I 5 Migliori Coltelli Santoku: W la Cucina Giapponese!

Con la scoperta di piatti come il sushi e il sashimi non potevo fare a meno dei coltelli giapponesi che si usano nella preparazione di queste specialità.

Sarebbe bello avere un santoku originale ma ne vale la pena? Tra acquisto, importazione e dogana mi tocca aspettare un botto di tempo e spendere un sacco di soldi.

Ma sono proprio così indispensabili? In fondo sono coltelli, non so nemmeno se paragonabili ai nostri migliori modelli professionali da cuoco che consentono di fare proprio tutto.

Leggo un sacco di commenti e opinioni sui forum online, pieni di note tecniche neanche si descrivesse la katana (spada giapponese) di “Highlander – L’ultimo immortale”.

Vedo che tanti dei migliori produttori sia europei che italiani di coltelleria hanno in catalogo questo tipo. Anche gli acciaioli della Valsassina, forse i più rinomati italiani da centinaia di anni, fanno ottimi coltelli santoku, gyutoh, ecc.

Non sarà la moda del momento a richiedere costosi coltelli originali damascati, solo perché vengono dal Giappone?




Qual è il miglior coltello santoku?

La domanda è legittima: quali sono le caratteristiche valutare nell’acquisto del miglior coltello santoku?miglior-coltello-santoku

La parola “santoku” significa letteralmente “tre virtù”. Il nome di questo coltello è stato scelto per rappresentare i suoi tre principali usi: tagliare, tagliare e tagliare (carni, pesce e verdure).

Rispetto a un coltello da cucina, il santoku ha molti usi più specifici: lavora più sui particolari, come la creazione di fette sottili di verdure per guarnire le preparazioni.

Per questo, la sua lama è sottile, affilata, con un angolo molto acuto per penetrare attraverso la buccia di frutta o verdura, o per incidere la pelle del pesce senza danneggiarla.

Deve anche essere in robusto acciaio, meglio se ad alto tenore di carbonio che offre una maggiore forza.

Due altre caratteristiche dei coltelli santoku sono le lame alte e le fossette lungo il bordo di taglio. Da un lato quando affondi per creare una listella perfetta vuoi che tutta la profondità del taglio sia diritta, dall’altro quando affetti le verdure vuoi evitare che ti rimangano aggrappate alla lama.

Guarda bene quello che trovi sul mercato e scegli tra prodotti di marca. La qualità la devi pagare e nella vendita online trovi sempre un prezzo più economico.

 

#1 Coltello Santoku con lama alveolata Chroma P-21

Il migliore per: lama alveolata

Ciò che contraddistingue questo modello è la sua lama alveolata. Grazie a questa peculiarità, durante il taglio si formano dei cuscini d’aria che si interpongono tra la lama e il cibo, in modo tale da ridurre al minimo l’attrito e l’aderenza degli alimenti.

Ecco perché il coltello si rivela particolarmente adatto per tagliare il salmone affumicato, il prosciutto, le patate e tutti quei cibi che tendono ad attaccarsi fastidiosamente alla lama, creando il cosiddetto effetto “ventosa”.

La lama ha una lunghezza di 17,3 centimetri ed è affilata da entrambi i lati. La forma triangolare del manico permette una presa salda e impedisce accidentali rotazioni dell’impugnatura. Il design è di F.A. Porsche.

  • Affilato su due lati
  • Presa salda
  • Design

CLICCA QUI PER OTTENERE MAGGIORI DETTAGLI SU AMAZON [/ su_button]

 

#2 Coltello in acciaio di Damasco A.P. Donovan

Il migliore per: multifunzione

Questo coltello si fa apprezzare per la sua grande versatilità. Non solo è ideale per tagliare carne e pesce, ma si rivela particolarmente adatto per affettare le verdure e tritare le spezie.

È realizzato in robusto acciaio indurito (9Cr17MoV), che non teme la ruggine. Il manico è in legno Pakka, costituito da specie legnose di noce, pino e canfora. Il coltello ha una lunghezza totale di 32,4 cm e la lama misura 19,5 cm.

  • Robusto
  • Anti-ruggine
  • Ergonomico

CLICCA QUI PER OTTENERE MAGGIORI DETTAGLI SU AMAZON [/ su_button]

 

#3 Coltello Santoku Zwilling Twin Cermax

Il migliore per: affilatissimo

Realizzato in collaborazione con chef giapponesi nel rispetto della più autentica tradizione nipponica, ha una lama di 18 centimetri, molto affilata e precisa.

È prodotto in acciaio speciale con una durezza di circa 66 HRC. La lunghezza totale del coltello è di 31 cm e il peso è dii 212 grammi

  • Preciso
  • In acciaio speciale
  • Versatile

CLICCA QUI PER OTTENERE MAGGIORI DETTAGLI SU AMAZON [/ su_button]

 

#4 Miyabi 34374-181-0 Coltello giapponese Santoku

Il migliore per: equilibrio di forme

Curato fin nei più piccoli dettagli, rappresenta il coltello nella sua forma più pura. È progettato con l’obiettivo di esprimere una perfetta armonia fra materiale e funzionalità.

Si rivela classico e familiare ma, al tempo stesso, innovativo e funzionale senza compromessi.

E in questo modo, l’associazione tra materiali esclusivi e tecnologie all’avanguardia trasforma l’uso di questo coltello in un’esperienza emotiva. La lama ha una lunghezza di 180 cm.

CLICCA QUI PER OTTENERE MAGGIORI DETTAGLI SU AMAZON [/ su_button] 

 

#5 Kai TDM1702 Coltello Santoku Shun

Il migliore per: anche per mancini

Con i suoi 32 strati in acciaio damasco non teme l’attacco della corrosione. La lama è impreziosita da una martellura manuale in superficie, che in Giappone è conosciuta come Tsuchime, combinando così le qualità estetiche senza tempo con una nitidezza eccezionale.

La lama ha un nucleo massiccio di acciaio VG-10 con una durezza di 61 ± 1 HRC. Non solo rende il lavoro più facile, ma aiuta durante la cottura a girare bene il cibo.

Grazie alla forma simmetrica del manico in noce, questo coltello garantisce una performance di taglio preciso sia per destri che per mancini.

  • Anti-corrosione
  • Estetica
  • Precisione

CLICCA QUI PER OTTENERE MAGGIORI DETTAGLI SU AMAZON [/ su_button]



Reply