

I blush in polvere compatta sono tra i più comuni e conosciuti. Si tratta di prodotti dalla texture e dall’aspetto simile a quello degli ombretti mono, in cialde più grandi.

Hanno diverse finiture. Tra queste è importante sicuramente citare le varianti opache, i blush satinati, i fard luminosi e anche quelli con i glitter, anche se ultimamente questi ultimi sono meno in voga.

Trattandosi di un prodotto versatile e universale i fard di tipo secco sono perfetti per tutti i tipi di pelle, l’unica accortezza da avere è quella di scegliere il giusto finish.

Vi sono poi i blush in crema o mousse, perfetti con spugnette da trucco ma anche con i pennelli da fondotinta e persino da applicare con i polpastrelli.

Le polveri sono le più facili da usare, soprattutto con pennelli professionali di setole morbide che mantengono molto trucco per rendere gradazioni naturali e finiture.

 

Scegliere il colore del fard?

La scelta dei colori da indossare è fondamentale per valorizzare tutto il viso nel modo migliore. Tantissimi sono i colori disponibili, dal rosa molto chiaro fino al marrone bordeaux.

Quando si sceglie il fard occorre orientare la preferenza verso quelli di 2/3 tonalità più scure della propria pelle o del fondotinta.

Fate attenzione al colore perché un colore di fard eccessivamente scuro tende ad indurire i lineamenti del viso.

In generale, possono valere i seguenti accostamenti cromatici:

  • con la pelle chiara può andar bene un rosa delicato, che ha il vantaggio di illuminare il viso, donandogli un colorito vivace e mettendo in evidenza gli zigomi con discrezione
  • se avete la pelle di tonalità media si consiglia di usare un fard non troppo chiaro ma neppure troppo scuro. Potete scegliere il color pesca, il color albicocca e il rosa scuro fino al rosso
  • alla pelle scura si addice un fard color albicocca, color mattone, beige o color prugna: l’epidermide viene illuminata da questi colori e l’incarnato acquista intensità
  • in caso di pelle olivastra potete orientarvi verso i toni del mattone chiaro, dell’ambra e del bronzo. Un fard di questa tonalità sarà in grado di scolpire i vostri zigomi donando sensualità al viso.




Fondotinta e fard?

È sconsigliato stendere il fard senza prima avere applicato il fondotinta ed eventualmente anche un velo di cipria (dello stesso colore del fondotinta) che rende l’epidermide più vellutata.

Il fondotinta serve per dare uniformità alla pelle e mascherare le imperfezioni, e va steso con le dita o una spugnetta in lattice. Deve essere messo anche su collo e orecchie. Il suo colore dev’essere il più possibile simile a quello della cute.

 

Rossetto e fard?

Il fard non segue spesso i dettami della moda, come avviene invece generalmente per gli altri cosmetici.

Però ricordatevi sempre di abbinare cromaticamente fard e rossetto: non commettete l’errore, ad esempio di scegliere un fard rosa acceso (tono freddo) e un rossetto color cacao (tono caldo).

 

Come applicare il fard?

L’applicazione del fard necessita di molta attenzione più che di bravura. Dapprima vi dovete mettere nelle condizioni ideali di luce in modo da porre in risalto tutte le aree del viso.

Usando poco prodotto per volta stendete il cosmetico partendo sempre dalle tempie e poi procedete verso la parte centrale delle guance effettuando movimenti circolari con un pennello cilindrico medio o grande, con le setole morbide.

Evitate di arrivare troppo in prossimità dell’occhio e di scendere sotto il livello del naso.

A questo punto controllate il risultato. Se dopo la stesura del primo strato di fard ancora non vi convince, potete applicare sopra altro prodotto finché non avete raggiunto la gradazione desiderata. Eventuali eccessi si possono rimuovere con un dischetto di cotone.

Sono sempre più diffusi i tipi a lunga tenuta che consentono di evitare continui ritocchi del make-up durante la giornata.

 

Pennello per il fard?

L’applicazione varia da prodotto a prodotto. Per fard molto pigmentati conviene scegliere pennelli con setole poco fitte per diffondere il colore in maniera leggera.

Al contrario, se il prodotto è poco pigmentato è più utile munirsi di un pennello dalle setole fitte che trattengono più prodotto e lo rilasciano solo al momento dell’applicazione.




Leave a Reply