Dissipatori Di Rifiuti: Il Miglior Cestino è… Il Lavandino!

migliori-dissipatori-di-rifiuti

Il miglior tritarifiuti da lavello consente di eliminare gli scarti e gli avanzi di cibo senza doverli buttare nel secchio della spazzatura. È una soluzione molto pratica, che aiuta a mantenere la cucina priva di odori e, nello stesso tempo, evita di attirare insetti e parassiti.

Un dissipatore alimentare si installa con facilità, lavora silenziosamente e macina gli scarti alimentari in microscopiche particelle. E al termine di questa operazione li manda giù per lo scarico del lavello.

La tipologia di rifiuti alimentari che può essere “digerita” da un tale elettrodomestico è veramente ampia: si va dalla pastasciutta avanzata (ovviamente quella non riutilizzabile) alle bucce della frutta, dalle scorze degli agrumi ai gusci delle uova, per arrivare addirittura alle ossa, alle noci e così via.

 

Come funziona

Il dissipatore di rifiuti alimentari (noto anche con la sigla DRA) è un dispositivo compatto da installare sotto il lavandino. È dotato di un motore ed è costituito da una camera in acciaio rinforzato.

Al suo interno si trova un meccanismo che, attraverso l’azione combinata di martelletti e ruote dentate, si occupa della triturazione degli avanzi di cibo. Una volta ridotti in poltiglia, questi passano nel tubo di scarico e vengono quindi immessi nel sistema fognario.




Per ridurre gli sprechi

L’impiego di un dissipatore di rifiuti alimentari è in piena sintonia con la sempre maggior sensibilità dei consumatori nei confronti della tutela ambientale.

Non dimentichiamo che i rifiuti alimentari vegetali e animali in discarica sono tra le cause di produzione di metano, un gas che è tra i maggiori responsabili dell’effetto serra. Per questo le normative europee chiedono dalla metà degli anni Novanta la riduzione della frazione organica smaltita in discarica.

Secondo un’indagine di Ispra di qualche anno fa, si stima che se le famiglie italiane fossero dotate di dissipatore, ci sarebbe un decremento di costi per lo smaltimento dell’immondizia pari a molti milioni di euro all’anno.

In Italia la normativa che regola questa materia è compresa nel DL 152/199, modificato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3/1/2009. Qui si legge che l’uso del tritarifiuti è consentito solo “previo accertamento dell’esistenza di un sistema di depurazione da parte dell’ente gestore del servizio idrico integrato”.

Tocca in ogni caso all’utente utilizzatore verificare se, nel suo comune di residenza, queste condizioni esistano o meno.




I 5 migliori tritarifiuti da lavandino

I dissipatori moderni sono silenziosi, garantiscono uno smaltimento uniforme e sono dotati di standard di sicurezza tali da rendere impossibile qualsiasi incidente domestico. In commercio è possibile trovare modelli di varie dimensioni e con potenze d’esercizio che variano da 300 a 750 Watt.

Ciascun utente, in relazione alla quantità di scarti prodotti, ha la possibilità di scegliere dimensioni e potenza adeguate alle proprie esigenze. Vediamo qui di seguito quali sono i migliori dissipatori proposti oggi dalle aziende.




1. InSinkeErator Evolution 200

Il migliore per: famiglie numerose

È il modello top di gamma della linea Evolution, il più potente e il più silenzioso. Ha un motore a induzione da 0,75 cv ed è progettato con circuito per l’aumento di potenza con microprocessore (inverter).

La tecnologia di dissipazione a tre stadi garantisce un’emissione acustica molto contenuta. La camera di dissipazione, in acciaio inox, ha una capacità di 1180 millilitri. Il sistema di montaggio Quick-Lock semplifica al massimo le operazioni di installazione.

 

2. InSinkErator Evolution 100

Il migliore per: famiglie medie

Sviluppato con tecnologia di dissipazione a due stadi, questo dissipatore di rifiuti si rivela particolarmente silenzioso. Il suo motore a induzione è da 0,70 cv.

Il filtro a cestello e il piatto rotante sono in acciaio inossidabile. La camera di dissipazione ha una capacità di 1005 millilitri.

Fra le sue le sue caratteristiche si ritrovano il sistema di triturazione Auto-Reverse Grinding System e il tappo salvaposate a cestello.

 

3. InSinkErator 45

Il migliore per: piccoli nuclei familiari

Si tratta del modello base proposto dall’azienda, con tecnologia di dissipazione a uno stadio. È dotato di camera di dissipazione standard con una capacità da 980 millilitri.

Il suo motore a induzione è da 0,50 cv e i componenti di triturazione sono in acciaio galvanizzato. L’interruttore pneumatico è disponibile come accessorio.

Realizzato all’insegna della massima sicurezza, il dispositivo è protetto dal sovraccarico.

 

4. Dissipatore Franke WD 75

Il migliore per: semplicità di installazione

Si installa senza alcuna modifica sotto i lavelli standard con foro da 90 millimetri (pilettone 3” e 1/2). I suoi componenti trituranti sono in acciaio inox, molto resistenti e anti-corrosione.

Il dispositivo è progettato con anti blocco automatico, sistema di aggancio rapido, cuscinetti autolubrificanti. La camera di triturazione è protetta da un sistema di isolamento acustico. È in classe 0,75 Hp.

 

5. Franke WD 50

Il migliore per: rapporto qualità/prezzo

Dissipatore FRANKE WD 50 -...
3 Voto

Ha un motore da 59 Hp e si installa con facilità sotto qualsiasi lavello standard con pilettone 3” e 1/2. Offre evolute prestazioni come l’anti blocco automatico, componenti trituranti in acciaio inox, sistema di aggancio rapido, cuscinetti autolubrificanti e tappo per lavello inox e gomma anti-corrosione.

Ha una protezione da sovraccarico. Le sue dimensioni sono pari a 166,9 x 360,7 millimetri.