Conosci i 14 Benefici del Succo di Karela

Il karela (il cui nome scientifico è “Momordica charantia”) è una pianta tropicale coltivata in tutta l’India, l’Africa e i Caraibi principalmente per raccogliere i suoi frutti amari.

Commestibili, questi frutti assomigliano a piccoli cetrioli pieni di protuberanze. Il sapore è a metà tra quello della zucca e quello della zucchina. In Italia, è noto anche col nome di zucca amara, o melone amaro. Tanto che, per mitigare il suo sapore amaro, il karela viene raccolto prima che giunga a completa maturazione.

Lo si consuma prevalentemente cotto, proprio come fosse una zucchina, smorzandone il suo sapore amaro con il sale o alcuni condimenti. È un ingrediente ampiamente utilizzato in molti tipi di cucina etnica.

Il gusto estremo è la ragione più probabile per cui il frutto è poco consumato in Occidente, mentre in diversi Paesi asiatici è un alimento quotidiano molto versatile in cucina. Tra l’altro, è ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo.




Dove trovare il succo di karela?

Il succo di karela è a volte è difficile da trovare nei negozi, quindi si potrebbe provare a Benefici-del-Succo-di-Karelacoltivare da sé la pianta per poi raccogliere i frutti.

Essendo una cucurbitacea, la si semina e si fa crescere proprio come un cetriolo: si mettono a dimora 2 o 3 semi, distanti 70/80 centimetri uno dall’altro, e si annaffia il terreno in abbondanza.

A settembre, i frutti possono essere raccolti. Il frutto va utilizzato quando non è ancora giunto a maturazione: occorre che la buccia sia verde, man mano che matura diventerà sempre più gialla. Il frutto dovrebbe essere sodo, fresco e acquoso.

Se non hai il pollice verde o non hai lo spazio per coltivarlo, puoi provare a cercarlo nei negozi etnici. Tuttavia, dato che questo frutto è generalmente utilizzato quando è ancora non maturo, il trasporto e lo stoccaggio a scaffale necessari per i prodotti non coltivati ​​localmente non è molto pratico. Il rischio è che maturi eccessivamente e si deteriori.

Si può anche ordinare il succo di karela già pronto, direttamente nella vendita online.

 

Come si prepara il succo di karela?

Per produrre il succo, non devi far altro che tagliare il frutto a metà. Con l’aiuto di un cucchiaio, scava quindi la polpa bianca e tieni solo la parte esterna più verde (proprio come quando si elimina la parte bianca interna della zucchina per farla ripiena).

Tagliala a pezzetti e frullala con poca acqua per uno o due minuti. Puoi consumare subito il succo così ottenuto, oppure lo puoi filtrare con un colino per separare il liquido dai residui più grossolani e solidi (che si possono premere lungo la griglia per recuperare più succo possibile).

Per eliminare il gusto amaro lo si può diluire in qualche altro succo o trattarlo con qualche goccia di limone, dello zenzero e del miele.

Un altro uso pratico è di aggiungere altri tipi di frutta e fare un blend o uno smootie: così si associano le proprietà del karela con quella di altra frutta.

 

1. Succo di karela valori nutrizionali

Al primo sguardo, i dati nutrizionali del frutto e del succo di karela non rivelano nulla di straordinario. La composizione è fatta principalmente zucchero, acqua, con tracce di vitamine e minerali vitali. È vero, è ricca di vitamina C e potassio e povero di calorie.

Ma il suo vero potere risiede nei composti fitonutrienti. Che si tratti delle vitamine o dei minerali, il karela ha tutto. Il consumo regolare di succo di karela soddisfa la carenza di importanti nutrienti di cui necessitiamo quotidianamente.

È una ricca riserva di tutte le vitamine idrosolubili come la vitamina C, B1, B2 e B3. Contiene anche minerali come zinco, alcaloidi, manganese e acido folico. Il contenuto in vitamine e in minerali nei frutti amari sono molto più alti rispetto a quelli delle altre verdure verdi che sono comunemente utilizzate.

Ecco i valore nutrizionali per 100 g di succo di Karela (energia: solo 17 kcal)

  • carboidrati 3,7 g
  • proteine 1 g
  • lipidi totali 0,17 g
  • fibra alimentare 2,8 g
  • sodio 5 mg
  • calcio 5 mg
  • potassio 296 mg
  • rame, ferro, zinco, manganese
  • vitamina C, vitamine del gruppo B (B1 tiamina, B2 riboflavina, B3 niacina, B6 piridossina, B9 acido folico), vitamina A
  • contiene inoltre flavonoidi: beta-carotene, o-carotene, luteina, zea-xantina

 

2. Prezioso in caso di diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una condizione che fa sì che il corpo non possa produrre abbastanza insulina o non sia in grado di rispondere alla necessità di produrla. L’insulina è vitale per il trattamento dei carboidrati.

Quando è scarsamente disponibile, il livello di glucosio nel sangue si eleva, causando una moltitudine di problemi. L’assunzione regolare di succo di karela aiuta a prevenire l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue, perché contiene un composto simile all’insulina (chiamato polipeptide-p o p-insulina) che si è dimostrato capace di controllare il diabete in modo naturale.

Fai attenzione, però: se assumi troppo succo di karela corri il rischio di avere troppo poco zucchero nel sangue ed entrate in un a condizione di ipoglicemia.

L’effetto del succo di karela sui pazienti diabetici è uno pochi casi studiati nella sostanza dalla medicina occidentale.

 

3. Contrasta alcuni tipi di cancro

Il cancro è una malattia che causa una crescita anormale delle cellule e può generarsi in qualsiasi parte del corpo. È notoriamente difficile da trattare, perché se non contrastato per tempo obbliga ad effettuare trattamenti di chemio e radarterapia.

Gli studi hanno messo in evidenza che il succo di karela amaro impedisce alle cellule di cancro del pancreas di metabolizzare il glucosio. Il succo di karela aiuta a contrastare alcuni tipi particolari di cancro.

 

4. Combatte l’HIV / AIDS

Sai sicuramente che l’ HIV (virus dell’immunodeficienza umana) è una malattia grave che colpisce il sistema immunitario. È un precursore dell’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).

Alcuni dei composti di fitonutrienti nel frutto sono stati isolati e hanno dimostrato nei test di laboratorio di essere efficaci nel combattere il virus dell’HIV. Mancano esperimenti controllati che provano senza dubbio che il karela può agire come trattamento per l’HIV / AIDS.

Si è ancora nella fase sperimentale, ma dal momento che gli effetti collaterali del karela sono pochi e distanti tra loro, ci sono certamente pazienti disposti a provarne i benefici.

 

5. Inibisce la psoriasi

La psoriasi è una malattia che causa macchie scure e rosse sulla pelle. Ci sono molti tipi di psoriasi che possono affliggere il nostro corpo.

La ricerca mostra che questa malattia della pelle può essere correlata in qualche modo a un’anomalia nel sistema immunitario. I trattamenti moderni non sono sempre molto efficaci e possono avere molti effetti collaterali.

Uno studio ha dimostrato che il succo di karela è in grado di inibire l’enzima guanilato ciclasi, che è parzialmente responsabile dello sviluppo di questa patologia. Anche se il risultato finale deve essere ulteriormente studiato, il succo di karela può essere una soluzione naturale promettente per coloro che ne sono affetti.

 

6. È un rimedio ai problemi di stomaco

Il succo di karela è stato a lungo utilizzato nelle medicine tradizionali indiane e orientali come rimedio per i disturbi allo stomaco. L’intero frutto e il succo sono stati usati per curare mal di stomaco, flatulenza, indigestione e stitichezza.

L’effetto è presumibilmente legato al fatto che il karela migliora la digestione, aumenta la produzione di enzimi che aiutano il processo di digestione.

Il succo di karela svolge anche funzione emetica, il che significa che può causare vomito. Questo è utile in casi come l’ingestione di sostante velenose o irritanti.

 

7. Aumenta il metabolismo

Gli studi che hanno determinato la capacità del succo di karela di trattare il diabete hanno anche dimostrato che questa sostanza può essere coinvolta nella modulazione della funzione metabolica.

Non è ben noto se questa proprietà possa aiutare le persone a perdere peso, ma essendo a basso contenuto di calorie, grassi e carboidrati la zucca amara può essere considerata un agente naturale per il trattamento dell’obesità.

Uno studio del 2010 ha messo in evidenza come gli estratti di karela aiutavano nella dislocazione delle cellule adipose umane e ostacolavano anche la formazione e la crescita di nuove cellule adipose, anche se questo meccanismo non è ancora ben dimostrato.

 

8. Cura le sbronze e purifica il fegato

Chi ha bevuto troppo alcol dopo una folle notte di festa, può liberarsi abbastanza rapidamente della sbronza sorseggiando un po’ di succo di zucca amaro che cancella l’intossicazione alcolica depositata nel fegato.

Un componente del succo fornisce una protezione contro l’insufficienza epatica, rafforzando l’attività antiossidante degli enzimi nel fegato. Aumenta anche il funzionamento della vescica e contribuisce a pulire l’intestino.

 

9. Aiuta in caso di calcoli renali

Si ritiene che il succo di karela sia utile nella prevenzione e nel trattamento dei calcoli renali, sebbene ci siano ancora poche prove scientifiche disponibili a sostegno di queste affermazioni.

La teoria è basata sul fatto che – come accennato poco fa – aumenta il funzionamento della vescica.

 

10. Dona una pelle luminosa e capelli lucenti

Il succo di zucca amara ha potenti costituenti antiossidanti come la vitamina A e C, la biotina e lo zinco che prevengono l’invecchiamento precoce della pelle e diminuiscono le rughe. Inoltre, riduce l’acne e aiuta a trattare l’eczema oltre che, come già accennato, la psoriasi. Inoltre protegge la pelle dai dannosi raggi UV.

Questi elementi conferiscono anche lucentezza ai capelli. Applicando regolarmente il succo di zucca amara sul cuoio capelluto si può ridurre la perdita di capelli e il loro ingrigimento, si possono trattare le doppie punte e i capelli secchi, ci si può scrollare di dosso la forfora e combattere il prurito.

Per trattare la forfora, è possibile fare una maschera per capelli con succo di zucca amara, pasta di semi di cumino e un cucchiaio di succo di lime. Si lascia agire per 30 minuti e poi si sciacqua.

 

11. È un piacevole idratante per tutto il corpo

Per il suo alto contenuto d’acqua, la zucca amara fornisce un effetto idratante e rinfrescante a tutto il corpo. Nel caldo soffocante, bere succo di zucca amara aiuta a mantenere l’omeostasi.

Mantiene fresco lo stomaco e aiuta anche a ridurre il calore corporeo eccessivo. Anche l’acqua persa a causa di una profonda sudorazione viene reintegrata.

 

12. Contro l’asma e malattie respiratorie

I pazienti asmatici possono trarre grandi benefici dal succo di karela. È infatti efficace nella cura della tosse cronica.

Riduce inoltre i problemi respiratori rimuovendo l’espettorato che si accumula nei polmoni e nel tratto respiratorio.

13. Via lo stress!

Lo stress è un problema molto comune. Le proprietà anti-biliari e sedative del succo di zucca amara aiutano a promuovere una buona salute interna e quindi a ridurre lo stress.

 

14. Ottimo per gli occhi

La karela aiuta a prevenire problemi legati alla vista come la cataratta. Contiene infatti dei composti come il beta-carotene e la vitamina A che sono salutari per i tuoi occhi e rafforzano la vista.

È anche un buon rimedio casalingo per curare le occhiaie.

 

E per finire, un’avvertenza

Come per tutto, è necessaria la moderazione. Il consumo eccessivo di succo di zucca amara può causare dolore addominale e diarrea.

Le donne incinte dovrebbero anche evitare di prendere troppa zucca amara o il suo succo in quanto potrebbe stimolare l’utero e portare a parto pretermine. Per un consumo giornaliero sono suggeriti non più di 30 ml di estratto di succo.





“Le notizie e i dati contenuti in questo articolo hanno solo ed esclusivamente uno scopo informativo. Non sono destinati a fornire un consiglio medico e non sostituiscono il consiglio del vostro medico. Né l’editore di saluteopinioni.it né l’autore si assumono la responsabilità di ogni possibile conseguenza legata a qualsiasi tipo di trattamento o dieta effettuati sulla base delle informazioni contenute in questo articolo. Prima di intraprendere un trattamento, si consiglia di chiedere il parere del proprio medico o di altro professionista della salute”